comunicato spettacoli scuola Paolo Grassi

comunicato spettacoli scuola Paolo Grassi Scuola d'Arte Drammatica Paolo Grassi Comunicato stampa Giovedì 10 luglio 2008 Festival laboratorio internazionale Arlecchino domani Con i due spettacoli del 10 luglio, preceduti alle ore 18.45 dall'incontro "I comici dell'arte a Venezia"con Carmelo Alberti, il festival Laboratorio sulla commedia dell'arte si incammina sulla via di Venezia di Arlecchino.

08/lug/2008 23:10:00 Scuola d'arte drammatica Paolo Grassi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
 

Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi

 

Comunicato stampa

 

 

 

Giovedì 10 luglio 2008

Festival laboratorio internazionale  Arlecchino domani

 

Con i due spettacoli del 10 luglio, preceduti alle ore 18.45 dall’incontro I comici dell'arte a Venezia”con Carmelo Alberti, il festival Laboratorio sulla commedia dell’arte si incammina sulla via di Venezia di Arlecchino. Alle ore 20.30 l’ICAI -- Istituto della Commedia dell’Arte Internazionale - presenta una lezione spettacolo dal titolo L’attore e’ spettatore?”, mentre alle 21.30 sono i Pantakin ad andare in scena con “Arlecchino/Don Giovanni”.

 

 

ore 20.30

L’attore e’ spettatore?”

con

Francesca Sarah Toich  Emanuele Piovene Portogodi  Ilaria Pasqualetto  Giacomo Trevisan

Andrea Santini  Matteo Momentè Paolo Cutuli  Cristina Pistorello  Henry Mbugua  Diana Dal Prà.

 

La commedia dell’Arte come indagine del cuore umano, come significazione aperta e libera ,tutta rivolta ai doni della natura.. La lezione spettacolo dell’ICAI  - Istituto per la Commedia dell’arte fondata a Venezia da Gianni de Luigi  - vuole essere una sorta di anatomia dell’origine della commedia e della scelta interpretativa da parte dell’attore alla ricerca del proprio personaggio,  con  e senza maschera: tra danza e acrobazia, guardando ad oriente e servendosi di testi che testimoniano una Venezia cosmopolita tra suoni ,dialetti e sentimenti.

Dalla nascita dello Zanni a quella dell’Arlecchino, lo spettacolo diventa strumento di confronto tra tradizione e contemporaneità..Se il pensiero occidentale separava, e separa, il corpo e la mente in due sfere ben distinte e contrapposte, le maschere della commedia dell’arte rappresentano una  possibile interrattività.

 

 

ore 21.30

“Arlecchino/Don Giovanni”

con la Compagnia Pantakin.



Tratta dal canovaccio inedito Le Festin de Pierre di "Dominique" Biancolelli, risalente al 1600, la commedia è stata riscritta da Roberto Cuppone e Michele Modesto Casarin.. Arlecchino/Don Giovanni ha un titolo volutamente ambiguo: la storia è sì quella di Don Giovanni, ma il suo servo è il noto personaggio dal corsetto multicolore.

Quattro attori (Michele Modesto Casarin, Manuela Massimi, Federico Scridel e Roberto Serpi), interpretano dodici personaggi nei rispettivi dialetti, passando dal veneziano di Arlecchino al napoletano di Pulcinella, dal bolognese allo spagnolo.
Fondamentale è anche il lavoro di ricerca sulla maschera: Stefano Perocco, uno dei più prestigiosi mascherai italiani, ha realizzato le sette che gli attori usano in scena.

Come insegna la lunga tradizione della Commedia dell'Arte, gli artisti sono liberi di improvvisare, creando una vera e propria interazione fra attori e spettatori: un'ora e mezza di battute dialettali, scherzi, burle, lazzi, tutto attorno a un palchetto ovale, a una tavola da pranzo, sopra e sotto la quale agire.

 

 

 

 

 

Per informazioni:

Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi

Via Salasco 4 20136 Milano

Tel. 0258302813

 

Costo: 12 per i due spettacoli + incontro

 



 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl