"MOMENTS MUSICAUX" AL GRAN FINALE: DOMENICA 7 APRILE LA CORELLI PORTA IN SCENA AL COMUNALE DI CERVIA DUE PRIMI DEBUTTI ASSOLUTI

05/apr/2019 07:05:56 Ufficio Stampa Orchestra Arcangelo Corelli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

"MOMENTS MUSICAUX" AL GRAN FINALE: DOMENICA 7 APRILE LA CORELLI PORTA IN SCENA AL COMUNALE DI CERVIA DUE PRIMI DEBUTTI ASSOLUTI 

Abbiamo incontrato Danilo Comitini, autore delle musiche originali della pièce "Il Gatto Nero", tratta dal celebre classico di Edgar Allan Poe

 

Cervia, 5 aprile 2019 – Grande attesa per l'evento di chiusura di Moments Musicaux 2019, che vedrà debuttare sul palcoscenico del Teatro Comunale di Cervia due produzioni originali targate LaCorelli in prima esecuzione assoluta, in una serata all'insegna della contaminazione tra musica, parola e danza.

Appuntamento domenica 7 aprile alle ore 18.00 con “La Spada nella Roccia” su musiche originali di Benjamin Britten, adattamento testuale di Teresa Maria Federici Simone Marzocchi e coreografie di Artemisia Danza, interpretata dall'Ensemble Tempo Primo e narrata da Teresa Maria Federici, per la direzione di Daniele Rossi

A seguire, “Il Gatto Nero” dal classico di E.A. Poe, narrato da Teresa Maria Federici e musicato per LaCorelli da Danilo Comitini, che ha scelto di affidare il brano ad un percussionista solista (interprete: Daniele Sabatani).


Abbiamo incontrato il compositore, già premiato in diverse rassegne internazionali, per farci raccontare meglio il suo lavoro e le sue scelte artistiche.


- Il tuo primo approccio al mondo della musica è stato nelle vesti di pianista ed interprete: come ti sei avvicinato al mondo della composizione e con quali intenzioni? 


Sin da bambino hanno convissuto in me la passione per il pianoforte e quella per la composizione, ma tra le due ha prevalso fin da subito quest'ultima: istintivamente mi accostavo a quel mondo ricco di aneddoti e di un fascino per me irresistibile, fatto di piume d’oca e inchiostro. L’età però non mi aiutava: se col pianoforte potevo già esibirmi, la composizione necessitava invece di un grado di maturità ben maggiore. All'inizio mi è stato quindi più facile e immediato salire su un palco in qualità di interprete: crescendo, acquisendo consapevolezza e studiando molto, si è concretizzato infine il sogno di scrivere musica.


- Non è la prima volta che ti ispiri ad un racconto di Edgar Allan Poe per la creazione di un brano originale. Cosa ti lega a questo autore, maestro del noir e del brivido?


La mia fantasia e immaginazione si allineano istintivamente al genere di Poe, piuttosto che a racconti spensierati o comici: la mia opera lirica "Gli occhiali", tratta dal suo racconto omonimo, ha una trama sì divertente, ma con una pesante dose di irrealismo e di aspetti grotteschi. Ogni volta che leggo Poe mi sento il giusto protagonista delle sue storie e il giusto abitante dei suoi mondi fantastici e irreali: per questo prendo in prestito i suoi lavori, sperando chiaramente di rendergli onore!

 

- Il brano originale che hai composto per Moments Musicaux, tratto da "Il gatto nero",  prevede come organico strumentale le sole percussioni: una scelta insolita e che desta una certa curiosità. Cosa hai voluto raccontare attraverso questa partitura? 


Nel mio melologo la musica perde la funzione che abitualmente ricopre (melodia, armonia, forma, figura, gesto) per diventare puramente suono, timbro e colore, in funzione unicamente del testo. Di qui la scelta delle percussioni, un universo strumentale estremamente variegato che abbraccia ogni genere di suono, timbro o colore, dai più morbidi ai più aguzzi. Significativa è stata per me la decisione di usare un solo percussionista, poiché scenicamente non volevo che quel narratore solitario fosse "circondato" da troppa presenza, il che avrebbe rotto l'aura di mistero che avvolge tutto il racconto.



Creatività e talento brilleranno anche nelle coreografie originali create da Irene Rossi ed Enrica Linlaud di Artemisia Danza per "La Spada nella Roccia" su musiche di Benjamin Britten: saranno ben 23, per l'occasione, le danzatrici che si alterneranno in palcoscenico, tutte allieve di modern e danza contemporanea dell'Accademia. All'adattamento testuale della favola di Terence Hanbury White (1938) hanno lavoratoSimone Marzocchi e Teresa Maria Federici, capaci di unire al lavoro di ricerca documentaria un'interessante rielaborazione della trama originale.


biglietti sono prenotabili al 339 6249299 / info@lacorelli.it (Intero 10 €, Ridotto per Iscritti alla Newsletter de LaCorelli: 8 €; Ridotto per membri di Associazioni di Promozione Culturale: 8 €; Ridotto per scritti ad una scuola di musica: 5 €; Ridotto per Studenti fino a 18 anni: 5 €; Ridotto per over 60: 5 €. I bambini sotto i 6 anni e diversamente abili entrano gratis). 

-- 

Responsabile Ufficio Stampa
LA CORELLI Società Cooperativa
Via Classicana, 313 - 48124 Ravenna
Tel. 320 4159565

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl