Pagine d'organo 2018: dal 4 febbraio, dalle ore 17.00 (presentazione dei brani, a seguire concerto - Chiesa di S. Giuseppe, Treviso)

29/gen/2018 15:34:15 Antiqua Vox Contatta l'autore

Antiqua Vox propone per il 2018 la nona edizione di Pagine d'organo-United organists of Europe, rassegna internazionale che vede giovani organisti, vincitori di importanti premi internazionali o particolarmente talentuosi, esibirsi al grande organo meccanico della chiesa di San Giuseppe di Treviso in tre domeniche da febbraio ad aprile (ore 17.30).

Pagine d’Organo, oltre a valorizzare apprezzati musicisti under 30, intende far conoscere al vasto pubblico il ricco patrimonio musicale barocco, attraverso il suono del prezioso strumento conservato all’interno della chiesa. Costruito nel 1990 dai maestri Dell'Orto e Lanzini di Arona, sul modello dell'arte organaria franco-alsaziana, l’organo di San Giuseppe è ideale per l’esecuzione della musica barocca e di J. S. Bach in particolare.

Grazie all’utilizzo di un grande schermo i partecipanti avranno la possibilità di vedere nel corso di tutti i concerti gli interpreti in primo piano. Ogni appuntamento sarà preceduto (ore 17.00) dalla presentazione dei brani in programma da parte del maestro Massimiliano Raschietti.

Primo ospite della rassegna, domenica 4 febbraio, sarà l’organista austriaco Johannes Zeinler. Dopo aver studiato organo, pianoforte e musica sacra all'Università di Musica e Spettacolo di Vienna, Zeinler sta attualmente completando il suo percorso presso il Conservatorio di Tolosa. Nel 2015 ha vinto il primo premio al 28° Concorso internazionale di organi di St. Albans.

Il suo concerto Una squisita armonia sarà contraddistinto dall’intreccio di stili e generi musicali appartenenti a luoghi ed epoche differenti, metafora dell’incontro di percorsi che s’intersecano, comunicano e dialogano tra loro.
Da J. S. Bach, che nel corposo movimento centrale del suo Pièce d’Orgue riprende l’andamento imponente dei Grand Plein Jeu degli antichi maestri francesi, a W. A. Mozart, che nel suo nostalgico e malinconico Rondò evoca a tempo di siciliana la cantabilità dell’aria d‘opera italiana. E solo per citare alcuni esempi.
Segue R. Schumann che nel “ricercar” lento e meditativo della sua Fuga sul nome BACH rende un profondo omaggio al grande maestro (in Germania le note musicali corrispondono alle lettere dell‘alfabeto, così B = si bemolle, A = la, C = do, H = si naturale).
In chiusura, due brani del compositore tedesco G. Muffat, raffinata sintesi delle diverse tradizioni musicali dell’Europa del XVIII secolo. Nel suo linguaggio, in cui convivono il ricco e fantasioso stile organistico tedesco con elementi provenienti dalla musica da camera italiana e dall'elegante musica di corte francese, si definisce appieno quella squisita armonia che dà il titolo a questo primo concerto di Pagine d’Organo 2018.
Vedi il programma: http://bit.ly/Zeinler4Febbraio2018

Il secondo appuntamento, domenica 4 marzo, vedrà ospite l'organista italiana Susanna Soffiantini, che in Appropriato all'organo si cimenterà con le trascrizioni per organo di J. S. Bach.
Vedi il programma: http://bit.ly/Soffiantini4Marzo2018

L’ultimo concerto Nel segno della Riforma, in agenda domenica 8 aprile, sarà tenuto dall'organista olandese Jeroen Koopman e avrà come tema il corale luterano fra tradizione e innovazione.
Vedi il programma: http://bit.ly/Koopman8Aprile2018

Tutti i concerti si terranno alla chiesa di San Giuseppe alle 17.30 con ingresso libero.
Saranno preceduti alle 17.00 dalla presentazione del concerto a cura del maestro Massimiliano Raschietti.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl