LUCREZIA BORGIA AL "DINA ORSI" DI CONEGLIANO

20/feb/2013 19:23:56 Associazione Lirica "P. A. Tirindelli" Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

LUCREZIA BORGIA

 

 

 

Un nome che incuteva timore negli anni in cui la bella e famigerata donna alla quale esso apparteneva era ancora in vita (1480-1519), un nome legato a quello del fratello Cesare, omicida e fratricida e a quello di Alessandro VI, papa dissoluto e libertino.

 

Un nome che, nei secoli successivi, fu tristemente ed invariabilmente associato a espressioni quali lussuria, incesto, tradimento e, in particolar modo, alla somministrazione di misteriosi quanto micidiali veleni.

 

Un nome che doveva fatalmente attirare - lungo il romantico ottocento - l'interesse di altrettanto romantici figli di quel secolo così pregno di sentimenti forti e contrastanti.

 

Ecco allora che uno scrittore e drammaturgo quale Victor Hugo, congenitamente incline alle storie dolorose e complicate, a lui affini per talune infelici vicissitudini della sua stessa esistenza, non poté resistere alla tentazione di porre su carta una tragedia ispirata alle vicende di così affascinante personaggio.

 

 

 

 

 

 

Nel medesimo anno di pubblicazione del romanzo  (1833), ecco un altro genio parimenti dotato di romantica teatralità, Gaetano Donizetti, porre su pentagramma - il libretto è di Felice Romani, che si basa sul testo victorhughiano - l'omonima opera lirica, pur se in seguito rappresentata con altri titoli per l'accesa opposizione del drammaturgo.

 

Nell'opera letteraria come in quella musicale, comunque, la fosca personalità di Lucrezia risulta attenuata da un'inusitata vena di dolcezza conseguente al risvegliarsi in lei di imprevisti affetti materni nei confronti di un ritrovato figlio illegittimo, sentimenti che provocano in lei gravi e profondi ripensamenti sulle azioni di una vita depravata.

 

L'idea di rappresentare tale controverso personaggio, sia nell'aspetto recitativo sia in quello musicale, in un'unica serata, è balenata nella mente di Renato Toffoli, elemento creativo e stimolante dell'Associazione Lirica Pier Adolfo Tirindelli di Conegliano che, grazie al patrocinio del Lions Club di Susegana - Castello di Collalto, ha organizzato nella giornata di domenica 17 febbraio, ore 20.30, presso l'Auditorium 'Dina Orsi' di Conegliano, uno spettacolo intitolato appunto 'Lucrezia Borgia'.

 

 

 

All'evento hanno partecipato i cantanti Laura Toffoli (soprano), Lucia Zigoni (mezzosoprano), Paolo Pieruzzo (tenore), Floris Mariotto (basso), i musicisti Davide Da Ros (pianoforte), Riccardo Toffoli (violoncello) e gli attori Flavia Lombardi e Monica Stella (nella parte di Lucrezia Borgia), Andrea Vascellari (Gennaro), Enzo Capitanio (Alfonso d’Este), Andrea Pascarelli (Gubetta). La guida all’ascolto è stata curata dal musicista, musicologo e scrittore Alessandro Pierfederici, Presidente dell'Associazione Culturale Musicaemozioni di Treviso. Nel ruolo di presentatrice la giovane Miriam Carniel.

 

 

   

                                                           Enzo Capitanio

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl