Impianti elettrici industriali: la normativa di riferimento

20/mag/2019 16:22:46 switchup Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Qual è la normativa che regola la progettazione e l’installazione degli impianti elettrici industriali?

 

Chi di mestiere progetta e si occupa dell’installazione di impianti elettrici industriali sa che la normativa di riferimento è la CEI 64-8, che definisce i criteri di efficienza energetica sia per la progettazione di nuovi edifici che per la riqualificazione energetica di quelli già esistenti.

Gli impianti elettrici industriali sono più complessi rispetto a quelli civili, perché sono necessari per il funzionamento di macchinari complessi, progettati e realizzati secondo rigide norme. Per durare a lungo ed essere in totale sicurezza, i materiali scelti devono essere solo ed esclusivamente di qualità a marchio IMQ. È necessario garantire la massima protezione delle persone dai contatti diretti ed indiretti, fissando quindi coperture e barriere sulle parti attive, che devono durare nel tempo e resistere all’usura e alle condizioni ambientali.

La norma generale CEI 64-8 per impianti elettrici industriali prevede che siano sempre presenti gli interruttori differenziali, in grado di interrompere il flusso elettrico di energia in un circuito in caso di guasto. Per proteggere le persone dai contatti indiretti, invece, la messa a terra dev’essere collegata alle parti metalliche dell’impianto con conduttori di protezione. Tubi e cavi devono essere posati con cura ed attenzione, protetti da urti e in luoghi con sufficiente aerazione; devono essere in materiale ignifugo, come anche i cavi, e permettere di infilare e sfilare i cavi stessi agevolmente. I quadri esterni devono avere protezione minima IP55, contro i getti d’acqua e le polveri. Prese e spine devo essere scelte tra quelle adatte ad uso industriale e interruttori, prese e comandi sono fissati con la protezione minima IPXXB, ovvero con parti inaccessibili.

Le verifiche degli impianti elettrici industriali sono tenute da organismi appositi; quelle iniziali sono necessarie per ottenere la dichiarazione di conformità, mentre quelle periodiche attestano la sicurezza e il corretto funzionamento dell’impianto e di tutte le sue parti secondo il DPR 462/02.

Sia nel caso di un impianto elettrico industriale che domestico una regola vale sempre: non sono permessi errori e l’impianto deve essere realizzato a regola d’arte. Per evitare pericoli dovuti a disattenzioni o poca esperienza, rivolgetevi a mani esperte!

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl