Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Letteratura Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Letteratura Sun, 19 May 2019 16:32:06 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/1 Organic Curcumin Market Research 2019 – Industry Based On, Price Analysis, Supply Chain Analysis, Gross Margin and Porters Five Force Analysis by Forecast to 2023 Fri, 17 May 2019 08:28:54 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/554830.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/554830.html Tejas Amale Tejas Amale Organic Curcumin – Definition & Importance

Organic curcumin is a very important and beneficial organic compound. It is the main constituent of turmeric, however, it is also found in other plants. At its heart, curcumin is a bright yellow colored chemical that is produced by certain plants. It belongs to the ginger family and is scientific terms it is known as curcuminoid. In earlier times, people mistook it as turmeric but later it was discovered that is an integral component of it but differs from conventional turmeric. In the last few years, this compound has made quite a reputation for itself and has been recognized for its beneficial qualities. Due to this, the Global Organic Curcumin Market has gained momentum.

Organic curcumin is available in the market in various forms. It ranges from herbal supplements, cosmetic ingredient to food flavoring and coloring. Hence, it can be concluded that the general public has finally realized the potential of this compound and has given it the attention it deserves. Owing to this fact, it can be asserted that the in the coming years the global curcumin market will achieve new heights.

Get Free Sample Copy Now@ https://www.marketresearchfuture.com/sample_request/3988

Market Players & Key Strategies

Some of the most prominent players of this market can be listed as

  • Curcumex BV
  • Arjuna Natural Extracts
  • Synthite Industries Ltd.
  • Herboveda

Industry Trends

The global organic curcumin market is governed by certain industry trends that aid the industry to achieve success and development. Some of the main ones are listed as below:

  • Hike in the usage of turmeric products.
  • Higher demand for organic curcumin as a supplement.

Market Scenario

The current population has become overtly health conscious, people have started keeping tabs on what they use and they shy away from chemical products and have started giving preference to organic items. Thanks to the change of mind, the global curcumin market has gained momentum and several doors of opportunity have opened for it. Experts of the industry believe that given the favorable circumstances during the forecast period of 2017-2023, the conversion rate of the market will double up. Even the CAGR rates looks promising and will support growth.

The success and development of this market can be attributed to a number of growth propellers. Organic curcumin is completely natural, it does not contain any kinds of chemical or toxic elements and this is one of the most important growth drivers. Owing to its organic nature people prefer it over other products and hence the market gets benefitted.

Additional aspects that further positively affect the growth of the market are higher consumer awareness, upsurge in the demand for nutritional supplements, changing lifestyle patterns, rise in the necessity for natural and dietary food items, beverages and pharmaceuticals, technological advancements, better manufacturing facilities and increased awareness about health benefits of curcumin against diseases like cancer, tumor and arthritis.

Market Segmentation

The worldwide Organic Curcumin Market has been segregated into five main divisions. They can be listed as types, applications, geographies, forms and distribution channels.

On the basis of types, the market has been separated into licorice extract, red clover and reishi extract.

On account of applications, the industry is trifurcated into personal care, food and healthcare.

Region-wise the market has its reach across several areas of the world like North America, Europe, Asia Pacific and Rest of the World.

When it comes to forms the market has been segmented into powder, oil, capsules, creams and tablets.

Lastly based on distribution channels, the industry is bifurcated into non-store based and store based.

]]>
updated Shotgun Shell Market Report 2019 Provides by Decisiondatabases.com Thu, 16 May 2019 08:33:59 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/554177.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/554177.html smita smita Shotgun Shell Market Report is prepared to club all the essential market details such as market size, market share, value, growth, restraints, challenges, and opportunities during the study period of 2018-2025. The data presented in this report has been gathered on the basis of historical data, primary interviews and expert's estimation of future trends. The report also covers regional assessment which has been conducted globally. The detailed content of the market study ensures intellectual insights given better understanding of the untapped opportunities in the market.

Studies reveal that the global Shotgun Shell market was valued at million US$ in 2018 is assumed to touch million US$ by the end of 2025, growing at a CAGR of XX% during 2019-2025. Further, the report also unveils the information regarding sales, volume, and revenue along with the detailed analysis of segments, and competitive landscape.

Further adding, the report also emphasizes the other important elements such as product innovation, latest research, and development, market expert views, and strategies adopted by major players. In the last section of the report, some of the important market facets such as marketing strategy, industrial chain, factor analysis, cost analysis, distributors and sourcing strategy has been considered. Hence this report presents a mirror of the entire economic condition so that interested parties can know the necessary market information and take appropriate decisions.

Ask for free sample report of Shotgun Shell market @ https://www.decisiondatabases.com/contact/download-sample-42918

The following manufacturers are covered:

  •  Vista Outdoors
  •  Olin Corporation
  •  Ruag Group
  •  FN Herstal
  •  Nammo
  •  Nexter
  •  BAE Systems
  •  Poongsan Defense
  •  IMI
  •  Remington 
  •  Hornady
  •  Rio Ammunition
  •  General Dynamics
  •  CBC Ammo Group

Segment by Regions

  •  North America
  •  Europe
  •  China
  •  Japan

Segment by Type

  •  Birdshot
  •  Slug
  •  Buckshot
  •  Other

Segment by Application

  •  Entertainment
  •  Competition

Access Report with Full Table of Contents @ https://www.decisiondatabases.com/ip/42918-shotgun-shell-industry-market-report

Table of Contents-Snapshot
- Executive Summary
Chapter 1 Industry Overview
Chapter 2 Industry Competition by Manufacturers
Chapter 3 Industry Production Market Share by Regions
Chapter 4 Industry Consumption by Regions
Chapter 5 Industry Production, Revenue, Price Trend by Type
Chapter 6 Industry Analysis by Applications
Chapter 7 Company Profiles and Key Figures in Industry Business
Chapter 8 Industry Manufacturing Cost Analysis
Chapter 9 Marketing Channel, Distributors and Customers
Chapter 10 Market Dynamics
Chapter 11 Industry Forecast
Chapter 12 Research Findings and Conclusion
Chapter 13 Methodology and Data Source

Buy Full Research Report @ https://www.decisiondatabases.com/contact/buy-now-42918

About Us:
DecisionDatabases.com is a Global business research reports provider, enriching decision makers and strategists with qualitative statistics. DecisionDatabases.com is proficient in providing syndicated research Report, customized research reports, company profiles and industry databases across multiple domains.

Our expert research analysts have been trained to map client’s research requirements to the correct research resource leading to a distinctive edge over its competitors. We provide intellectual, precise and meaningful data at a lightning speed.

For More Details:
DecisionDatabases.com
E-Mail: sales@decisiondatabases.com
Phone: +91-90-28-057900
Web: https://www.decisiondatabases.com/

]]>
Alcoholic Beverages Market Overview, Cost Structure Analysis, Growth Opportunities and Forecast to 2023 Mon, 13 May 2019 08:55:12 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/552545.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/552545.html Tejas Amale Tejas Amale Global Alcoholic Beverages Market - Overview

Emergence of promising new markets for alcoholic beverages Market Research Future, a market that will be demonstrating a CAGR% while achieving steady growth in the forecast period.

Increasing legal purchasing age (LPA) of consumers from emerging economies is propelling the demand for alcoholic beverages. Approximately 2.3 billion people fall under LPA from emerging economies, wherein Asia-Pacific region contain 60% of the world’s youth population. In addition, easy accessibility of the product in grocery and major retail stores has also supported the growth of the market. Dedicated space for liquors in grocery stores and other major retailers is a common practice in developed nation such as US, however the trend is picking up in emerging economies.  Furthermore, the rise of home-tainment (stay-at-home) trend in both developed and emerging economies has accelerated the demand for easy availability of liquors in retail stores.

Get Free Sample Copy Now@ https://www.marketresearchfuture.com/sample_request/3190

Additionally, the growing popularity of digital and social media marketing in recent years also helped in spiking the demand for the product. More than 70% of the companies are set to increase their digital marketing budgets in coming years. In addition, the age targeted marketing offered by major social media platforms made it comparatively less risky for the companies to advertise its products. It has also helped in bridging the gap between the manufacturers and consumers, consequently triggering the demand for customization and personalization of products. However, higher taxes levied by government on alcoholic beverages could hinder the growth of the market.

Key Players

The key players profiled in Alcoholic Beverages are as-

  • Anheuser Busch InBev (Belgium)
  • Carlsberg Group (Denmark)
  • Accolade Wines (Australia)
  • Beam-Suntory (US)
  • Constellation Brands (US)
  • Diageo PLC (UK)
  • Heineken Holding NV (The Netherlands)

Global Alcoholic Beverages Market - Segments

The global Alcoholic Beverages market has been divided into type, packaging material, distribution channel, and region.

On The Basis Of Type: Distilled Drinks (Gin, Rum, Vodka, Brandy, and Others)

On The Basis Of Packaging Material: Glass, Plastic, Paper / Carton, Metal Cans, and Others

On The Basis Of Distribution Channel: Retail Food (Store Based, Non-Store Based), and Food Service

On The Basis Of Region: North America, Europe, Asia Pacific, and ROW.

Global Alcoholic Beverages Market - Regional Analysis

The Global Alcoholic Beverages Market is segmented into North America, Europe, Asia Pacific, and Rest of the World (ROW). Among these, Europe is expected to retain its dominance throughout the forecast period. This is attributed by the increasing for capita disposable income coupled with the favorable demographic conditions. Within Europe, Germany is estimated for the largest market share during the forecast period. Asia Pacific is projected to grow at higher rates compared to the other regions. Especially China and India are lucrative market opportunities in the Asia Pacific region for the alcoholic beverage manufacturers.

]]>
Sandalwood Oil Market Volume In-Depth Qualitative Insights, Forecast And Global Industry Analysis -2023 Fri, 10 May 2019 08:53:28 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/551716.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/551716.html Tejas Amale Tejas Amale Market Overview

Sandalwood oil is derived from steam distillation of chips and billets of various species of sandalwood. It has gained popularity majorly to its woody-floral scent. Apart from the smell, sandalwood oil has many characteristics which has made it useful and beneficial for health and wellness. It has various attributes such as antiseptic, anti-inflammatory and astringent which has increased its applicability in pharmaceuticals.

Increasing concern of skin health among the rising population is driving the market growth of sandalwood oil. Moreover, the historic presence of sandalwood oil in various customs where it is being used from cradle to cremation is adding fuel to the market growth of sandalwood oil. However, the availability of natural sandalwood oil has become rare and expensive which may restraint the growth of sandalwood oil market. Nevertheless, all these factors are projected to contribute to the estimated CAGR of 7.2% of Sandalwood Oil Market during the forecast period 2017-2023. 

A Free Sample Copy of This Report Is Available upon Request @ https://www.marketresearchfuture.com/sample_request/4626

Sandalwood oil is an essential oil sourced from a small tropical tree known as Indian Sandalwood or Santalum album. Its color ranges from pale yellow to golden yellow is popular for its woody floral smell. Sandalwood oil creates a calming and harmonizing effect in the minds. Moreover, it holds various attributes such as antiseptic, anti-inflammatory and astringent which is driving the market in pharmaceutical industry as well. Additionally, sandalwood oil has become an integral part of cosmetic products. Owing to its various skin beneficial attributes.

Competitive Analysis

The Major Players in the Sandalwood Oil Market -

  • Doterra International Llc. (US)
  • Eden Botanicals (US)
  • Plant Therapy Essential Oils (US)
  • Santanol Group (Australia)
  • Sallamander Concepts Pty Ltd (South Africa)
  • Healing Solutions (US)
  • Khadi Herbal (India)

Market Segmentation

Sandalwood Oil Market is segmented on the basis of Type, Application, Distribution Channel and Region.

On the basis of Type , Sandalwood Market is segmented such as natural and synthetic.

Based on Application , sandalwood oil is segmented on the basis of personal care products, pharmaceuticals, aromatherapy and others.

Based on the Distribution Channel, sandalwood oil is segmented as a store based and non-store based.

Regional Analysis

The Global Sandalwood Oil Market is segmented into North America, Europe, Asia Pacific and rest of the world (RoW). Asia Pacific is dominating the market followed by North America. China and India are dominating the sandalwood oil market in Asia Pacific based on the historic presence of sandalwood oil in the customs and traditions of this region.

European market is attracting sandalwood oil majorly for aromatherapy. Moreover, the Middle East and Africa hold an opportunistic market for sandalwood oil. Additionally, the US, China, Japan, Germany and Singapore are the major importers in this market.

]]>
Il romanzo di Fabio Mazzeo “si legge, si ascolta, si vive” Thu, 09 May 2019 17:23:39 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/551583.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/551583.html articolinews articolinews Fabio Mazzeo, giornalista professionista, è al suo esordio letterario come autore del romanzo "La solitudine degli amanti". I protagonisti, che indagano su alcuni femminicidi irrisolti, sono anime inquiete che rispecchiano una società fatta di apparenze. La musica di Ivano Fossati e Roma sono gli elementi che forniscono la perfetta cornice per la narrazione.

Fabio Mazzeo

"La solitudine degli amanti": le peculiarità del primo romanzo di Fabio Mazzeo

Secondo l'ultima recensione, il romanzo di Fabio Mazzeo "lo si legge, lo si ascolta, lo si vive". "La solitudine degli amanti" è un libro trascinante, che coinvolge il lettore in diversi modi. Alle vicende dei protagonisti, che indagano su alcuni efferati femminicidi, si intrecciano altri elementi cardine della narrazione: primo fra tutti, la grande musica italiana di Ivano Fossati. Alcune frasi della canzone "L'amante" vengono ritrovate tra gli effetti personali delle vittime, scritti in verde su alcuni foglietti. L'ispettore Andrea Giannini sopprime il dolore per la morte di Nina, l'unica donna che abbia mai amato, attraverso il lavoro. La grande musica italiana d'autore diventa coprotagonista e lo affianca, riflettendo le inquietudini di una società che si basa unicamente sulle apparenze e nasconde la verità. Fabio Mazzeo trasferisce al lettore dei profili psicologici complessi, sfaccettati, sullo sfondo di una Roma dove bene e male si confondono. Il romanzo è permeato da un senso di malinconia che porta a riflettere su uno dei sentimenti più diffusi nel nostro tempo: la solitudine.

Fabio Mazzeo, giornalista e autore

Giornalista professionista dal 1996, Fabio Mazzeo inizia a lavorare a 19 anni presso la redazione di Telespazio. Scrive per il "Corriere dello Sport" e trasmette in Radio, approfondendo l'esperienza professionale nel suo settore. Nel 1992 si trasferisce a Catania e viene assunto da Telecolor Video 3, dove si occupa di redigere servizi per il telegiornale, oltre a ideare e condurre trasmissioni giornalistiche dedicate alla cronaca e allo sport. Contribuisce a realizzare il primo TG interamente sul web e dalla Sicilia lavora ad alcuni reportage per la trasmissione "Mixer", condotta da Giovanni Minoli per la Rai. Fabio Mazzeo è Direttore della TV privata Tremedia VIP TV per circa 10 anni. Fino al 2008 si occupa principalmente del palinsesto, oltre a collaborare con diverse testate nazionali e regionali. È inoltre inviato per il "Giornale di Sicilia". Per la sua brillante carriera riceve diversi riconoscimenti, tra cui il Premio della Presidenza della Repubblica. Dal 2008 abita a Roma: è stato Capo ufficio stampa ai gruppi parlamentari della Camera dei deputati e poi per il Ministero della Salute. Da dicembre 2016 è coordinatore presso l'ufficio stampa e comunicazione di AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).

]]>
Edizioni Leucotea annuncia l’uscita del libro di Imma Di Nardo “Betty Tonon – Guerra dei sessi in Val Padana” Tue, 07 May 2019 10:36:36 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/550207.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/550207.html Edizioni Leucotea Edizioni Leucotea Un romanzo dove si ride fino all’ultima pagina.

 

Betty lavora in un Agenzia di Ricerca & Selezione di Milano, ma più che selezionare lavoratori risolve rogne. Una trentenne di temperamento sentimental/pasticcione e aspetto oscillante da burrosa biondina a stolida chiattona. Alle prese con temuti Semestri Bianchi e improbabili Maschi Alfa. L’arrivo del ´feromonico´ Lamberto sconvolge il trantran dell’ufficio. L’uomo miete cinicamente più vittime possibili. Betty e gli amici di sempre intraprendono la Crociata AntiLamb; obiettivo: il pubblico sputtanamento dei maschi tracotanti e bastardi come lui. A Milano, intanto, rinasce il gruppo femminista delle Nemesiache. Ad esso si oppone quello dei Maschi Protervi Maschi (MPM). Un nucleo di uomini ed ex uomini di potere, arroganti e sborroni. Sarà l’inizio di una furibonda lotta tra i sessi in Valpadana, piena di colpi di scena e con un inaspettato finale a tinte rosa.

 

 

Imma Di Nardo Lavora nel mondo delle Risorse Umane come formatrice e orientatrice. Ha scritto di economia e lavoro per varie testate web. Ha pubblicato un manuale su lavoro e strategia di ricerca attiva Persone in cerca di occupazione (2008) e l’edizione successiva, ampliata e aggiornata, Cercare lavoro è già un lavoro (2017). Vincitrice di numerosi premi letterari, tra i quali nel 2016 il “Premio La Quara”. Nel 2010 il suo primo romanzo Stregato dalle steppe è nella rosa dei cinque finalisti del Premio John Fante, sez. Arturo Bandini opera prima.

Betty Tonon è il suo secondo romanzo.

]]>
Edizioni Leucotea annuncia l’uscita del libro di Imma Di Nardo “Betty Tonon – Guerra dei sessi in Val Padana” Tue, 07 May 2019 10:36:14 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/550205.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/550205.html Edizioni Leucotea Edizioni Leucotea Un romanzo dove si ride fino all’ultima pagina.

 

Betty lavora in un Agenzia di Ricerca & Selezione di Milano, ma più che selezionare lavoratori risolve rogne. Una trentenne di temperamento sentimental/pasticcione e aspetto oscillante da burrosa biondina a stolida chiattona. Alle prese con temuti Semestri Bianchi e improbabili Maschi Alfa. L’arrivo del ´feromonico´ Lamberto sconvolge il trantran dell’ufficio. L’uomo miete cinicamente più vittime possibili. Betty e gli amici di sempre intraprendono la Crociata AntiLamb; obiettivo: il pubblico sputtanamento dei maschi tracotanti e bastardi come lui. A Milano, intanto, rinasce il gruppo femminista delle Nemesiache. Ad esso si oppone quello dei Maschi Protervi Maschi (MPM). Un nucleo di uomini ed ex uomini di potere, arroganti e sborroni. Sarà l’inizio di una furibonda lotta tra i sessi in Valpadana, piena di colpi di scena e con un inaspettato finale a tinte rosa.

 

 

Imma Di Nardo Lavora nel mondo delle Risorse Umane come formatrice e orientatrice. Ha scritto di economia e lavoro per varie testate web. Ha pubblicato un manuale su lavoro e strategia di ricerca attiva Persone in cerca di occupazione (2008) e l’edizione successiva, ampliata e aggiornata, Cercare lavoro è già un lavoro (2017). Vincitrice di numerosi premi letterari, tra i quali nel 2016 il “Premio La Quara”. Nel 2010 il suo primo romanzo Stregato dalle steppe è nella rosa dei cinque finalisti del Premio John Fante, sez. Arturo Bandini opera prima.

Betty Tonon è il suo secondo romanzo.

]]>
Vuoi essere protagonista di un romanzo? Con Gloria GO puoi! Mon, 06 May 2019 10:26:35 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/549602.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/549602.html Claudio Citzia Claudio Citzia Si hai letto bene! Puoi essere protagonista di un romanzo!

Nato da pochi mesi ma già in grado di spopolare sul web, Gloria GO il romanzo erotico al femminile, lancia una nuova originale iniziativa di marketing destinata, anche questa volta, a modificare radicalmente il settore.

Grazie a Gloria GO, il lettore potrà essere protagonista di uno dei capitoli del romanzo già scaricato gratuitamente  da oltre 10 mila persone ( www.gloriago.com/it ).

Proprio la distribuzione gratuita in 5 lingue e la cadenza prestabilita tipica della serie televisiva sono alcune delle caratteristiche uniche del progetto che vede protagonista Gloria GO, una manager affermata nel mondo del lavoro, ma al contempo una donna sicura di sé ed alla continua ricerca di nuove fiammanti passioni.

La vera novità  è che per la prima volta il lettore potrà essere protagonista di una delle storie del romanzo, grazie ad un contest gratuito appena lanciato sulla pagina facebook ufficiale di Gloria https://www.facebook.com/GloriaGOofficial/.

I 3 vincitori del contest (o persone da loro indicate)  non solo verranno citati in una delle prossime storie, ma avranno a disposizione una pagina del romanzo ed una pagina sul sito dove fare una dedica ad una persona cara e a loro discrezione potranno essere ritratti nell’illustrazione relativa alla storia.

“Anche questa iniziativa nasce per coinvolgere il pubblico in un progetto editoriale che vuole essere rivoluzionario, rendendo protagonista il lettore più che lo scrittore ” dichiara Lucas Lamar autore della saga erotica, pseudonimo che nasconde l’identità dell’autore italiano residente a Miami e spesso avvistato in compagnia di celebri personaggi dello spettacolo e della musica oltreoceano.

Per partecipare al contest basta accedere alla pagina Facebook ufficiale di Gloria Go https://www.facebook.com/GloriaGOofficial/ ed inserire una frase estratta da una delle storie di Gloria GO.

“Il contest si chiuderà il 30 Giugno, quindi il consiglio che diamo è di accelerare la pubblicazione” conclude Lamar.

]]>
Vuoi essere protagonista di un romanzo? Con Gloria GO puoi! Mon, 06 May 2019 10:25:58 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/549601.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/549601.html Claudio Citzia Claudio Citzia Si hai letto bene! Puoi essere protagonista di un romanzo!

Nato da pochi mesi ma già in grado di spopolare sul web, Gloria GO il romanzo erotico al femminile, lancia una nuova originale iniziativa di marketing destinata, anche questa volta, a modificare radicalmente il settore.

Grazie a Gloria GO, il lettore potrà essere protagonista di uno dei capitoli del romanzo già scaricato gratuitamente  da oltre 10 mila persone ( www.gloriago.com/it ).

Proprio la distribuzione gratuita in 5 lingue e la cadenza prestabilita tipica della serie televisiva sono alcune delle caratteristiche uniche del progetto che vede protagonista Gloria GO, una manager affermata nel mondo del lavoro, ma al contempo una donna sicura di sé ed alla continua ricerca di nuove fiammanti passioni.

La vera novità  è che per la prima volta il lettore potrà essere protagonista di una delle storie del romanzo, grazie ad un contest gratuito appena lanciato sulla pagina facebook ufficiale di Gloria https://www.facebook.com/GloriaGOofficial/.

I 3 vincitori del contest (o persone da loro indicate)  non solo verranno citati in una delle prossime storie, ma avranno a disposizione una pagina del romanzo ed una pagina sul sito dove fare una dedica ad una persona cara e a loro discrezione potranno essere ritratti nell’illustrazione relativa alla storia.

“Anche questa iniziativa nasce per coinvolgere il pubblico in un progetto editoriale che vuole essere rivoluzionario, rendendo protagonista il lettore più che lo scrittore ” dichiara Lucas Lamar autore della saga erotica, pseudonimo che nasconde l’identità dell’autore italiano residente a Miami e spesso avvistato in compagnia di celebri personaggi dello spettacolo e della musica oltreoceano.

Per partecipare al contest basta accedere alla pagina Facebook ufficiale di Gloria Go https://www.facebook.com/GloriaGOofficial/ ed inserire una frase estratta da una delle storie di Gloria GO.

“Il contest si chiuderà il 30 Giugno, quindi il consiglio che diamo è di accelerare la pubblicazione” conclude Lamar.

]]>
Vuoi essere protagonista di un romanzo? Con Gloria GO puoi! Mon, 06 May 2019 10:25:36 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/549600.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/549600.html Claudio Citzia Claudio Citzia Si hai letto bene! Puoi essere protagonista di un romanzo!

Nato da pochi mesi ma già in grado di spopolare sul web, Gloria GO il romanzo erotico al femminile, lancia una nuova originale iniziativa di marketing destinata, anche questa volta, a modificare radicalmente il settore.

Grazie a Gloria GO, il lettore potrà essere protagonista di uno dei capitoli del romanzo già scaricato gratuitamente  da oltre 10 mila persone ( www.gloriago.com/it ).

Proprio la distribuzione gratuita in 5 lingue e la cadenza prestabilita tipica della serie televisiva sono alcune delle caratteristiche uniche del progetto che vede protagonista Gloria GO, una manager affermata nel mondo del lavoro, ma al contempo una donna sicura di sé ed alla continua ricerca di nuove fiammanti passioni.

La vera novità  è che per la prima volta il lettore potrà essere protagonista di una delle storie del romanzo, grazie ad un contest gratuito appena lanciato sulla pagina facebook ufficiale di Gloria https://www.facebook.com/GloriaGOofficial/.

I 3 vincitori del contest (o persone da loro indicate)  non solo verranno citati in una delle prossime storie, ma avranno a disposizione una pagina del romanzo ed una pagina sul sito dove fare una dedica ad una persona cara e a loro discrezione potranno essere ritratti nell’illustrazione relativa alla storia.

“Anche questa iniziativa nasce per coinvolgere il pubblico in un progetto editoriale che vuole essere rivoluzionario, rendendo protagonista il lettore più che lo scrittore ” dichiara Lucas Lamar autore della saga erotica, pseudonimo che nasconde l’identità dell’autore italiano residente a Miami e spesso avvistato in compagnia di celebri personaggi dello spettacolo e della musica oltreoceano.

Per partecipare al contest basta accedere alla pagina Facebook ufficiale di Gloria Go https://www.facebook.com/GloriaGOofficial/ ed inserire una frase estratta da una delle storie di Gloria GO.

“Il contest si chiuderà il 30 Giugno, quindi il consiglio che diamo è di accelerare la pubblicazione” conclude Lamar.

]]>
This is actually a real mmotank Sun, 05 May 2019 08:50:47 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/549341.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/549341.html GboysLove GboysLove But viewing this review, I believe I am gonna hold off some time before considering purchase. Sounds very dull and grindy. Hope that they take this review to heart and will expect them to fix the development and bugs before their discharge. I had fun using the sooner Torchlight and Dungeon Siege anyhow so I'm not that forced for one more ARPG - but damn, what I would do for another Dungeon Siege using Jeremy Soule's music.Wow goose, really. A week, Torchlight Frontiers Gold movie, maybe two? Paying attention for my telling bar hard today xD I am always enjoying your comment and comedy, man; actually loved your buddy Matt too. Cheers.


This is actually a real alpha and not the"alphas" you generally encounter as a marketing ploy meaning Torchlight Frontiers is not feature or content complete in any way. They aren't only looking for bug reports - they're actively developing Torchlight Frontiers and altering things based on player feedback. Their attention right now is to make Torchlight Frontiers as steady as possible and not have game-breaking bugs which will prevent players from progressing into Torchlight Frontiers(such as the invisible wall you encountered) and they are releasing hotfixes for all those issues quite regularly but they're also working on new personalization options and additional systems for Torchlight Frontiers.


Also according to your playtime I would expect you to be somewhat further in Torchlight Frontiers than where you actually have been at the footage so that I really think you stuck far too long in low-lying regions which could explain the low source gain.My primary concern is that pretty much every element of Torchlight Frontiers has sensed fundamental so much, and I imagine it would have a long time to put in enough to make it feel differently, which worries me because, you're right, a lot of alpha matches are fairly representative of the final product today. But that having been said, the point you've made that this isn't like most alphas is accurate, so I am hopeful.As for my playtime versus my flat, I played 6.5 hours on dusk mage and tried out the other class for 1.5 hours, to see which was fun.


Well, according to the guys on discord that there are a lot of items being developed which aren't in Torchlight Frontiers - 2 more classes, skill-trees for your pets, more damage types and more unique affixes for those products. They really have a policy not to announce things before they are sure they are making it into Torchlight Frontiers and so are glossy enough to showcase.Based on earlier feedback Torchlight Frontiers was changed somewhat since the first public alpha months ago Cheap Torchlight Frontiers Gold I'm somewhat hopeful.

]]>
Golden Goose various collections Fri, 03 May 2019 15:37:18 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/549033.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/549033.html xxoo vert xxoo vert If include recently brought a new puppy into your home, there are plenty of rules that it requires to learn, but purchasing among those might be "no chewing!" Puppies chew, but it's very wrong to think about that there's nothing that many do about it with good training, puppies can be trained not to munch on things, and if you'd like to make certain your puppy grows up into a well-mannered, well-behaved dog, there are a lot of things for you to do.

 

Boot sizes are less than the same as sneaker sizes or formal shoe proportions. If you are new to Tony Lama western boots or have never owned some western boots at all, you're gonna need to resize an individual to give you something that you will be able put on comfortable. Even though you plan to get your boots online, go for the store and attempt on several pairs of boots just to get your boot size. It may be surprising to master just how tight those pointed toes are. Health-care professional . just choose get few square-toed Tony Lama western boots instead. Those give more room in the toe box and look just as great as the traditional style.

 

The vital aspect for the Art shoes is to wear these with different regarding outfits. The designs and patterns numerous colours function in a great way with all you could wear. These sneakers possess a definite kind of hand finish, which makes them different over shoes manufactured by most other brands in the. There are Golden Goose various collections of these shoes which are highly admired by most individuals. https://www.newgoldengoosesneakers.com/ The brand sells tens of thousands of shoes people's eyesight. The shoes look contemporary and are extremely prolonged. Smart looking shoes will surely direct you towards impressing people wherever you.

 

 

Unless instructed otherwise, use the cane regarding opposite side of your injury or weakness. Place all of pounds on your unaffected leg, and then move the cane likewise affected leg a comfortable distance pass. With your weight supported on your cane and suddenly your affected leg, step through with your unaffected thigh.

]]>
Intervista di Alessia Mocci a Giancorrado Barozzi: vi presentiamo Utopia Selvaggia Thu, 02 May 2019 16:06:53 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/548457.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/548457.html Alessia Mocci Alessia Mocci La riproposta di Utopia selvaggia non corrisponde dunque a una sorta di nostalgico revival della letteratura terzomondista, genere narrativo che fu in voga alla metà del secolo scorso, quanto piuttosto al bisogno, sempre più urgente, di riprogettare un nuovo modello di futuro che non rifiuti l’apporto fecondo delle culture indigene.” ‒ Giancorrado Barozzi

 

 

Storico di formazione, Giancorrado Barozzi dal 1986 al 2000 ha diretto l'attività scientifica dell'Istituto Mantovano di Storia Contemporanea. Per conto della Regione Lombardia e di altri Enti ha realizzato ricerche nei campi della storia sociale, delle tradizioni del lavoro e della narrativa orale.

È direttore della collana "Il Pasto Nudo, assaggi di antropologia" per la Negretto Editore con la quale ha pubblicato "Cartiera Burgo. Storie di operai, tecnici e imprenditori nella Mantova del Novecento" e nel 2013 “Altruismo e cooperazione in Pëtr A. Kropotkin”, saggio che presenta il Mutual Aid del filosofo e scienziato russo Kropotkin ed il Digest della scrittrice americana Miriam Allen deFord.

Giancorrado Barozzi è stato molto disponibile nel rispondere ad alcune domande per presentare la nuova pubblicazione “Utopia selvaggia ‒ Saudade dell’innocenza perduta. Una fiaba” romanzo del famoso sociologo, antropologo, scrittore, educatore ed uomo politico brasiliano Darcy Ribeiro (Montes Claros – Minas Gerais 26-10-1922/ Brasilia 17-2-1997), in libreria dal 1 maggio 2019 nella collana editoriale “Il Pasto Nudo” con la nuova traduzione ad opera di Katia Zornetta.

 

A.M.: Giancorrado, ci siamo incontrati una prima volta per cercar di esporre ai lettori le tematiche della pubblicazione “Altruismo e cooperazione in Pëtr A. Kropotkin” riuscendo a raccontare la storia del grande filosofo e scienziato russo, quasi totalmente sconosciuto in Italia, e che a causa “delle sue prese di posizione politiche libertarie fu tacciato, sia da destra che da sinistra, di essere un utopista”. Che cosa comporta per un intellettuale/filosofo l’“essere utopista”?

Giancorrado Barozzi: Esercitare il pensiero utopico comporta degli enormi vantaggi, qualora ci si limiti a restare solo nel campo delle idee, essi si accompagnano però, va anche detto, a degli inevitabili svantaggi se si provi a calare queste idee sul piano pratico. Uno dei principali vantaggi del pensiero utopico consiste nell’assoluta libertà di creare ipotesi di «mondi possibili», infinitamente migliori di questo, senza dover sottostare ai condizionamenti imposti dalla «realtà sociale» del proprio tempo. Tra gli svantaggi va invece messa in conto la scettica accoglienza della maggioranza dell’uditorio nei confronti delle idee professate dall’«utopista». Atteggiamento che, nel caso di non immediata desistenza da parte del portatore di pensiero utopico, viene ad assumere tratti persecutori. Nel passato ne fecero le spese quegli utopisti che, non rassegnandosi a serbare solo per sé le proprie idee, cercarono d’istituire un dialogo con la società circostante. Penso a Socrate, a Gesù Cristo e a Thomas More, il quale nel 1516 ebbe, tra l’altro, l’indubbio merito d’avere coniato il termine «utopia», anche se egli, prima di essere suppliziato, riuscì a sua volta a mandare sul rogo alcuni «eretici» che giudicò essere più «utopisti» di lui.

Viste le tragiche sorti toccate ai primi filosofi e profeti dell’utopia, i successivi sviluppi di questa forma di pensiero trovarono riparo in un porto più sicuro: quello della creazione letteraria. Penso, ad esempio, alle «utopie» ecologiche e femministe di un’autrice contemporanea dalla fervida fantasia, come Ursula Le Guin, figlia dell’antropologo Alfred Kroeber, morta di recente (ma il cui decesso è almeno potuto avvenire in tarda età e nel proprio letto), o anche al libro Utopia selvaggia di Darcy Ribeiro, romanzo-saggio scritto da un altro inguaribile «sognatore» il quale tuttavia fu costretto a subire, a causa delle proprie idee, un lungo periodo di esilio lontano dal suo paese, il Brasile.

 

A.M.: Dalla Russia al Brasile il passo è breve soprattutto se ci si muove nel terreno dell’οὐ-τόπος. E qui entriamo nel vivo della nostra intervista: perché è stato doveroso pubblicare una nuova traduzione del romanzo “Utopia selvaggia” dello scrittore ed antropologo Darcy Ribeiro?

Giancorrado Barozzi: Di questi tempi, segnati dalla globalizzazione e dall’universale dominio delle nuove tecnologie, ritengo utile, e addirittura necessario, tornare a parlare d’«utopia», nel senso che a questo termine attribuirono quanti, in passato, osarono sfidare a viso aperto il «senso comune» della loro epoca nel tentativo d’aprire la strada ad altri metodi, più solidali e compassionevoli, di convivenza sociale e di simbiosi tra l’uomo e l’ambiente naturale. Nel suo terzo romanzo, Ribeiro ha osato indagare appunto l’eventualità di questa specie d’«utopia», guardando alle culture amazzoniche in via d’estinzione, nell’intento di recuperare da loro tecniche materiali e valori spirituali da riproporre come viatico del grave malessere che affligge il mondo urbano e civilizzato. Utopia selvaggia, fu composto da Ribeiro agli inizi degli anni ’80 del Novecento, ma la quarantina d’anni trascorsi da allora non ha vanificato le ragioni di fondo del suo appello. Anziché avviarsi sulla via d’un operoso cambiamento di rotta, l’umanità dei paesi post-industriali sembra essersi infatti inoltrata ancor più lungo una china, già perfettamente intuita da Ribeiro, che conduce al collasso ecologico del pianeta e alla standardizzazione delle sue forme di vita e di cultura. La riproposta di Utopia selvaggia non corrisponde dunque a una sorta di nostalgico revival della letteratura terzomondista, genere narrativo che fu in voga alla metà del secolo scorso, quanto piuttosto al bisogno, sempre più urgente, di riprogettare un nuovo modello di futuro che non rifiuti l’apporto fecondo delle culture indigene. Per millenni quelle culture furono il valido presidio d’un equilibro ecologico tra l’uomo e l’ambiente, specie nelle aree di maggiore importanza vitale per la sopravvivenza della Madre Terra (come il bacino amazzonico e la foresta pluviale). Equilibrio che oggi viene invece compromesso da una dissennata politica portata avanti da quei governanti «populisti», alla Bolsonaro (per intenderci, qualora si pensi al Brasile), che stanno programmando l’esaurimento del polmone verde del nostro pianeta, senza curarsi in alcun modo di garantire alle future generazioni la salubrità dell’aria, nonché di proteggere la varietà di specie biologiche e di culture umane a tutt’oggi ancora presenti nel mondo «selvatico».

Sono queste le motivazioni di fondo, e le urgenze, che hanno spinto l’editore Negretto (da sempre sensibile a tali «ragioni») a riproporre ai nuovi lettori l’«utopico» appello già lanciato, tempo fa, dall’antropologo brasiliano con questo suo romanzo ambientato ai Tropici. I linguisti ci hanno inoltre insegnato che, al passaggio d’ogni generazione, le lingue vanno incontro a mutazioni profonde, perciò si è voluta dotare la nuova edizione del libro anche d’una nuova traduzione. Su mio consiglio, l’Editore l’ha affidata a una giovane traduttrice, Katia Zornetta, la quale, nei propri studi universitari compiuti a Venezia e in Brasile, ebbe modo di conoscere di persona la precedente traduttrice in lingua italiana di tutti i romanzi di Ribeiro, Daniela Ferioli, una persona umanamente e professionalmente straordinaria purtroppo venuta a mancare nel 2004.

La traduzione realizzata da Katia, pur dimostrandosi rispettosa delle soluzioni linguistiche già adottate da Ferioli e da lei messe a punto grazie al suo diretto confronto con l’autore del romanzo, del quale fu amica oltre che traduttrice, appare però ancor più innovativa sul piano linguistico. Katia ha infatti realizzato un inedito mix lessicale che mantiene inalterato, nel corpo stesso della traduzione, un gran numero di termini provenienti delle lingue e culture amazzoniche: nomi di piante e di animali tipici della foresta pluviale derivati dalle tassonomie etnobotaniche ed etnozoologiche delle popolazioni indigene, nomi di oggetti d’uso profano o rituale propri delle varie tribù stanziate lungo le rive del Rio delle Amazzoni visitate da Ribeiro negli anni del suo giovanile apprendistato «sul campo» come antropologo. La ricchezza culturale di questo «lessico selvaggio» riaffiora ora pressoché intatta in questa nuova traduzione del romanzo, rendendo piena giustizia al paziente recupero di centinaia di termini «etnici» operato da Darcy Ribeiro al fine di spargere nuove spezie tropicali sull’idioma brasil-portoghese. L’adozione anche in traduzione italiana d’un simile «meticciato» linguistico corrisponde a una nuova sensibilità linguistica, orientata a favore di un consapevole recupero delle lingue minoritarie prossime all’estinzione; sensibilità che, una trentina d’anni fa, al tempo cioè delle traduzioni dei romanzi di Ribeiro realizzate da Daniela Ferioli, non aveva ancora trovato qui in Italia un terreno fecondo.

 

A.M.: Nella prefazione descrivi il protagonista del romanzo “Un po’ Amleto e un po’ Socrate, Pitum/Orelhão, grazie a questa sua predisposizione al saper porre (e porsi) domande, si dimostra in fin dei conti assai meno sprovveduto di quanti intorno a lui vivono in modo animalesco, seguendo ciecamente antiche tradizioni (le icamiabas/amazzoni), o di chi appare dominato da una qualsiasi ideologia, sia essa del progresso (le suore missionarie) o dell’atavismo (lo sciamano Cunhãmbebe).” “Utopia selvaggia” è un romanzo antropologico?

Gancorrado Barozzi: Più che un «romanzo antropologico», sarei tentato (e non si tratta di un gioco di parole) di definire Utopia selvaggia un’«antropologia romanzesca». È stato proprio per questo motivo che ho voluto includere il libro di Ribeiro nella collana «Il Pasto Nudo» delle edizioni Negretto. Questa collana, che dirigo da una decina d’anni, si propone d’avvicinare infatti lettori nuovi e non specialisti alla conoscenza antropologica e alle scienze umane, facendo appello, come sta scritto nella quarta di copertina di ogni volume della collana, a «testi che parlino dell’uomo, dei suoi problemi, del suo ambiente e delle sue culture...». Tutto ciò mi pare sia stato compendiato alla perfezione in questo bizzarro frutto (autentica primizia) d’«antropologia romanzesca». Ribeiro ebbe all’Università di San Paolo del Brasile un’ottima formazione socio-antropologica; egli compì poi una serie di ricerche etno-antropologiche sul campo presso varie tribù del bacino amazzonico; nel corso della sua lunga e poliedrica carriera ebbe inoltre modo di pubblicare numerosi testi accademici d’argomento antropologico, ispirati alla corrente neo-evoluzionista dell’antropologia: un indirizzo disciplinare nato negli Stati Uniti a partire dagli anni Quaranta del Novecento, che traeva ispirazione dalle scoperte scientifiche compiute nel XIX secolo da Charles Darwin e dagli studi antropologici realizzati sempre nell’Ottocento da Leslie Henry Morgan. In Utopia selvaggia Ribeiro osa però oltrepassare i tradizionali confini della sua disciplina. Il suo è un anomalo romanzo, dotato di tutti i requisiti d’una fiction post-moderna: ha un protagonista «senza qualità» sballottato da eventi che non dipendono dalla sua volontà; è ambientato in un «mondo selvaggio» che vagamente ricorda l’isola in cui naufragò Robinson Crusoe; ha un cast d’assurdi personaggi degni d’una kermesse carnevalesca... Eppure, nonostante questa profusione d’ingredienti romanzeschi, Utopia selvaggia è pur sempre, e così va intesa, una delle sperimentazioni ante-litteram più ardite, e forse più riuscite, di quel genere di «scrittura antropologica» che trovò la propria definizione teorica nel corso di un seminario scientifico tenuto a Santa Fe nei primi anni ’80 del Novecento (è da sottolineare questa, non casuale, coincidenza cronologica).  In quel seminario un gruppo di giovani antropologi osò proclamare la necessità di passare dalla classica antropologia descrittiva a una nuova forma di «scrittura antropologica» ove l’autore (fattosi «nudo» al cospetto del «selvaggio» da lui stesso osservato) prendesse a dialogare alla pari con i nativi, sino al punto di rinunciare alla propria «autorità etnografica». Non è questa la sede per valutare con quali risultati queste intenzioni manifestate dai partecipanti al seminario di Santa Fe siano state tradotte in pratica. Per tornare a Ribeiro, mi viene tuttavia spontaneo pensare che molte pagine di Utopia selvaggia espressero al meglio, e con un grande savoir faire, la gran parte delle perorazioni di principio formulate dagli antropologi post-moderni partecipanti al seminario Writing Cultures tenutosi a Santa Fe. Perorazioni che invece, quei giovani antropologi yankee attivi nelle Università degli USA non riuscirono a sviluppare oltre lo stadio di abbozzo. Con la sua formidabile capacità di captare, anche a lunghe distanze, standosene sulle coste del Brasile, il vento che soffiava dall’altra parte del continente, Ribeiro ci ha invece lasciato, con Utopia selvaggia, un maturo esempio di scrittura antropologica sperimentale. Con la sapiente leggerezza della raggiunta maturità di uomo e d’autore (descritta in modo toccante in un capitolo del bel romanzo brasiliano di Fernanda Torres, Fine), Ribeiro ha insomma saputo compiere nel concreto quella «sovversione» dell’antropologia classica astrattamente solo ipotizzata dai suoi più giovani colleghi statunitensi.

Per evitare equivoci, devo qui precisare che l’«antropologia romanzesca» ha ben poco a che vedere col genere letterario del «romanzo antropologico». Queste due categorie non vanno assolutamente confuse. Nell’«antropologia romanzesca» a prevalere è sempre l’indagine antropologica, anche se mostra alcune analogie formali con l’opera letteraria. La discriminante di base tra questi due generi sta nel fatto che, mentre un testo d’«antropologia romanzesca» può essere composto unicamente da un autore che (come Ribeiro) abbia una solida formazione antropologica e la sappia dimostrare nel racconto (articolando, ad esempio, in forma dialogica il congegno del plot e/o ricorrendo a ben precise «tecniche escussive» per tratteggiare il carattere dei personaggi), nel caso del «romanzo antropologico», l’autore invece, anche se sta narrando dell’incontro tra un osservatore estraneo e un gruppo di nativi, fa semplicemente appello a una forma d’inventio letteraria, e non a un metodo d’indagine antropologico. Un ottimo esempio di «romanzo antropologico» è, ad esempio, il libro di Lily King, Euforia, dove si narrano le vicende del triangolo amoroso verificatosi, negli anni ’30 del Novecento, fra i protagonisti d’una serie incrociata di ricerche «sul campo» in Nuova Guinea, i quali adombrano, in modo volutamente scoperto, le personalità di Margaret Mead, Reo Fortune e Gregory Bateson. Pur ispirandosi ad autentici «mostri sacri» dell’antropologia, Lily King, esperta in creative writing, fa muovere e agire i protagonisti del suo romanzo come le pedine d’un comune intrigo sentimentale, appiattendo sullo sfondo (quale esotico fondale), sia il paesaggio «umano» ove si svolge la vicenda che le spinose questioni sollevate dalla ricerca etnografica le quali dovettero assillare, ancor più delle romanzesche «faccende di cuore», i tre reali ricercatori che l’autrice prese a modello. Ne è uscito un valido prodotto di consumo che non ha tuttavia nulla a che vedere con quegli autentici capolavori d’«antropologia romanzesca» che furono prodotti da autentici antropologi di professione, come Darcy Ribeiro o Claude Lévi-Strauss.

 

A.M.: Possiamo affermare senza alcuna ombra di dubbio che Darcy Ribeiro ha inaugurato un sistema di analisi della società sudamericana riuscendo nel difficile allontanamento dai condizionamenti europei e nordamericani?

Giancorrado Barozzi: Storicizzando, si può tranquillamente affermare che Darcy Ribeiro compì, specie durante gli anni del suo esilio (tra la seconda metà dei ’60 e la prima metà dei ’70 del Novecento), un importante tentativo di reinterpretare la storia sociale dell’intero continente sud-americano. Come egli stesso ammise, già allora quella sua generosa fatica mostrava tuttavia, e a distanza di circa mezzo secolo li dimostra ancor più, alcuni limiti, i quali consistono, in sostanza, nel volontario rifiuto da parte dell’autore di avvalersi di strumenti preparatori messi a punto da altri studiosi latino-americani per interpretare quella «società dell’insoddisfazione» che Ribeiro contrappose a quella dei popoli «soddisfatti» dell’Occidente. Una nota, collocata da Ribeiro a pie’ di pagina nell’introduzione del primo dei suoi tre ponderosi volumi su Le Americhe e la civilità, escludeva infatti, in modo tranchant, qualsiasi possibilità di trarre un effettivo giovamento dagli esiti di quelle che egli stesso definì: «le interpretazioni classiche dell’America Latina». A suo dire: «esse non giungono ad articolare una teoria del mutamento sociale», e una rapidissima, sintetica rassegna bastò a Ribeiro per liquidare in modo definitivo tutte quante queste «interpretazioni»:

«Partendo da una posizione fatalistica, alcune di esse attribuiscono l’arretratezza al clima o alla razza (Sarmiento 1915; Bunge 1903; Oliveira Viana 1952; Arguedas 1937) oppure a qualità negative del colonizzatore (Bomfim 1929; Ingenieros 1913; Ramos 1951). Altri discutono tali determinismi (Alberdi 1943; Cunha 1911; Freyre 1954; Buarque de Hollanda 1956; Estrada 1933; Paz 1950; Murena 1964), senza che tuttavia oppongano ad essi nessuna teoria conseguente» [Ribeiro, 1975, p. 6 nota 1].

Dopo avere omericamente bruciato alle proprie spalle tutte le «navi» da guerra uscite dai cantieri allestiti da altri autori latino-americani, Ribeiro si accinse a compiere (in solitudine) un compito gigantesco, superiore alle forze di un qualsiasi singolo studioso. Ragione per cui, nel corso di questa sua improba fatica egli non poté fare altro che chiamare in proprio soccorso una nuova «flotta». Fuor di metafora, dopo avere rifiutando di riconoscere i suoi legittimi «padri» latino-americani, Ribeiro andò in cerca di nuovi «padrini». Fortunatamente li trovò alzando i propri occhi verso il Nord-America. Tutti i libri che egli scrisse in quel periodo risentono infatti dell’influsso esercitato su di lui dalla scuola statunitense d’antropologia neo-evoluzionista. Se dunque, a parole, Ribeiro ebbe a criticare la «letteratura nominalmente scientifica sulla dinamica sociale, prodotta soprattutto dai paesi prosperi e caratterizzata dal loro scoraggiamento e conservatorismo», rivolgendo ad essa l’accusa di compiere «mistificazioni destinate a sostituire la saggistica corrispondente alla mentalità arcaica con un discorso sofisticato, ma ugualmente conformistico» (Ribeiro, 1975, p. 44); nei fatti, egli finì invece con l’adottare come linee guida dei propri studi sul Processo civilizzatore (1968) e su Le Americhe e la civiltà (1969-1973) metodi e concetti mediati dal classico schema evoluzionistico dello sviluppo delle società già elaborato, nel lontano 1877, dall’avvocato e antropologo statunitense Lewis Henry Morgan; schema sfumato, intorno alla metà del Novecento, in direzione «multilineare» da una compagine (minoritaria) di brillanti antropologi sociali formatisi, sempre negli Stati Uniti, in aperta polemica col «culturalismo relativistico» della scuola di Franz Boas. E avvenne così che Ribeiro, da fiero oppositore degli antropologi yankee, si ritrovò invece ad applicare la lezione ricavata da quel gruppo d’antropologi statunitensi che, come lui, pure avversarono le posizioni «antievoluzionistiche» di Franz Boas e dei suoi allievi (Ruth Benedict, Margaret Mead, Alfred Kroeber, ecc.). Va in ogni caso riconosciuto a Ribeiro il fatto che la sua adesione alle posizioni neo-evoluzioniste lo portò a sfuggire ai condizionamenti del main stream rappresentato in campo antropologico dalla scuola di «Cultura e Personalità» e dal «Relativismo Culturale», le cui teorie si erano diffuse dall’America Settentrionale a quasi tutto il mondo occidentale (con l’unica eccezione del «funzionalismo» allora regnante nell’antropologia britannica).

Nell’appoggiarsi alla corrente neo-evoluzionista, Ribeiro perse però, purtroppo, di vista le novità più significative che, proprio in quel periodo, stavano emergendo altrove nel campo degli studi antropologici. Mi riferisco, in particolare, alla concezione strutturalista dell’antropologica elaborata da Claude Lévi-Strauss, il quale era venuto anch’egli (prima di Ribeiro) a diretto contatto con le tribù amazzoniche, rimanendo contagiato dall’insospettata ricchezza dei loro valori simbolici, e in seguito prese a dedicarsi allo studio dei rapporti di parentela, del totemismo e dei miti indigeni. Nei confronti dello «strutturalismo antropologico» e del suo massimo esponente, Ribeiro mantenne a lungo un atteggiamento d’ostinato distacco, sconfinante in certo qual senso con l’incomprensione. Egli ritenne infatti che quella dello strutturalismo fosse soltanto una tra le tante mode «nominalmente scientifiche», alimentate dal ceto intellettuale dei «paesi prosperi», per mascherare il loro sostanziale «conservatorismo». Solo negli anni della raggiunta maturità, allorché, placati i giovanili furori della militanza politica e dell’intransigenza neo-evoluzionistica, una nuova forma di pacata saggezza venne a dargli conforto, Ribeiro si risolse a intraprendere un fecondo dialogo a distanza con l’opera di Lévi-Strauss e, in particolare, con quel capolavoro assoluto d’«antropologia romanzesca» che è Tristi Tropici. Solo negli anni ’80, deposti i bagagli dell’esule e le armi dialettiche del rivoluzionario terzomondista, l’autore brasiliano riuscirà dunque a creare, con Utopia selvaggia, la sua garbata, pirotecnica risposta ai Tristi Tropici di Lévi-Strauss. Questo terzo romanzo scritto da Ribeiro altro non è, a ben vedere, che il suo deferente omaggio a quel mondo amazzonico gioioso e disinibito, felicemente carico di primordiale, travolgente energia che l’antropologo e filosofo francese aveva invece mestamente smorzato di tono narrando, nel proprio memoriale autobiografico, dei contatti avuti con le genti e la natura di quello stesso ambiente tropicale, che egli (con gli occhi dell’esule europeo) vide invece appannato da un impalpabile velo di struggente malinconia. Questi due inarrivabili esempi d’«antropologia romanzesca» composti, ad alcuni decenni di distanza, da Claude Lévi-Strauss e da Darcy Ribeiro, andrebbero letti in parallelo, per poter cogliere, attraverso il loro serrato confronto, ogni aspetto della varia e sempre mutevole realtà amazzonica. 

                 

A.M.: In un’intervista rilasciata poco prima della sua morte a Luís Donisete Benzi Grupioni e Maria Denise Fajardo Grupioni, Ribeiro dichiara a proposito della necessaria tutela per gli indios “La tradizione liberale, in nome della libertà, ordinò che gli indiani fossero trattati alla pari, così si stabilì con gli indiani del Perù, del Messico, in modo tale da renderli liberi di vendere la terra che avevano, ma è capitato troppo spesso che qualcuno comprasse quella terra per un bottiglia di rum. Quindi qui [in Brasile] la legislazione è totalmente nuova, e conferisce all'Indio un'eguaglianza relativa, assicurandogli tutti i diritti che ha il cittadino ordinario, senza imporre oneri. Gli dà un diritto di cittadinanza, ma stabilisce una tutela che apparentemente sarebbe offensiva, perché paragona l'indiano ad un minore, ma questa eguaglianza relativa non è stata fatta per offenderli, al contrario, è stata pensata per preservare la sua terra.

Giancorrado Barozzi: La riposta data da Ribeiro ai suoi intervistatori ripropone il tema della posizione politica da assumere nei confronti della «libertà» e dei «diritti» delle popolazioni native del Brasile e anche di quelle di tutti quanti gli altri paesi che presentino analoghe complessità in campo sociale. Da politico riformatore e pragmatico quale egli fu, Ribeiro espresse qui un principio che, a prima vista, parrebbe stridere con un’astratta applicazione della libertà politica e con l’affermazione di una piena autonomia giuridica da accordare agli indigeni che ancora abitano e si procacciano da vivere nella foresta pluviale. Ribeiro formulò qui invece un ragionamento perfettamente logico e conseguente alla sua impostazione evoluzionistica in campo antropologico, tracciata, sin dal XIX secolo, dal suo più autentico «maestro»: Lewis Henry Morgan. In una pagina del trattato scritto da quest’autore, La società antica, opera molto apprezzata ai suoi tempi anche da Marx ed Enges, Morgan segnalò il fatto che «varie tribù e nazioni, presenti sullo stesso continente, e perfino appartenenti alla stessa famiglia linguistica, si trovino a vivere nello stesso momento in condizioni differenti» [Morgan, 19813, p. 9] e che a ciascuna di queste «condizioni» veniva a corrispondere «una sua peculiare cultura e (...) un modo di vita che più o meno specificatamente gli appartiene» [ibidem]. Proprio il rispetto di queste «differenti condizioni», già sancite da Morgan, consigliò a Ribeiro la proposta politica di graduare la concessione delle «libertà giuridiche» a quegli strati della popolazione del Brasile che ancora vivevano a uno stadio evolutivo che ignorava il senso e il valore del concetto giuridico di proprietà. Concedere agli indigeni la libertà incondizionata di stipulare contratti di compra-vendita sarebbe stato come, disse Ribeiro, attribuire questo stesso potere a un minorenne. L’«eguaglianza relativa», invocata dal «nostro» autore, non funge dunque in questi casi da stigma sociale, ma al contrario serve da garanzia e da reale tutela degli inalienabili diritti di una fascia di popolazione brasiliana, rimasta ferma, per dirla alla Morgan, a uno dei primi stadi di sviluppo sociale.

Certo, qualcuno potrà obiettare (e, ahimè, lo si sta facendo proprio ai nostri giorni in un Brasile che non è più quello utopico e «riformista» di Ribeiro, ma quello distopico e «populista» di Bolsonaro) che dai tempi di L. H. Morgan, e dei suoi estimatori Marx ed Engels, molta acqua è passata sotto i ponti. La modernizzazione esige che le tappe del progresso vengano accelerate il più possibile, senza curarsi di attendere che quanti sono rimasti indietro nella scala dello sviluppo sociale si decidano da sé a compiere un balzo avanti. A supporto di queste argomentazioni opera inoltre tutta una pletora d’accademici, finanziati da «qualcuno», che da decenni cercano di smontare, pezzo per pezzo, con scientifica acribia, ogni residuo tassello della complessa impalcatura «evoluzionistica» elaborata da Morgan e restaurata (a ogni colpo inferto dagli avversari) dagli antropologi neo-evoluzionisti.

La partita è ancora incerta, ma questa riproposta di Utopia selvaggia di Ribeiro non lascerà, credo, alcun dubbio ai suoi lettori da che parte stare.

                 

A.M.: Perché oggi, in Italia ed Europa, abbiamo bisogno di leggere opere come “Utopia selvaggia” e conoscere uomini come Darcy Ribeiro? Quanto siamo distanti dall’idea d’integrazione e di protezione delle culture minoritarie?

Giancorrado Barozzi: Penso di avere in parte già risposto alla tua domanda, vorrei però ribadire il concetto che, per sostenere la protezione delle culture indigene e minoritarie, preziose custodi dell’equilibrio ecologico mondiale, converrà guardarsi dalla smania della loro integrazione a tutti i costi. Dietro la parola «integrazione» talora possono occultarsi delle pessime intenzioni, quali ad esempio: rendere omogenee società altrimenti complesse; ridurre o eliminare del tutto ogni differenza in ambito culturale (acculturazione/deculturazione), economico (egualitarismo) o sociale (conformismo). Va da sé che non sono di certo questi i tipi d’«integrazione» da sostenere. Ogni volta che una comunità si propone d’integrare qualcun’altro, occorre pensare, molto seriamente, alle eventuali conseguenze (talvolta disastrose) che questo processo, se compiuto senza le opportune cautele, potrebbe innescare. Ciò non significa, ovviamente, essere fautori della «segregazione», ma non bisogna far sì che il verbo «integrare» diventi un sinonimo di «segregare». In Utopia selvaggia, Ribeiro ridicolizza un esempio d’integrazione fallimentare: la forzata alfabetizzazione degli indigeni adulti compiuta dalle monache missionarie nel seno di una tribù, in origine analfabeta, stanziata nella foresta pluviale. La sostituzione di una cultura orale con una nuova forma di trasmissione del sapere fondata invece in prevalenza sulla scrittura e la lettura ha storicamente comportato, anche nel «nostro» mondo occidentale, fondamentali mutamenti che hanno profondamente modificato gli assetti della vita sociale, recando con sé anche forme d’esclusione e promozioni di élites privilegiate in ambito culturale, religioso, sociale e/o politico. Così, quando in un capitolo di Utopia selvaggia l’autore sembra semplicemente compiacersi a descrivere la caotica confusione derivante dall’alfabetizzazione dei membri adulti di un villaggio amazzonico introdotta dalle monache, appare chiaro che egli, in realtà, sta mettendoci in guardia dal tentare incauti esperimenti socio-culturali di questo genere.

 

A.M.: Com’è andata questa pubblicazione con la casa editrice Negretto Editore? Hai incontrato difficoltà? La consiglieresti?

Giancorrado Barozzi: È ormai da parecchi anni che collaboro con questo Editore, che conosco di persona sin dai lontani tempi dei nostri comuni studi classici al Liceo «Virgilio» di Mantova, dove frequentavamo classi parallele. Si tratta di un «piccolo editore», ma ha dimostrato di avere coraggio da vendere: pensa che ha osato iniziare la sua avventura imprenditoriale esattamente nel periodo in cui la maggior parte dei piccoli editori, anche di dimensioni maggiori della sua impresa, stavano chiudendo i battenti a causa della crisi economica. «Remare contro corrente» mi pare sia il motto che si addice a questa casa editrice. Il segreto del successo di Negretto Editore (perché, per un’impresa culturale «pura», già il fatto di riuscire a sopravvivere di questi tempi è una dimostrazione di successo) sta nell’estrema oculatezza con la quale egli sta scegliendo le pubblicazioni da mettere in cantiere e da promuovere. Dà alle stampe solo pochi titoli all’anno, unicamente quelli in cui l’editore «crede» fino in fondo, ma questa sua parsimonia gli ha consentito, nell’attuale giungla editoriale, di rimanere presente sul mercato e di farsi apprezzare per la qualità delle sue proposte.

Quanto all’imminente pubblicazione del libro di Darcy Ribeiro, posso dire che l’Editore ha accolto con favore la mia proposta di pubblicare un autore brasiliano anche per il fatto che, da alcuni anni, egli sta intrattenendo personali contatti con quel paese e, in particolare, con alcuni protagonisti del vivace panorama culturale di Rio de Janeiro. Proprio in virtù di questi contatti, Negretto è riuscito a stipulare un importante accordo con la Fondazione Ribeiro, che ha sede a Rio, per il rilancio in Italia delle opere di questo autore (un autentico «classico» del Novecento, tutto da riscoprire).

L’Editore ha inoltre accettato anche la mia proposta d’affidare la nuova traduzione di Utopia selvaggia a una giovane promessa, Katia Zornetta, laureatasi presso un ateneo del Brasile discutendo proprio una tesi sui contatti tra Ribeiro e la cultura italiana. Anche con lei, la collaborazione, che si è rivelata piuttosto intensa, sebbene condotta sempre a distanza, ha dato esiti molto soddisfacenti sul piano linguistico e culturale. Per esperienza so che non è facile trovare in Italia un traduttore che abbia la pazienza e l’umiltà di approfondire le ragioni delle scelte espressive adottate da un autore straniero per restituirle, con lo stesso grado d’intensità, nella nostra lingua. Katia, pure essendo con questo lavoro alla sua prima prova professionale, è riuscita tuttavia alla perfezione nell’intento, osando anche proporre proprie soluzioni traduttologiche fortemente innovative ed orientate a una sorta di «meticciato» linguistico. Opzioni al passo coi tempi, ma che in passato (ai tempi della prima edizione Einaudi di questa stessa opera) sarebbero state impensabili. Ora la parola passerà, com’è giusto che sia, ai lettori, i quali spero vogliano premiare l’impegno messo da tutta quanta la squadra attivata da Negretto Editore per la realizzazione di questa importante proposta culturale.

 

A.M.: Abbiamo iniziato con l’utopia russa, proseguito con quella brasiliana e di sicuro possiamo chiudere con quella italiana. Fabrizio De André e “La domenica delle salme”. Il nostro amato cantautore genovese ha citato Oswald de Andrade nella sua celebre canzone (“illustre cugino de Andrade”) e nel 1990 dichiara: “Tra i molti poeti sudamericani che conosco, Oswald de Andrade è uno dei miei preferiti, probabilmente per quel suo atteggiamento comportamentale oltre che poetico totalmente libertario, per quel suo anticonformismo formale che lo fa essere qualcosa di più e di meno e comunque di diverso da un poeta in senso classico. E poi è dotato di un umorismo caustico difficilmente riscontrabile in altri poeti dei primi del Novecento.” Sei a conoscenza di un possibile rapporto tra De André e Darcy Ribeiro?

Giancorrado Barozzi: Quanto ai rapporti tra Ribeiro e De André, non saprei dirti, non sapendo se vi siano state delle prove di avvenuti contatti tra i due. Certo, a livello dei contenuti, considerata anche la sottile ironia che aleggia sia nei romanzi di Ribeiro che nei testi delle ballate di De André, appare agevole individuare un filo rosso che leghi entrambi questi autori. Quel filo, io penso, è rappresentato soprattutto dal «culto» del Brasile, dall’amore che essi ebbero in comune per la cultura popolare e per la musica di quella nazione «meticcia».

La citazione dei versi qui da te proposti proviene dalla canzone La domenica delle salme: un testo «sapienziale» composto da De André poco dopo la caduta del Muro di Berlino e, credo, per la sua forza antagonistica mai trasmesso dalla nostra tivù. Un testo che va, come lui stesso ha detto, «in direzione ostinata e contraria». Mentre tutti quanti allora si affannavano a esaltare quell’evento come una provvidenziale «fine della storia», lui intuì invece che, da allora in poi, nel futuro d’Europa, col definitivo trionfo del «capitale», sarebbero rinati, uno ad uno, tutti quegli spettri che con la fine della seconda guerra mondiale ci si era illusi d’avere esorcizzato per sempre: il nazismo, l’antisemitismo, il militarismo, i nazionalismi d’ogni sorta, quella forma d’egoismo statalista che oggi ha preso il nome di «sovranismo», il conformismo dominante in campo culturale e la spietata repressione da parte del potere nei confronti di tutte le minoranze e i «bastian contrari» d’ogni specie.

Per queste ragioni De André disse di sentirsi «cugino» del poeta brasiliano d’avanguardia Oswald de Andrade, il quale aveva redatto negli anni Venti del Novecento un provocatorio Manifesto antropofago: dichiarazione poetica d’intenti che esaltava la forza nativa della «cultura cannibale» degli indios, contrapponendola al disagio della civiltà occidentale, urbana e massificata.

Mi sembra significativo far notare che, pochi anni prima della composizione di questa canzone di De André, sull’altra sponda dell’Atlantico, Darcy Ribeiro espresse, con Utopia selvaggia, la medesima necessità di rilanciare il messaggio di de Andrade, individuando, sia pure con tutte le cautele del caso, nella cultura primigenia dei nativi amazzonici un autentico modello da imitare per riuscire a salvare la «natura» e rigenerare in modo radicale, la decadente vita sociale e politica del mondo cosiddetto «civilizzato».     

 

A.M.: Salutiamoci con una citazione…

Giancorrado Barozzi: Ti ringrazio per questa intervista e ti lascio, come mi hai chiesto, con una breve citazione: l’ho tratta da un testo del XIX secolo molto amato da Ribeiro, La Società antica, dell’antropologo evoluzionista Lewis Henri Morgan:

«Noi siamo debitori della nostra presente condizione, i cui mezzi di sicurezza e di felicità si sono moltiplicati, alle lotte, alle sofferenze, agli sforzi eroici ed al paziente lavoro dei nostri antenati barbari, e prima ancora, selvaggi».

 

A.M.: Giancorrado ti ringrazio per il tempo che hai dedicato per esplicare maggiormente la tua opinione su Darcy Ribeiro e su “Utopia selvaggia”. Ti saluto, per agganciarmi al concetto – oltre lo spazio ed il tempo − di felicità con le parole di John Lennon: “Quando avevo cinque anni, mia madre mi ripeteva sempre che la felicità è la chiave della vita. Quando andai a scuola mi domandarono come volessi essere da grande. Io scrissi: felice. Mi dissero che non avevo capito il compito, e io dissi loro che non avevano capito la vita.”

 

 

Written by Alessia Mocci

Responsabile dell’Ufficio Stampa di Negretto Editore

 

Info

Sito Negretto Editore

http://www.negrettoeditore.it/

Facebook Negretto Editore

https://www.facebook.com/negrettoeditoremantova/

Sito Fundação Darcy Ribeiro

https://www.fundar.org.br/

Intervista Darcy Ribeiro

http://www.scielo.br/scielo.php?pid=S0104-71831997000300158&script=sci_arttext

 

Fonte

http://oubliettemagazine.com/2019/04/23/intervista-di-alessia-mocci-a-giancorrado-barozzi-vi-presentiamo-utopia-selvaggia/

]]>
COMUNICATO STAMPA -STEFANO LIGORIO Thu, 02 May 2019 13:15:57 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/552330.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/552330.html stefano ligorio stefano ligorio

 

E’ uscito il libro: "LA STRANA MALATTIA " di Stefano Ligorio

Un particolare e curioso racconto, ispirato ad una storia vera, che narra aspetti peculiari di chi soffre di ansia e/o di depressione, e un pratico manuale  -rigorosamente scientifico- su come prevenire, diagnosticare, e curare queste patologie.

 

Un libro che, da un lato, nella sua prima parte, racconta una particolare e drammatica storia avvenuta, ad un avvocato, nel brindisino (ben rappresentativa delle problematiche che vivono, ed incontrano, i poveri individui affetti da ansia e depressione), ispirata a fatti realmente accaduti, e che mette in luce i risvolti, la diagnosi, e la cura, di malattie tanto frequenti, ma, allo stesso tempo, tanto poco conosciute nella loro eziologia, biologia e clinica; da un altro lato, nella sua seconda parte, è un utile manuale pratico, rigorosamente scientifico, nell'interesse di chiunque, per un corretto approccio preventivo, diagnostico e terapeutico.
Argomentato in modo comprensibile, questo libro, è rivolto in generale a tutti, ma in particolar modo a chi soffre di patologie come l'ansia -depressiva o non depressiva- (ansia sociale, ansia generalizzata, ansia somatica), e la depressione (depressione maggiore, depressione cronica, quest'ultima detta anche distimia), o semplicemente sta vivendo un periodo stressante dal punto di vista emotivo.

Nel libro, l'ansia e la depressione sono state adeguatamente, e con semplicità, argomentate da un punto di vista prettamente biologico, sia nei riguardi della loro eziologia, sia nei riguardi del loro trattamento (è stata ivi esclusa solo la trattazione della depressione psicotica e della depressione bipolare, e della psicosi -schizofrenia-).

Si comprenderà come sia assolutamente errato -e contro ogni evidenza clinica e scientifica-, l'uso di ansiolitici (specie se di tipo benzodiazepinico), nel trattamento dell'ansia e come coadiuvanti nel trattamento della depressione.

Entrambe, sia l'ansia (depressiva o non depressiva), sia la depressione maggiore o cronica (distimia), debbono essere unicamente trattate con un antidepressivo di tipo SSRI, senza uso di antidepressivi a pluri azione neurotrasmettitoriale, né di benzodiazepine (ansiolitici, i quali non curano per nulla l'ansia, anzi la cronicizzano), né di antipsicotici (farmaci che si somministrano ai malati di psicosi, schizofrenia, e “nei confronti dei quali unicamente dovrebbero essere prescritti”), i quali, anche se a basso dosaggio, spesso vengono, del tutto erroneamente, associati nel trattamento della depressione maggiore.

Questo predetto approccio medico specialistico, del tutto confusionario ed errato, sia da un punto di vista dell'evidenza clinica, sia da un punto di vista puramente scientifico, è frequentemente causa di insorgenza di una profonda sfiducia nel paziente ansioso e/o depresso, il quale spesso ha paura di curarsi “temendo”, e non senza ragione alcuna, che possa “stare peggio”.

In questo libro, inoltre, si parlerà di una sostanza naturale (a livello internazionale del tutto sconosciuta nella prassi psichiatrica), la quale, come coadiuvante alla terapia con antidepressivi, risulta essere efficacissima, mostrando effetti positivi diretti, sia nei confronti dei sintomi dell'ansia e della depressione, sia nei confronti degli effetti negativi secondari, iniziali e non, legati alla somministrazione degli antidepressivi.

Dall'ansia e dalla depressione, con un corretto trattamento, si può guarire del tutto, tenendo ben presente che la loro causa eziologica è un alterazione della sensibilità di alcuni recettori -ipersensibilità- (e la conseguente atrofia dei rispettivi neuroni per via dell'aumentato metabolismo ivi innescatosi), e che, in quanto tale, ha bisogno di un trattamento farmacologico volto a normo-sensibilizzarli.

Nella fase patologica saranno inutili le sole terapie psicologiche (utili, in tal caso, solo come coadiuvanti alla terapia farmacologica), in quanto esse, da sole, potranno essere efficaci solo a scopo preventivo o come mantenimento (dopo la guarigione).

Conoscere il proprio io emotivo, con l'ausilio della psicoterapia, e/o con una adeguata individuale ricerca interiore, resterà sempre comunque un necessario percorso da attuare, per cambiare in noi ciò che emotivamente va modificato.

Disponibile, in formato ebook e in formato cartaceo, su AMAZON, IBS, GOOGLE PLAY STORE, MONDADORI STORE, LA FELTRINELLI STORE, KOBO, LULU…, e ordinabile in qualunque libreria italiana.

 

 

Inviato da Posta per Windows 10

 

]]>
È arrivato in libreria “Tango argentino sulla Côte” il giallo di Franco Fiorucci Tue, 30 Apr 2019 10:55:22 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/547184.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/547184.html Edizioni Leucotea Edizioni Leucotea La sanremese Edizioni Leucotea ha il piacere di annunciare la pubblicazione di un nuovo libro. Si intitola “Tango argentino sulla Côte” e segna un doppio debutto: quello dell’investigatore Giulio Belpensiero e quello dell’autore Franco Fiorucci.

 

È un breve romanzo di genere, un “giallo”, ambientato tra la Riviera dei Fiori e la Costa Azzurra. La storia si svolge una quarantina d’anni fa, agli inizi della carriera del commissario Belpensiero. L’ambiente è quello a cavallo tra Italia e Francia, al tempo di quando l’euro non c’era ancora e  molte cose erano diverse dalla realtà di oggi.

 

Tutto inizia con la scoperta di un cadavere sulla Moyenne Corniche, in Francia, ma tanti elementi riconducono alla Riviera, a Sanremo. Le ragioni dell’omicidio parrebbero facili da capire, ma le indagini smontano le ovvietà, fino alla scoperta di come sono an date veramente le cose.

 

Per il romanzo si può parlare di “debutto” perché il “Tango argentino sulla Côte” vuole essere il primo di una serie di romanzi. Con il personaggio Belpensiero come protagonista e quasi sempre con l’ambientazione rivierasca, per luoghi e per tematica.

 

“Tango argentino sulla Côte” sarà presentato al pubblico martedì 30 aprile a Bordighera. Dove se non sul lungomare Argentina e la Costa Azzurra sullo sfondo?

 

 

Edizioni Leucotea è una casa editrice sanremese che ha al suo attivo oltre 250 titoli, di narrativa, saggistica e testi per l’infanzia.

 

Franco Fiorucci è giornalista professionista in pensione.

http://www.edizionileucotea.it/it/home.php?s=0,1,2&dfa=do25&pg=&diditem=3495]]>
In libreria "L'ossessione della forma" il nuovo romanzo di Nicola Brizio Tue, 30 Apr 2019 10:37:59 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/547170.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/547170.html Edizioni Leucotea Edizioni Leucotea E se il talento fosse una maledizione?

 

Un artista, ormai divorato dagli eccessi, si trovi a dover fare i conti con l’elemento che lo rende speciale e invidiato dal resto del mondo: il talento. Quello che, ad uno sguardo superficiale può sembrare un dono dal valore inestimabile, si trasforma ben presto in una sorta di condanna dalla quale il protagonista tenterà di fuggire senza successo. Una narrazione frammentata e distopica come i pensieri del narratore che, parlando in prima persona, trascina il lettore in un girone infernale popolato da vecchi amici allo sbando, poliziotti corrotti e sinistre confraternite pronte a ribaltare il già precario ordine del mondo occidentale.

 

Nicola Brizio, braidese, classe ‘93, dopo gli studi abbandona l’Italia e trascorre due anni in Germania vivendo tra Hannover, Dortmund e Berlino e svolgendo i lavori più disparati. Proprio in Germania inizia a coltivare la sua passione per la lettura, la scrittura ed il cinema. 

Tornato in Italia cura le sceneggiature dei cortometraggi “Moonlight Hotel” ,“Night at 12042” e “Sbocceranno i fiori a febbraio”. Dal 2016 cura le recensioni letterarie per il settimanale “Il Braidese”; nel 2017 esce il suo primo romanzo intitolato “Fame plastica”.

http://www.edizionileucotea.it/it/home.php?s=0,1,2&dfa=do25&pg=&diditem=3494]]>
Seminario Educare all’empatia - Roma Tue, 30 Apr 2019 09:21:29 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/551614.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/551614.html faber phil faber phil

Seminario Educare all’empatia per prevenire il bullismo

Un incontro formativo rivolto agli insegnanti della scuola dell’infanzia e primaria, agli operatori per l'infanzia, ai genitori per analizzare insieme il fenomeno del bullismo e costruire un percorso espressivo e didattico per educare all’empatia.

Che cos’è il bullismo? È un fenomeno che riguarda anche la scuola dell’infanzia? Cosa c’entra l’empatia con il bullismo? Perché è fondamentale educare alle emozioni per prevenire il bullismo? Rispondendo a queste e ad altre domande, analizzeremo insieme il bullismo per capire come prevenirlo e contrastarlo a scuola. Una prima parte pedagogica e teorica ci permetterà di gettare le basi per sviluppare un lavoro operativo e per costruire insieme un “laboratorio espressivo anti-bullismo” per la scuola primaria e un “laboratorio sulla gentilezza” per la scuola dell’infanzia. Verranno proposti percorsi educativi ricchi di giochi teatrali, fiabe, attività espressive e creative tratte dal Metodo Helga Dentale Teatro in Gioco® da riportare in classe con i bambini. Le attività proposte hanno l’obiettivo di educare all’empatia, al rispetto, alla condivisione per permettere alle bambine e ai bambini di sviluppare l’intelligenza emotiva e l’empatia, e rafforzare l’autostima. Scopriremo anche altri libri illustrati e storie da poter inserire nei percorsi espressivi. Permettere ai bambini di riconoscere e gestire le proprie emozioni, di riconoscere le emozioni altrui sviluppando empatia è il primo, fondamentale passo per educare al rispetto e per prevenire il bullismo e i comportamenti aggressivi. I linguaggi espressivi e il gioco teatrale sono strumenti preziosi ed efficaci per lavorare in questa direzione.

Il seminario è ideato e condotto da Helga Dentale, ideatrice del Metodo Teatro in Gioco®, docente per la formazione, autrice di libri di pedagogia teatrale e fiabe interattive.

Quando: 25 maggio dalle 14.30 alle 16.00

Sede: Via Giovanni Botero 18, Roma

Quota di partecipazione: 25 euro, comprensiva del libro di Helga Dentale "Empatia vince bullismo" e dell’attestato di frequenza.

Per iscriversi è necessario inviare una mail a girasoliamoci@tiscali.it indicando il proprio nominativo. Vi risponderemo inoltrandovi i riferimenti per procedere con il versamento della quota.

www.teatroingioco.it



Mail priva di virus. www.avg.com
]]>
Inganno Imperfetto Il Nuovo Romanzo Di Andrea Bindella Mon, 29 Apr 2019 11:15:18 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/546721.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/546721.html Nicola Nicola  

E’ stato pubblicato, in collaborazione con EdizioniOpen.it, il nuovo romanzo di Andrea Bindella. È possibile leggerlo gratuitamente solo per oggi.

 

 

Il nuovo romanzo di Andrea Bindella, intitolato “Inganno Imperfetto”, è stato pubblicato gratuitamente sulla piattaforma digitale EdizioniOpen.it e sarà gratis solo per oggi.


«Sono davvero molto entusiasta di aver stretto questa collaborazione con EdizioniOpen. Il primo capitolo del romanzo - sottolinea Andrea nel suo blog - è stato letto, in pochi giorni, da quasi mille persone. La storia sarà composta da una trentina di capitoli e il secondo verrà pubblicato a breve».

 

Collegandosi alla piattaforma digitale in questione si possono leggere storie di ogni genere scritte da vari autori. Selezionando poi il Primo CapitoloCombatti o Muori” del nuovo romanzo di Andrea Bindella si può subito vedere il numero di visualizzazioni raggiunte e scorrendo la storia fino alla fine si possono trovare già numerose recensioni molto entusiaste.


«Hai acceso la mia curiosità. Odio le storie banali, ma questo primo episodio è talmente criptico che non riesco a immaginare dove mi porterai» Dario.

«È interessante, questo continuo cambio di ambientazione ha stuzzicato la mia curiosità» Micol.

«Un primo episodio a dir poco fantastico… epico al punto giusto! Molto bella l’idea dello score: uccisioni, esperienza e bottino. Inutile parlare del testo o della punteggiatura, che ho trovato esemplari» Giuseppe.

«Semplicemente spiazzante. Ottime descrizioni, e affascinante il cambio totale del registro narrativo» Antonio.

 

Andrea Bindella

È autore del romanzo best seller “Terra 2486”, è nato a Perugia e dopo aver conseguito il diploma all'Istituto Tecnico per Geometri, inizia gli studi in Ingegneria Civile. Proprio in quegli anni - in Umbria - si stava avviando la ricostruzione post terremoto del ‘97 e così Andrea decide di lasciare l’università per dedicarsi alla libera professione e aiutare la sua regione a rialzarsi dopo quei tragici eventi.

Quando la crisi finanziaria ed economica del 2008 travolge il suo settore professionale e tutto sembra perduto, ogni sacrificio fatto in quegli anni buttato al vento, Andrea trova la forza e il sostegno per andare avanti proprio nella scrittura: capisce che non serve piangersi addosso e che occorre rimboccarsi le maniche. Scrivere lo spinge a una continua riscoperta e crescita interiore; attraverso le parole, Andrea condivide riflessioni e tematiche riguardanti la vita di ogni giorno, cercando sempre il confronto per ampliare la propria apertura mentale e soddisfare la propria insaziabile curiosità.

Nel 2017 scopre il self-publishing; questa opportunità lo sprona a trovare la forza di tirar fuori dal cassetto le sue storie e pubblicarle.

 

Link per info e approfondimenti:

andreabindella.com/news/

www.facebook.com/andreabindellapg 

]]>
Human Festival “Be You-Be Together” Paestum_Velia 29-30 aprile / 2-3 maggio / 13-14 maggio 2019 Mon, 29 Apr 2019 01:41:29 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/546587.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/546587.html Iriana Marini Iriana Marini  Human Festival “Be You-Be Together” Paestum_Velia 29-30 aprile / 2-3 maggio / 13-14 maggio 2019 Gli studenti della Scuola Media A. Belvedere di Napoli protagonisti allo Human Festival Lo Human Festival si svolge a Paestum e a Velia. Il tema percorso è “Be You-Be Together” Il festival si sviluppa in tre date, 29-30 aprile / 2-3 maggio / 13-14 maggio 2019 e vede la partecipazione di circa 200 studenti liceali della Scuola Media A. Belvedere di Napoli. I veri protagonisti dello Human Festival sono gli studenti, che sono coinvolti in un percorso sulla scoperta del sé. Lo Human Festival, in questo tempo digitale, rende concreto ed esperienziale un’attività didattica che nel viaggio trova la sua chiave di volta, uscendo dalle sovrastrutture ordinarie si torna arricchiti dalla scoperta del Territorio, delle proprie Passioni e dell’Altro da sé. Iriana Marini, ideatrice del Festival, dichiara: “Gli studenti avranno l’opportunità di realizzare un cammino, di compiere un processo sia personale, sia di gruppo. Partendo da un’emozione, individuando un significato, un tema importante per la propria vita, attivando una ricerca, giungendo ad una nuova consapevolezza di sè e della realtà, da comunicare agli altri ragazzi che hanno condiviso la stessa esperienza” L’obiettivo principale, dall’inizio dell’attività, è quello di costruire un gruppo che si senta legato da un’esperienza, a tal fine i ragazzi saranno accolti dallo staff dello Human Festival e sarà consegnato ad ogni studente uno zainetto, un libretto ed una penna, che potrà essere usato come diario di viaggio. Il percorso inizia, il primo giorno, dall’immersione nella antica civiltà greco-romana che incontriamo negli scavi di Paestum, con la Passeggiata Archeologica. Le guide racconteranno i luoghi in una passeggiata ricca di storia e di aneddoti, che ci portano a scoprire la grandiosità e la bellezza dei maestosi edifici. Gli studenti proseguono le attività didattiche attraverso Percorsi Artistici Esperienziali I Percorsi Artistici Esperienziali, sono attività laboratoriali in cui i codici artistici diventano strumenti attivi per la conoscenza emotiva di sé e dell’altro. L’immersione nell’azione laboratoriale trasporta i ragazzi in uno spazio emozionante, e spesso sorprendente, in cui i protagonisti sono gli studenti che potranno scegliere un laboratorio tra teatro, musica e cinema Percorso di TEATRO a cura di Gabriele Gigante Il teatro si propone come uno dei principali strumenti di lavoro didattico, grazie alle sue capacità di creare rapporti interpersonali, e alla sua prerogativa di rappresentare la vita quotidiana mettendo a nudo i conflitti dell’uomo. Il teatro come un “atto” teso a favorire il gioco, la creatività, come uno strumento di comunicazione capace di svelare il ruolo dei condizionamenti sociali e delle maschere soggettive nella vita quotidiana. Il teatro, dunque, come mezzo espressivo e conoscitivo di sé stessi e degli altri. Il laboratorio di teatro avvierà un percorso pratico di conoscenza e studio dei codici relativi alla recitazione attraverso la tecnica dell’improvvisazione che di volta in volta focalizzerà l’attenzione sulla parola, il corpo, il gesto. Infine l’obiettivo del gruppo è di proporre, per la performance finale, una o più scene che siano rappresentative del percorso vissuto Percorso di CINEMA a cura di Valentina Pacifici Il laboratorio propone un lavoro mirato alle emozioni e alla loro espressione, comprensione e rappresentazione artistica. Partecipare alle realizzazione di un breve filmato è un’occasione di crescita intensa e concentrata, in cui non solo possono essere appresi quei principi basilari del linguaggio cinematografico e quelle tecniche necessarie alla sua realizzazione, ma è soprattutto un modo efficace per esprimere e rappresentare il proprio “pensiero” e le proprie “emozioni” in forma di immagini, ciascuno in base alla propria soggettività. Sperimentare il linguaggio cinematografico rappresenta un ottimo modo per sviluppare capacità critiche e analitiche, comprendere a pieno i processi che sottendono alla creazione di quei prodotti audio visivi che ormai inondano tutte le piattaforme digitali di uso comune nel mondo giovanile. Il laboratorio prevede un primo momento in cui i ragazzi verranno coinvolti in giochi ed esercizi fisici, utili per liberare la propria capacità espressiva, successivamente si cercherà di trasformare in modo graduale le emozioni, in parole e le parole in immagini verrà fuori in tal modo una sequenza che costituirà la “sceneggiatura” ed infine si sperimenterà un breve prodotto audiovisivo, Percorso di MUSICA a cura di Jenny del Prete Scopo del laboratorio è quello di ritrovare un approccio ancestrale e corale di scambio, di ritrovare l’aspetto rituale della musica che univa differenze ed alterità. Comporre un cerchio entro il quale un ritmo nasce, si evolve, cresce e svanisce. Un cerchio dove la voce ed il proprio corpo sono la base su cui costruire, dove il corpo segue il ritmo, la melodia e dove il corpo stesso può fungere da strumento. Il laboratorio mira non solo a creare individualità sonore, ma un coro di corpi Qualsiasi oggetto può produrre suono e qualsiasi suono può divenire ritmo o melodia. Dalla musica concreta, allo strumentalismo fino all’elettronica, il cerchio può produrre infiniti raggi, quali possibilità sonore interpretative. Nella seconda giornata gli studenti daranno vita ad un momento corale: Sinestesia che in una modalità olistica, corporea ed emotiva, inviterà i ragazzi ad essere protagonisti attraverso il potente linguaggio dell’arte. L’attività è accompagnata dallo staff dello Human Festival, che propone ai ragazzi momenti sportivi, ludici e musicali I docenti saranno accompagnati nelle giornate del Festival dal laboratorio “Parole in Voce” proposto da Sara Missaglia, docente di dizione ed attrice. L’immagine del festival è stata creata dall’artista Valentina Pacifici che rende con un’immagine l’essenza della tematica “Be you -Be Together” 

]]>
Human Festival “Be You-Be Together” Paestum_Velia 29-30 aprile / 2-3 maggio / 13-14 maggio 2019 Mon, 29 Apr 2019 01:41:07 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/546586.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/letteratura/546586.html Iriana Marini Iriana Marini  Human Festival “Be You-Be Together” Paestum_Velia 29-30 aprile / 2-3 maggio / 13-14 maggio 2019 Gli studenti della Scuola Media A. Belvedere di Napoli protagonisti allo Human Festival Lo Human Festival si svolge a Paestum e a Velia. Il tema percorso è “Be You-Be Together” Il festival si sviluppa in tre date, 29-30 aprile / 2-3 maggio / 13-14 maggio 2019 e vede la partecipazione di circa 200 studenti liceali della Scuola Media A. Belvedere di Napoli. I veri protagonisti dello Human Festival sono gli studenti, che sono coinvolti in un percorso sulla scoperta del sé. Lo Human Festival, in questo tempo digitale, rende concreto ed esperienziale un’attività didattica che nel viaggio trova la sua chiave di volta, uscendo dalle sovrastrutture ordinarie si torna arricchiti dalla scoperta del Territorio, delle proprie Passioni e dell’Altro da sé. Iriana Marini, ideatrice del Festival, dichiara: “Gli studenti avranno l’opportunità di realizzare un cammino, di compiere un processo sia personale, sia di gruppo. Partendo da un’emozione, individuando un significato, un tema importante per la propria vita, attivando una ricerca, giungendo ad una nuova consapevolezza di sè e della realtà, da comunicare agli altri ragazzi che hanno condiviso la stessa esperienza” L’obiettivo principale, dall’inizio dell’attività, è quello di costruire un gruppo che si senta legato da un’esperienza, a tal fine i ragazzi saranno accolti dallo staff dello Human Festival e sarà consegnato ad ogni studente uno zainetto, un libretto ed una penna, che potrà essere usato come diario di viaggio. Il percorso inizia, il primo giorno, dall’immersione nella antica civiltà greco-romana che incontriamo negli scavi di Paestum, con la Passeggiata Archeologica. Le guide racconteranno i luoghi in una passeggiata ricca di storia e di aneddoti, che ci portano a scoprire la grandiosità e la bellezza dei maestosi edifici. Gli studenti proseguono le attività didattiche attraverso Percorsi Artistici Esperienziali I Percorsi Artistici Esperienziali, sono attività laboratoriali in cui i codici artistici diventano strumenti attivi per la conoscenza emotiva di sé e dell’altro. L’immersione nell’azione laboratoriale trasporta i ragazzi in uno spazio emozionante, e spesso sorprendente, in cui i protagonisti sono gli studenti che potranno scegliere un laboratorio tra teatro, musica e cinema Percorso di TEATRO a cura di Gabriele Gigante Il teatro si propone come uno dei principali strumenti di lavoro didattico, grazie alle sue capacità di creare rapporti interpersonali, e alla sua prerogativa di rappresentare la vita quotidiana mettendo a nudo i conflitti dell’uomo. Il teatro come un “atto” teso a favorire il gioco, la creatività, come uno strumento di comunicazione capace di svelare il ruolo dei condizionamenti sociali e delle maschere soggettive nella vita quotidiana. Il teatro, dunque, come mezzo espressivo e conoscitivo di sé stessi e degli altri. Il laboratorio di teatro avvierà un percorso pratico di conoscenza e studio dei codici relativi alla recitazione attraverso la tecnica dell’improvvisazione che di volta in volta focalizzerà l’attenzione sulla parola, il corpo, il gesto. Infine l’obiettivo del gruppo è di proporre, per la performance finale, una o più scene che siano rappresentative del percorso vissuto Percorso di CINEMA a cura di Valentina Pacifici Il laboratorio propone un lavoro mirato alle emozioni e alla loro espressione, comprensione e rappresentazione artistica. Partecipare alle realizzazione di un breve filmato è un’occasione di crescita intensa e concentrata, in cui non solo possono essere appresi quei principi basilari del linguaggio cinematografico e quelle tecniche necessarie alla sua realizzazione, ma è soprattutto un modo efficace per esprimere e rappresentare il proprio “pensiero” e le proprie “emozioni” in forma di immagini, ciascuno in base alla propria soggettività. Sperimentare il linguaggio cinematografico rappresenta un ottimo modo per sviluppare capacità critiche e analitiche, comprendere a pieno i processi che sottendono alla creazione di quei prodotti audio visivi che ormai inondano tutte le piattaforme digitali di uso comune nel mondo giovanile. Il laboratorio prevede un primo momento in cui i ragazzi verranno coinvolti in giochi ed esercizi fisici, utili per liberare la propria capacità espressiva, successivamente si cercherà di trasformare in modo graduale le emozioni, in parole e le parole in immagini verrà fuori in tal modo una sequenza che costituirà la “sceneggiatura” ed infine si sperimenterà un breve prodotto audiovisivo, Percorso di MUSICA a cura di Jenny del Prete Scopo del laboratorio è quello di ritrovare un approccio ancestrale e corale di scambio, di ritrovare l’aspetto rituale della musica che univa differenze ed alterità. Comporre un cerchio entro il quale un ritmo nasce, si evolve, cresce e svanisce. Un cerchio dove la voce ed il proprio corpo sono la base su cui costruire, dove il corpo segue il ritmo, la melodia e dove il corpo stesso può fungere da strumento. Il laboratorio mira non solo a creare individualità sonore, ma un coro di corpi Qualsiasi oggetto può produrre suono e qualsiasi suono può divenire ritmo o melodia. Dalla musica concreta, allo strumentalismo fino all’elettronica, il cerchio può produrre infiniti raggi, quali possibilità sonore interpretative. Nella seconda giornata gli studenti daranno vita ad un momento corale: Sinestesia che in una modalità olistica, corporea ed emotiva, inviterà i ragazzi ad essere protagonisti attraverso il potente linguaggio dell’arte. L’attività è accompagnata dallo staff dello Human Festival, che propone ai ragazzi momenti sportivi, ludici e musicali I docenti saranno accompagnati nelle giornate del Festival dal laboratorio “Parole in Voce” proposto da Sara Missaglia, docente di dizione ed attrice. L’immagine del festival è stata creata dall’artista Valentina Pacifici che rende con un’immagine l’essenza della tematica “Be you -Be Together” 

]]>