Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Edilizia Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Edilizia Wed, 26 Sep 2018 08:51:42 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/1 Knauf contro il fuoco con più formazione e più soluzioni Mon, 24 Sep 2018 11:44:51 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/492776.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/492776.html RGR Comunicazione RGR Comunicazione Knauf, leader nel mercato dell’edilizia leggera, si presenta a Safety Expo 2018 con numerose novità tra cui

·         una gamma di attraversamenti sempre più ampia,

·         le nuove lastre Thermax migliorate e ancora più sicure, punta di diamante di una gamma di lastre per la protezione passiva senza eguali sul mercato

·         e con l’aggiornamento della linea di primer e pitture intumescenti.

Oltre a questo, la strategia della Divisione Knauf Antincendio si caratterizza soprattutto per il fortissimo impegno sul fronte della formazione, chiaramente testimoniato dal seminario sulla riqualificazione antincendio dedicato ai progettisti e soprattutto dalle nuove pubblicazioni in tema di protezione dal fuoco dedicate agli specialisti del settore e rilasciate proprio in occasione del Safety Expo 2018.

 

Prevenire con la formazione

La formazione è infatti l’elemento unificante della strategia Knauf per la protezione passiva dal fuoco, che passa per lastre, intonaci, pitture intumescenti, attraversamenti e soprattutto per soluzioni complete e integrate. E’ solo grazie a un’adeguata formazione degli operatori che tutti questi componenti possono essere correttamente impiegati per contribuire alla costruzione di una protezione adeguata e soprattutto efficace. Per questo Knauf terrà il 19 settembre alle 9.30, nel contesto di Safety Expo, un seminario dedicato ai progettisti a cura dell’Architetto Gianluca Rigamonti che analizzerà le soluzioni per la riqualificazione antincendio mediante sistemi a secco, con particolare attenzione all’adeguamento di attraversamenti impiantistici, condotte di ventilazione ed evacuazione fumi.

A Safety Expo inoltre Knauf rilascerà il nuovo Manuale di Protezione Passiva, aggiornatissimo e completo di tutte le sue soluzioni antincendio e delle relative certificazioni. Utilissimo poi a chi materialmente redige capitolati e studia soluzioni a norma di legge sarà l’Elenco delle Certificazioni Antincendio, che raccoglierà e renderà disponibili in un unico documento tutte le soluzioni antincendio Knauf certificate, semplificando così il lavoro di progettisti e tecnici.

 

Attraversamenti antincendio Knauf, ideali per l’edilizia a secco e tradizionale

Il diavolo si annida nei dettagli e il fuoco negli attraversamenti. Per questo la tecnologia Knauf propone una nuova e vastissima gamma di soluzioni ideali per tutti i problemi di attraversamenti impiantistici, con prodotti integrati e certificati. Tra gli ultimi arricchimenti della gamma Knauf citiamo:

·         i cuscinetti e materassini antifuoco KF-Bags e KF-Masa,

·         le protezioni per tubi metallici KF-Pipeprotection,

·         le protezioni per i giunti di dilatazione KF-Joint e Seismic Joint,

·         i nuovi collari KF-Collar®, Multicollar e Collar C, per tubazioni combustibili e applicazioni speciali,

·         i pannelli KF-Panel per la chiusura dei varchi,

·         la schiuma poliuretanica KF-Grafit Foam per sigillare aperture,

·         le coppelle per la protezione dei tiranti KF-PSR 120,

·         il sigillante KF-Seal

·         i KF-Cover String per la protezione di piccoli attraversamenti di controsoffitti collaboranti.

Tutte queste novità, unite alla già vasta gamma di soluzioni Knauf per gli attraversamenti, offrono a progettisti e costruttori l’opportunità di realizzare impianti capaci di togliere al fuoco ogni possibilità di propagarsi.

 

Novità anche negli intonaci ignifughi con Knauf Vermiplaster® / MP75L Fire.

Per un sistema di protezione efficace sono necessari anche intonaci ignifughi. In questo ambito Knauf lancia il nuovo Vermiplaster® MP 75L Fire, ideale per la protezione degli elementi strutturali, con legante a base gesso additivato con perlite e vermiculite espansa che offre massima protezione al fuoco, rapidità di essiccazione, facilità di lavorazione, resa elevata e possibilità di applicazione su profili metallici e superfici in calcestruzzo. Idoneo anche per aree con alimenti, è stato sviluppato appositamente per ambienti interni e aderisce perfettamente anche in punti critici e supporti difficili come il rivestimento in lamiera grecata.

 

 

Lastre Knauf Thermax® SL 50, tecnologia al servizio della sicurezza.

Tra le lastre per protezione passiva troviamo Knauf Thermax® SL 50, in vermiculite, certificata EI120 per condotte verticali e orizzontali di evacuazione fumi e di ventilazione. Grazie al suo spessore maggiorato a 50 mm, garantisce un’eccezionale resistenza al fuoco sia dal lato interno che dal lato esterno. Leggerissima, facile da tagliare e da applicare, ha una elevata intumescenza (espande il proprio volume dalle 15 alle 20 volte). Costituita da materiale ecologico al 100% e priva di quarzo libero, la lastra Thermax® SL 50 è asettica, resiste a funghi e batteri e pertanto è particolarmente ideale per impianti di trattamento dell’aria, per installazioni di bioedilizia e comunque per l’edilizia di qualità, attenta alla salute umana.

 

Pitture intumescenti, sempre più efficaci

Il cerchio delle soluzioni passive Knauf si chiude con le pitture intumescenti Interchar® ad acqua e a solvente a rapida essiccazione, con i relativi primer speciali dedicati alla protezione di strutture in acciaio, la cui gamma è stata recentemente aggiornata. Sottoposte all’aumento di temperatura, queste pitture si espandono anche fino a 100 volte, grazie alla formazione di una schiuma così efficace da proteggere per ore le sottostanti strutture. A completamento, specifiche finiture colorate permettono di proteggere la pittura intumescente da ambienti aggressivi, migliorando inoltre l’aspetto estetico delle strutture così trattate.

 

Protezione completa, elevata e certificata

Una reale protezione passiva dal fuoco richiede soluzioni complete, sicure e certificate. A garantire l’efficacia e la continuità della protezione non è il singolo componente ma l’intero sistema costruttivo. Per questo la divisione Knauf Antincendio offre soluzioni complete e certificate per realizzare pareti, rivestimenti, controsoffitti, setti e membrane per cavedi impiantistici, protezioni di strutture in acciaio e c.a., condotte di ventilazione aria  e di evacuazione fumi con caratteristiche di elevata resistenza e tenuta al fuoco.

Grazie alle naturali proprietà isolanti dei materiali a noi più familiari come il gesso, la vermiculite e la perlite, si raggiungono le più alte prestazioni. Ogni singolo componente del Sistema Knauf Antincendio è severamente testato dai laboratori e accompagnato dalle certificazioni previste dalle normative in tema di sicurezza antincendio. Nella lotta contro il fuoco Knauf è l’alleato migliore di ogni professionista, che può trovare la più ampia gamma di materiali e soluzioni per la protezione passiva, con oltre 100 certificazioni disponibili in Italia.” Sintetizza l’ing. Peter Farbood, Product Manager della linea Antincendio di Knauf Italia (in foto).

]]>
Comunicato stampa - addolcitore eVOLUTION -60% nei consumi di acqua e sale Thu, 20 Sep 2018 11:10:40 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/492489.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/492489.html Ufficio Stampa Ufficio Stampa

Eleonora Bertucca <bertucca@gwcworld.com>

Allegati09:33 (1 ora fa)
7c9f4ec5c3, Ccn: Giulia

Primi freddi? Stop ai rincari


In vista dell’arrivo della stagione autunnale, EcoWater Systems presenta l’addolcitore Wi-Fi eVOLUTION: -60% nei consumi di acqua e sale rispetto ai concorrenti




(Modena - 20 settembre 2018) - Il fronte freddo in avvicinamento non segna solo l’arrivo della nuova stagione ma anche la minaccia di rincari sulle bollette delle famiglie italiane. Nel 2013, secondo l’Annuario Statistico Italiano 2016 di ISTAT, la spesa media sostenuta per famiglia per i consumi energetici si aggirava attorno ai €1600 con picchi di €2000 (Valle d’Aosta).


A pesare su questi costi è anche l’inefficienza energetica degli impianti, talvolta molto vecchi, dove depositi, calcare e fanghi ne diminuiscono verticalmente le prestazioni termiche. Basti pensare che ogni millimetro di incrostazione dovuta al calcare causa una perdita del 10% dell’efficienza energetica (fonte Aqua Italia).


EcoWater Systems® - società Marmon Group di proprietà dell’oracolo di Omaha, Warren Buffet - ha progettato l’addolcitore Wi-Fi eVOLUTION che rimuove le particelle di calcio e magnesio in eccesso garantendo l’efficienza energetica della caldaia e l’eliminazione del calcare negli impianti e nella rubinetteria. Con il trattamento dell’acqua, infatti, è possibile un recupero di efficenza della caldaia tra il 15 e il 17% all’anno cui sommare il 5/6% sul circuito di riscaldamento (Fonte: Aqua Italia), senza dimenticare un risparmio fino al 50% nell’utilizzo di saponi e detergenti (Fonte Battelle Report 2011).


Inoltre eVOLUTION, grazie all’implementazione della migliore tecnologia sul mercato, consuma fino al 60% di acqua e sale in meno rispetto ai concorrenti. Grazie alla funzione Wi-Fi è possibile controllarlo da PC, tablet e smartphone e grazie alla tecnologia Hydrolink Plus® avvisa via sms e email quando è necessario rifornire il sale o quando si registra un consumo inatteso di acqua.






In allegato comunicato stampa

Immagini scaricabili dal seguente link: https://we.tl/t-IZnmBmQnyp


Resto a disposizione per ogni approfondimento e ringrazio sin da ora per la segnalazione di eventuali pubblicazioni.

________________
Eleonora Bertucca
Ufficio stampa EcoWater Systems®
GWC WORLD Milano

3387059049

]]>
Torna domenica 23 settembre la "Benaco Run" Thu, 20 Sep 2018 10:04:09 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/492474.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/492474.html Metalpoint Srls Metalpoint Srls

Torna domenica 23 settembre la “Benaco Run”, la gara podistica non competitiva che si tiene a Torri del Benaco, sulla sponda veronese del Lago di Garda. La gara, organizzata dall’omonima associazione con il patrocinio del comune di Torri, punta a far scoprire non solo il comune gardesano, ma anche le colline circostanti.

Già dalla prima edizione la Benaco Run ha riscosso parecchio successo tra i podisti dei comuni circostanti, dalla provincia ma non solo. Nel 2016 furono 600 i partecipanti, cresciuti a 700 nel 2017, ma quest’anno si punta a un nuovo record.

Il terzo trofeo “Città di Torri del Benaco” si snoderà lungo tre percorsi: 7, 14 e 21 km. Il ritrovo è fissato per le 7 al Parco Castello di Torri, precedendo di una mezz’oretta il risveglio muscolare di gruppo prima della partenza fissata per le 8:30. Le iscrizioni per i singoli saranno possibili fino a mezz’ora prima della partenza alla quota di 3€, includendo assicurazione giornaliera, ristori lungo il percorso e un ricco pacco gara. Per concludere il percorso ci sarà un tempo massimo di 5 ore.

Per informazioni e iscrizioni si può contattare il numero 342 8044072 o l’evento Facebook.

 

E se dopo la gara (magari da fare in coppia) vi viene fame, scegliete un ristorante romantico sul Lago di Garda, per una domenica davvero indimenticabile!

 

]]>
La manutenzione di ascensori è al top a Busto Arsizio con Amca Mon, 17 Sep 2018 16:23:30 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/492067.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/492067.html Zenzero Comunicazione Zenzero Comunicazione

Così come le automobili vanno sottoposte a regolari tagliandi e revisioni, delle caldaie si devono controllare funzionamento e produzione di fumi, e i sistemi antincendio vanno periodicamente verificati da addetti alla sicurezza, anche gli ascensori necessitano di controlli eseguiti con cadenza regolare: è solo in questo modo, infatti, che se ne può garantire un funzionamento ottimale e prevenire danni legati all’usura.

Logo Amca ElevatoriNon a caso, l’importanza delle manutenzioni è stata disciplinata anche dal nostro ordinamento giuridico: nel DPR 162/99 è infatti contenuto l’obbligo di eseguire ogni sei mesi (minimo) i controlli di sicurezza. Grazie a un’accurata manutenzione è possibile:

  • Evitare il blocco degli impianti, neutralizzando sul nascere eventuali problematiche
  • Estendere la durata di “vita” dell’ascensore, rimpiazzando le parti usurate prima che esse possano causare ulteriori danni ad altri componenti
  • Permette una migliore gestione delle risorse finanziarie, attraverso la riduzione delle spese impreviste dovute alla riparazione dei guasti

Il servizio di manutenzione ascensori effettuato a Busto Arsizio dall’azienda Amca Elevatori è in grado di regalare ai suoi clienti tutti questi vantaggi pratici, offrendo un servizio di alto livello che essendo multimarca può occuparsi di impianti di ogni tipo.

La manutenzione di impianti elevatori a cura di Amca è caratterizzata da un rapporto qualità/prezzo particolarmente conveniente, ed è modulabile in base alle più specifiche esigenze della clientela. Per informazioni: 0332.333.122.

]]>
Best 3 Online Screen Sharing Software in 2018 Mon, 10 Sep 2018 09:41:27 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/491087.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/491087.html eztalks eztalks Selecting the best video teleconference equipment plays an extremely essential part in today's commercial era. It is also important to use your management skills and abilities effectively to run such meetings successfully. Recent technological advancements have also changed the manners of conducting group business meetings. The innovation of teleconferencing is getting more and more popularity. Zoom is one of the most famous teleconference brands, but this passage will introduce more brands to you which may be cheaper but can also own superior features. Here are the advantages and disadvantages of online meetings in some famous brands.

#1. ezTalks Meetings

ezTalks Meetings is arguably one of the best free online meeting platforms currently on the market and it is also the most powerful alternative to Zoom app. The product allows users to build their video conferencing rooms for video collaborationonline meetings, education forums, online webinars, video conferencing interviews, training, enterprise video conferencing, sales meeting with a client, and so on and so forth. It is the typical representative of "cheap and cheerful"! The app gives users the opportunity to hold meetings with up to 100 participants on the free version and up to 500 on the pro plan. Other features of this software include the following:

  • Supportfree screen sharing tools;
  • High definition voice and images;
  • It has a recording and playback feature;
  • Can be built/installed on a private server;
  • Dial-in by telephone;

Advantages of ezTalks Meetings

  • Mobile and desktop apps are available

Just Zoom, the app is accessible on both desktop and mobile devices. Precisely, it is mobile friendly and it is compatible with Android, Windows, and iOS platforms.

  • Fairly priced

We saw previously that Zoom was quite discouraging because it was relatively expensive. However, ezTalks Meetings is one of the most affordable teleconferencing apps. In fact, ezTalks also features a generous free plan so that you can easily try and use the software by inviting up to 100 people for video meetings. It also allows up to 10,000 participants (with crystal-clear audio and HD video) for paid plan.

  • Registration and operation is easier

If you are looking for an app that you can register within seconds, the ezTalks Meetings is the right choice. ezTalks helps you not only to host an online meeting for free conveniently but also help your colleagues and customers join online meetings (practically from any device) without the need for additional software or hardware, contributing to the better productivity. That is not all tough, all the operation tools are clearly visible and self-explanatory. It is easy to know how to host online meeting on iphonehost online meeting on ipad or other devices. So using the app is just a touch of a button!

#2. GoToMeeting

If you are scheduling a meeting, mostly with employees who are not directly in office or department and those who’re working remotely, GoToMeeting may be the ideal online meeting room scheduler software. It is an extremely easy piece of a video collaboration app for even novice users to set up and begin working.

Key features:

  • Supportup to 100 participants meeting at a go
  • Offer HD voice and HD images
  • Users are invited using links
  • Dial-in support feature is present
  • Avirtual whiteboard available
  • Supportlive meeting recording

Advantages of Go ToMeeting

  • Easy-to-follow installation prompts allows even novice users to install and get working with the app, upon getting an invitation link
  • Meetings can be done anywhere, anytime; now that the supports mobile and desktop devices running on Mac, Windows, OS, Android, and iOS

Cons of GoToMeeting

  • The app’s video chat features are not as stout as others are
  • The chat feature is not always intuitive for users
  • It has bandwidth related issues as its space is limited
  • It is relatively expensive as compared to other apps of its class

#3. LogMeIn

LogMeIn is one of the best alternatives to the Zoom teleconferencing software. This product can loosely be referred to as an advanced virtual/remote desktop sharing software/application. The app is available in two versions, the LogMeIn Central/Pro, which is suitable for individuals, small business, and IT professionals, and the LogMeIn Rescue, which best serves as a helpdesk software used by technicians to access remote client’s servers.

Features of LogMeIn

  • Safe and secure
  • It captures screenshots, support file transfer, and records sessions
  • Fast and reliable
  • The app has some of the most advanced IT related features

LogMeIn advantages

  • The app provides a secured connection that seamlessly accesses the client’s server and data
  • Provide alternative ways to access the app, either through URL link or downloadable app
  • The software offers a simple and clear user interface, which is often easier to navigate

Disadvantages of LogMeIn

  • It lacks performance and has many connection issues when using Macs
  • It is one of the most expensive teleconferencing software

#4. TeamViewer

Though TeamViewer is more popularly known as a hassle-free and fast way to troubleshoot remote computers, it also is an amazing online meeting solution using which you can get your teammates together, chat, work together, and share screen. TeamViewer, as an online meeting plannerallows you to plan your meeting in advance and send email to your attendees stating when they need to join, or you may even host instant meetings. During the meetings you can share your screen or even select someone else as the "host" so that they can share their screen. Streaming videos through the webcam is also possible which gives the team members a chance to see each other while talking. TeamViewer has its mobile app too which makes it possible for you to attend meetings from your Android or iOS device.

 

Using teleconferencing equipment for any kind of remote meetings always result in low overhead costs, quick decision-making, seamless collaboration, and convenience. Those Zoom alternatives explained above are indeed excellent depending on what features users are looking for. In other words, if you feel like you cannot put up anymore with the shortcomings of the Zoom teleconference software and online screen sharing software, then you have myriad of options to explore that will ultimately suit your needs.

]]>
Logistica e magazzino: focus sulle scaffalature cantilever Fri, 07 Sep 2018 17:09:07 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/490974.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/490974.html switchup switchup Le scaffalature industriali cantilever sono strutture statiche in metallo che sono utilizzate come scaffali per lo stoccaggio di carichi lunghi, che non riescono ad essere riposti all’interno di pallet, come barre di ferro, tubi, lamiere, travi in legno e pannelli. Trovano quindi applicazione soprattutto nelle industrie meccaniche, metalmeccaniche, falegnamerie e in tutte le aziende che lavorano con materie prime, semi-lavorati e lavorati medio-leggere o pesanti di grandi lunghezze.

Le scaffalature metalliche cantilever sono realizzate con una serie di colonne in acciaio poggiate su una base, a cui vengono agganciate le mensole a seconda delle diverse necessità del cliente. La movimentazione della merce è invece semplificata dai sostegni a sbalzo ed all’assenza di montanti sul lato frontale. Inoltre, i bracci delle scaffalature per carichi lunghi possono essere adattate a seconda dell’altezza del magazzino e del peso di carico delle diverse merci.

Ecco in breve alcuni dei principali vantaggi della scaffalatura cantilever:

·         Libertà nello stoccaggio, grazie all’assenza di ostacoli dettati dalla struttura

·         Modularità delle scaffalature per lo stoccaggio di carichi a lunghezza variabile

·         Realizzazione su misura a seconda della portata

·         Facilità e velocità nella verticalizzazione delle merci

·         Possibilità di raggiungere altezze molto elevate

·         Livelli altamente regolabili

·         Ideali per utilizzo sia interno che esterno

]]>
Il sistema maschiato: arriva il pavimento galleggiante con le caratteristiche della posa tradizionale Fri, 31 Aug 2018 14:54:08 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/490231.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/490231.html Mantanera Mantanera Il sistema maschiato è una tipologia di pavimentazione particolarmente indicata per le ristrutturazioni, non solo di uffici ma anche di ambienti destinati ad uso commerciale e residenziale. Grazie al sistema maschiato si ottengono risultati compositivi eccellenti ed esteticamente eleganti.

Il sistema maschiato si utilizza quando per motivi tecnici è necessario un pavimento galleggiante (per esempio quando al di sotto della pavimentazione si trovano impianti e cavi cui accedere con comodità) ma è richiesta anche una posa tradizionale in tempi rapidi.

Il miglior prodotto che potete trovare per realizzare un pavimento sopraelevato con sistema maschiato è costituito da pannelli in solfato di calcio spessi 32 mm. Questi pannelli vengono montati direttamente sui piedini della struttura galleggiante sottostante e incollati tra loro grazie alla maschiatura sul perimetro.

Il risultato che si ottiene è quello di creare una vera e propria soletta a secco; a seconda dell’altezza dei supporti del pavimento galleggiante è possibile creare intercapedini fino a 120cm, fruibili progettando apposite botole di ispezione posizionate per consentire l’accesso agli impianti sottostanti.

Dopo l’installazione del sistema maschiato viene posata la pavimentazione soprastante che potrà essere effettuata in modo tradizionale e senza alcun vincolo compositivo.

]]>
Il sistema maschiato: arriva il pavimento galleggiante con le caratteristiche della posa tradizionale Fri, 31 Aug 2018 14:44:21 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/490229.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/490229.html Mantanera Mantanera Il sistema maschiato è una tipologia di pavimentazione particolarmente indicata per le ristrutturazioni, non solo di uffici ma anche di ambienti destinati ad uso commerciale e residenziale. Grazie al sistema maschiato si ottengono risultati compositivi eccellenti ed esteticamente eleganti.

Il sistema maschiato si utilizza quando per motivi tecnici è necessario un pavimento galleggiante (per esempio quando al di sotto della pavimentazione si trovano impianti e cavi cui accedere con comodità) ma è richiesta anche una posa tradizionale in tempi rapidi.

Il miglior prodotto che potete trovare per realizzare un pavimento sopraelevato con sistema maschiato è costituito da pannelli in solfato di calcio spessi 32 mm. Questi pannelli vengono montati direttamente sui piedini della struttura galleggiante sottostante e incollati tra loro grazie alla maschiatura sul perimetro.

Il risultato che si ottiene è quello di creare una vera e propria soletta a secco; a seconda dell’altezza dei supporti del pavimento galleggiante è possibile creare intercapedini fino a 120cm, fruibili progettando apposite botole di ispezione posizionate per consentire l’accesso agli impianti sottostanti.

Dopo l’installazione del sistema maschiato viene posata la pavimentazione soprastante che potrà essere effettuata in modo tradizionale e senza alcun vincolo compositivo.

]]>
Il sistema maschiato: arriva il pavimento galleggiante con le caratteristiche della posa tradizionale Fri, 31 Aug 2018 14:44:11 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/490228.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/490228.html Mantanera Mantanera Il sistema maschiato è una tipologia di pavimentazione particolarmente indicata per le ristrutturazioni, non solo di uffici ma anche di ambienti destinati ad uso commerciale e residenziale. Grazie al sistema maschiato si ottengono risultati compositivi eccellenti ed esteticamente eleganti.

Il sistema maschiato si utilizza quando per motivi tecnici è necessario un pavimento galleggiante (per esempio quando al di sotto della pavimentazione si trovano impianti e cavi cui accedere con comodità) ma è richiesta anche una posa tradizionale in tempi rapidi.

Il miglior prodotto che potete trovare per realizzare un pavimento sopraelevato con sistema maschiato è costituito da pannelli in solfato di calcio spessi 32 mm. Questi pannelli vengono montati direttamente sui piedini della struttura galleggiante sottostante e incollati tra loro grazie alla maschiatura sul perimetro.

Il risultato che si ottiene è quello di creare una vera e propria soletta a secco; a seconda dell’altezza dei supporti del pavimento galleggiante è possibile creare intercapedini fino a 120cm, fruibili progettando apposite botole di ispezione posizionate per consentire l’accesso agli impianti sottostanti.

Dopo l’installazione del sistema maschiato viene posata la pavimentazione soprastante che potrà essere effettuata in modo tradizionale e senza alcun vincolo compositivo.

]]>
Mutui: in Sardegna richiesta in aumento del 2,7% Tue, 14 Aug 2018 12:37:02 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488852.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488852.html Facile.it Facile.it Buone notizie sul fronte dei mutui in Sardegna; secondo i dati dell’osservatorio congiunto Facile.it - Mutui.it realizzato su un campione di oltre 1.200 richieste di finanziamento*, nel corso del primo semestre 2018 l’importo medio richiesto dagli aspiranti mutuatari sardi è stato pari a 108.958 euro, valore in aumento del 2,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno prima.

A crescere non sono stati solo gli importi richiesti agli istituti di credito, ma anche il Loan To Value, vale a dire la percentuale di valore dell’immobile che si intende finanziare tramite il mutuo. Nel primo semestre 2017 era pari a 62,2%, mentre nei primi sei mesi del 2018 è aumentato assestandosi al 66,9%.

I tassi di interesse ancora ai minimi storici, si legge nell’analisi, hanno incentivato gli aspiranti mutuatari a chiedere importi maggiori agli istituti di credito e spinto sempre più richiedenti verso i mutui a tasso fisso; nel corso del primo semestre 2018 più di 8 richieste su 10 tra quelle presentate nella regione (83,6%) erano indicizzate a tasso fisso, valore in aumento di ben 8 punti percentuali rispetto al primo semestre del 2017 (75,6%).

Il perdurare delle condizioni di mercato estremamente favorevoli ha inoltre favorito l’accesso al mercato dei mutui anche ai più giovani. Guardando alle richieste di finanziamento presentate in Sardegna emerge che la percentuale di under 35% che si sono presentati in banca per ottenere l’OK all’acquisto della casa è passata dal 18,9% del primo semestre 2017 al 22% dei primi sei mesi del 2018. Di conseguenza, si è abbassata l’età media di chi ha cercato di ottenere un finanziamento che, nello stesso periodo, è scesa di oltre 1 anno, stabilizzandosi a poco più di 43 anni.

L’andamento provinciale

Analizzando i numeri dello studio in ottica locale, si scopre che fra le province sarde quella in cui gli aspiranti mutuatari hanno cercato di ottenere le cifre maggiori è Nuoro (119.478 euro), seguita da Sassari (111.410 euro). Notevolmente distanziata Oristano (richiesta media 100.315 euro), mentre Cagliari si ferma poco sotto ai 110.00 euro (109.669 euro). I nuoresi, con una media del 75,9%, sono anche i sardi che chiedono alla banca di finanziare la percentuale maggiore del valore dell’immobile che hanno in mente di acquistare con il mutuo; i cagliaritani, di contro, quelli che sembrano sentire meno la necessità di un aiuto dell’istituto di credito (64,4% l’LTV medio della provincia). Guardando ai tassi è Sassari la più prudente, qui sono indicizzate a tasso fisso addirittura l’87,16% delle domande di mutuo).

I mutui prima casa

 

Restringendo l’analisi ai solo mutui prima casa la situazione muta leggermente. Le richieste del primo semestre 2018 sono state pari, in media, a 112.661 euro mentre, nello stesso periodo del 2017, si erano presentate in banca domande di valore pari a 113.603 euro (-0,8%). Aumentano sia l’LTV (nel primo semestre 2017 era pari al 74,2%, a giugno 2018 è diventato 77, 5%) sia il tempo previsto per restituire il prestito alla banca; 23 anni e 1 mese nel 2017, 23 anni e 6 mesi oggi.

]]>
Mutui: in Toscana erogato in aumento dell’1,85% Tue, 14 Aug 2018 12:36:25 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488851.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488851.html Facile.it Facile.it In Toscana si chiedono mutui di importo inferiore rispetto al passato, ma aumenta il valore medio dei finanziamenti effettivamente concessi dalle banche; è questo il bilancio emerso dall’osservatorio congiunto Facile.it - Mutui.it realizzato su un campione di oltre 4.000 domande di finanziamento raccolte dai due portali nell’ultimo anno*. Se nel primo semestre 2018 la richiesta media presentata dagli aspiranti mutuatari toscani, pari a 133.507 euro, è diminuita dell’1,75% rispetto ai primi sei mesi del 2017, nello stesso periodo le somme effettivamente erogate dagli istituti di credito sono aumentate dell’1,85%, arrivando a un taglio medio pari a 130.853 euro.

La maggiore disponibilità da parte delle banche si è riflessa anche negli LTV, vale a dire il rapporto tra il valore del mutuo e quello dell’immobile da acquistare. Se nel primo semestre 2017 i finanziamenti erogati nella regione servivano a coprire, in media, il 59,7% del valore della casa, nei primi sei mesi del 2018 la percentuale è salita al 65,8%.

Per approfittare dei tassi estremamente favorevoli garantiti dal mercato è aumenta, inoltre, la percentuale di aspiranti mutuatari toscani che hanno cercato di ottenere un mutuo a tasso fisso; erano il 74,9% del totale nel primo semestre 2017, sono stati il 78,8% nei primi sei mesi del 2018.

Importi maggiori, di contro, si sono tradotti in tempi medi di restituzione più lunghi; chi ha ottenuto in Toscana un finanziamento nel corso dei primi sei mesi del 2018 lo restituirà, in media, in 22 anni e 10 mesi, erano poco più di 21 e 3 mesi nel primo semestre del 2017.

L’andamento provinciale

Analizzando le domande di mutuo a livello provinciale, emerge che gli importi medi più alti sono stati richiesti a Massa-Carrara (146.973 euro), Grosseto (144.025 euro) e Firenze (141.556 euro); i più bassi ad Arezzo (113.235 euro), Pistoia e Siena (per entrambe poco più di 123.000 euro). Guardando al valore LTV delle richieste di mutuo, invece, la forbice varia tra il 61,3% registrato a Siena e il 69,4% di Massa-Carrara.

Dati interessanti emergono, inoltre, analizzando la scelta del tasso; quello fisso si conferma di gran lunga il preferito dalla maggioranza dei toscani, seppur con alcune differenze significative a livello territoriale. A Siena e provincia, ad esempio, le richieste di mutuo a tasso fisso hanno quasi raggiunto l’84% del totale, valore più alto registrato in tutta la regione; più di 8 domande su 10 erano indirizzate al fisso anche a Prato (81,1%), Arezzo (80,7%) e Lucca (80,2%), mentre le percentuali minori sono state quelle rilevate a Pisa (75,5%) e Pistoia (75,6%). Sotto alla media regionale anche Grosseto (76,1%) e Firenze (78,5%).

Mutui prima casa

Restringendo l’analisi alle sole domande di mutuo prima casa raccolte in tutta la regione, emerge che l’importo medio richiesto nel corso del primo semestre 2018 è stato pari a 140.260 euro, necessario a coprire, in media, il 73,3% del valore dell’immobile da acquistare.

 

L’età media di chi ha fatto richiesta di mutuo per l’acquisto dell’abitazione principale è pari a poco meno di 39 anni, con un piano di ammortamento medio di 24 anni.

]]>
Amministratore di condominio Roma: ciò che c’è da sapere Mon, 13 Aug 2018 17:05:59 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488780.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488780.html Romaweblab Romaweblab Amministratore di condominio Roma: ciò che c’è da sapere

Una delle figure più necessarie a coordinare gli inquilini di uno stabile è quella dell’amministratore di condominio.

Il ruolo dell’amministratore di condominio

L’amministratore condominiale è a tutti gli effetti da considerare come un organo esecutivo del condominio. Il suo rapporto è stabilito in maniera diretta con i singoli condomini e non con il collettivo, in quanto il mandato vincola entro i termini giuridici soltanto soggetti con personalità giuridica, e dunque è valido solo fra persone o entità con tale caratteristica. La figura dell'amministratore di condominio Roma è prevista dal Codice Civile all’articolo 1129, che ne prevede la nomina “obbligatoria” quando un immobile ha più di otto condomini. Non ci sono sanzioni in caso di mancata nomina, ma è previsto che uno dei condomini possa rivolgersi all’autorità giudiziaria per ottenerne uno suo diritto. La nomina dell’amministratore di condominio, dunque, è possibile:

  • su decisione dell’assemblea condominiale, a maggioranza dovuta;
  • su decisione del Tribunale, qualora non si raggiunga la maggioranza, su richiesta di almeno uno dei condomini.

Per nominare un'amministratore di condominio Roma c’è bisogno della maggioranza dei partecipanti all’assemblea; inoltre i partecipanti all’assemblea devono rappresentare almeno la metà, espressa in millesimi, del valore dell’edificio. Una volta eletto, l’amministratore dura in carica per un anno e può essere riconfermato dalla stessa maggioranza per l’anno successivo.

Chi può diventare Amministratore di Condominio?

La maggioranza può votare chiunque si candidi come amministratore, a meno che il regolamento condominiale non reciti altrimenti. È possibile candidare quindi anche un condomino stesso, oppure il proprietario dello stabile, oltre a un professionista del settore o una società. Le competenze tecniche L'amministratore di condominio ha a che fare sicuramente con una serie di problematiche inerenti la gestione interna del condominio, sia a livello di rapporti fra i condomini, sia di interventi tecnici necessari alla manutenzione e alla conservazione dei beni e delle parti comuni dell’edificio stesso. L'amministratore di condominio deve quindi avere una serie di competenze tecniche per la corretta gestione degli eventi e per risolvere a favore del bene comune, eventuali discussioni e problematiche poste in atto da uno o più condomini. L'amministratore di condominio, essendo colui che ha il potere “esecutivo” di quanto deciso in assemblea condominiale, deve vigilare tutti gli aspetti legati agli interventi tecnici, dal preventivo delle spese all’esecuzione dei lavori e per finire il pagamento della società interpellata. Le ditte con cui avrà a che fare nel corso del suo mandato saranno quelle che si occupano di interventi come la costruzione, manutenzione e ricostruzione di:

  • ascensore
  • scale
  • soffitti, lastrici solari e solai
  • impianto di riscaldamento
  • impianto di autoclave
  • impianto di pannelli solari
  • impianto elettrico
  • impianto satellitare
  • impianto di irrigazione
  • impianto di videosorveglianza
  • e tutta un’altra serie di impianti esemplificati al punto 3 dell’art. 1117 del codice civile.

Amministratore di Condominio e la gestione della contabilità

Ogni condominio delibera una serie di spese dovute, oltre agli interventi di cui sopra, alla pulizia degli ambienti comuni: la gestione di questo tipo di contabilità è a cura dell’amministratore, il quale si occupa del ritiro delle varie quote ripartite secondo le tabelle millesimali. In particolare, per una corretta amministrazione delle spese condominiali, sono necessarie una serie di competenze contabili per poter registrare correttamente tutti i versamenti dei condomini, le fatture e i pagamenti dei fornitori di servizi, i rimborsi ai condomini, le spese a preventivo e consuntivo, e altri elementi specificati nel codice civile ed eventualmente nel regolamento interno.

]]>
Mutui: in Calabria richieste a +1,23% Mon, 13 Aug 2018 12:10:50 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488748.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488748.html Facile.it Facile.it Buone notizie sul fronte dei mutui in Calabria; secondo i dati dell’osservatorio congiunto Facile.it - Mutui.it, nel corso del primo semestre 2018 l’importo medio richiesto dagli aspiranti mutuatari calabresi è stato pari a 107.647 euro, valore in aumento dell’1,23% rispetto allo stesso periodo del 2017.

A crescere, si legge nell’analisi realizzata su un campione di oltre 1.200 richieste di finanziamento* raccolte nell’ultimo anno, non sono stati solo gli importi richiesti agli istituti di credito ma anche il Loan To Value, vale a dire la percentuale di valore dell’immobile finanziata tramite il mutuo. Nel primo semestre 2017 era pari a 62,2%, mentre nei primi sei mesi del 2018 è aumentata assestandosi al 64%.

Ad influire positivamente sulla fiducia dei calabresi sono stati senza dubbio anche gli attuali tassi di interesse – ancora ai minimi storici – che sempre più aspiranti mutuatari hanno cercato di garantirsi per tutta la durata del finanziamento. Secondo i dati dell’osservatorio, il peso delle richieste di mutuo a tasso fisso è aumentato di quasi 10 punti percentuali in un anno, raggiungendo nel primo semestre 2018 la quota record dell’87,1% del totale, valore più alto di tutta la Penisola.

I tassi estremamente favorevoli, inoltre, hanno consentito a molti aspiranti mutuatari di chiedere finanziamenti con durata inferiore tanto che, nel corso di un anno, il piano di ammortamento medio è diminuito, passando dai 20 anni e 10 mesi del primo semestre 2017 ai 20 anni e 5 mesi del primo semestre 2018.

In calo, infine, anche l’età media di chi ha chiesto un mutuo; era quasi 43 anni e mezzo nel primo semestre dello scorso anno, è scesa a 42 anni nel corso dei primi sei mesi del 2018.

L’andamento provinciale

Esaminando le domande di mutuo a livello provinciale emerge che gli importi medi più alti sono stati richiesti a Vibo Valentia (117.430 euro), Catanzaro (114.126 euro) e Cosenza (106.496 euro); i più bassi a Reggio Calabria (100.141 euro) e Crotone (105.334 euro).

Guardando al valore Loan To Value delle richieste di mutuo, invece, la forbice varia tra il 62,6% registrato a Reggio Calabria e il 67,7% di Vibo Valentia.

Dati interessanti emergono analizzando la scelta del tasso; se quello fisso si conferma di gran lunga il preferito in tutte le province della Calabria, non mancano le differenze a livello territoriale. A Vibo Valentia, ad esempio, la percentuale di richieste mutuo a tasso fisso ha addirittura superato la soglia psicologica del 90%, assestandosi a quota 92,6% del totale. Valori sopra la media regionale anche per i richiedenti di Cosenza (87,3%) e Catanzaro (87,1%), mentre le percentuali più basse di richiedenti mutuo a tasso fisso sono quelli registrate a Crotone (83,9%) e Reggio Calabria (86,3%).

I mutui prima casa

 

I valori aumentano se si restringe l’analisi alle sole domande di mutuo per la prima casa presentate nella regione nel corso del primo semestre 2018. In questo caso, l’importo medio richiesto per l’acquisto dell’abitazione principale è pari a 122.420 euro, finanziamento che, in media, i calabresi intendono restituire in 22 anni e 11 mesi, e serve a finanziare il 72,9% del valore dell’immobile. L’età media di chi ha chiesto nel corso del primo semestre questo tipo di mutuo è pari a poco più di 39 anni.

]]>
Il pavimento galleggiante arriva alla Sagrada Familia Thu, 09 Aug 2018 12:38:11 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488521.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488521.html Mantanera Mantanera I nuovi ingressi al pubblico della Sagrada Familia a Barcellona, sono stati realizzati con un pavimento galleggiante di ultima generazione. A curare il progetto e la realizzazione è la Petral, azienda leader a livello internazionale nella produzione di pavimenti sopraelevati di alta qualità ed eccellente livello tecnico.

Il pavimento galleggiante, elemento tecnico di moderna concezione, ha così trovato la sua collocazione all’interno del prestigioso edificio storico progettato dal visionario Antoni Gaudi.

I pavimenti galleggianti realizzati sono destinati agli accessi dei visitatori e sono stati selezionati tenendo conto del grande passaggio di persone che ogni giorno si affollano per visitare il celebre edificio: oltre 3,2 milioni di visitatori all'anno.

Per garantire la giusta resistenza a questa elevatissima percorrenza quotidiana il pavimento galleggiante è stato studiato nei minimi dettagli. Sono stati scelti i pannelli Bricktile con finitura in grés porcellanato per entrambi gli accessi: quelli individuali e quelli dei gruppi guidati situati nell'area sottostante la scalinata di fronte alla Piazza Gaudì.

]]>
Ristrutturare casa: interni, tetti, facciate e linee vita a Torino Mon, 06 Aug 2018 15:51:25 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488229.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488229.html Stefano CS Stefano CS L’esperienza nel campo delle ristrutturazioni edili rende CMC Ristrutturazioni una delle imprese di ristrutturazioni a Torino più affermate.


Il nostro obiettivo è quello di offrire costantemente un servizio professionale e in linea con le esigenze dei clienti, garantendo sempre il massimo dell’impegno e della passione.

Quali servizi offre CMC Ristrutturazioni?

  • Rifacimento tetti: siamo specializzati nel rifacimento dei tetti di qualsiasi tipologia, nella realizzazione di quelli coibentati, nell’isolamento termico e nell’impermeabilizzazione. Inoltre sostituiamo e rimaneggiamo il manto di copertura.  

  • Ristrutturazione interni: ci occupiamo della ristrutturazione di bagni, pavimenti, infissi, piastrelle e della realizzazione dei controsoffitti in cartongesso;

  • Rifacimento facciate: effettuiamo lavori di impermeabilizzazione, realizzazione e lavaggio delle facciate, lavori di lattoneria per grondaie di ogni tipo;

  • Installazione linee vita: CMC Ristrutturazioni è l’impresa che possiede l’abilitazione per l’installazione delle linee vita. Queste, come previsto dalle normative nazionali, sono obbligatorie per poter effettuare lavori ad alta quota in tutta sicurezza. Ci assicuriamo quindi che i sistemi di ancoraggio siano correttamente progettati ed installati.


Noi di CMC Ristrutturazioni fin dal 1985 curiamo la perfetta realizzazione dei nostri lavori di ristrutturazione a Torino, manifestando l’attenzione per ogni singolo particolare.

Siamo un punto di riferimento nel panorama delle ristrutturazioni e da anni godiamo della fiducia dei nostri clienti, costruitasi grazie ad un crescente passa parola.


I nostri servizi sono rivolti sia a privati che a diversi enti. Gli interventi che effettuiamo sono per qualsiasi esigenza, grazie all’esperienza del nostro team di professionisti che mette il proprio impegno per realizzare qualsiasi opera di ristrutturazione.


Sappiamo consigliare la scelta più adatta e il tipo di intervento più opportuno, utilizzando materiale di qualità e prefiggendoci di realizzare i lavori in tempi ottimali.


Se devi ristrutturare casa, oppure hai bisogno di un intervento per il rifacimento di tetti e facciate, non esitare a contattarci. Consulta il nostro sito, sfoglia le immagini dei lavori che abbiamo realizzato e contattaci per ottenere un preventivo gratuito!

]]>
Come scegliere le zanzariere giuste Mon, 06 Aug 2018 11:47:16 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488202.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488202.html switchup switchup Le zanzariere sono la protezione principale dagli insetti e devono essere scelte secondo criteri precisi.

 

In estate, le zanzariere sono fondamentali per proteggerci dalle fastidiose intrusioni di zanzare e altri insetti, ma per aiutarci davvero a passare le notti tranquilli, devono avere determinate caratteristiche. In realtà, non esiste la zanzariera perfetta, ma quella più adatta alle esigenze della casa,

Per capire qual è, bisogna tenere conto di 2 elementi: l’infisso e la frequenza d’uso. Vediamo meglio.

 

L’infisso

Le zanzariere possono essere montate o sulle finestre o sulle porte finestre. Nel primo caso, il modello ideale è quello verticale, a rullo, con la classica chiusura verso il basso.

Se invece si necessita di montarla su una porta finestra, l’opzione migliore è quella di un modello ad apertura orizzontale, che simuli al meglio l’apertura dell’infisso. Inoltre, essendo le portefinestre molto alte, un modello verticale renderebbe difficile la chiusura.

 

Frequenza d’uso

A seconda della frequenza con cui si attraversa una stanza o si ha necessità di aprire e chiudere la zanzariera, si dovrà scegliere un modello particolare. Per gli ambienti attraversati frequentemente, la soluzione migliore è rappresentata dalle zanzariere plissettate e da quelle a battete, più mobili e facili da aprire.

Se invece la frequenza con lo spazio viene attraversato è bassa, è meglio ricorrere ad un classico modello a rullo o addirittura ad un modello fisso.

]]>
Mutui: a Napoli erogato in calo del 9,5% in un anno Mon, 06 Aug 2018 10:42:42 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488197.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488197.html Facile.it Facile.it Brutte notizie per chi vuole comprare casa a Napoli. Secondo le analisi elaborate congiuntamente da Facile.it e Mutui.it - che hanno preso in considerazione più di 2.000 richieste formulate negli scorsi 24 mesi - a giugno 2018 l’importo che in media le banche hanno erogato ai mutuatari residenti nella provincia di Napoli è diminuito del 9,5% arrivando a 117.493 euro dai 129.846 di giugno 2017.

A scendere, si legge nello stesso documento di analisi realizzato sulla provincia napoletana, non sono soltanto gli importi concessi, ma anche i Loan To Value, ovvero il dato con cui viene indicata la percentuale del valore dell’immobile finanziata dalla banca attraverso il mutuo. A giugno 2017 questa era pari al 58,63%, mentre a giugno 2018 ha perso oltre 4 punti percentuali assestandosi al 54%.

Importi e percentuali che, fortunatamente per i consumatori non sembrano aver avuto un grosso impatto sui tempi di restituzione, passati dai 20 anni del giugno 2017 ai 21 di ora.

Mutui prima casa

Restringendo l’analisi alle sole domande di mutuo prima casa emerge un quadro ugualmente fosco. A giugno 2018 l’erogato medio è stato pari a 117.678 euro; considerando che il valore medio di un immobile oggetto di richiesta mutuo prima casa a Napoli è pari a poco più di 194.000 euro, questa cifra equivale ad un LTV del 60,6%; anche questo in riduzione rispetto al dato del giugno 2017 quando le banche finanziavano a Napoli il 69,6% del valore della prima casa.

Il profilo del richiedente e il tasso scelto

A quanto sembra i napoletani, però, sono comunque intenzionati a garantirsi gli attuali favorevolissimi tassi per tutta la durata del finanziamento e il mutuo a tasso fisso è quello con cui sono indicizzate l’81,37% delle richieste monitorate da Facile.it e Mutui.it.

 

Quando si presenta in banca, l’aspirante mutuatario di Napoli ha in media 41 anni e cerca di ottenere, sempre in media, 124.300 euro. Se si tratta di un acquisto prima casa, però, l’età media del richiedente si abbassa a 38 anni mentre la cifra che si vuole ottenere aumenta, diventando pari a 133.700 euro.

]]>
Maxi-commessa DALIFORM GROUP in TUNISIA Thu, 02 Aug 2018 16:27:14 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488022.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/488022.html Daliform Group s.r.l. Daliform Group s.r.l.  

Una volta terminato, il “Mall of Sousse” sarà il centro commerciale più grande della Tunisia e tra i più grandi del continente Africano.

Si tratta di un progetto prestigioso, in cui Daliform Group è primaria protagonista nella realizzazione delle piastre alleggerite, avendo fornito il prodotto U-Boot Beton® in diverse altezze, per la costruzione di ben 65.000 m2 di solai.

Il sistema Daliform è stato adottato da uno dei più importanti studi di progettazione di Tunisi, con il quale l’ufficio tecnico dell’azienda italiana si è costantemente interfacciato fornendo supporto progettuale e mettendo a disposizione la sua lunga esperienza nella redazione di progetti esecutivi di piastre alleggerite di grandi luci. U-Boot Beton® è stato scelto per i suoi innumerevoli vantaggi. In primis per la possibilità di ottenere strutture a piastra di elevata capacità portante ma alleggerite con il cassero U-Boot Beton®, cioè con un notevole risparmio di calcestruzzo se paragonato a una soletta piena di pari spessore.

In generale, alla riduzione corrisponde una grande diminuzione di peso degli orizzontamenti e dell’incidenza di acciaio d’armatura, che si accompagnano alla possibilità di ottimizzazione delle strutture di elevazione (quali pilastri e setti), e di fondazione.

Infatti fra i grandi vantaggi del sistema U-Boot Beton® legati alla riduzione di peso, vi è anche la conseguente diminuzione della “massa sismica” e quindi delle azioni orizzontali che impegneranno le strutture sismo-resistenti costituite da pilastri e/o da setti.

U-Boot Beton® è stato preferito fra le diverse soluzioni strutturali inizialmente considerate, anche grazie alla sua capacità di adattarsi a geometrie irregolari, tipiche del caso di specie. Il vantaggio si è dimostrato tale sia nella logistica del cantiere, sia nella rapidità di posa e di esecuzione dei solai.

A conferma del prestigio di un'opera fondamentale per l'economia Tunisina, il 4 ottobre 2017 è stata posata la prima pietra alla presenza del Presidente della Repubblica Tunisina - Béji Caid Essebsi. Attualmente i lavori procedono spediti e nel rispetto dei tempi previsti; anche sotto questo aspetto Daliform Group ha fatto valere la propria capacità ed esperienza, adattando progettazione, produzione e logistica alle esigenze di un cantiere lungo e complesso e con un timing particolarmente rigoroso. L’apertura al pubblico è prevista a inizio 2019. All’interno del “Mall of Sousse” verranno ospitati circa 120 negozi, un grande ipermercato, un cinema, un’ampia area di ristorazione e molto altro ancora.

Il Sistema U-Boot Beton®, con le sue numerose certificazioni, è uno dei prodotti di punta di Daliform Group. La sua grande flessibilità offre innumerevoli soluzioni alle diverse difficoltà che si possono incontrare in fase di progettazione e cantierizzazione. Ne sono comprova le ormai numerosissime referenze nazionali e internazionali a firma dei maggiori progettisti di fama mondiale.

]]>
Il legno soggetto a vincoli FSC Wed, 01 Aug 2018 15:31:25 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/487889.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/487889.html Metalpoint Srls Metalpoint Srls Nonostante alcuni abbiano ancora il coraggio di negarlo, i cambiamenti climatici causati dall’uomo stanno distruggendo il pianeta. Tra questi, uno dei problemi più grandi è la continua deforestazione e consumo del suolo. Uno studio ha evidenziato che tra il 2000 e il 2013 la superficie delle foreste incontaminate è diminuita del 7,2% a livello mondiale. Nel 2016, la riduzione delle foreste ha raggiunto il record di 29,7 milioni di ettari, il 15% in più dell’anno precedente. Come se si fosse persa in un solo momento tutta una Nuova Zelanda coperta di alberi. Dati che dovrebbero far pensare, ma che invece restano spesso voci nel nulla. Intervenire non è più un’opzione, è un dovere. Sì, ma come?

Il futuro dell’industria del legno

In questi casi soluzioni drastiche come fermare del tutto il consumo di risorse è impossibile. Interi settori industriali poggiano le fondamenta sul consumo di legno e carta, basti pensare al settore immobiliare. Ma ci sono soluzioni alternative, come quella adottata dalla falegnameria Verona “Venturini”. 

Questa falegnameria attiva dal 1963 a Mozzecane, in provincia di Verona, ha da anni rivolto la propria attività artigianale verso soluzioni in linea con il rispetto per l’ambiente e il clima. Per questo motivo il legno utilizzato proviene da piantagioni soggette ai vincoli FSC, che prevede l’impianto di nuovi alberi per ogni pianta destinata al taglio, evitando in questo modo ogni pericolo di deforestazione.

FSC è una ONG nata nel 1993 per promuovere il consumo sostenibile delle foreste. Il marchio FSC identifica i prodotti provenienti da foreste gestite con attenzione al suolo e in maniera responsabile. In questi spazi viene lasciato il tempo agli alberi di rigenerarsi e ne vengono piantati di nuovi in continuazione per permettere alla foresta di continuare ad esistere e, anzi, ampliarsi.

]]>
Tappeti mobili, dalle opere di fantascienza… alla realtà di tutti i giorni Tue, 31 Jul 2018 15:15:21 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/487750.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/487750.html Zenzero Comunicazione Zenzero Comunicazione Anche se i marciapiedi mobili ormai sono talmente comuni da essere visibili praticamente ovunque, dagli aeroporti ai centri commerciali, dalle metropolitane alle stazioni della metro, agli albori della loro storia si pensava a questi impianti come a costruzioni avveniristiche e fantascientifiche.

Tappeto mobile con carrello della spesaPrendiamo, ad esempio, due racconti di H.G. Wells, A Story of the Days To Come e The Sleeper Awakes, datati fine Ottocento e contenenti precisi riferimenti a un futuro lontano in cui nelle città le persone si spostavano su marciapiedi mobili ad altissima velocità.

Nell’opera Abissi d’Acciaio (1954) di Isaac Asimov, ambientato intorno all’anno 3000, in una metropoli sotterranea era proprio grazie a un marciapiede mobile che ci si poteva spostare; Arthur C. Clarke nel racconto La Città e Le Stelle (1956) narrava poi della città futuristica di Diaspar, in cui delle pavimentazioni si muovevano come dei fluidi per trasportare le persone. Ma l’esempio di questi marciapiedi mobili fantascientifici potrebbe andare avanti ancora a lungo!

Forse questi scrittori potrebbero rimanere delusi nel sapere che i tappeti mobili moderni del giorno d'oggi vengono usati quotidianamente da persone normalissime (e peraltro a non troppi decenni di distanza dalle loro creazioni letterarie), ma non per questo è da sminuire l’importanza di tali impianti che risultano fondamentali per il trasporto in contesti pubblici come aeroporti, metropolitane, centri commerciali e non solo.

]]>