Roma: differenze e punti in comune tra un urologo e un andrologo

23/lug/2013 15:07:36 Imprendo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Urologo RomaQuali sono le differenze e i punti in comune tra un urologo ed un andrologo? Oggi grazie alla collaborazione di un famoso specialista attivo a Roma, Giovanni Alei, possiamo conoscere un po meglio questa professione. Il professore è uno specialista in urologia e in andrologia, entrambe branche mediche che hanno richiesto anni di specializzazione.

 

Se vivete a Roma e cercate un urologo che sia competente anche nelle più ricercate tecniche di andrologia, andate su questo sito e richiedete una visita specialistica iniziale. Le principali differenze tra un urologo ed un andrologo sono queste:

 

Un urologo a Roma, come del resto in ogni altra parte del Paese, si occupa delle patologie a carico dell'apparato genito-urinario. Questo apparato comprende i reni, la vescica, la prostata e l'uretra, più gli organi genitali esterni. Un urologo è un medico chirurgo che cura, previene e diagnostica tutto ciò che riguarda la sfera uro-genitale degli individui maschi.

 

Se state cercando un andrologo a Roma, invece, dovete sapere che l'andrologo è la controparte della ginecologia femminile. Quindi è più concentrato sulla sfera dei problemi relativi all'apparato riproduttore maschile. Un andrologo cerca di capire la causa, di prevenire e di curare tutte le patologie a carico della sfera sessuale maschile.

 

Tra i maggiori disturbi dell'apparato riproduttore maschile ci sono: criptorchidismo, idrocele, varicocele, torsione del funicolo spermatico, tumori al testicolo, ipospadia, fimosi, priapismo etc.

 

Urologo Roma ci parla del Criptorchidismo maschile

 

Il criptorchidismo è una patologia che avviene nel feto nello specifico dal terzo all'ottavo mese di gravidanza. È in questo periodo che avviene la discesa graduale del testicolo verso lo scroto, attraverso il canale inguinale. A volte questa discesa subisce delle interruzioni.

 

La discesa del testicolo avviene tramite il cordone fibroso, il gubernaculus testis, ed è stimolata dagli ormoni androgeni, la cui produzione dipende dagli ormoni gonadotropici della madre. L'arresto di questa discesa causa il criptorchidismo.

 

Le cause di questo malfunzionamento sono almeno tre: assenza o anomalia del gubernaculum, insensibilità del testicolo alla stimolazione della gonadotropine materna, mancanza di gonadotropine materne.

 

Le conseguenze di questa anomalia si ripercuotono sulla salute del bambino durante il secondo anno di età. Se non si provvede a riposizionare il testicolo nel sacco scrotale, queste lesioni si aggravano fino a provocare l'infertilità del soggetto.

 

Il sintomo principale è l'assenza di uno o entrambi i testicoli. In molti casi il testicolo si palpa a livello dell'inguine ma non si può riposizionare nello scroto. In età adulta si evidenzia con la presenza di una massa anomala in sede inguinale con disturbi alla deambulazione.

 

Se si diagnostica questa malattia entro i 6 anni di età si può provvedere ad un trattamento del testicolo per riposizionarlo nello scroto, oppure in un trattamento farmacologico con gonadotropine. Altrimenti è indicata l'asportazione chirurgica sotto attento controllo di un urologo esperto poiché i testicoli colpiti da criptorchidismo sono molto soggetti allo sviluppo di neoplasie.

 

Se stai cercando un urologo a Roma specializzato in problemi ai testicoli, come il criptorchidismo, segui il link alle prime righe e contatta questo specialista.  

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl