Lavoro: Clubhouse, il social network vocale piace anche ai recruiter

Allegati

23/feb/2021 09:15:38 ComunicatiStampa.net Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA > Se non lo vedi correttamente Vedi sul Browser
 
 
 
ComunicatiStampa.net
 
 

Lavoro: Clubhouse, il social network vocale piace anche ai recruiter

Milano, 23 febbraio 2021 �“ C’è un nuovo social network in città, e potrebbe essere particolarmente prezioso per chi si occupa di ricerca e selezione del personale. Ci riferiamo a Clubhouse, la piattaforma di cui tutti parlano nelle ultime settimane. E parlare è assolutamente il verbo azzeccato, partendo dal presupposto che Clubhouse è un social senza immagini e senza video, in cui si può pubblicare solo con la propria voce, e nulla di più.

Si tratta dunque di una piattaforma del tutto peculiare, che si stacca dai soliti social, e che proprio per le sue caratteristiche uniche sta raccogliendo velocemente centinaia di migliaia di iscritti.

A dire il vero c’è un altro fattore che sta spingendo in altissimo Clubhouse, ovvero la sua esclusività: è possibile iscriversi al social solo dietro invito di un altro utente.

Questi aspetti, uniti alla presenza su Clubhouse di celebrità del calibro di Oprah, Ashton Kutcher, Drake e Jared Leto, stanno contribuendo alla grande scalata dell’App, che ha il vantaggio di dare una voce a tutti, senza pregiudizi di sorta, per via dell’eliminazione delle immagini.

Su Clubhouse si può parlare di qualsiasi cosa: è sufficiente entrare una stanza dedicata a un tema preciso e ascoltare quello che gli altri utenti stanno dicendo, ed eventualmente intervenire dicendo la propria. Si tratta quindi di un mondo a metà strada tra quello delle chat, quello dei social e quello dei podcast, un mondo che sta incuriosendo non poco i recruiter e i cacciatori di teste.

«Tra i compiti principali di un cacciatore di teste c’è quello di scoprire talenti e migliorare di giorno in giorno il proprio network, così da poter vantare sempre un discreto numero di professionisti da proporre alle aziende che assumono» ci spiega Carola Adami, co-fondatrice della società italiana di head hunting Adami & Associati       (www.adamiassociati.com).

«Uno strumento come Clubhouse, da questo punto di vista, potrebbe rivelarsi prezioso. Pensiamo per esempio agli head hunter della nostra società: ognuno di loro è specializzato in determinate aree, come per esempio nella ricerca di talenti per l’universo ICT. Ecco allora che questo cacciatore di teste, per individuare nuovi talenti, potrebbe partecipare alle discussioni relative a questo comparto su Clubhouse, così da poter scoprire nuovi interessanti professionisti ICT in modo semplice e veloce, senza alcun pregiudizio, oppure avviare delle discussioni ad hoc su temi concernenti una precisa ricerca di professionisti».

Clubhouse potrebbe quindi diventare un nuovo strumento di valore nelle mani dei recruiter, seguendo le orme di LinkedIn.

«Indubbiamente» aggiunge Carola Adami «Clubhouse potrebbe essere utile ai recruiter soprattutto in una situazione come quella dell’emergenza Covid-19, in cui i contatti sono ridotti al minimo. Ma le potenzialità di questo strumento possono andare bene oltre: i cacciatori di teste sono sempre alla ricerca di nuovi metodi per ampliare il proprio network».

 

clubhouse, voce, telefono, telefonare, impiegata, lavorare, lavoratrice, telelavoro, smartworking

Vedi online
 
 
 
 
 

Altri comunicati stampa recenti:

 
 
Cancro: come comunicare la malattia ai bambini

Cancro: come comunicare la malattia ai bambini

Roma, 22 febbraio 2021 �“ Parlare della malattia oncologica resta ancora oggi un tabù dovuto all’intensa sofferenza e ai timori che seguono una diagnosi così importante. Ma parlare della propria malattia, condividere le proprie ansie, chiedere aiuto, esternare i propri pensieri diventa fondamentale per il mantenimento di una sana relazione con sé stessi e con…

Leggi Tutto...
 
 
La lettera a Mario Draghi: "Il Recovery Plan deve essere occasione di rilancio del settore marmifero italiano"

La lettera a Mario Draghi: "Il Recovery Plan deve essere occasione di rilancio del settore marmifero italiano"

La lettera a Mario Draghi per chiedere misure per il rilancio del settore marmifero italiano: a scriverla una nota azienda del settore, la Stilmarmo di Apricena (Foggia)

Foggia, 22 febbraio 2021 �“ Una lettera aperta al Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi, che chiede di rilanciare il settore marmifero italiano. A stilarla i…

Leggi Tutto...
 
 
Calabria: le possibilità e criticità per lo sviluppo

Calabria: le possibilità e criticità per lo sviluppo

Pizzo, 19 febbraio 2021 �“ Sullo sviluppo della Calabria se ne sono dette tante. A seguire però pubblichiamo un interessante intervento del Dott. Fabrizio Bartolomucci, ricercatore in Information Technology, che parla delle criticità e piani di sviluppo attuali della regione.

“La Calabria gode di attrazioni naturali di qualità eccellente, ma non é tra i…

Leggi Tutto...
 
 

Covid-19: il segreto del vaccino SPUTNIK V è la piattaforma di Adenovirus umano

Roma, 18 febbraio 2021 �“ Si chiama Sputnik V ed è stato il primo tra i vaccini COVID-19 ad essere registrato nel mondo, non senza scetticismo ed incredulità, visti i tempi molto veloci di sviluppo. Gli ultimi dati ci dicono però che lo Sputnik V ha molte carte in regola per spegnere la pandemia.

Lo Sputnik…

 

Cultura: in libreria "Da grande farò il pedofilo, il boia, l’impiccato..."

Vercelli, 17 febbraio 2021 �“ La scrittrice Barbara Appiano  prolifica nella produzione di libri intrisi di poesia (si destreggia tra prosa, poesia e saggistica mantenendo sempre alta la qualità della scrittura) che spaziano nel sociale, ambiente, etica e filosofia della scienza, ci offre l’ ultimo libro, il 22 esimo,…

Imprese: il 76% cerca nuovi clienti tramite i canali digitali

Torino, 18 febbraio 2021 �“ Il 76,7% delle micro imprese italiane utilizza il digitale per cercare nuovi clienti, ma 1 impresa su 2 ancora non digitalizza i suoi processi interni. Il marketing però è l’area aziendale più digitalizzata all’interno delle piccole e micro imprese italiane. Questo è quanto emerge dall’indagine condotta da

 
 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl