Il giaggiolo acquatico, ottimo per i climi rigidi

21/feb/2013 12:27:53 Davide Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il giaggiolo acquatico (Iris pseudacorus) appartiene alla famiglia delle Iridaceae, si tratta di una famiglia che procede da regioni tropicali dell’America meridionale e centrale e dell’Africa meridionale, e nonostante questo, il giaggiolo acquatico, sopporta molto bene i climi rigidi.

E’ una pianta acquatica che cresce in zone umide, anche se può sopravvivere a lungo all’asciutto, riesce a tollerare un basso pH e suoli privi di ossigeno. Possiamo descrivere questa pianta come una pianta erbacea perenne, con un’altezza di 1-1,5 metri, le foglie sono lunghe fino a 90 cm e larghe 3 cm, i fiori sono di colore giallo brillante ed hanno la caratteristica forma da Iris, presenta pure un piccolo frutto di 4-7 cm con forma di capsula nel cui interno ci sono dei semi marrone chiaro. Nonostante il giaggiolo acquatico venga ampiamente utilizzato come pianta ornamentale, in verità è ottimo per la fitodepurazione (per maggiori approfondimenti visita il sito fitodepura.com).

Da alcuni studi comparati con altre specie, difatti, ha ottenuto risultati molto buoni per quanto riguarda la rimozione di inquinanti, specialmente per quanto riguarda la rimozione di azoto In studi comparativi con altre specie, per la rimozione di inquinanti, ha ottenuto risultati molto buoni, soprattutto nella rimozione di azoto, pure in inverno, quando le altre specie di piante fermano il loro metabolismo.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl