Officine Schwartz: ristampato “L’Opificio”, secondo album della formazione industrial/folk bergamasca.

05/nov/2018 15:09:23 Fonoarte Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’etichetta Again Records, in collaborazione con la svizzera Luce Sia, pubblica “L’Opificio”, ristampa del secondo album dello storico collettivo artistico delle Officine Schwartz, a trenta anni dal loro esordio su album con “Colonna sonora di Remanium Dentaurum Cr Co Mo”. Il disco comprende i brani del LP originale, il singolo “Carica!” ed una serie di inediti, per un totale complessivo di 18 brani. L'album sarà disponibile dal 5 novembre 2018 nei migliori negozi di musica alternativa e sui principali webstores nazionali ed internazionali.

 

Bergamo, 05/11/2018 – Viene pubblicata oggi la ristampa de “L’Opificio”, storico secondo album di Officine Schwartz, tra le più importanti ed innovative formazioni industriali del nostro Paese. Il disco esce a trenta anni dal loro esordio su vinile, avvenuto nel 1988 con l’album “Colonna sonora di Remanium Dentaurum Cr Co Mo”. La band viene ricordata per le performances dal vivo, che univano musica, teatro e cinema, per l'impegno politico e per la strumentazione “autocostruita”, recuperando, forgiando ed intonando metalli e residui del mondo del lavoro, come bidoni di petrolio, tubi, molle, catene, telai di bicicletta, attrezzi, eccetera. L’album originale, rimasterizzato in digitale al MM Studio da Marcello Malatesta, è stato arricchito con l’aggiunta delle quattro tracce dell’EP “Carica!” e da altri inediti ripescati nell’ambito dello stesso periodo storico, per un totale di 18 brani. Graficamente l’opera recupera la copertina ed i preziosi disegni di Andrea Chiesi, che già dominavano la cover art del vinile originale.

“Nell'autunno 1989 fummo contattati da un gruppo di Reggio Emilia che si occupava di grafica e di ideali espressivi: il Kom Fut Manifesto (comunisti futuristi manifesto). Ci chiesero di sonorizzare un progetto dell'artista modenese Andrea Chiesi: L'Opificio” ha raccontato Osvaldo Arioldi, mente creativa delle Officine Schwartz “Proposero di organizzare uno spettacolo con musiche e dipinti dal vivo e la produzione inerente su vinile, con largo spazio per i disegni di Andrea nella copertina pieghevole (delle dimensioni di 1 mq!). Noi accettammo e ci mettemmo subito al lavoro”. 

Co-prodotto dalle etichette Again Records (Italia) e Luce Sia (Svizzera), edito da Fonoarte e distribuito da Audioglobe, l’album in cd “L’Opificio” sarà disponibile per l’acquisto a partire dal 5 novembre 2018 nei migliori negozi di musica alternativa e sui più importanti WEB Stores nazionali ed internazionali (Ebay, Amazon, cdandlp, discogs, ecc…).

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl