Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Varie Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Varie Mon, 20 Nov 2017 18:34:41 +0100 Zend_Feed_Writer 1.11.10 (http://framework.zend.com) http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/1 arredare spazi commerciali Sun, 19 Nov 2017 21:33:48 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459934.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459934.html fiorieredaesterno fiorieredaesterno COME ARREDARE SPAZI COMMERCIALI

FIORIERE DA ESTERNO leader sul mercato di vendita di fioriere da esterno e interno, realizzata con materiali di primissima qualità; proprio per far resistere il prodotto a qualsiasi agente atmosferico.

Fioriere in cemento tantissimi prodotti con possibilità di realizzarle anche su misura per qualsiasi esigenza.

Fioriere in plastica realizzate con un particolare sistema per garantire una resisteza decennale.

puoi acquistare il prodotto tra oltre 2000 articoli direttamente online e riceverlo direttamente sul posto.

]]>
Edoxaban: Congresso AHA 2017. Prevenzione eventi emorragici gravi Fri, 17 Nov 2017 17:14:04 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459756.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459756.html media4health media4health Fibrillazione atriale, edoxaban più sicuro del warfarin nella prevenzione degli eventi emorragici gravi e nei pazienti con coronaropatia concomitante

Roma, 15 novembre 2017 – Edoxaban (LIXIANA®), rispetto a warfarin, riduce i sanguinamenti e soprattutto quelli di maggior gravità nei pazienti con FA e riduce significativamente il numero degli eventi ischemici in pazienti con fibrillazione atriale e concomitante coronaropatia. A dimostrarlo sono due approfondite sotto-analisi del trial clinico ENGAGE AF-TIMI 48 (Effective aNticoaGulation with factor XA next GEneration in Atrial Fibrillation), presentate all’American Heart Association (AHA) Scientific Session che sta per concludersi ad Anaheim, in California.

La prima sotto-analisi ha analizzato l’incidenza degli eventi emorragici come definiti dalle quattro classificazioni più comuni, e i risultati dimostrano che, in base alla definizione utilizzata, esiste una differenza di circa quattro volte della frequenza di sanguinamenti nei pazienti con FA a rischio di ictus. Inoltre, in coloro che assumevano edoxaban, si è riscontrata una maggior riduzione del rischio di emorragia, rispetto a warfarin, nei sanguinamenti di maggior gravità. “Questi risultati dimostrano che, rispetto alla terapia standard con warfarin, edoxaban riduce sensibilmente il rischio di eventi emorragici, in particolare quelli di maggior gravità”, ha spiegato Brian A. Bergmark, autore del TIMI Study Group, Divisione di Medicina Cardiovascolare, Brigham and Women’s Hospital e Harvard Medical School di Boston.

Una ulteriore analisi post-hoc del trial ENGAGE AF-TIMI 48, fornisce informazioni su edoxaban in pazienti affetti da FA con coronaropatia conclamata, e ha evidenziato che con edoxaban (60/30 mg) rispetto a warfarin, si verifica una maggior riduzione degli eventi ischemici nei pazienti affetti da coronaropatia rispetto a quelli non affetti. I dati mostrano che nei pazienti affetti da FA e concomitante coronaropatia, coloro che hanno assunto edoxaban hanno presentato una riduzione, rispetto a warfarin, di ictus/eventi embolici sistemici (1,4 versus 2,1%) e di infarto miocardico (1,4 versus 2,0%). I sanguinamenti maggiori, infine, nei pazienti che ricevevano edoxaban sono stati significativamente più bassi rispetto a quelli osservati nei pazienti che ricevevano warfarin, a prescindere dalla presenza di coronaropatia [pazienti con coronaropatia che ricevevano edoxaban vs warfarin (3,5 versus 4,4%); pazienti senza coronaropatia che assumevano edoxaban vs warfarin (2,6 versus 3,2% )].

“Dal momento che i pazienti affetti da FA e coronaropatia concomitante corrono un rischio più alto di infarto miocardico e morte, questi risultati possono avere importanti implicazioni cliniche per gli specialisti che trattino queste frequenti patologie”, ha commentato l’altro autore del TIMI Study Group, Thomas A. Zelniker, Divisione di Medicina Cardiovascolare, Brigham and Women’s Hospital e Harvard Medical School di Boston.

Il trial ENGAGE AF-TIMI 48 è stato disegnato per valutare i profili di efficacia e sicurezza di edoxaban rispetto a warfarin in 21.105 pazienti affetti da FA e con rischio moderato e alto di ictus (CHADS2≥2) o eventi embolici sistemici.3 “I nuovi dati dell’ ENGAGE AF-TIMI 48 trial arricchiscono la mole di conoscenze provenienti dal Programma di ricerca clinico su Edoxaban che fornisce informazioni chiave sui potenziali effetti di questo nuovo anticoagulante orale nelle varie tipologie di pazienti con FA, e in questo caso specifico parliamo di coloro che soffrono anche di coronaropatia o presentano un alto rischio di sanguinamenti”, ha concluso il dottor Hans J. Lanz, Direttore Esecutivo del dipartimento Global Medical Affairs di Daiichi Sankyo.

 

FonteDaiichi Sankyo

]]>
Junket Tour—Fascinating Gambling Holiday Fri, 17 Nov 2017 14:16:23 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459740.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459740.html pressnews pressnews In anticipation of the holiday we check out various options. There are not so many of them: sightseeing tour, ski resort, sea and beach. Continents and cities are changing, but the concept does not change. Lately everybody has a new option to diversify their vacation—these are the so-called “junket tours”.

What is hidden under the name junket tour?

This type of tour is an all-inclusive, and the main attraction is that you will play in a fashionable casino and get all your trip expenses paid. And if you get lucky, you will have a free luxury trip and come back home with some winnings!

Junket tours have long been available to residents of the United States and Europe, where it became popular in the 60s of the last century. In Eastern Europe and Middle East it became accessible rather recently, but with might it grows. Casinos provide guests with everything they need: airfare, accommodation, food, entertainment and varied leisure activities such as visits to SPA salons, excursions and shopping trips.

Gambling establishments organize such tours independently or cooperate with agencies, offering a full-time accommodation in luxury rooms, food and drinks, entertainment programs, slot machines, roulette and card games.

Guests are surrounded by maximum care and attention, they are given special privileges and any desires are fulfilled. This vacation is considered to be elite. But in the contract, there is a small caveat—you must spend a certain number of hours playing at the tables with agreed limits. Such rules are similar to wagering provided bonuses in online slots with real money in virtual casinos.

If you are interested in this exotic offer, you won’t have to go too far. Shangri La's fashionable casinos operate in many CIS countries: Armenia, Georgia, Belarus, recently a new gaming facility was opened in Latvia in the heart of Riga. To find out more about junket tour rules and to choose the suitable country, please visit the official website Play Shangri La.

Junket tour rules

By resorting to the services of a travel agency, you always sign a contract with it for the provision of services, the junket tour is no exception. But there are some nuances to the junket contract if you choose this type of the trip. It offers absolutely all the conditions, from the travel to the size of the rates and the time that the guest must spend in the gaming hall, as well as the total amount of buy-in.

In addition to the obligations incurred by the organizer, the contract specifies the following requirements:

  • the total amount of money the guest must wager;
  • the size of bets;
  • list of mandatory games;
  • minimum and maximum bets, limits of the specified values should not be violated;
  • the amount of time that vacationers should spend in gaming halls.

Such precautions are provided to ensure that the casino is not affected by scammers wishing to get a luxury vacation for free. For it you need to pay a certain number of hours and the amount of bets.

What are the advantages of this holiday?

Terms of the tour can be selected and stipulated even before the trip. You determine the most comfortable format for yourself and choose only the pleasures and entertainment that you want to visit. Often it all depends on the amount that the guest is willing to spend on the game.

As a rule, the transfer is included in the tour price and is paid by the organizer. You choose convenient travel conditions: flight or bus, a specific day and even a flight, transfer to the hotel and back. If your goal is to enjoy a game in a luxury casino, then the junket tour is a very advantageous offer, sometimes more affordable than going to a casino or even playing in the online casino with live dealer. When buying chips, in addition, you get a lot of additional services, entertainment and perks.

Junket tours for every taste

In the junket tour, you can escape even on weekends or holidays. If you live not far away, a shuttle bus service is available. Guests are taken in a certain place and at the end of the tour they are brought there. A pleasant bonus is that the fare is fully paid by the organizer.

If you are a little tired of the traditional and familiar recreation, consider an exciting option with a note of excitement!

]]>
Officine Padrin, dal 2009 gli specialisti della plastica a iniezione Fri, 17 Nov 2017 12:32:51 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459729.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459729.html recensione.azienda recensione.azienda Officine Padrin ha maturato forte esperienza collaborando con una influente azienda di stampaggio di plastica ad iniezione, e dal 2009, a Casorate Sempione, si occupa di produzione e lavorazione di materie plastiche.

Officine Padrin è l'azienda di Casorate Sempione che dal 2009 si occupa di produzione e lavorazione di materie plastiche di assoluta qualità.
Grazie all'esperienza maturata presso un'importante e avviata azienda nel settore, le tecniche innovative e i materiali certificati, gli specialisti di Officine Padrin sono in grado di offrire un servizio di precisione a prezzi competitivi.

lavorazione materie plastiche

La tecnica dello stampaggio a iniezione plastica

Officine Padrin esegue lavorazioni tramite la tecnica dello stampaggio ad iniezione plastica.
Questo innovativo processo permette di produrre componenti plastici impiegabili in numerosi e differenti settori in modo rapido, preciso e conveniente.
Il funzionamento del processo produttivo è molto semplice, il materiale plastico viene portato a temperatura di fusione dalla macchina per lo stampaggio e successivamente viene iniettata, tramite getti ad alta pressione, in uno stampo precedentemente realizzato.
Quando il materiale plastico si è raffreddato ed è tornato quindi allo stato solido, viene liberato dallo stampo per passare al reparto di rifinitura per l'eliminazione di anomalie ed imperfezioni.
Al fine di realizzare un prodotto perfetto, la scelta del materiale, la scelta del macchinario adatto e la creazione dello stampo giocano un ruolo fondamentale, quest'ultimo viene creato da esperti disegnatori e ingegneri industriali affinché rispetti le caratteristiche richieste dal cliente.

I settori di impiego delle creazioni in plastica ad iniezione di Officine Padrin

Officine Padrin è un'azienda italiana nata nel 2009 come servizio di consulenza e assemblaggio di articoli in plastica per il bagno.
Col passare degli anni Officine Padrin acquisisce notevole esperienza e cresce ampliando il suo business implementando servizio di produzione e lavorazione di materie plastiche tramite lo stampaggio di plastica ad iniezione e assemblaggio, diventando il partner ideale di importanti aziende che ogni giorno si affidano ai suoi specialisti per la produzione di componenti applicabili al settore elettrico, casalingo con la creazione di accessori per il bagno, delle macchine ghiaccio e idropulitrici.
Per Officine Padrin aiutare il cliente ad ottenere prodotti di precisione e qualità a prezzi interessanti è la sfida di ogni giorno, affidati a Officine Padrin di Casorate Sempione, richiedi subito il tuo preventivo.

]]>
Uala nomina Giampiero Marinò Group Chief Operating Officer Thu, 16 Nov 2017 17:31:18 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459644.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459644.html Ufficio Stampa Immobiliare.it Ufficio Stampa Immobiliare.it Uala.it, il sito e applicazione leader in Italia dedicato al mondo beauty, annuncia la nomina di Giampiero Marinò come Chief Operating Officer. Marinò si occuperà di gestire e controllare le operazioni del gruppo che da poco ha comunicato una nuova espansione internazionale. L’azienda, dopo l’acquisizione della maggioranza di Bucmi.com, sua omologa in Spagna e Portogallo, e del dominio Vaniday.it, ha infatti condotto un nuovo round di finanziamenti investendo nel portale greco Funkmartini.gr.

 

Prima di Uala, Giampiero Marinò ha ricoperto la carica di General Manager per l’Italia di Uniplaces, la piattaforma leader in Europa per gli affitti a studenti universitari. Classe 1985, Giampiero si è laureato al Politecnico di Milano in ingegneria gestionale, corso durante il quale è stato selezionato per un programma di scambio di un anno con la Tonji University di Shangai. Nel 2010 ha fatto parte della società di consulenza Deloitte per poi diventare Consultant di The Boston Consulting Group, azienda che gli ha anche permesso di trascorrere parte della sua esperienza lavorativa in Australia. Nel 2015 Marinò ha già seguito la crescita di una startup: Auto1, sito per la compravendita di auto usate, in qualità di Managing Director Italy per poi diventare membro del Cda.

 

Sono entusiasta di entrare a far parte del team di Uala – commenta Giampiero Marinò – Gestire le operazioni di una società nel suo periodo di massima crescita ed espansione internazionale è sicuramente un’esperienza sfidante. In qualità di COO mi auguro di dare il mio contributo all’ottimizzazione dei processi interni e a una migliore gestione delle varie funzioni aziendali in Italia e all’estero”.

Nata da un’idea di Alessandro Bruzzi, Uala è stata fondata nel 2015 insieme a Enzo Li Volti, Luca Mattivi e Manuel Corona e conta ora più di 4.500 saloni a livello globale, rappresentando il principale marketplace per la bellezza e la cura dei capelli in Italia, Spagna e Grecia.

Grazie al successo nazionale e internazionale che il portale sta riscuotendo, il team è in forte crescita e sta cercando talenti per l’head office di Milano. In particolare Uala è attualmente alla ricerca di figure commerciali che aiutino l’azienda ad espandersi sul territorio italiano. Per sottoporre la propria candidatura è sufficiente scrivere alla mail recruiting@uala.it

 

 

La digitalizzazione del mondo beauty ci sta dando grandi soddisfazioni, in Italia e all’estero – spiega Alessandro Bruzzi, CEO e cofondatore di Ualasia nel nostro Paese che in molti altri, infatti, l’esigenza comune a tanti saloni è quella di ottimizzare le risorse e gestire meglio gli appuntamenti per dedicare il maggior tempo possibile alla cura dei propri clienti. Per questo prevediamo che l’espansione di Uala sia solo agli inizi e vogliamo investire nell’ampliamento del team per far fronte alla crescende domanda del mercato”.

]]>
Temporary Outlet di Damast con polenta e tapulone per tutti. Thu, 16 Nov 2017 17:17:55 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459642.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459642.html LS&P LS&P Sabato 25 novembre alle ore 10:00 ad Invorio presso la sede operativa di Via Barro, Damast darà il via al primo appuntamento di shopping temporaneo dedicato al rinnovamento dello spazio doccia. Per l’occasione l’azienda metterà in vendita fino alle ore 18:00 docce e accessori bagno quali soffioni, saliscendi, colonne e flessibili a partire dall’incredibile prezzo di 1 euro.

I visitatori avranno inoltre la possibilità di gustare un ottimo piatto di polenta e tapulone cucinato dagli esperti cambusieri della Pro Loco di Invorio.

L’ingresso è gratuito.

 

Damast - Sistemi funzionali per la doccia

www.damast.it

 

]]>
Global Sourcing: trend e strategie per gli acquisti internazionali Thu, 16 Nov 2017 11:14:34 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459597.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459597.html Yakkyo srl Yakkyo srl QUALE SARANNO LE EVOLUZIONI DEL GLOBAL SOURCING NEI PROSSIMI ANNI?

Per global sourcing si intende la pratica delle aziende di rivolgersi al mercato globale per acquistare beni e servizi utili a svolgere la loro attività. Ciò avviene per sfruttare le risorse disponibili a livello mondiale al fine di trarne beneficio economico ricorrendo a manodopera qualificata e materie prime a basso costo, oppure a sgravi fiscali e tariffe commerciali più convenienti.

Non sempre però il global sourcing è la soluzione definitiva per l’ottimizzazione delle risorse aziendali ed è per questo che abbiamo provato a tracciare alcuni trend e alcune best practicesche le aziende dovrebbero conoscere per sfruttare a pieno le potenzialità offerte dai mercati globali.

GLOBAL SOURCING: UNA RISORSA CON QUALCHE INCOGNITA

In generale, la globalizzazione dei mercati ha senza dubbio comportato dei benefici economici per le imprese che hanno visto aumentare le opportunità di guadagno e diminuire i costi di produzione, ma c’è ancora poca consapevolezza, specialmente in Italia, da parte delle aziende della cultura della supply chain a livello globale.  In particolare l’importazione di marce a livello internazionale costituisce un argomento non facile e anche pieno di incognite dovute all’incertezza generale sull’evoluzione del mercato globale e sulla situazione politica di molti dei paesi da cui si fa sourcing.

global sourcing yakkyo

Il global sourcing può essere, infatti,  influenzato da molti fattori:

1 stabilità politica:spesso i paesi da cui si fa sourcing di materie prime sono paesi in via di sviluppo con una situazione politica variabile. Lo scoppio di rivolte o guerre civili, possono interrompere o danneggiare il rifornimento della nostra supply chain, di conseguenza l’analisi dei fattori politici e sociali di un paese sono molto rilevanti.

evoluzione economica: la crescita economica di un paese spesso corrisponde anche all’innalzamento del salario medio e di conseguenza anche al costo di produzione della merce.

3 evoluzione tecnologica: se è vero che l’aumento del salario incrementa il prezzo di produzione, spesso e anche vero che paesi con salari non bassi riescono a produrre prodotti competitivi, grazie all’utilizzo di tecnologia all’avanguardia che ne abbassa i costi di produzione.

In generale, poi, secondo uno studio di Mega Trend, in meno di dieci anni la popolazione avente reddito superiore ai 100.000 dollari aumenterà numericamente: ciò significa che assisteremo ad un notevole incremento di popolazione con grande capacità di spesa, e che inoltre nei prossimi 15 anni entreranno nel mercato globale circa 1,8 miliardi di persone in più provenienti da quelli che oggi consideriamo Paesi emergenti come la Cina, l’India e il Brasile.

GLOBAL SOURCING: ALCUNI CONSIGLI PER LE AZIENDE

Qual è il miglior modo per affrontare la questione del global sourcing all’interno di un’azienda? Sicuramente il punto di partenza sarà un’analisi dettagliata del TCO (ovvero del total cost of ownership) ma anche di fattori relativi alle economie di scala e le economie di informazione e apprendimento che in tal senso sono fondamentali per far sì che l’azienda sia sempre informata sui possibili fornitori internazionali.

In un’ottica di incertezza su quanto avverrà in futuro e su come le aziende si muoveranno in relazione agli acquisti sul mercato globale, comunque, è consigliabile mettere in gioco e tenere in considerazione:

  • un costante impegno del top management: il global sourcing è troppo importante per non avere una sua valutazione strategica periodica dai vertici aziendali
  • una struttura organizzativa ad hoc, che con attenzione si occupi di tutti gli aspetti da quelli più tecnici a quelli logistici, finanziari, amministrativi e così via
  • una valutazione della disponibilità delle risorse: essendo un’operazione non occasionale, dovrà avere un team di professionisti dedicati che se ne occupino.
  • un’infrastruttura informativa e comunicativa efficace che gestisca aspetti relativi alle differenze culturali con i Paesi con i quali si è deciso di relazionarsi.
  • precisi strumenti di misurazione e controllo dei risultati con specifiche KPI che permettano all’azienda di valutare il processo di sourcing sotto tutti i suoi aspetti.

IL GLOBAL SOURCING È SEMPRE CONVENIENTE?

Dati come appurati e necessari i fattori sopra esposti, come si fa a stabilire se il global sourcingsia conveniente o meno? Ovviamente ogni caso va analizzato di volta in volta anche perchè settori aziendali diversi rispondono ad esigenze diverse. Ci sono casi in cui comprare da fornitori italiani può essere conveniente in termini di prossimità della filiera e di dilazione del pagamento ed altri in cui è più conveniente acquistare dall’estero.

global sourcing cina

Considerati i punti sopra esposti per una piccola azienda fare sourcing di prodotti dall’estero può risultare molto difficile se non impossibile, per problemi di competenze, personale e costi. Tuttavia in questo le moderne tecnologie ci possono essere d’aiuto.

Tutte quelle aziende che oggi desiderano fare sourcing di prodotti dalla Cina si possono rivolgere a Yakkyo, un’azienda italiana che grazie ad una piattaforma informatica riesce ad eliminare tutti i problemi connessi al sourcing di prodotti dalla Cina, ovvero: problemi culturali e linguistici, problemi legali e contrattuali o relativi ai cambi di valuta o all’organizzazione aziendale stessa.

Yakkyo fornisce alle aziende italiane la possibilità di semplificare le loro operazioni di sourcing dalla Cina ordinando le forniture direttamente tramite il sito di Yakkyo, il quale si occuperà di tutte le fasi del processo dalla scelta dei fornitori all’acquisto fino alla consegna in Italia, permettendo alle aziende di concentrarsi su altri fattori aziendali.

]]>
Global Sourcing: trend e strategie per gli acquisti internazionali Thu, 16 Nov 2017 11:14:23 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459596.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459596.html Yakkyo srl Yakkyo srl QUALE SARANNO LE EVOLUZIONI DEL GLOBAL SOURCING NEI PROSSIMI ANNI?

Per global sourcing si intende la pratica delle aziende di rivolgersi al mercato globale per acquistare beni e servizi utili a svolgere la loro attività. Ciò avviene per sfruttare le risorse disponibili a livello mondiale al fine di trarne beneficio economico ricorrendo a manodopera qualificata e materie prime a basso costo, oppure a sgravi fiscali e tariffe commerciali più convenienti.

Non sempre però il global sourcing è la soluzione definitiva per l’ottimizzazione delle risorse aziendali ed è per questo che abbiamo provato a tracciare alcuni trend e alcune best practicesche le aziende dovrebbero conoscere per sfruttare a pieno le potenzialità offerte dai mercati globali.

GLOBAL SOURCING: UNA RISORSA CON QUALCHE INCOGNITA

In generale, la globalizzazione dei mercati ha senza dubbio comportato dei benefici economici per le imprese che hanno visto aumentare le opportunità di guadagno e diminuire i costi di produzione, ma c’è ancora poca consapevolezza, specialmente in Italia, da parte delle aziende della cultura della supply chain a livello globale.  In particolare l’importazione di marce a livello internazionale costituisce un argomento non facile e anche pieno di incognite dovute all’incertezza generale sull’evoluzione del mercato globale e sulla situazione politica di molti dei paesi da cui si fa sourcing.

global sourcing yakkyo

Il global sourcing può essere, infatti,  influenzato da molti fattori:

1 stabilità politica:spesso i paesi da cui si fa sourcing di materie prime sono paesi in via di sviluppo con una situazione politica variabile. Lo scoppio di rivolte o guerre civili, possono interrompere o danneggiare il rifornimento della nostra supply chain, di conseguenza l’analisi dei fattori politici e sociali di un paese sono molto rilevanti.

evoluzione economica: la crescita economica di un paese spesso corrisponde anche all’innalzamento del salario medio e di conseguenza anche al costo di produzione della merce.

3 evoluzione tecnologica: se è vero che l’aumento del salario incrementa il prezzo di produzione, spesso e anche vero che paesi con salari non bassi riescono a produrre prodotti competitivi, grazie all’utilizzo di tecnologia all’avanguardia che ne abbassa i costi di produzione.

In generale, poi, secondo uno studio di Mega Trend, in meno di dieci anni la popolazione avente reddito superiore ai 100.000 dollari aumenterà numericamente: ciò significa che assisteremo ad un notevole incremento di popolazione con grande capacità di spesa, e che inoltre nei prossimi 15 anni entreranno nel mercato globale circa 1,8 miliardi di persone in più provenienti da quelli che oggi consideriamo Paesi emergenti come la Cina, l’India e il Brasile.

GLOBAL SOURCING: ALCUNI CONSIGLI PER LE AZIENDE

Qual è il miglior modo per affrontare la questione del global sourcing all’interno di un’azienda? Sicuramente il punto di partenza sarà un’analisi dettagliata del TCO (ovvero del total cost of ownership) ma anche di fattori relativi alle economie di scala e le economie di informazione e apprendimento che in tal senso sono fondamentali per far sì che l’azienda sia sempre informata sui possibili fornitori internazionali.

In un’ottica di incertezza su quanto avverrà in futuro e su come le aziende si muoveranno in relazione agli acquisti sul mercato globale, comunque, è consigliabile mettere in gioco e tenere in considerazione:

  • un costante impegno del top management: il global sourcing è troppo importante per non avere una sua valutazione strategica periodica dai vertici aziendali
  • una struttura organizzativa ad hoc, che con attenzione si occupi di tutti gli aspetti da quelli più tecnici a quelli logistici, finanziari, amministrativi e così via
  • una valutazione della disponibilità delle risorse: essendo un’operazione non occasionale, dovrà avere un team di professionisti dedicati che se ne occupino.
  • un’infrastruttura informativa e comunicativa efficace che gestisca aspetti relativi alle differenze culturali con i Paesi con i quali si è deciso di relazionarsi.
  • precisi strumenti di misurazione e controllo dei risultati con specifiche KPI che permettano all’azienda di valutare il processo di sourcing sotto tutti i suoi aspetti.

IL GLOBAL SOURCING È SEMPRE CONVENIENTE?

Dati come appurati e necessari i fattori sopra esposti, come si fa a stabilire se il global sourcingsia conveniente o meno? Ovviamente ogni caso va analizzato di volta in volta anche perchè settori aziendali diversi rispondono ad esigenze diverse. Ci sono casi in cui comprare da fornitori italiani può essere conveniente in termini di prossimità della filiera e di dilazione del pagamento ed altri in cui è più conveniente acquistare dall’estero.

global sourcing cina

Considerati i punti sopra esposti per una piccola azienda fare sourcing di prodotti dall’estero può risultare molto difficile se non impossibile, per problemi di competenze, personale e costi. Tuttavia in questo le moderne tecnologie ci possono essere d’aiuto.

Tutte quelle aziende che oggi desiderano fare sourcing di prodotti dalla Cina si possono rivolgere a Yakkyo, un’azienda italiana che grazie ad una piattaforma informatica riesce ad eliminare tutti i problemi connessi al sourcing di prodotti dalla Cina, ovvero: problemi culturali e linguistici, problemi legali e contrattuali o relativi ai cambi di valuta o all’organizzazione aziendale stessa.

Yakkyo fornisce alle aziende italiane la possibilità di semplificare le loro operazioni di sourcing dalla Cina ordinando le forniture direttamente tramite il sito di Yakkyo, il quale si occuperà di tutte le fasi del processo dalla scelta dei fornitori all’acquisto fino alla consegna in Italia, permettendo alle aziende di concentrarsi su altri fattori aziendali.

]]>
Un Maestro in cattedra Tue, 14 Nov 2017 15:13:46 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459402.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459402.html Borderline Agency Borderline Agency Da non perdere le lezioni sulla storia e la produzione del cioccolato tenute da Renato Zoia a Bologna durante la XIII° edizione del Cioccoshow, la più importante kermesse nazionale dedicata al cioccolato artigianale

Bentornato Cioccoshow, l’appuntamento bolognese con la più importante manifestazione nazionale dedicata al cioccolato artigianale, giunta alla sua tredicesima edizione. Alcune importanti novità quest’anno: prima fra tutte la durata, contratta da 5 a 3 giorni, che vedrà l’atteso evento svolgersi dal 17 al 19 novembre, e in secondo luogo la location, che lascia Piazza Maggiore per approdare in Piazza XX Settembre, vicino alla stazione dei treni e all’autostazione delle corriere.

Non cambiano però i protagonisti, tra cui il Maestro Pasticcere Renato Zoia, titolare della pasticceria Eporedia di Bologna e inventore del noto cioccolato “Il Bolognino”.

Il Maestro Zoia, noto per le sue prelibatezze e per l’abilità nella decorazione a cornetto che rende ogni suo dolce un’opera d’arte, è tra i promotori della kermesse e tra gli assoluti protagonisti del Laboratorio artigianale del cioccolato, area didattica attrezzata aperta al pubblico: un’opportunità per i visitatori del Cioccoshow di scoprire la storia di questo “cibo degli dei” e delle sue tecniche di lavorazione, ma soprattutto di far proprie alcune accessibili modalità di preparazione delle più famose delizie a base di cioccolato per poterle riproporre senza troppo sforzo.

Un’occasione speciale, dunque, per conoscere questo prodotto dalle mille proprietà e l’arte del Maestro Pasticcere Renato Zoia, pluripremiato, nominato Ambasciatore del Cibo Italiano nel Mondo dalla Camera di Commercio di New York, con un gran numero di riconoscimenti, tra cui un Guinnes dei Primati per la moneta di cioccolato più grande del mondo. Renato Zoia, tra i più importanti Maestri Cioccolatieri a livello nazionale e molto noto anche all’estero – dove si reca per dimostrazioni, corsi e missioni informative – ama condividere la sua pluriennale esperienza e far innamorare golosi e buongustai della stessa prelibatezza che fece scattare il colpo di fulmine ben cinque decenni fa.

Renato Zoia è tra i protagonisti indiscussi del Cioccoshow, nonché membro fondatore dell’Associazione CiocchinBò, Associazione Italiana Maestri Cioccolatieri. Grande amore di Renato Zoia, fin dai primi anni di lavoro, è stato il cioccolato. Un incontro che è diventato una passione straordinaria, sfociata in spettacolari uova di Pasqua, cioccolatini di ogni tipo e con ogni farcitura, praline, ricoperti, fino alla delizia per eccellenza, la celebre “Torta Eporedia” che ha decretato il successo della sua pasticceria, grazie al delizioso pan di spagna al cioccolato farcito con una mousse senza l’utilizzo di alcun tipo di liquore.

Il feeling con il cioccolato è tale che il Maestro ha creato "Il Bolognino", un cioccolato speziato in cui le materie prime sono dosate ed equilibrate, trasferendo alla sua invenzione i richiami alla gastronomia di Bologna, i profumi e i sapori della città, affinché anche Bologna si potesse vantare del proprio cioccolato. Un concentrato di storia e tradizione, di estrema complessità nella sua realizzazione rigorosamente artigianale in cui racchiude in un blend speziato l’insieme dei sapori caratteristici di Bologna.

Veneto di origini, nato professionalmente in Piemonte, ma bolognese di adozione, Renato Zoia da oltre cinquant’anni dedica la propria vita al mondo della pasticceria. La grande scuola piemontese ha lasciato un segno indelebile nello stile di Renato Zoia e il Maestro ha sempre cercato di coniugare le esperienze maturate ad Ivrea con la grande tradizione gastronomica di Bologna, città che lo vide trasferirsi oltre trentacinque anni fa. Se il Piemonte è rimasto nel cuore del Maestro Pasticcere, come dimostra il nome della sua pasticceria, Eporedia, l’antico nome di Ivrea, la scoperta della gastronomia bolognese ha permesso a Renato Zoia di stupire il pubblico del capoluogo emiliano con creazioni innovative e originali, di rara bontà, tra cui, appunto, il cioccolato "Il Bolognino".

Non resta che entrare nel Laboratorio del cioccolato artigianale per restare ammirati durante le lezioni del Maestro Zoia.

]]>
Inversione di tendenza a ottobre: prezzi case su dello 0,5% Tue, 14 Nov 2017 14:57:12 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459401.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459401.html idealista.it idealista.it Inversione di tendenza a ottobre: prezzi case su dello 0,5%

·          Con questo incremento il prezzo medio in Italia sale a 1.828 euro/m2

·          Anno su anno la caduta ora è del 4,8%

  • Grandi centri: Napoli (2,2%), Roma (0,5%), Milano (-0,2%) 

Milano, 14 novembre 2017 – Ottobre segna una nuova inversione di marcia sul fronte dei prezzi delle case di seconda mano, il cui valore ha registrato un incremento dello 0,5% rispetto al mese precedente. Il dato annuale però registra una variazione negativa di 4,8 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, a una media di 1.828 euro/m2.

Regioni
Salgono a 10 le regioni in trend positivo a ottobre, con i rimbalzi di maggiore rilievo in Basilicata (2,2%), Lazio (1,1%) e Friuli Venezia Giulia (1%). All’opposto, i maggiori cali interessano Valle d’Aosta (-1,8%) e Piemonte (-1,6%); flessioni sopra l’un per cento anche nelle Marche, Campania, Sicilia e Molise.

La Liguria resta la più cara, con una media di 2.636 euro al metro quadro, Lazio (2.457 euro/m2) e Valle d’Aosta (2.422 euro/m2)..La regione più economica è la Calabria (912 euro/m2), seguita dal Molise (988 euro/m2) e dalla Sicilia (1.151 euro/m2).

Province
Trend positivo in espansione in 56 delle 107 rilevate in questo report, con oscillazioni sempre meno ampie da zona a zona, segno di un graduale assorbimento degli squilibri nei mercati locali.
Le punte maggiori del mese si rilevano in provincia di Vercelli (4,3%), Agrigento (4,2%) e Sud Sardegna (3,2%). Tra le aree in trend negativo,
Vicenza (-3,6%) Torino (-3%) e Siracusa (-2,8%) si segnalano per i ribassi più decisi.

Il ranking delle province più care vede il dominio di Savona (3.372 euro/m2), davanti a Bolzano (3.129 euro/m2) e Imperia (2.733 euro/m2), mentre, nella parte bassa della scala dei valori immobiliari, stazionano Enna (810 euro/m2), Caltanissetta (806 euro/m2) e Biella (662 euro/m2).

Grandi città e capoluoghi
In netta diminuzione i segni meno anche a livello dei capoluoghi, con 53 centri in calo sui 105 rilevati a ottobre. I centri di grandi e medie dimensioni si distinguono per una maggiore compattezza intorno ai valori mediani, mentre i piccoli centri sono ancora soggetti a variazioni più ampie come testimoniano le performance negative di Matera (-10,3%), Chieti (-6%) e Campobasso (-5,2%) da un lato, Belluno (3,5%) e Pavia (3%) dall’altro.

Tra i grandi mercati bene Roma (0,5%) e Napoli (2,2%), in lieve flessione Milano (-0,2%).
Dei principali capoluoghi è sempre Torino (-3,8%) quello che soffre di più, mentre si consolida la ripresa di Firenze (0,1%) e Bologna (0,6%).

Nella graduatoria dei prezzi, Venezia (4.346 euro/m²) è sempre la città più cara d’Italia, davanti a Milano (3.394 euro/m²) e Firenze (3.389 euro/m²). Nella parte bassa del ranking stilato dal centro studi idealista c’è sempre Biella, fanalino di coda con i suoi 740 euro, davanti a Caltanissetta (770 euro/m²) e Alessandria (830 euro/m²).

L’indice dei prezzi degli immobili di idealista
Il portale immobiliare idealista è attualmente una delle pagine web più utilizzate in Italia da privati e professionisti immobiliari per la vendita, l’acquisto e l’affitto di immobili. Con una base dati di oltre 1 milione di immobili, l’ufficio studi idealista realizza analisi relative al prezzo delle abitazioni nel nostro Paese dal 2007.

Per la realizzazione di quest’indice sono stati analizzati i dati di 407.121 annunci immobiliari pubblicati su idealista nel mese di ottobre del 2017; questi immobili hanno superato il controllo di qualità basato su informazioni come prezzo, dimensione, distribuzione e non duplicazione.

 

Per permettere una sufficiente standardizzazione dei risultati sono analizzati soltanto i comuni che hanno mantenuto una media costante di 50 o più annunci di case di seconda mano in vendita, nel corso del periodo di studio. I comuni che non hanno raggiunto questa media sono stati esclusi dal campione di analisi, al pari di quelli che hanno registrato una variazione di più del 30% del numero di annunci nel periodo dato.

]]>
Alopecia areata e androgenetica? Chiedi aiuto a Italcenter, il centro tricologico di Como Mon, 13 Nov 2017 18:27:19 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459304.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459304.html recensione.azienda recensione.azienda Da oltre 30 anni, Italcenter studio tricologico di Como si occupa di trovare soluzioni ad ogni problema di caduta capelli donna e uomo, alopecia androgenetica, alopecia areata e cicatrici tramite autotrapianto, infoltimento, tricopigmentazione

Patologie come alopecia areata e alopecia androgenetica, mancanza di capelli causata dalla presenza di cicatrici o eventi genetici come stempiatura, diradamento e caduta capelli nella donna e nell'uomo possono causare molto disagio.
Grazie a Italcenter, il centro tricologico di Como nato nel 1985, è possibile trovare soluzioni microinvasive e innovative per ovviare ai problemi di cute e capelli.

alopecia areata

L'alopecia androgenetica: cos'è e come curarla

L'alopecia androgenetica è nota comunemente con il nome di calvizie e può manifestarsi sia nell'uomo che nella donna. E' la forma più conosciuta tra le differenti alopecie non cicatriziali.
l termine "androgenetica" deriva da "androgena" per l'azione degli ormoni androgeni e da "genetica" perchè di carattere ereditario.
Questa patologia è caratterizzata da una caduta di capelli nell'area del vertice e nella parte alta del cuoio capelluto, mentre la nuca e le tempie non vengono colpite.
Attorno ai 18 anni può manifestarsi nella sua forma più aggressiva con una consistente caduta di capelli, sostituiti da quelli nuovi che risultano più sottili e meno pigmentati a causa del follicolo sempre più atrofizzato che nel tempo non riuscirà più a generare capelli sani.
Italcenter analizza ogni singolo caso per trovare la soluzione più adatta, proponendo autotrapianto, tricopigmentazione, protesi di capelli, parrucche e altri trattamenti curativi.

La tricopigmentazione eseguita da Italcenter

La tricopigmentazione è un trattamento 100% indolore che prevede l'introduzione di particolari pigmenti nella cute.
Questa pratica è adatta a uomini e donne ed è la proposta a problematiche quali alopecia areata, alopecia androgenetica, calvizie uomo e donna, cicatrici nucali da autotrapianto e cicatrici in genere.
L'innovativa tecnica è reversibile e assolutamente non invasiva e grazie a specifici metodi di applicazione, la pigmentazione avviene tramite dispositivi e applicatori puntiformi utilizzando pigmenti biocompatibili.
Questo metodo può essere applicato come alternativa o completamento alla medicina e chirurgia dell'autotrapianto.
Prenota la tua visita da Italcenter, gli esperti del centro tricologico di Como troveranno la soluzione ottimale a qualsiasi tua esigenza.

]]>
Può l’orientamento sessuale essere ancora la causa di discriminazione sul lavoro? Purtroppo sì. Mon, 13 Nov 2017 18:16:24 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459303.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459303.html Future Manager Alliance Future Manager Alliance Questo è uno degli aspetti che emergono dal IV Rapporto Future Manager “Giovani laureati in cammino tra università e carriera”, che analizza aspirazioni e percezioni di un campione di 1000 laureati italiani a distanza di 4 anni dal conseguimento del diploma universitario.

Discriminazione
Inquietante è il dato che mostra un 47% delle intervistate ammettere di avere assistito ad episodi di discriminazione nel contesto lavorativo. Tra queste quasi il 16% dichiara che lo ha visto accadere spesso. E anche tra gli uomini un 36% del campione dichiara di essere stato testimone di simili episodi.
Il 24% delle intervistate si è sentita discriminata in prima persona sul posto di lavoro. I motivi di questa discriminazione? Secondo le laureate sarebbero legati al genere. Anche il 10% degli uomini si è sentito discriminato al lavoro, nella maggior parte dei casi a causa della propria provenienza geografica.
Una certa avvenenza può agevolare il percorso professionale di una donna? Sì, secondo il 61% dei laureati e il 66% delle laureate. Tra queste ultime, il 49% è convinto che l’aspetto fisico influenzi molto la carriera di una donna indipendentemente dalle sua capacità.

Discriminazione e Orientamento sessuale
Quasi il 60% degli intervistati ritiene che le persone LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender) siano discriminate nel lavoro. Circa il 10% è stato testimone di episodi discriminatori avvenuti proprio a causa del proprio orientamento sessuale, avvenuti nella maggior parte dei casi tra colleghi o da parte di superiori.
Quasi la metà dei laureati pensa che attualmente la situazione nel lavoro delle persone LGBT, rispetto 5 anni fa, sia migliorata e che migliorerà ancora nel futuro.

 

Per informazioni ed approfondimenti, contattare l’Ufficio Relazioni Esterne, relazioni.esterne@futuremanager.it, tel. 02/67079095. 

 

 

Future Manager Alliance è il primo gruppo internazionale, creato da Future Manager Recruitment, specializzato unicamente in laureati fino a 10 anni di esperienza professionale.

 

Siamo attualmente attivi in 3 continenti, 18 stati: Italia, Germania, Ucraina, Svizzera, Regno Unito, Brasile, Argentina, Spagna, Portogallo, Paesi Bassi, Iran, Giordania, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Repubblica Ceca, Francia, Messico e Stati Uniti d’America.

 

28 città: Milano, Stoccarda, Duesseldorf, Buenos Aires, Rio de Janeiro, Campo Grande, San Paolo, Barcellona, Madrid, Kiev, Londra, Losanna, Zurigo, Ginevra, Haarlem, Lisbona, Tehran, Amman, Dubai, Riyadh, Ústí nad Labem, Strasburgo, Parigi, Città del Messico, Guadalajara, Monterrey, Palm Desert e New York.

 

 

Relazioni Esterne

Future Manager Alliance

Via Stradivari, 4 - 20131 Milano

 

relazioni.esterne@futuremanager.it

Tel.  02/67079095

 

Website Future Manager Alliance : www.futuremanageralliance.com

Website Future Manager Recruitment: www.futuremanager.it

 


]]>
Può l’orientamento sessuale essere ancora la causa di discriminazione sul lavoro? Purtroppo sì. Mon, 13 Nov 2017 18:16:00 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459302.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459302.html Future Manager Alliance Future Manager Alliance Questo è uno degli aspetti che emergono dal IV Rapporto Future Manager “Giovani laureati in cammino tra università e carriera”, che analizza aspirazioni e percezioni di un campione di 1000 laureati italiani a distanza di 4 anni dal conseguimento del diploma universitario.

Discriminazione
Inquietante è il dato che mostra un 47% delle intervistate ammettere di avere assistito ad episodi di discriminazione nel contesto lavorativo. Tra queste quasi il 16% dichiara che lo ha visto accadere spesso. E anche tra gli uomini un 36% del campione dichiara di essere stato testimone di simili episodi.
Il 24% delle intervistate si è sentita discriminata in prima persona sul posto di lavoro. I motivi di questa discriminazione? Secondo le laureate sarebbero legati al genere. Anche il 10% degli uomini si è sentito discriminato al lavoro, nella maggior parte dei casi a causa della propria provenienza geografica.
Una certa avvenenza può agevolare il percorso professionale di una donna? Sì, secondo il 61% dei laureati e il 66% delle laureate. Tra queste ultime, il 49% è convinto che l’aspetto fisico influenzi molto la carriera di una donna indipendentemente dalle sua capacità.

Discriminazione e Orientamento sessuale
Quasi il 60% degli intervistati ritiene che le persone LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender) siano discriminate nel lavoro. Circa il 10% è stato testimone di episodi discriminatori avvenuti proprio a causa del proprio orientamento sessuale, avvenuti nella maggior parte dei casi tra colleghi o da parte di superiori.
Quasi la metà dei laureati pensa che attualmente la situazione nel lavoro delle persone LGBT, rispetto 5 anni fa, sia migliorata e che migliorerà ancora nel futuro.

 

Per informazioni ed approfondimenti, contattare l’Ufficio Relazioni Esterne, relazioni.esterne@futuremanager.it, tel. 02/67079095. 

 

 

Future Manager Alliance è il primo gruppo internazionale, creato da Future Manager Recruitment, specializzato unicamente in laureati fino a 10 anni di esperienza professionale.

 

Siamo attualmente attivi in 3 continenti, 18 stati: Italia, Germania, Ucraina, Svizzera, Regno Unito, Brasile, Argentina, Spagna, Portogallo, Paesi Bassi, Iran, Giordania, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Repubblica Ceca, Francia, Messico e Stati Uniti d’America.

 

28 città: Milano, Stoccarda, Duesseldorf, Buenos Aires, Rio de Janeiro, Campo Grande, San Paolo, Barcellona, Madrid, Kiev, Londra, Losanna, Zurigo, Ginevra, Haarlem, Lisbona, Tehran, Amman, Dubai, Riyadh, Ústí nad Labem, Strasburgo, Parigi, Città del Messico, Guadalajara, Monterrey, Palm Desert e New York.

 

 

Relazioni Esterne

Future Manager Alliance

Via Stradivari, 4 - 20131 Milano

 

relazioni.esterne@futuremanager.it

Tel.  02/67079095

 

Website Future Manager Alliance : www.futuremanageralliance.com

Website Future Manager Recruitment: www.futuremanager.it

 


]]>
Conoscere il Mercato e scoprire I Clienti con la Gamification Mon, 13 Nov 2017 14:23:37 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459282.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459282.html [4]marketing [4]marketing

Migliorare la conoscenza dei tuoi clienti per trasformare l’approccio al mercato.

I clienti oggi chiedono di più alle aziende. Sia nel B2B, sia nel B2C, si aspettano prodotti, servizi e informazioni che rispondano puntualmente ai loro specifici bisogni e desideri. Tradizionalmente le aziende sviluppano i propri prodotti e servizi cercando di proporre migliorie o innovazioni basandosi sulle proprie conoscenze tecniche o sulle proprie esperienze. Alla base vi è l’ipotesi che un prodotto migliore o un servizio più performante sia la chiave per affermarsi sul mercato. Raramente ci si chiede cosa il cliente desideri realmente o, meglio, cosa potrebbe rendere il nostro prodotto/servizio differente agli occhi del cliente rispetto a quello della concorrenza. Inoltre, spesso si ragiona in termini di “taglia unica”, ovvero si pensa che una miglioria possa essere considerata tale da tutti i clienti.

L’evoluzione del mercato ha portato il consumatore ad essere sempre più distante dal mercato di massa e questo rende necessario identificare in modo più accurato i clienti. Per fare ciò dati quantitativi e numeri non sono abbastanza per conoscere i propri clienti. Serve altro. Serve conoscere le persone che stanno dietro a questi numeri.

Costruire delle tipologie di clienti basate sui comportamenti e le necessità, da cui individuare dei profili socio demografici e psico-attitudinali, e delineare una mappa di riferimento per comprenderne emozioni, aspirazioni, gioie e problemi, sono i passi necessari per creare un’azienda orientata al cliente.

Il corso vuole essere esperienziale e insegnare una metodologia da applicare piuttosto che una teoria da imparare. L’obiettivo è, da un lato, quello di fornire ai partecipanti gli strumenti necessari costruire i profili delle tipologie clienti, in modo da identificare facilmente e velocemente alcune caratteristiche salienti. Dall’altro, delineando una mappa di riferimento per comprenderne emozioni, aspirazioni, gioie e problemi, gettare le basi per progettare un servizio o un’offerta commerciale o preparare un incontro di lavoro.

Gli strumenti presentati si prestano a creare un linguaggio condiviso e sostengono i processi di co-creazione e condivisione della conoscenza in azienda (tra progettazione e commerciale ad esempio).

I partecipanti verranno guidati, non solo nella creazione delle tipologie clienti, attraverso il People Affinity Deck®, ma anche all’interpretazione di quanto emerso in un’ottica strategica per la comunicazione, l’innovazione e il marketing.

Perché partecipare:

  • perché comprendere cosa è importante per i propri clienti e cosa vi è dietro le loro scelte è essenziale per sviluppare prodotti e servizi innovativi. Questa conoscenza permette alle aziende di trovare nuovi modi per far crescere il proprio business, creando prodotti e servizi che portino valore reale al cliente finale;
  • perché gli strumenti che vedrete durante il corso vi permetteranno di scoprire i reali “perché” dietro le azioni, le scelte e le decisioni dei vostri clienti, permettendovi di agire pro-attivamente e di ripensare servizi e prodotti per i loro bisogni;
  • perchè People Branding© fornisce degli strumenti utili per cambiare l’intero approccio aziendale e permette di comprendere e lavorare sui bisogni del cliente in un modo che i tradizionali metodi non permettono;
  • perché la conoscenza delle tipologie di clienti cui ci si rivolge apre la via all’innovazione incrementale;
  • per comprendere le tipologie di clientela cui ti rivolgi sul mercato e cogliere le differenze chiave tra una tipologia e l’altra;
  • per allargare la visione della propria azienda. La conoscenza del cliente introduce, infatti, a un nuovo modo di fare business e innovazione da cui non si può più tornare indietro.

A chi è rivolto:

  • Imprenditori
  • Manager
  • Responsabili Commerciali
  • Consulenti, Esperti e Responsabili Marketing, Comunicazione, Stampa
  • Digital Marketing Manager
  • PR & Event Manager

Programma:

  • Il mercato come insieme di preferenze, gusti e scelte.
  • La segmentazione di mercato: importanza, origini e nuovi approcci..
  • Le tipologie clienti e il mercato: organizzazione e scelte strategiche.
  • Il design thinking per la creazione dei profili cliente: People Profile® e People Empathy® - esercitazione operativa
  • La lettura della People Empathy©: derivare strategie e tattiche di marketing, commerciali e di comunicazione.
  • Conoscere il mercato e conoscere il cliente: l’impatto sulle prassi e sull’organizzazione.

Docente:

Cristiano Nordio

Costo:

  • 120 € - Biglietto Early Booking acquistabile fino al 16 novembre 2017
  • 144 € - Biglietto Standard con codice promozionale acquistabile dal 17 novembre 2017
  • 178 € - Biglietto Standard acquistabile dal 17 novembre 2017

Orari:

  • 09:30 – Registrazione
  • 10:00 – Start
  • 13:00 Break
  • 14:00 – Re-Start
  • 16:45 – Q&A
  • 17:00 – Finish

Iscrizione: qui

]]>
Il Made in Italy protagonista all’ultimo evento 2017 di Icat ComMeet Mon, 13 Nov 2017 11:32:48 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459264.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459264.html GruppoICAT GruppoICAT Come comunicare e valorizzare le eccellenze italiane nei mercati esteri? È questa la domanda che fa da filo conduttore all’evento di mercoledì 15 novembre a Padova, presso l’Hotel Four Points by Sheraton. L’appuntamento far parte del ciclo di incontri promossi e organizzati da Icat ComMeet, la divisione dell’agenzia Gruppo icat dedicata alla cultura della comunicazione.

Tre relatori di spicco racconteranno il loro punto di vista alla platea di imprenditori, professionisti e manager. Saranno infatti a Padova Eusebio Gualino – Amministratore Delegato di Gessi Spa, da oltre 20 anni azienda produttrice di oggetti esclusivi di arredo per il bagno, la cucina e il wellness – Augusto Cremonini – Presidente e CEO di Inalca Food&Beverage, multinazionale della distribuzione alimentare in più di 60 paesi – e Alberto Stracuzzi – Customer Intelligence Director di BlogMeter, un’eccellenza italiana nella social media intelligence.

I tre relatori si confronteranno su come va comunicato “il brand” Made in Italy e quali sono le sfide che le aziende italiane si trovano ad affrontare quando approcciano mercati nuovi e in contesti culturali molto diversi, dove la competizione si gioca sul territorio, ma anche sul digital e sui social.

«Il Made in Italy – commenta Albino Ponchio, Direttore di Icat ComMeet – è uno degli asset fondamentali su cui il nostro Paese può contare. In un mercato sempre più connesso e complesso, tuttavia, la capacità di comunicare e creare interesse, attraverso una narrazione di ideali e di valori, assume un ruolo sempre più essenziale. Questa è un’opportunità che coinvolge aziende, imprese e chiama in prima persona i professionisti della comunicazione a riflettere sulle scelte strategiche per ottenere un posizionamento unico e distintivo».

Per partecipare all’evento è necessario iscriversi attraverso il link: http://www.commeet.it/it/corsi-eventi/made-in-italy

Programma

Registrazione                                        17:00 - 17:20

Introduzione: Albino Ponchio                 17:20 - 17:30

1° intervento: Eusebio Gualino              17:30 - 18:30

Break                                                      18:30 – 18:45

2° intervento: Augusto Cremonini           18:45 - 19:30

3° intervento: Alberto Stracuzzi               19:30 - 20:15

Dibattito                                                    20:15 - 20:30

 

www.commeet.it

 

Four Points by Sheraton, Hotel & Centro Congressi

 

Corso Argentina 5, 35129 Padova (Uscita Padova Est)

]]>
Vendite e customer management 4.0 – La Business Sales Academy insegna non a vendere, ma a creare relazioni con il cliente Mon, 13 Nov 2017 10:46:48 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459259.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459259.html ESG89 Group ESG89 Group Business Sales Academy –> bsa.academy

http://www.esg89group.it/vendite-e-customer-management-4-0-la-business-sales-academy-insegna-non-a-vendere-ma-a-creare-relazioni-con-il-cliente/

Crescita e sviluppo aziendale partono inevitabilmente dal know-how delle imprese, che dipende ovviamente dal livello di preparazione dei singoli professionisti ma anche dalla costante formazione a cui essi si sottopongono. È per questo bisogno di conoscenza e aggiornamento che è nato il progetto BSA – Business Sales Academy, la giornata formativa del 23 Marzo 2018 organizzata e promossa Business Sales Academy SRL la società del Gruppo ESG89.

Un momento di formazione che si inserisce in maniera efficace nel panorama di sviluppo determinato dall’avvento del modello aziendale dell’Industria 4.0, di cui la formazione è un cardine imprescindibile. Un paradigma nuovo che ha ridefinito già tutti gli aspetti del mercato e dell’economia, dall’approccio al lavoro alla stessa acquisizione delle competenze.

La giornata formativa della Business Sales Academy concentra la sua attenzione sul concetto di vendita, uno degli ambiti che più degli altri ha vissuto una trasformazione radicale con l’avvento del modello 4.0 e con la diffusione sempre più ampia di nuove teorie e approcci all’economia, quali la Sharing economy e la Circular economy. A questi nuovi modi di intendere e “fare” economia, la giornata della Business Sales Academy risponderà con una serie di incontri formativi, della durata di un’ora ciascuno, pensati per poter essere seguiti in base alle esigenze dei singoli partecipanti, che possono dunque creare il proprio piano formativo e scegliere il proprio percorso.

Le singole lezioni saranno tenute da trainer e speaker di eccellenza provenienti dal mondo delle imprese, della consulenza e della formazione, per fornire un quadro quanto più possibile completo nell’ambito delle nuove tipologie di approccio e alla vendita e di conquista e gestione del cliente.

Pensare al futuro nei nuovi termini del paradigma globale del 4.0 è essenziale per vincere la sfida che i mercati pongono a imprese e singoli professionisti. Nell’era dello sharing e della condivisione totale, è il rapporto con il cliente e la sua gestione che fa la differenza tra il successo o il fallimento, e la Business Sales Academy vuole fornire a tutti i partecipanti gli strumenti per vincere la sfida della vendita nel mercato 4.0.

Business Sales Academy –> bsa.academy

ESG89 Group —> home.esg89group.it

ConoscereComunicareCrescere#Esg89Group

]]>
L’Annuario è sempre più vicino – Arriva la presentazione del 30 novembre tra nuove idee e nuove domande Mon, 13 Nov 2017 10:45:59 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459258.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459258.html ESG89 Group ESG89 Group ESG89 Group —> home.esg89group.it

http://www.esg89group.it/annuario-economico-sempre-piu-vicino-arriva-la-presentazione-del-30-novembre-tra-nuove-idee-e-nuove-domande/

Anche quest’anno, si avvicina a grandi passi la presentazione dell’Annuario Economico dell’Umbria, di ESG89 la classifica delle migliori aziende umbre che da oltre 20 anni costituisce un punto di riferimento per la conoscenza e la valutazione delle imprese umbre e del loro percorso di crescita e sviluppo nel tempo.

L’evento di quest’anno, che avrà luogo il 30 novembre 2017 presso l’Aeroporto Internazionale dell’Umbria, metterà al centro dell’attenzione gli sviluppi dell’industria umbra in tutti i suoi settori, non solo nell’ambito dell’agroalimentare, quello generalmente associato in primis a questa regione, ma anche in merito agli altri settori dell’industria e della manifattura, che tanta parte hanno nel tessuto imprenditoriale e nel successo dell’economia della regione.

Il dialogo che si vuole instaurare mira appunto a capire come l’industria umbra si sia sviluppata negli ultimi anni, quali siano i punti di forza e le connotazioni che ne fanno un’eccellenza regionale, quali possano essere, al contrario, i punti di debolezza e le strategie da implementare per il futuro. Per fare questo, interverranno anche importanti industriali di ogni settore, ed ognuno contribuirà individualmente allo sviluppo del dialogo. Un incontro di voci diverse che vuole portare alla condivisione positiva di contenuti e alla creazione di un immaginario collettivo in cui, in maniera unitaria, emerga in maniera decisa il ruolo dell’industria umbra sia nel centro Italia che a livello nazionale e internazionale.

Moderatore dell’incontro sarà Giovanni Giorgetti, presidente del Centro Studi Economico Finanziario ESG89 e ideatore dell’Annuario Economico dell’Umbria, che anche quest’anno, in anticipo sui tempi, è stato in grado di comprendere il valore aggiunto intrinseco nella manifattura umbra derivante dalla tradizione e dall’artigianalità, e quali conseguenze ha questa connotazione nel panorama del mercato nazionale e internazionale.

Anche quest’anno, dunque, si prospetta una giornata quella della presentazione dell’Annuario di grande interesse sotto molteplici punti di vista, che porterà sicuramente nuove idee e nuovi progetti al centro dei pensieri e dei piani di lavoro non solo delle industrie umbre, ma sicuramente anche di stakeholder nazionali e internazionali.

ESG89 Group —> home.esg89group.it

Business Sales Academy –> bsa.academy

ConoscereComunicareCrescere#Esg89Group

]]>
Chi ha voglia di imparare, alzi la mano – La Business Sales Academy svela agli imprenditori i segreti delle vendite 4.0 Mon, 13 Nov 2017 10:45:12 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459257.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459257.html ESG89 Group ESG89 Group Business Sales Academy –> bsa.academy

http://www.esg89group.it/voglia-imparare-alzi-la-mano-la-business-sales-academy-svela-agli-imprenditori-segreti-delle-vendite-4-0/

Formazione e crescita professionale sempre più al centro delle attività trasversali di imprese e liberi professionisti, per i quali l’acquisizione delle competenze è di cruciale importanza dell’era dell’industria e del lavoro 4.0.

È in atto un vero e proprio cambiamento nel mondo del mercato e delle industrie italiane. Dopo un lunghissimo periodo di stasi e stagnazione, a causa anche della crisi, la voglia di crescere è tornata a farsi sentire, e ha trovato nuovi personaggi pronti a soddisfarla.

La necessità di formazione tocca non solo le aziende ma anche i liberi professionisti, a beneficio dei quali la Fondazione Enasarco ha predisposto fondi specifici per la maternità e soprattutto per i corsi di formazione e aggiornamento. Il fondatore di EnasarcoGian Roberto Costa, ha precisato come i nuovi obiettivi della Fondazione abbiano al centro la figura degli iscritti alla fondazione e le loro necessità nella prosecuzione sia della loro vita individuale che del loro percorso lavorativo. Ed è proprio in merito a quest’ultimo punto che Enasarco ha deciso di predisporre fondi specifici per sostenere le spese di formazione e aggiornamento dei suoi iscritti.

Se da un lato, dunque, c’è chi sostiene i liberi professionisti nel loro percorso di crescita e formazione, dall’altro le proposte formative non si fanno attendere. Nasce per questo il progetto del Business Day di Alta Formazione in Selling e Relationship 4.0 promosso e organizzato da BSA (Business Sales Academy). Un’idea di formazione veloce, personalizzabile, interattiva, dinamica e coinvolgente che si è concretizzata nell’organizzazione di una giornata formativa aperta ad imprese, liberi professionisti e studenti. Un ciclo di 12 lezioni che si susseguiranno per tutta la giornata, grazie alla presenza si speaker e formatori di eccellenza, affrontando tutte le tematiche fondamentali del mondo delle vendite e dell’evoluzione del concetto di vendita nel mercato 4.0.

Di fronte alla richiesta di ampliamento delle competenze, BSA risponde con una giornata formativa dai contenuti quanto più possibile attuali e, allo stesso tempo, spendibili sul mercato del lavoro, per fornire a tutti i partecipanti, indipendentemente dal loro percorso pregresso, gli strumenti per approcciare efficacemente al mondo delle vendite e costruire una carriera di ampio respiro.

ESG89 Group —> home.esg89group.it

Business Sales Academy –> bsa.academy

ConoscereComunicareCrescere#Esg89Group

]]>
Gruppo ARC presenta il fondo alternativo di diritto lussemburghese dedicato alle PMI Italiane Mon, 13 Nov 2017 10:44:01 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459256.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459256.html ESG89 Group ESG89 Group ESG89 Group —> home.esg89group.it

http://www.esg89group.it/gruppo-arc-presenta-il-fondo-alternativo-di-diritto-lussemburghese-dedicato-alle-pmi-italiane/

PMI Credit Fund è il primo fondo alternativo di diritto lussemburghese, costituito come comparto di SICAV SIF, che investe prevalentemente in strumenti di debito – quotati e non – emessi da PMI con NAV settimanale, caratteristica che lo contraddistingue rispetto agli altri operatori di private debt. PMI Credit Fund è un prodotto del Gruppo ARC, per il quale ARC ADVISORY Company SA svolge il ruolo di investment advisor grazie ad un’esperienza pluriennale nel mercato delle PMI e nella selezione di opportunità d’investimento, con approfondite competenze nel settore delle energie rinnovabili e nel settore fotovoltaico, mini-idroelettrico e mini-eolico.

Il fondo offre agli investitori un rendimento atteso allineato a quello delle obbligazioni corporate high yield e degli strumenti di debito (mini-bond) emessi da PMI italiane, il tutto con una politica di mitigazione del rischio perseguita grazie ad una ampia diversificazione del portafoglio settoriale e geografica. PMI Credit Fund è in grado di sfruttare, a vantaggio dei suoi investitori, le previsioni normative che consentono al Fondo Centrale di Garanzia per le PMIdi estendere le medesime garanzie previste per le PMI anche ai fondi comuni d’investimento che sottoscrivono mini-bond o portafogli di mini-bond.

PMI Credit Fund è il fondo “PIR-compliant” che ha l’obiettivo di cogliere le opportunità offerte dalla Legge di Bilancio 2017, che tramite i Piani Individuali di Risparmio (PIR) ha introdotto  agevolazioni fiscali per gli investitori per stimolare gli investimenti in un’ottica di medio termine in strumenti finanziari emessi da società italiane ed europee con stabile organizzazione in Italia. Questo consentirà di far affluire le risorse finanziarie dal risparmio privato alle aziende, soprattutto PMI, attraverso il mercato dei capitali. PMI Credit Fund rappresenta per le PMI un’opportunità importante di accesso diretto al mercato dei capitali, rafforzandone gli strumenti per la crescita e consentendo la diversificazione delle fonti di finanziamento grazie ad uno strumento senior unsecured. Il fondo è strutturato in modo da fare affluire risorse finanziare all’economia reale e al tessuto industriale del Paese.

Inoltre, le quote di fondi che investono prevalentemente in mini-bond o in titoli emessi nell’ambito di operazioni di cartolarizzazione aventi ad oggetto mini-bond, costituiscono attivi idonei a copertura delle riserve tecniche assicurative e sono compatibili con le disposizioni in materia di limiti di investimento per i fondi pensione.

Tra i partner coinvolti, lo studio legale internazionale CMS, con un team internazionale specializzato in alternative investments coordinato dal Dott. Andrea Arcangeli, sta supportando il processo di strutturazione del fondo, la fase di raccolta dei primi sottoscrittori per il first closing nonché l’esecuzione degli investimenti del portafoglio. Mentre le attività di management company e di central administration sono affidate a Finexis S.A.asset manager indipendente leader internazionale nella gestione di fondi comuni di investimento. A supporto dello sviluppo del fondo è stato nominato Nicola Leffi, professionista con pluriennale esperienza da consulente indipendente nel settore finanziario ed assicurativo. Leffi ha operato presso primarie compagnie assicurative e di asset management, con una focalizzazione nella creazione e sviluppo dei prodotti, creazione e gestione dei processi operativi, oltre alla strutturazione di prodotti dedicati e alla gestione delle connesse tematiche di pricing.

Come advisory cerchiamo soprattutto progetti sani sviluppati da imprenditori sani per generare una finanza sana. Progetti semplici e chiari da comprendere, con ritorni magari non particolarmente grandi ma che possano essere prevedibili, stabili e scalabili, in cui necessitano di finanziabilità attorno ai 30 milioni di euro” ha dichiarato Angelo Lazzari, CEO di Gruppo ARC. “Inoltre, voglio sottolineare come l’advisor potrà avvalersi dell’expertise di un comitato consultivo composto da professionisti esterni specializzati nella valutazione di PMI nei diversi settori di provenienzaCome ARC ADVISORY Company SA supportiamo il processo di emissione e collocamento di strumenti finanziari, quali equity o strumenti di debito, principalmente emessi da piccole e medie imprese italiane. Questo processo permetterà alle PMI italiane, selezionate secondo criteri di sostenibilità di business e reputazione valoriale, di poter contare sulle risorse finanziarie del risparmio privato e poter essere ancora più solide nel loro percorso di crescita”.

ESG89 Group —> home.esg89group.it

ConoscereComunicareCrescere#Esg89Group

]]>
Addio petrolio, benvenuta energia green – Imprese e società alle soglie dell’era post petrolifera Mon, 13 Nov 2017 10:42:59 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459255.html http://zend.comunicati.net/comunicati/aziende/varie/459255.html ESG89 Group ESG89 Group ESG89 Group —> home.esg89group.it

http://www.esg89group.it/addio-petrolio-benvenuta-energia-green-imprese-e-societa-alle-soglie-dellera-post-petrolifera/

L’avvento della green economy sta cambiando profondamente non solo le dinamiche economiche ma le abitudini stesse degli individui, che in una scala macroscopica vanno a costituire i modi di vivere, pensare e agire di interi popoli. Per quanto l’approccio alle risorse rinnovabili sia sempre più parte del vivere comune, la domanda su che fine farà il petrolio e in che misura ancora questa materia prima condizionerà la vita umana è, anch’essa, più che mai attuale.

Nel dialogo sulla green mobility e sullo sharing per la costruzione di scenari futuri improntati alla sostenibilità, già al centro delle tematiche affrontate nel tour #Protagonisti organizzato dal Centro Studi Economico Finanziario ESG89, parlare di efficientamento energetico ed energie rinnovabili non può prescindere dal parlare anche del destino del petrolio. Questione che anche gli studiosi del Boston Consulting Group si sono posti, e alla quale hanno provato a rispondere ipotizzando tre scenari, tutti incentrati sul presupposto che la domanda di greggio raggiungerà il picco tra il 2025 e il 2030, per poi procedere verso il declino.

Tre ipotesi, dunque, che prendono in considerazione l’aumento dello sfruttamento di altre fonti energetiche: nel primo caso, l’energia elettrica, applicata soprattutto al mercato dell’automobile; nel secondo caso, l’aumento dell’efficienza energetica grazie ad una combinazione di incentivi e restrizioni governative; nel terzo caso, la crescita del consumo di gas, a causa di una diminuzione del suo costo, con una progressiva riconversione della produzione industriale, attualmente basata sul carbone, all’utilizzo del gas.

In tutti e tre i casi, il petrolio sarà soggetto ad un declino progressivo, più o meno lento, e le industrie non possono ignorare questo fatto. Per tutte quelle imprese che non vogliono farsi trovare impreparate nel prossimo futuro, la parola d’ordine deve essere “diversificazione”. La sopravvivenza delle imprese nei prossimi anni dipenderà, infatti, dalla loro capacità di sviluppare nuove soluzioni e nuovi modelli di management per affrontare i mercati, e dall’abilità intrinseca delle aziende di sfruttare al massimo le risorse messe a loro disposizione e incorporare, in maniera sempre crescente, le energie rinnovabili nei processi produttivi aziendali.

ESG89 Group —> home.esg89group.it

ConoscereComunicareCrescere#Esg89Group

]]>