Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Edilizia Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Edilizia Mon, 10 Dec 2018 20:56:14 +0100 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/1 Architectural Coatings Sales to Surpass 33,000,000 Tons in 2018 Fri, 07 Dec 2018 12:46:53 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/507742.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/507742.html Fact.MR Fact.MR Architectural coatings market is anticipated to witness a moderate growth, with demand expected to surpass 33,000,000 tons by 2018 end, according to the latest report by Fact.MR. The demand for architectural coatings continues to remain influenced by the robust growth in the construction industry worldwide. Meanwhile, reconstruction and renovation of existing structures across the countries are also contributing towards the growth of architectural coatings market.

The construction industry is likely to grow significantly in the US, India, and China, according to the report named Global Construction 2030. All the three countries are expected to account for nearly 57% of the global growth, said the report.

With the emergence of the stringent regulations on the VOC emission, paint and coating manufacturers are shifting their focus from solvent bourne coatings to water bourne coatings. Also, around 80% of household paints sold today are water-based paints, as per the Paint Quality Institute. Advances in additives and resin technologies to overcome the performance issues of water-based coatings like viscosity, flow, and foaming are resulting in increasing demand for water bourne formulation in architectural coatings market.

Request Free Sample Report- https://www.factmr.com/connectus/sample?flag=S&rep_id=2374

APEJ to Rule Architectural Coatings Market, with China and India Accounting for Highest Market Share

APEJ is likely to remain dominant in the architectural coatings market for a long period of time. With growing economy and emerging middle class, the demand for residential construction is growing the India and China. Majority of the construction projects use solvent-based coatings and paints owing to the low-cost and better performance.

However, eco-friendly coatings have shown better growth in recent years with governments across APEJ introducing VOC emission. Research institutes along with the green coating manufacturers are investing increasingly in the research and development of innovative raw materials and technologies resulting in the non-hazardous and eco-friendly architectural coatings.

Decorative coatings used in construction, renovation, of the properties have also shown a steady growth in the APEJ region, especially in India, China, and Indonesia. To meet the demand for decorative architectural coatings and environmentally friendly coatings, key market players in the region are focusing on understanding relationship between application techniques, local raw materials, and a substrate difference.

Browse Full Report on Architectural Coatings Market with TOC- https://www.factmr.com/report/2374/architectural-coatings-market

The production of sustainable coatings and smart coatings enhancing the dirt and mold resistance has also increased in the architectural coatings market in APEJ. Production of formaldehyde free, reduced VOC, and water-based coatings has also grown to meet the rising demand for eco-friendly architectural coatings in the region.

Acrylics Resin to Witness Substantial Growth in Architectural Coatings Market  

Compared to the other types of resins used in architectural coatings, acrylics resins are likely to account for the highest market share in the architectural coatings market, the demand is expected to exceed 9,000,000 tons by the end of 2018, as per the new study by Fact.MR. Acrylic resins are finding large application in architectural coatings, especially in exterior application.

Owing to the UV and weathering resistance, and good gloss and color retention, acrylic resins are witnessing increasing demand from paints and coatings manufacturers across the globe. Rising preference for hybrid coatings, prepared by blending acrylic polymer with other functional polymers for application in interior and exterior surfaces is driving the architectural coatings market growth. This has also emerged a way to overcome various inadequacies of traditional acrylic paints.

The demand for waterborne acrylic coatings is also increasing due to the new emission standards on VOC introduced by governments across various countries. In the last few years, acrylic surface coatings have surpassed the use of alkyd surface coatings in the paint and coating industry, especially in the developing regions.

The overall growth in the architectural coatings market is likely to remain moderate, with the global demand of architectural coatings reaching at 4.1% CAGR in terms of volume during 2018-2027.

To Buy Architectural Coatings Market Report, Check- https://www.factmr.com/checkout/2374/S

 

About Fact.MR

Fact.MR is a fast-growing market research firm that offers the most comprehensive suite of syndicated and customized market research reports. We believe transformative intelligence can educate and inspire businesses to make smarter decisions. We know the limitations of the one-size-fits-all approach; that's why we publish multi-industry global, regional, and country-specific research reports.

Contact Us

Fact.MR

11140 Rockville Pike

Suite 400

Rockville, MD 20852

United States

Email: sales@factmr.com

Web: https://www.factmr.com/

]]>
Rough Terrain Crane Sales Grow at 3.7% in 2018 to Surpass 4,700 Units, Oil & Gas Industry Helms Demand Fri, 07 Dec 2018 12:42:54 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/507741.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/507741.html Fact.MR Fact.MR Over 4,700 units of rough terrain cranes will be sold in 2018 and the market is likely to witness a steady growth with 3.7% Y-o-Y in 2018 over 2017, as per Fact.MR valuation. Overall growth of the rough terrain (RT) crane market can be attributed to,

-         A steady stream of construction projects in the pipeline

-         Improving landscape of rough terrain crane rental services

-         Demand in multiple industries ranging from civil constructions to government projects

After a significant period of stabilizing demand, the rough terrain crane market is coming to the fore and witnessing a steady progress. As the governments emphasize on capacity expansion of the utilities sector and infrastructure development, demand for rough terrain cranes has witnessed a constant upward trend in the past decade and a market of nearly US$ 2,400 Million is anticipated in 2018,” says a senior analyst at Fact.MR.

Request For Sample Report- https://www.factmr.com/connectus/sample?flag=S&rep_id=2205

According to the Fact.MR study, the sales of rough terrain cranes with up to 35 tonnes lifting capacity will witness a surge of nearly 60 units in 2018 as compared to the previous year. Increasing demand for compact yet efficient heavy duty equipment in the construction sector has led to the significant adoption of up to 35 tonnes RT cranes.

Demand for Up to 35 tonnes Rough Terrain Cranes on the Rise

The study opines that RT crane with 35-50 tonnes lifting capacity is witnessing a rapid adoption on the back of increasing demand for greater lifting capacity. Although the units sold remains greater for lower lifting capacity RT cranes, in terms of value the RT cranes market will garner increased revenues from the higher lifting capacity cranes owing to higher equipment pricing. On the same lines, 35-50 tonnes rough terrain cranes will occupy almost US$ 100 Million more than up to 35 tonnes RT cranes in 2018.

RT cranes market continues to witness growing demand in oil & gas industry. Fact.MR study finds that the oil & gas industry will hold over one third sale of RT cranes in 2018. The higher demand can be attributed to increasing efforts of rental companies and original manufactures for market share expansion.

Browse Full Report on Rough Terrain Crane Market with TOC- https://www.factmr.com/report/2205/rough-terrain-crane-market

 

Demand for RT cranes in the construction sector, as per Fact.MR study is expected to follow the oil & gas industry wherein steady development in the construction sector across global countries will lead to sales of over 1080 units in 2018. Growing government emphasis on renewable energy generation is expected to be the prime factor responsible for the rapid growth of RT cranes market in wind farms at over 4% Y-o-Y in 2018 over 2017.

Japan Held Nearly One Third Rough Terrain Crane Market Share in 2017, APEJ Followed Suit

Fact.MR study estimates that Japan with the headquarters of leading manufacturers in the rough terrain crane market will continue to occupy nearly one third of the market share in 2018. Manufacturers such as Tadano and Kobelco are making greater strides in the RT cranes market by capacity expansion and increasing global footprints.

The study shows that APEJ closely follows Japan in terms of rough terrain crane sales. A significant focus on the infrastructure development in APEJ countries growing investments of crane manufacturers in the region has led to a generation of over one fourth of the total sales in 2018.

Considering the cost-intensive nature of the rough terrain cranes, rental services are thriving as end users continue to prefer renting over owning. Further, identifying the emerging opportunities of increasing investments in non-residential infrastructure and government work, companies are improving distribution tie-ups with rental companies.

To Buy Rough Terrain Crane Market Report, Check- https://www.factmr.com/checkout/2205/S

 

About Fact.MR

Fact.MR is a fast-growing market research firm that offers the most comprehensive suite of syndicated and customized market research reports. We believe transformative intelligence can educate and inspire businesses to make smarter decisions. We know the limitations of the one-size-fits-all approach; that's why we publish multi-industry global, regional, and country-specific research reports.

Contact Us

Fact.MR

11140 Rockville Pike

Suite 400

Rockville, MD 20852

United States

Email: sales@factmr.com

Web: https://www.factmr.com/

]]>
Vivere in un attico Thu, 06 Dec 2018 11:44:59 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/507516.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/507516.html MLP Studio MLP Studio Tutti i vantaggi che porta vivere in un attico 

L'attico è la tipologia di appartamento più ambita e più desiderata da chi si vuole trasferire e ama stare all'aria aperta.

Trovandosi all'ultimo piano del palazzo e avendo una grande terrazza, l'attico permette agli abitandi di goodere della vista della città dall'alto, e, soprattutto in estate, vivere all'aria aperta, godendosi un giardino urbano privato. Sebbene ora l'attico è considerato un appartamento di lusso ed esclusivo, l'idea nacque in America, con il boom edilizio degli anni Venti, quando ci fu un'improvvisa crescita della richiesta di appartamenti posti ai piani superiori. 

Vantaggi del vivere in un attico

Analizziamo tutti i vantaggi che porta vivere in un attico. 

1. La terrazza. La particolarità dell'attico è la terrazza, in genere molto grande e spaziosa, da cui si può godere della vista di un panorama più ampio, meno ostruito dagli edifici intorno. 

2. Illuminazione naturale. Essendo posto al piano superiore, ed essendo provvisto di una grande terrazza, si potraà godere di una perfetta luce naturale. L'appartamento sarà più luminoso e confortevole. 

3. Privacy. L'attico non è attiguo a nessun altro appartamento. Questo donerà maggiore privacy agli abitanti, e una maggiore quiete all'interno delle stanze: non si sentiranno infatti i rumori degli appartamenti attigui o superiori, come spesso accade negli altri appartamenti se le pareti non sono insonorizzate a dovere.

Tuttavia in un attico il sistema di riscaldamento e raffreddamento dovrebbe essere studiato con cura: essendo isolato, sarà più esposto al freddo, così come d'estate sarà più esposto al calore del sole. Per ovviare questo problema quindi, si può installare un sistema di climatizzazione dotato di centralina automa, per una gestione autonoma e indipendente della casa. 

Il terzo comparto del nostro progetto Parco Durantini prevede la realizzazione di attici trilocalici. Il sistema di riscaldamento e raffreddamento sarà di tipo centralizzato con contabilizzazione autonoma per singolo appartamento. 

 

Studio Ungheria - Vendita case in costruzione Roma

]]>
Eccellenze italiane: 1000 interventi di impermeabilizzazione con la speciale resina idroespansiva e idroreattiva Wed, 05 Dec 2018 11:50:12 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/507324.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/507324.html Maurizio Zanoni Maurizio Zanoni Dry Wall System, con sede a Nettuno (Roma) e filiali a Settala (Milano), a Cassola (Vicenza) e Settesorelle (Piacenza), celebra l’importante traguardo aziendale

ROMA-MILANO - Dry Wall System, azienda leader nel settore delle impermeabilizzazioni, deumidificazioni e consolidamenti strutturali, ha raggiunto un importante traguardo: questa settimana è stato ultimato l’intervento numero 1000 con le resine poliuretaniche idroespansive e idroreattive (www.resineidroespansive.it - www.resineidroespansive.com). Tale lavorazione, per chi non lo sapesse, prevede l’iniezione a elevate pressioni di uno speciale formulato nella muratura dei locali interrati (gallerie, metropolitane, garage condominiali, etc.) che a contatto con l’umidità e l’acqua espande il suo volume fino a 40 volte, sigillando cavità e fessure in maniera definitiva.

«Siamo orgogliosi di avere raggiunto un così elevato numero di interventi - dichiara Paolo Panuccio, titolare di Dry Wall System -. Le nostre tecniche operative, l’esperienza accumulata nel campo dal 1979, la qualità nell’applicazione con operatori certificati e specializzati e la scelta di produrre internamente prodotti impermeabilizzati e macchinari, come pompe per l’iniezione e packer, hanno fatto la differenza. Le resine idroespansive e idroreattive - aggiunge - hanno dimostrato di essere l’unica soluzione efficace e duratura per le infiltrazioni d’acqua che non prevede scavi, demolizioni e l’allestimento di cantieri».

Nei quasi 40 anni di attività Dry Wall System (www.drywallsystem.com) è stata chiamata a intervenire un po’ ovunque, dalla Sicilia alla Lombardia, realizzando impermeabilizzazioni anche complesse come nelle metropolitane, gallerie, tunnel stradali. Ovviamente le resine sono validissime anche per parcheggi, garage, corselli, cantine, locali caldaia e spazzatura nei piani interrati.

«Il consiglio che mi sento di dare è quello di affidarsi ad aziende solide, conosciute e che possono vantare un curriculum comprovato - precisa ancora Paolo Panuccio -. Nelle grandi opere il problema non sussiste perché gli specialisti in grado di compiere lavori a regola d’arte si contano sulle dita di una mano. Nell’edilizia civile invece bisogna cercare l’esperienza. Noi siamo a 1000 lavorazioni. Questo il nostro biglietto da visita».

 

]]>
Sinthesi® riceve l’esclusivo certificato KlimaHaus Tue, 04 Dec 2018 09:50:51 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/507081.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/507081.html L'Ippogrifo L'Ippogrifo La linea di finestre più tecnologica della Pavanello riceve la consacrazione ufficiale CasaClima

 

CasaClima, l’Agenzia per l'Energia Alto Adige, che dal 2002 esegue la certificazione energetica obbligatoria degli edifici in Alto Adige, ha inserito la linea di finestre Sinthesi® nel prestigioso elenco ProdottiQualità CasaClima con un rating A, sia per la variante finestra sia per il modello porta-finestra.

Ad oggi Pavanello Serramenti è una delle pochissime realtà in grado di offrire prodotti, come l’innovativo Sinthesi®, che soddisfino i più alti standard del settore in fatto di impatto ed efficienza energetica, costituendo così un vantaggio in più per i clienti della nota azienda rodogina.

Il sigillo di qualità CasaClima/KlimaHaus è una certificazione che permette ai cittadini di identificare rapidamente prodotti d’eccellenza che rispettino le più rigorose caratteristiche di efficienza energetica in campo edile. In questo modo oltre a offrire iniziative di sensibilizzazione per la cittadinanza, l’Agenzia altoaltesina pubblica un vero e proprio strumento utile agli utenti per distinguere con un solo colpo d’occhio i prodotti del settore edile più virtuosi in ambito energetico.

La Pavanello, da sempre impegnata a difendere l’ambiente, non è nuova a questo tipo di sigilli: infatti già altre sue collezioni sono entrate in passato nella rosa dei prodotti KlimaHaus.

Sinthesi®, in casa Pavanello è la serie in legno e alluminio caratterizzata da un profilo minimalista e da un particolare effetto a tutto vetro, ideale per chi desidera alte prestazioni energetiche, la massima luce e un design contemporaneo.

Inoltre Pavanello sceglie per l’installazione dei suoi infissi solo installatori certificati PosaClima perché un’ottima finestra non può essere efficiente senza una posa in opera a regola d’arte. Per questo oggi chi fa attenzione a comfort, estetica e performance ha una garanzia in più nel scegliere Sinthesi®.

 

Francesco Pastoressa
Ufficio Stampa L’Ippogrifo®
Tel. +39 040 761404
www.ippogrifogroup.com

]]>
Cos'è il gres porcellanato? | Studio Ungheria Thu, 29 Nov 2018 14:30:27 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/506361.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/506361.html MLP Studio MLP Studio Le innumerevoli qualità del Gres Porcellanato e come viene usato

 

Il Gres porcellanato è uno dei materiali più diffusi nell'edilizia moderna, usato spesso negli immobili in corso di costruzione. Dalle alte qualità tecniche, è senza dubbio la scelta migliore per un pavimento esteticamento bello, duraturo e che necessita di poco mantenimento. 

Vediamo più nel dettaglio cos'è il gres porcellanato e le sue qualità. 

Il gres porcellanato è una particolare ceramica compatta.

Questo tipo di ceramica è comporta da due parti: il supporto che conferisce la particolare resistenza che rende il gres così amato e diffuso. La seconda ha una funzione estetica, ed è costituita dalla parte smaltata. Questi due elementi formano un pezzo unico, compatto e omogeneo, al fine di unire i due grandi aspetti che lo caratterizzano: la resistenza e la bellezza. 

Tra le que qualità meccaniche, si possono citare: 

  • resistenza all'abrasione;
  • resistenza al calpestio;
  • resistenza all'usura e al tempo;
  • resistenza ai prodotti chimici;
  • resistenza all'azione degli agenti atmosferici;
  • compattezza,
  • versatilità,
  • impermeabilità
  • grande impatto estetico.

Per queste caratteristiche, viene impiegato per qualsiasi tipo di ambiente, prevalentemente in quelli soggetti a forti stress, come quelli sottoposti a un elevato calpestio come gli ambienti pubblici. Nell'ambito domestico è prevalentemente utilizzato per gli esterni e per i bagni, proprio perchè ha una forte impermeabilità e resistenza agli urti. 

Il gres porcellanato ha anche una grande valenza estetica. Difatti, grazie alle nuove tecnologie, è possibile riprodurre diversi tipo di superficie, simulando al 100% altri tipi di materiale, come il legno o il cotto. 

Per le alte prestazioni di questo tipo di ceramica, lo abbiamo scelto per il rivestimento dei bagni nel nostro progetto di Parco Durantini, utilizzando la marca Marazzi  o (similari) Modello "cult" (o similari) in formato a discrezione della DIrezione Lavori.

 

Studio Ungheria - case in costruzione Roma

]]>
Pavimento radiale: cos'è? | Studio Ungheria Tue, 20 Nov 2018 13:58:53 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/504470.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/504470.html MLP Studio MLP Studio Che cos'è un pavimento radiante? Ecco le risposte e i motivi per cui sceglierlo

Il pavimento radiante è il sistema di riscaldamento o raffreddamento che avviene attraverso pannelli installati sotto al pavimento di casa. Soluzione, che sta spopolando sempre di più, soprattutto nelle case in costruzione, garantendo un notevole benessere per i futuri abitanti e un risparmio energetico elevato. Per questo abbiamo scelto questa soluzione per il sistema di riscaldamento della casa in costruzione di Via Asmara

Vediamo più nel dettaglio il funzionamento del pavimento radiante e i motivi per cui sceglierlo.

Pavimento radiante: Cos'è e come funziona?

L'impianto del pavimento radiante ècomposto da tubi il cui materiale è in grado di trattenere e resistere alle temperature. Questi tubi sono posti a una certa profondità dalla superficie del pavimento, e che varia a seconda di molti fattori come area da riscaldare o altezza del soffitto. Questi tubi percorrono tutto il pavimento e sotto di essi è posta una soletta isolante che evita la dispersione di calore verso l'esterno della casa, limitando quindi il consumo energetico

Il riscaldamento del pavimento radiante è molto diverso rispetto a quello di altri tipi di riscaldamento classici. Difatti, la sua particolarità è quella di riscaldare in maniera più uniforme l'ambiente domestico, mantenendo la stessa temperatura in tutte le stanze. Il riscaldamento viene irradiato ad "altezza uomo", ossia, partendo dal basso, gli abitanti della casa potranno beneficiare di tutto il riscaldamento emesso, senza dispersioni verso l'alto. 

I vantaggi del pavimento radiante

Dalle considerazioni appena fatte, ne venogono fuori diversi vantaggi relativi all'utilizzo di un pavimento radiante come sistema di riscaldamento.

Fattore benessere. 

I pavimenti radianti non alterano la composizione atmosferica dell'ambiente. Questo è ideale per chi soffre di allergie, soprattutto alla polvere. Difatti i radiatori tradizionali emettono calore grazie alla circolazione dell'acqua calda, il cui movimento mantiene in movimento il pulviscolo. Inoltre, lavorando su temperature stabili non crea correnti d'aria, o zone della casa più calde e fredde, così dannose per soggetti più cagionevoli come anziani e bambini. 

Fattore manutenzione. 

Quanto cosa mantenere un pavimento radiante perfettamente funzionante? È estremamente raro che questo tipo di riscaldamento venga danneggiato dall'usura. I tubi di rame o dei materiali plastici è appositamente pensato per resistere ad alte temperature, quindi non verranno danneggiati dall'uso, anche il più frequente. Inoltre, non rovinerà l'arredamento come potrebbe succedere con i sistemi di riscaldamento classici, molti termosifoni infatti a lungo andare anneriscono la parete o rovinano la pittura. 

Fattore risparmio energetico

Ultimo, non per importanza, è il risparmio energetico che comporta il pavimento radiante. Come si è già detto, questo tipo di sistema di riscaldamento, lavora a basse temperatura (37° secondo normativa europea 1264 / 1-2-3-4-) ad altezza uomo, garantisce un riscaldamento uniforme in tutte le stanze con una dispersione graduale dal basso verso l'alto. Si stima che si può risparmiare fino al 15% rispetto a un riscaldamento tradizionale. 

Riscaldamento a pavimento: una piccola curiosità storica

Il riscaldamento a pavimento era già utilizzato all'epoca dei Greci e fu perfezionato dai Romani. Già all'epoca si faceva defluire l'aria calda prodotta da una fornace (o dal forno delle grandi cucine delle domus) negli spazi vuoti predisposti sotto la pavimentazione interna. Nelle terme era previsto questo tipo di riscaldamento anche lungo le pareti con tubi di laterzio. 

 

Studio Ungheria - Case in costruzione Roma

]]>
Pavimento radiale: cos'è? | Studio Ungheria Tue, 20 Nov 2018 13:58:25 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/504469.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/504469.html MLP Studio MLP Studio Che cos'è un pavimento radiante? Ecco le risposte e i motivi per cui sceglierlo

Il pavimento radiante è il sistema di riscaldamento o raffreddamento che avviene attraverso pannelli installati sotto al pavimento di casa. Soluzione, che sta spopolando sempre di più, soprattutto nelle case in costruzione, garantendo un notevole benessere per i futuri abitanti e un risparmio energetico elevato. Per questo abbiamo scelto questa soluzione per il sistema di riscaldamento della casa in costruzione di Via Asmara

Vediamo più nel dettaglio il funzionamento del pavimento radiante e i motivi per cui sceglierlo.

Pavimento radiante: Cos'è e come funziona?

L'impianto del pavimento radiante ècomposto da tubi il cui materiale è in grado di trattenere e resistere alle temperature. Questi tubi sono posti a una certa profondità dalla superficie del pavimento, e che varia a seconda di molti fattori come area da riscaldare o altezza del soffitto. Questi tubi percorrono tutto il pavimento e sotto di essi è posta una soletta isolante che evita la dispersione di calore verso l'esterno della casa, limitando quindi il consumo energetico

Il riscaldamento del pavimento radiante è molto diverso rispetto a quello di altri tipi di riscaldamento classici. Difatti, la sua particolarità è quella di riscaldare in maniera più uniforme l'ambiente domestico, mantenendo la stessa temperatura in tutte le stanze. Il riscaldamento viene irradiato ad "altezza uomo", ossia, partendo dal basso, gli abitanti della casa potranno beneficiare di tutto il riscaldamento emesso, senza dispersioni verso l'alto. 

I vantaggi del pavimento radiante

Dalle considerazioni appena fatte, ne venogono fuori diversi vantaggi relativi all'utilizzo di un pavimento radiante come sistema di riscaldamento.

Fattore benessere. 

I pavimenti radianti non alterano la composizione atmosferica dell'ambiente. Questo è ideale per chi soffre di allergie, soprattutto alla polvere. Difatti i radiatori tradizionali emettono calore grazie alla circolazione dell'acqua calda, il cui movimento mantiene in movimento il pulviscolo. Inoltre, lavorando su temperature stabili non crea correnti d'aria, o zone della casa più calde e fredde, così dannose per soggetti più cagionevoli come anziani e bambini. 

Fattore manutenzione. 

Quanto cosa mantenere un pavimento radiante perfettamente funzionante? È estremamente raro che questo tipo di riscaldamento venga danneggiato dall'usura. I tubi di rame o dei materiali plastici è appositamente pensato per resistere ad alte temperature, quindi non verranno danneggiati dall'uso, anche il più frequente. Inoltre, non rovinerà l'arredamento come potrebbe succedere con i sistemi di riscaldamento classici, molti termosifoni infatti a lungo andare anneriscono la parete o rovinano la pittura. 

Fattore risparmio energetico

Ultimo, non per importanza, è il risparmio energetico che comporta il pavimento radiante. Come si è già detto, questo tipo di sistema di riscaldamento, lavora a basse temperatura (37° secondo normativa europea 1264 / 1-2-3-4-) ad altezza uomo, garantisce un riscaldamento uniforme in tutte le stanze con una dispersione graduale dal basso verso l'alto. Si stima che si può risparmiare fino al 15% rispetto a un riscaldamento tradizionale. 

Riscaldamento a pavimento: una piccola curiosità storica

Il riscaldamento a pavimento era già utilizzato all'epoca dei Greci e fu perfezionato dai Romani. Già all'epoca si faceva defluire l'aria calda prodotta da una fornace (o dal forno delle grandi cucine delle domus) negli spazi vuoti predisposti sotto la pavimentazione interna. Nelle terme era previsto questo tipo di riscaldamento anche lungo le pareti con tubi di laterzio. 

 

Studio Ungheria - Case in costruzione Roma

]]>
Edilizia e innovazione, presentato a Catania il “cantiere del futuro” Mon, 19 Nov 2018 17:21:57 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/504257.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/504257.html I Press I Press Evento della Fondazione dell’Ordine etneo degli Ingegneri

EDILIZIA E NUOVI STANDARD DI SICUREZZA DALLA GERMANIA A CATANIA, ECCO IL CANTIERE DEL FUTURO

Presentato sistema hi tech in uso nel territorio etneo per la costruzione di opere strategiche

CATANIA – Millecinquecento metri quadri di superficie, per un totale di novanta tonnellate di acciaio, armati in soli due giorni e “pronti al getto” grazie al lavoro di dodici operai e all’utilizzo di tappeti e armature preassemblate. Questo il cantiere che caratterizza un’opera strategica del territorio etneo – il polo d’eccellenza della sanità privata che nascerà a Misterbianco – che verrà realizzata in soli nove mesi con un risparmio di tempo dell’80% e di costo del 30% rispetto a un cantiere tradizionale.

Parte da Catania il progetto pilota dell’edilizia 4.0 protagonista di una delle più grandi rivoluzioni del sistema costruttivo, dove la precisione tedesca viene applicata all’ingegno siciliano. È stata presentata ieri – 14 novembre – durante il seminario “Innovazioni e hi-tech in cantiere”, ospitato al Relais San Giuliano (Viagrande), la tecnologia brevettata Bamtec, sistema integrato per la produzione di armature a “tappeto” che con un software di nuova generazione permette di ottimizzare i costi del cantiere grazie alla facilità e alla precisione millimetrica della posa in opera delle armature.

L’iniziativa è stata organizzata da Fondazione e Ordine degli Ingegneri di Catania, in collaborazione con il Dipartimento universitario di Ingegneria Civile e Architettura (Dicar), Ordine e Fondazione ArchitettiAnce Catania e Collegio dei Geometri. Un’occasione di networking per la filiera delle costruzioni, che ha visto protagonisti ordini professionali, ricercatori, costruttori, tecnici e aziende: «Eventi formativi ad alto contenuto scientifico come questo – ha detto il presidente della Fondazione Ingegneri Mauro Scaccianoce – rispondono perfettamente alla mission della nostra organizzazione, che promuove cultura e collaborazione con le aziende, soprattutto se altamente innovative; quando si mettono in campo competenze e nuove metodologie di lavoro, a beneficiarne è l’intero comparto produttivo del territorio». A produrre e distribuire in esclusiva in tutta Italia la tecnologia d’avanguardia è l’azienda catanese Sider Sipe. Utilizzando Bamtec è possibile installare in un’ora un’armatura che solitamente si posa in dieci ore. «In un settore come quello dell’edilizia dove il fattore “sicurezza” sul lavoro oggi più che mai è un’assoluta priorità – afferma Angelo Gruttadauria, Ad di Sider Sipe – evitare la faticosa manipolazione delle singole barre d’acciaio permette di avere operai veloci ed efficienti e di riuscire ad azzerare l’approssimazione e l’errore umano grazie all’ausilio delle tecnologie».

Nell’incontro fra committenza e mondo delle professioni, ad avere un ruolo determinante è il mondo accademico, ponte fra domanda e offerta: «Le opportunità lavorative non sempre vanno cercate fuori dalla Sicilia – spiega la presidente del corso di laurea del Dicar in Ingegneria Civile Strutturale e Geotecnica Loredana Contrafatto – Il link con le aziende del territorio e le convenzioni stipulate dall’Ateneo rappresentano per i nostri laureati un’occasione, non solo di scambio di conoscenze sulle tecnologie di produzione, ma anche di concreto inserimento professionale, com’è accaduto a due dei nostri studenti che adesso prestano la propria attività all’interno dell’azienda che ci ospita oggi».

Fare rete per garantire la divulgazione delle innovazioni e aggiornarsi per stare al passo con il mercato. Questo il leit motivdell’incontro con diversi focus tematici: dall’analisi degli edifici con solette a doppia armatura bidirezionale in zona sismica – a cura dei docenti Pier Paolo Rossi e Aurelio Ghersi – all’evoluzione del cantiere grazie a Bamtec, illustrata da Franz Haussler, il CEO dell’omonima azienda tedesca che nel 1994 brevettò la tecnologia pluripremiata fissando di fatto nuovi standard di produttività e sicurezza. Attraverso le testimonianze degli ingegneri Mauro Mannelli, Ignazio Stancanelli e Giuseppe Malatino sono stati presentati case studies internazionali, italiani e siciliani nell’ambito della costruzione di ferrovie, gallerie, ponti, autostrade, edifici pubblici e centri commerciali.

]]>
Edilizia e innovazione, presentato a Catania il “cantiere del futuro” Mon, 19 Nov 2018 17:20:07 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/504256.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/504256.html I Press I Press Evento della Fondazione dell’Ordine etneo degli Ingegneri

EDILIZIA E NUOVI STANDARD DI SICUREZZA DALLA GERMANIA A CATANIA, ECCO IL CANTIERE DEL FUTURO

Presentato sistema hi tech in uso nel territorio etneo per la costruzione di opere strategiche

CATANIA – Millecinquecento metri quadri di superficie, per un totale di novanta tonnellate di acciaio, armati in soli due giorni e “pronti al getto” grazie al lavoro di dodici operai e all’utilizzo di tappeti e armature preassemblate. Questo il cantiere che caratterizza un’opera strategica del territorio etneo – il polo d’eccellenza della sanità privata che nascerà a Misterbianco – che verrà realizzata in soli nove mesi con un risparmio di tempo dell’80% e di costo del 30% rispetto a un cantiere tradizionale.

Parte da Catania il progetto pilota dell’edilizia 4.0 protagonista di una delle più grandi rivoluzioni del sistema costruttivo, dove la precisione tedesca viene applicata all’ingegno siciliano. È stata presentata ieri – 14 novembre – durante il seminario “Innovazioni e hi-tech in cantiere”, ospitato al Relais San Giuliano (Viagrande), la tecnologia brevettata Bamtec, sistema integrato per la produzione di armature a “tappeto” che con un software di nuova generazione permette di ottimizzare i costi del cantiere grazie alla facilità e alla precisione millimetrica della posa in opera delle armature.

L’iniziativa è stata organizzata da Fondazione e Ordine degli Ingegneri di Catania, in collaborazione con il Dipartimento universitario di Ingegneria Civile e Architettura (Dicar), Ordine e Fondazione ArchitettiAnce Catania e Collegio dei Geometri. Un’occasione di networking per la filiera delle costruzioni, che ha visto protagonisti ordini professionali, ricercatori, costruttori, tecnici e aziende: «Eventi formativi ad alto contenuto scientifico come questo – ha detto il presidente della Fondazione Ingegneri Mauro Scaccianoce – rispondono perfettamente alla mission della nostra organizzazione, che promuove cultura e collaborazione con le aziende, soprattutto se altamente innovative; quando si mettono in campo competenze e nuove metodologie di lavoro, a beneficiarne è l’intero comparto produttivo del territorio». A produrre e distribuire in esclusiva in tutta Italia la tecnologia d’avanguardia è l’azienda catanese Sider Sipe. Utilizzando Bamtec è possibile installare in un’ora un’armatura che solitamente si posa in dieci ore. «In un settore come quello dell’edilizia dove il fattore “sicurezza” sul lavoro oggi più che mai è un’assoluta priorità – afferma Angelo Gruttadauria, Ad di Sider Sipe – evitare la faticosa manipolazione delle singole barre d’acciaio permette di avere operai veloci ed efficienti e di riuscire ad azzerare l’approssimazione e l’errore umano grazie all’ausilio delle tecnologie».

Nell’incontro fra committenza e mondo delle professioni, ad avere un ruolo determinante è il mondo accademico, ponte fra domanda e offerta: «Le opportunità lavorative non sempre vanno cercate fuori dalla Sicilia – spiega la presidente del corso di laurea del Dicar in Ingegneria Civile Strutturale e Geotecnica Loredana Contrafatto – Il link con le aziende del territorio e le convenzioni stipulate dall’Ateneo rappresentano per i nostri laureati un’occasione, non solo di scambio di conoscenze sulle tecnologie di produzione, ma anche di concreto inserimento professionale, com’è accaduto a due dei nostri studenti che adesso prestano la propria attività all’interno dell’azienda che ci ospita oggi».

Fare rete per garantire la divulgazione delle innovazioni e aggiornarsi per stare al passo con il mercato. Questo il leit motivdell’incontro con diversi focus tematici: dall’analisi degli edifici con solette a doppia armatura bidirezionale in zona sismica – a cura dei docenti Pier Paolo Rossi e Aurelio Ghersi – all’evoluzione del cantiere grazie a Bamtec, illustrata da Franz Haussler, il CEO dell’omonima azienda tedesca che nel 1994 brevettò la tecnologia pluripremiata fissando di fatto nuovi standard di produttività e sicurezza. Attraverso le testimonianze degli ingegneri Mauro Mannelli, Ignazio Stancanelli e Giuseppe Malatino sono stati presentati case studies internazionali, italiani e siciliani nell’ambito della costruzione di ferrovie, gallerie, ponti, autostrade, edifici pubblici e centri commerciali.

]]>
Edilizia e innovazione, presentato a Catania il “cantiere del futuro” Mon, 19 Nov 2018 17:12:57 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/504254.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/504254.html I Press I Press Evento della Fondazione dell’Ordine etneo degli Ingegneri

EDILIZIA E NUOVI STANDARD DI SICUREZZA DALLA GERMANIA A CATANIA, ECCO IL CANTIERE DEL FUTURO

Presentato sistema hi tech in uso nel territorio etneo per la costruzione di opere strategiche

CATANIA – Millecinquecento metri quadri di superficie, per un totale di novanta tonnellate di acciaio, armati in soli due giorni e “pronti al getto” grazie al lavoro di dodici operai e all’utilizzo di tappeti e armature preassemblate. Questo il cantiere che caratterizza un’opera strategica del territorio etneo – il polo d’eccellenza della sanità privata che nascerà a Misterbianco – che verrà realizzata in soli nove mesi con un risparmio di tempo dell’80% e di costo del 30% rispetto a un cantiere tradizionale.

Parte da Catania il progetto pilota dell’edilizia 4.0 protagonista di una delle più grandi rivoluzioni del sistema costruttivo, dove la precisione tedesca viene applicata all’ingegno siciliano. È stata presentata ieri – 14 novembre – durante il seminario “Innovazioni e hi-tech in cantiere”, ospitato al Relais San Giuliano (Viagrande), la tecnologia brevettata Bamtec, sistema integrato per la produzione di armature a “tappeto” che con un software di nuova generazione permette di ottimizzare i costi del cantiere grazie alla facilità e alla precisione millimetrica della posa in opera delle armature.

L’iniziativa è stata organizzata da Fondazione e Ordine degli Ingegneri di Catania, in collaborazione con il Dipartimento universitario di Ingegneria Civile e Architettura (Dicar), Ordine e Fondazione ArchitettiAnce Catania e Collegio dei Geometri. Un’occasione di networking per la filiera delle costruzioni, che ha visto protagonisti ordini professionali, ricercatori, costruttori, tecnici e aziende: «Eventi formativi ad alto contenuto scientifico come questo – ha detto il presidente della Fondazione Ingegneri Mauro Scaccianoce – rispondono perfettamente alla mission della nostra organizzazione, che promuove cultura e collaborazione con le aziende, soprattutto se altamente innovative; quando si mettono in campo competenze e nuove metodologie di lavoro, a beneficiarne è l’intero comparto produttivo del territorio». A produrre e distribuire in esclusiva in tutta Italia la tecnologia d’avanguardia è l’azienda catanese Sider Sipe. Utilizzando Bamtec è possibile installare in un’ora un’armatura che solitamente si posa in dieci ore. «In un settore come quello dell’edilizia dove il fattore “sicurezza” sul lavoro oggi più che mai è un’assoluta priorità – afferma Angelo Gruttadauria, Ad di Sider Sipe – evitare la faticosa manipolazione delle singole barre d’acciaio permette di avere operai veloci ed efficienti e di riuscire ad azzerare l’approssimazione e l’errore umano grazie all’ausilio delle tecnologie».

Nell’incontro fra committenza e mondo delle professioni, ad avere un ruolo determinante è il mondo accademico, ponte fra domanda e offerta: «Le opportunità lavorative non sempre vanno cercate fuori dalla Sicilia – spiega la presidente del corso di laurea del Dicar in Ingegneria Civile Strutturale e Geotecnica Loredana Contrafatto – Il link con le aziende del territorio e le convenzioni stipulate dall’Ateneo rappresentano per i nostri laureati un’occasione, non solo di scambio di conoscenze sulle tecnologie di produzione, ma anche di concreto inserimento professionale, com’è accaduto a due dei nostri studenti che adesso prestano la propria attività all’interno dell’azienda che ci ospita oggi».

Fare rete per garantire la divulgazione delle innovazioni e aggiornarsi per stare al passo con il mercato. Questo il leit motivdell’incontro con diversi focus tematici: dall’analisi degli edifici con solette a doppia armatura bidirezionale in zona sismica – a cura dei docenti Pier Paolo Rossi e Aurelio Ghersi – all’evoluzione del cantiere grazie a Bamtec, illustrata da Franz Haussler, il CEO dell’omonima azienda tedesca che nel 1994 brevettò la tecnologia pluripremiata fissando di fatto nuovi standard di produttività e sicurezza. Attraverso le testimonianze degli ingegneri Mauro Mannelli, Ignazio Stancanelli e Giuseppe Malatino sono stati presentati case studies internazionali, italiani e siciliani nell’ambito della costruzione di ferrovie, gallerie, ponti, autostrade, edifici pubblici e centri commerciali.

]]>
Techno DUO di IMIT. Grande efficienza operativa e programmazione intuitiva Mon, 19 Nov 2018 16:46:58 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/504250.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/504250.html LS&P LS&P Il cronotermostato digitale Techno DUO di IMIT Control System si segnala – oltre che per la grande efficienza funzionale – per la programmazione semplice ed intuitiva. Sono infatti sufficienti pochi gesti per impostare i parametri di Techno DUO.

L’apparecchiatura è stata progettata proprio per garantire una piena efficienza operativa nell’arco delle 24 ore grazie ai selettori giorno e notte ad intervalli di mezz’ora o di un’ora e per offrire al tempo stesso la sicurezza di un comfort ottimale attraverso le modalità di riscaldamento o raffrescamento.

Tutti i parametri impostati sono visualizzati sull’ampio display digitale retroilluminato che consente di verificare in un istante i settaggi impartiti all’impianto, lo stato di carica delle batterie, la modalità di funzionamento e le icone di stato.

 

 

www.imit.it

]]>
Perché scegliere un pavimento sopraelevato Mon, 19 Nov 2018 09:57:58 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/504125.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/504125.html Mantanera Mantanera @page { margin: 2cm } p { margin-bottom: 0.25cm; line-height: 115% }

I pavimenti flottanti, detti anche sopraelevati o galleggianti, non poggiano direttamente sul massetto ma sono rialzati per mezzo di una struttura portante metallica. Sono costituiti da elementi modulari che vanno a costituire un nuovo piano e possono essere rifiniti con materiali diversi a seconda dei gusti e delle caratteristiche dell’ambiente in cui vengono posati.

I pavimenti sopraelevati sono sfruttati soprattutto per uffici e strutture commerciali, sia all’interno che all’esterno con un apporto di notevoli vantaggi. Più raramente sono utilizzati per uso domestico, se non non nei cosiddetti smart buildings dotati per definizione di sofisticati impianti tecnologici.

Un pavimento flottante è formato da differenti elementi tecnici modulari sovrapposti: la finitura superiore – che può essere in materiale ceramico come il grés porcellanato, in legno, in pietra o in materiale plastico – viene incollata su di un pannello modulare – realizzato con un materiale alleggerito e isolante – a sua volta montato su di un supporto con piedini regolabili.

La struttura modulare permette di definire altezze, dimensioni e finiture completamente differenti senza mai modificare il sistema strutturale, con un evidente risparmio di tempi di montaggio e costi.

Il pavimento galleggiante è un buona soluzione per chi desidera adattare la struttura presente alle nuove esigenze progettuali e funzionali, ma senza costose opere di muratura.

 

I pregi principali di un pavimento sopraelevato:

Si installa in pochissimo tempo.

Facilita la posa e la manutenzione degli impianti evitando di incorrere in costose opere di muratura.

Favorisce il risparmio energetico grazie all’effetto isolante dell’intercapedine che va a formarsi tra il pavimento originale e il piano di calpestio.

 

Le pavimentazioni tecniche hanno avuto un grande sviluppo soprattutto nelle strutture industriali e negli uffici perché offrono una soluzione economica e pratica alle esigenze di integrazione degli impianti negli ambienti di lavoro.

 

Quando è meglio utilizzare un pavimento flottante rispetto a uno tradizionale?

1. In seguito a modifiche e ristrutturazioni

Quando dobbiamo fare delle modifiche all’impianto o introdurre una particolare soluzione tecnica che ha bisogno di essere controllata e manutenuta di sovente, optare per un pavimento di questo tipo con delle piastrelle facili da sollevare per le ispezioni è sicuramente la scelta migliore.

Ad esempio può essere utilizzata a fronte di una piccola ristrutturazione in cui si devono spostare gli allacci dell’acqua o i termosifoni da una parte all’altra della sala. Utilizzando i pavimenti flottanti basta sopraelevare una parte di pavimento invece di creare delle tracce, spaccando il pavimento esistente.

2. Per dare movimento

Si possono usare quando vogliamo creare una certa vivacità visiva, si esalta una zona rispetto ad un’altra creando un percorso a varie altezze, ogni funzione ha una zona ben definita pur rimanendo uno spazio aperto.

Particolarmente indicato per gli ambienti open space, dove la creazione di due livelli diversi può servire per separare idealmente le varie zone, può rivelarsi la soluzione ottimale anche per ambienti più piccoli a cui si vuole dare dinamicità e movimento.

3. Come elemento isolante

Usare un pavimento tecnico sopraelevato permette di isolarsi da un terreno particolarmente freddo o con caratteristiche climatiche avverse. Un pavimento flottante ha qualità di isolamento termico e sonoro, la ventilazione naturale data dalla distanza dal pavimento di appoggio, permette di migliorare moltissimo le prestazioni con un risparmio energetico. Oltretutto si può pensare di aggiungere ulteriori strati isolanti o con caratteristiche adeguate alle nostre esigenze semplicemente aggiungendoli agli strati del modulo.

4. Per la sua leggerezza

Si può sfruttare nel recupero edilizio e nella ristrutturazione. Grazie alla loro leggerezza i pavimenti galleggianti non appesantiscono le strutture preesistenti, ed anche in contesti architettonici di pregio storico e artistico,può essere di grande aiuto utilizzando un modulo vetrato per proteggere e lasciare visibili elementi preziosi o interessanti.

5. Anche all’esterno

Utilizzato in esterno permette di sfruttare al meglio le sue caratteristiche isolandoci dal terreno e lasciando il pavimento sempre asciutto e in ordine. Basta prevedere dei punti di scolo e una leggera pendenza e non avremo mai problemi di ristagno d’acqua!

 

Fonte : www.petral.it

]]>
L'ecosostenibilità negli immobili in costruzione | Studio Ungheria Thu, 15 Nov 2018 16:41:04 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/503696.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/503696.html MLP Studio MLP Studio L'energia alternativa e pulita nel nostro progetto di Parco Durantini

Negli immobili in corso di costruzione si presta particolare attenzione all'ecologia. Evitare i consumi nel riscaldamento o raffreddamento della casa non è una pratica utile solo per diminuire i costi in bolletta, ma anche per ridurre il surriscaldamento globale e le emissioni di gas serra. Anche il più piccolo contributo può migliorare la qualità dell'ambiente e quindi della vita. Vediamo più nel dettaglio come le soluzioni degli edifici di Parco Durantini.

Parco Durantini: il sistema di riscaldamento e raffreddamento

Uno dei modi più semplici per evitare i consumi è quello di predisporre negli appartamenti la gestione autonoma e indipendente della temperatura. Per questo, in ogni appartamento è prevista una centralina che permette la gestione autonoma, così da poter personalizzare l'accensione e lo spegnimento a seconda delle diverse esigenze dei condomini. Il valore della temperatura dell'ambiente è previsto nel range previsto dalla legge, ossia 20° in inverno, e 25° in estate. Questi valori sono mantenuti stabili localmente e autonomamente dai termostati dove ci sono i ventilconvettori e delle teste termostatiche dove ci sono i corpi scaldanti. Più nel dettaglio, le camere da letto e da pranzo avranno ventilconvettori dimensionati per un funzionamento a velocità media. Per le prima saranno adatte all'installazione in alto a parete, con un telecomando a infrarossi. Nei soggiorni invece, ove possibile, saranno adatti a un'installazione orizzontale pensile in controsoffitto, dotati di bocchette di mandata e griglia di ripresa, con il telecomando incassato a parete.

Parco Durantini: il riscaldamento dell'acqua sanitaria

I nostri edifici a Via dei Durantini utilizzano l'energia alternativa solare per riscaldare l'acqua sanitaria grazie ai pannelli solari. I pannelli solari trasformano l'energia del sole in energia utile all'uomo, come il calore o l'elettricità. Pur essendo molto simili d'aspetto, ci sono diverse tipologie e le loro tecnologie sono molto diverse e anche il loro scopo. Nel nostro caso, utilizziamo pannelli solari termici, in grado di utilizzare l'energia solare per riscaldare l'acqua che si utilizza per docce, pulizie domestiche ecc. Grazie a questi pannelli solari, la temperatura dell'acqua può arrivare a temperature che superano molto quella media necessari per una doccia (che si aggira intorno ai 45°), senza l'utilizzo di elettricità o gas. In italia si gode di un'insolazione media annua di 1500kWh/m2, il che permetterebbe di risparmiare quasi 8 milioni in bolletta se si installassero 160.000 mq di pannelli in qualsiasi regione della penisola. Proprio per questi motivi, Parco Durantini possiede i pannelli solari per il riscaldamento dell'acqua: una fonte di energia pulita, così tanto disponibile in Italia, e che fa risparmiare i costi in bolletta.   Studio Ungheria - Case in costruzione Roma

]]>
L'ecosostenibilità negli immobili in costruzione | Studio Ungheria Thu, 15 Nov 2018 16:40:25 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/503695.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/503695.html MLP Studio MLP Studio L'energia alternativa e pulita nel nostro progetto di Parco Durantini

Negli immobili in corso di costruzione si presta particolare attenzione all'ecologia. Evitare i consumi nel riscaldamento o raffreddamento della casa non è una pratica utile solo per diminuire i costi in bolletta, ma anche per ridurre il surriscaldamento globale e le emissioni di gas serra. Anche il più piccolo contributo può migliorare la qualità dell'ambiente e quindi della vita. Vediamo più nel dettaglio come le soluzioni degli edifici di Parco Durantini.

Parco Durantini: il sistema di riscaldamento e raffreddamento

Uno dei modi più semplici per evitare i consumi è quello di predisporre negli appartamenti la gestione autonoma e indipendente della temperatura. Per questo, in ogni appartamento è prevista una centralina che permette la gestione autonoma, così da poter personalizzare l'accensione e lo spegnimento a seconda delle diverse esigenze dei condomini. Il valore della temperatura dell'ambiente è previsto nel range previsto dalla legge, ossia 20° in inverno, e 25° in estate. Questi valori sono mantenuti stabili localmente e autonomamente dai termostati dove ci sono i ventilconvettori e delle teste termostatiche dove ci sono i corpi scaldanti. Più nel dettaglio, le camere da letto e da pranzo avranno ventilconvettori dimensionati per un funzionamento a velocità media. Per le prima saranno adatte all'installazione in alto a parete, con un telecomando a infrarossi. Nei soggiorni invece, ove possibile, saranno adatti a un'installazione orizzontale pensile in controsoffitto, dotati di bocchette di mandata e griglia di ripresa, con il telecomando incassato a parete.

Parco Durantini: il riscaldamento dell'acqua sanitaria

I nostri edifici a Via dei Durantini utilizzano l'energia alternativa solare per riscaldare l'acqua sanitaria grazie ai pannelli solari. I pannelli solari trasformano l'energia del sole in energia utile all'uomo, come il calore o l'elettricità. Pur essendo molto simili d'aspetto, ci sono diverse tipologie e le loro tecnologie sono molto diverse e anche il loro scopo. Nel nostro caso, utilizziamo pannelli solari termici, in grado di utilizzare l'energia solare per riscaldare l'acqua che si utilizza per docce, pulizie domestiche ecc. Grazie a questi pannelli solari, la temperatura dell'acqua può arrivare a temperature che superano molto quella media necessari per una doccia (che si aggira intorno ai 45°), senza l'utilizzo di elettricità o gas. In italia si gode di un'insolazione media annua di 1500kWh/m2, il che permetterebbe di risparmiare quasi 8 milioni in bolletta se si installassero 160.000 mq di pannelli in qualsiasi regione della penisola. Proprio per questi motivi, Parco Durantini possiede i pannelli solari per il riscaldamento dell'acqua: una fonte di energia pulita, così tanto disponibile in Italia, e che fa risparmiare i costi in bolletta.   Studio Ungheria - Case in costruzione Roma

]]>
Pavimento per esterno in pietra naturale Bellini - da Maspe Thu, 15 Nov 2018 14:30:25 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/503763.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/503763.html comunicati comunicati
Novità Maspe: con la sua componente di silicio, il granito BELLINI si arricchisce di sfumature uniche per una pavimentazione dalla brillantezza naturale.  
I prodotti Maspe sono sinonimo di qualità e professionalità dal 1976.
]]>
Knauf all’avanguardia nell’edilizia del domani Thu, 15 Nov 2018 11:42:08 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/503389.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/503389.html RGR Comunicazione RGR Comunicazione Tante le soluzioni Knauf adottate per costruire la casa italiana che partecipa a Solar Decathlon Middle East 2018, l’Olimpiade dell’edilizia del futuro

Solar Decathlon è l’Olimpiade dell’edilizia, una competizione internazionale nella quale Atenei e produttori di tutto il mondo si sfidano nel costruire in scala reale il miglior prototipo di abitazione sostenibile ed energeticamente autosufficiente. Knauf in questo contesto è partner dell’Università Sapienza di Roma, entrata a far parte del ristretto gruppo internazionale di 22 Atenei in gara al Solar Decathlon Middle East 2018 di Dubai. Qui gli edifici, costruiti con materiali adatti a essere immessi sul mercato, verranno sottoposti a prove in dieci diversi ambiti e il progetto vincitore sarà quello col punteggio cumulativo maggiore.

Il progetto Italiano - Knauf ha dato un importantissimo contributo tecnologico alla costruzione, nel cantiere laboratorio di Pomezia, la Smart Solar House che rappresenterà l’Italia a Dubai, capace di garantire la massima efficienza ed efficacia nell’uso delle risorse e di fornire un ambiente attraente, accessibile, sicuro, comodo e sano, competitivo in termini di costi e in grado di migliorare la vita di tutti i soggetti coinvolti.

Il progetto, denominato ReStart4Smart, sfrutta tutte le possibilità offerte dall’utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili e dall’impiego di soluzioni tecnologiche e costruttive altamente innovative e a basso impatto ambientale tipiche di uno Zero Energy Building e di un Green Building. A queste aggiunge caratteristiche di flessibilità intelligente attraverso una continua interazione con il contesto e con gli utenti al fine di acquisire dati e informazioni utili all’ottimizzazione del suo funzionamento, fino alla possibilità di variare con rapidità ed economicità l’assetto distributivo e perfino le dimensioni, per far fronte alle mutevoli esigenze del nucleo familiare e per adattarsi alle diverse tipologie di tessuto edilizio della città.

A dimostrazione dell’estrema flessibilità di questo progetto, di cui Knauf è parte integrante, il modello di casa, in scala 1:1 e di circa 80mq, è stato costruito nel cantiere-laboratorio di Pomezia, testato, disassemblato e quindi spedito a pezzi a Dubai dove in questi giorni viene interamente riassemblato per sfidare le proposte delle altre nazioni nella competizione che si terrà dal 13 al 28 novembre 2018.

Le soluzioni Knauf – L’impegno quotidiano di Knauf Italia nel campo della ricerca e nello sviluppo di tecnologie costruttive che mirano a raggiungere la massima efficienza energetica e ad abbattere l’impatto ambientale nel campo dell’edilizia sono alla base del prototipo che rappresenterà l’Italia a Dubai. In questo contesto le lastre Aquapanel Outdoor verranno usate in doppio strato e in combinazione con un ottimo isolante per costruire un involucro esterno capace di assicurare l’isolamento più estremo. La scelta delle lastre Aquapanel, oltre che per le prestazioni, è stata dovuta anche alla loro flessibilità applicativa, dato che possono essere montate direttamente anche sulle orditure in legno della struttura in XLAM del prototipo.

La pavimentazione invece ha trovato la sua soluzione nelle lastre in gessofibra Knauf Brio, applicate direttamente sui sottostanti listelli in legno. Stabili, precise e performanti, offrono una resistenza straordinaria anche ai carichi più elevati senza cedimenti o deformazioni e si applicano completamente a secco, senza alcun uso di acqua.

Per i controsoffitti è stata scelta la soluzione costituita da una struttura metallica doppia distanziata dal solaio mediante sospensioni regolabili in acciaio e rivestimento in lastre di gesso Knauf GKB.

Le stesse lastre GKB sono state usate per costruire pareti e contropareti interne mentre per i bagni si è optato per una soluzione basata sulle Idrolastre Knauf, ideali per ambienti con elevati picchi di umidità.

Infine, per i tetti la scelta è caduta su una struttura basata ancora una volta su una soluzione Knauf, l’innovativa Aquapanel Rooftop.

 

“Solar Decathlon è la massima espressione della ricerca e dell’innovazione in campo edile. Rappresentare l’Italia partecipando in modo così intenso e con un così gran numero di soluzioni nel contesto di un progetto all’avanguardia come quello ideato e realizzato dall’Università Sapienza di Roma è sicuramente un grande onore per Knauf Italia”. Ha dichiarato Dott. Damiano Spagnuolo, Marketing & Product Manager di Knauf Italia. “Il progetto ReStart4Smart, di cui Knauf Italia è protagonista apportando competenze e tecnologie costruttive, si presenta con le carte in regola per ottenere un ottimo risultato.” 

 

Knauf Italia

Il leader nell’edilizia per ambienti sani, sicuri e confortevoli (www.knauf.it)

Knauf Italia, sede nazionale della capogruppo tedesca Knauf Gips KG, leader mondiale nell’ambito dell’edilizia, è stata fondata nel 1977. Polo produttivo a supporto del mercato edile italiano, conta due stabilimenti in Toscana, per la produzione dei sistemi a secco e degli intonaci a base gesso. Knauf Italia, forte di un indiscusso primato nelle costruzioni a secco, è oggi un solido punto di riferimento per operatori del settore e utenti finali.

Parallelamente al continuo sviluppo e alla produzione di innovative soluzioni di tamponamenti a secco, soffittature, pavimentazioni, isolamenti e intonaci, Knauf investe molto sulla formazione con i Centri polifunzionali di Milano e Pisa, che offrono un’ampia gamma di corsi, seminari e servizi dedicati ai professionisti italiani dell’edilizia.

La proposta di Sistemi Costruttivi evoluti, l’attenzione alla formazione, le partnership con università e progettisti sono i punti di forza di un’azienda sempre in prima linea nel proporre risposte tecnologiche all’avanguardia anche nell’ecocompatibilità.

 

Knauf Group (www.knauf.com) - Worldwide Knauf building systems facilitate planning and construction, offer complete solutions and assured quality. On the German market Knauf is represented by the companies Knauf AMF (ceiling systems), Knauf Aquapanel (cement-bound building boards, interior insulation, perlite), Knauf Bauprodukte (professional solutions for homes), Knauf Gips (drywall, floors, plaster and facade systems), Knauf Insulation (insulating materials made of mineral wool, glass wood and wood wool), Knauf Integral (gypsum fibre technology for floors, walls and ceilings), Knauf PFT (machine technology, plant construction), Knauf Design (surface technology), Marbos (special building materials for fixed stone pavement construction), Richter System (drywall systems) and Sakret Bausysteme (dry mortar for new buildings and reconstruction).

 

CONTATTI:

Knauf Italia - Via Livonese 20, 56040 Castellina Marittima (Pisa)

Tel. 050 692201 - Fax 050 692301 

knauf@knauf.it

Giuseppe Guida - guida.giuseppe@knauf.it

 

CONTATTO PER LA STAMPA

Ufficio Stampa - RGR Comunicazione

Via del Tiglio 7, 56012 Calcinaia (PI)

Tel. +39 0587 294350 - www.rgr.it - rgr@rgr.it

Leonardo Ristori - ristori@rgr.it

+39 329 2118296

]]>
Active House Awards: premiato lo studio di progettazione MBSolutions Fri, 09 Nov 2018 10:08:56 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/501907.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/501907.html switchup switchup Lo studio di progettazione Fidentino è stato premiato, insieme all’azienda Montanari Costruzioni, per la realizzazione di Casa sul Parco.

 

Agli Active House Awards spicca la rappresentanza emiliano composta da Montanari Costruzioni, azienda di costruzioni, e da MBSolutions, studio di progettazione di Fidenza: le due realtà hanno infatti collaborato alla la realizzazione di Casa sul Parco, che ha ricevuto l’Active House Award nella categoria Radar ed Edificio realizzato

 

Il progetto, iniziato nel 2015, si è tradotto in un edificio dall’aspetto caratterizzato da linee pulite, e moderne ed armoniche, dalle alte prestazioni energetiche e perfettamente inserito nel contesto urbano. Questo risultato è stato ottenuto ricorrendo a sistemi costruttivi all’avanguardia e prodotti evoluti e di altissima qualità, uniti a una costante ricerca di armonia fra la Casa e l’area circostante.

 

Un edificio all’avanguardia

L’edificio segue l’idea di “Natura amica”: sfrutta l’ambiente che lo circonda ai fini dell’efficienza energetica e, allo stesso tempo, si integra perfettamente con esso. La qualità architettonica, tecnologica, costruttiva e di sicurezza, è garantita dalle certificazioni come Casa Attiva (una delle prime nel paese), Casa Passiva ed edificio Multi Comfort.

Grazie a queste caratteristiche, Casa sul Parco offre un mix di qualità, efficienza e sicurezza: luce naturale, qualità dell’aria, acustica, benessere termico e rispetto dell’ambiente, tecnologie anti-sismiche e anti-effrazione, per un comfort a 360°.

]]>
Una scala mobile per favorire la mobilità e l’efficienza del trasporto Tue, 06 Nov 2018 11:53:53 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/501464.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/501464.html Zenzero Comunicazione Zenzero Comunicazione Centri commerciali, stazioni ferroviarie, aeroporti e tanti altri luoghi pubblici frequentati da ampi flussi di persone non sarebbero sicuramente gli stessi senza le scale mobili. E ovviamente anche noi saremmo diversi: magari saremmo più prestanti fisicamente, ma di sicuro sudati e ansimanti se dovessimo percorrere i dislivelli che di solito superiamo comodamente su una scala mobile (magari anche con bambini, bagagli o borse della spesa al seguito) con le nostre gambe!

Una scala mobileScherzi a parte, questi impianti sono fondamentali non solamente per la praticità del singolo individuo ma anche e soprattutto per la collettività: una scala mobile posizionata nel posto giusto significa snellire le code, velocizzare il traffico pedonale e aiutare le persone con difficoltà fisiche a superare dislivelli più o meno grandi.

A bordo di una moderna scala mobile, larga un metro o poco più, si calcola che possano essere trasportate fino a 5.000 persone all’ora, ma questa cifra si può raggiungere solo in presenza di due condicio sine qua non:

  1. Gli utilizzatori devono riempire ogni gradino, senza quindi lasciare spazi vuoti.
  2. È indispensabile che gli impianti siano di alta qualità costruttiva e vengano messi in opera da un’azienda altamente qualificata, che offra le migliori garanzie in termini di efficienza del trasporto, affidabilità e sicurezza.

Cerchi un’azienda di questo tipo? Rivolgiti con fiducia agli esperti di SMI Italia (smi-italia.it) e alla loro esperienza pluridecennale!

]]>
In italia il sito più innovativo per chiamare un idraulico. Thu, 01 Nov 2018 19:45:28 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/500948.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/edilizia/500948.html Idraulicodifiducia Idraulicodifiducia Nasce a Reggio Emilia un’innovativa piattaforma, senza scopo di lucro, che mette in contatto velocemente clienti e idraulici.

L’utilizzo della piattaforma, a differenza delle tradizionali piattaforme web in commercio, è gratuito sia per il cliente che per l’idraulico.

La piattaforma si avvale dei migliori professionisti i quali offrono un ottimo rapporto qualità prezzo, in quanto la piattaforma offre gli stessi ricevono particolari vantaggi.

Finalmente si risolvono i soliti problemi che si presentano quando si cerca un idraulico:

la difficoltà nel reperire un idraulico valido in un breve tempo viene superata brillantemente, infatti è il cliente che decide con 3 click indirizzo, giorno e ora in maniera semplice e veloce.

Inoltre, nelle piattaforme tradizionali, quasi sempre i preventivi a distanza non corrispondono alla spesa reale. Invece grazie a questa piattaforma il sopralluogo è gratuito, consentendo all’idraulico di avere gli elementi per effettuare un preventivo congruo, prima di effettuare il lavoro.

Dopo il preventivo, il cliente può decidere se far effettuare il lavoro o meno e non dovrà pagare nulla nel caso in cui decida di non incaricare l’idraulico per il lavoro.

Anche se la chiamata è una chiamata di pronto intervento, dalle ore 8:00 alle ore 18:00 e per il sabato dalle ore 8:00 alle ore 11:00 il preventivo è sempre gratuito ed il cliente anche in questo caso può decidere di non far effettuare l’intervento.

Cosa può desiderare di più un utente che cerca un idraulico?

]]>