"Sindaco sei connesso ? " - 26 febbraio 2006

26/feb/2006 13:42:32 Il Comunicatore Italiano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
www.ilcomunicatoreitaliano..com

Amministrazione Digitale.”Sindaco sei connesso? ”

Primo diritto digitale

Art.3.Diritto all'uso delle tecnologie

1.      I cittadini e le imprese hanno diritto a richiedere ed ottenere l'uso delle tecnologie telematiche nelle comunicazioni con le pubbliche amministrazioni centrali e con i gestori di pubblici servizi statali nei limiti di quanto previsto nel presente codice.

Riguarda solo chi usa internet? No. Riguarda solo chi ha un computer? No. E' riservato solo al così detto “Broandbandpeople” ovvero a chi ha la connessione in banda larga? No. E quindi? E da quando? In che modo? Quanto costa? Le risposte a queste domande che abbiamo raccolto durante le interviste sui Territori saranno lo spunto per l'approfondimento sui 7 nuovi diritti digitali. L'art.3 “Diritto all'uso delle tecnologie” mette al riparo chi abita in “cascine sparse” o in periferia dal fatto che deve essere comunque raggiunto dai servizi digitale che diventando un interesse pubblico devono esser previsti così come nel dopo guerra si prevedevano le strade, l'acqua, la luce come condizione di abitabilità. Il pagamento delle bollette, la prenotazione di una visita medica o il ritiro di un referto dall'ASL,  la trasmissione di un certificato, una raccomandata con ricevuta di ritorno, la partecipazione ad un concorso, la richiesta di un'autorizzazione edilizia, la fornitura di un servizio, la proposta alla pubblica amministrazione sono azioni quotidiane di Cittadini ed Imprese che dovranno, tra le altre, essere svolte senza più recarsi alo sportello pubblico. Sia con il personal computer, sia con la televisione digitale, sia con il telefono cellulare e quello fisso , quindi senza barriere per nessuno, è un dovere della Tua Amministrazione Pubblica assicurartelo. Il tutto è iniziato dal 1° gennaio 2006 e deve funzionare entro giugno 2007

E' nata una nuova generazione di diritti dei Cittadini che le tecnologie digitali ci consentono di far rispettare ed esprimere in modo nuovo. In Italia siamo già oltre 7 milioni a possedere in casa il decoder digitale terrestre, satellitare e sono oltre 65 milioni i cellulari attivi, sono oltre 6 milioni le nuove linee attivata di connessione a banda larga in 2 anni. Ognuno di questi oggetti rappresenta una potenza di fuoco enorme per il dialogo con la Pubblica Amministrazione e con il Mercato. Il tutto non è futuribile ma è ormai il presente con l'entrata in vigore del Codice per la protezione dei dati personali (D. Lgs. 196/2003) e per l'applicazione dal 1° gennaio 2006 del Codice dell'Amministrazione Digitale (D. Lgs. n. 82 del 2005). Il sito www.altalex.com ha da tempo pubblicato un'analisi dell' avv. Andrea Lisi che ribadisce il calendario perentorio degli adeguamenti della Pubblica Amministrazione per assicurare i nuovi diritti ai Cittadini e alle Imprese.

Si realizza un primo democratico principio: l'azione della Pubblica Amministrazione sarà realmente trasparente solo quando il fulcro sarà il servizio reso in digitale. Concordo con l' avv. Lisi quando pone in evidenza,  dal Codice dell'Amministrazione Digitale, l’art. 3 (diritto all’uso delle tecnologie), l’art. 4 (partecipazione al procedimento amministrativo), o ancora l’art. 7 (qualità dei servizi e soddisfazione dell’utenza) , l' art. 9 (partecipazione democratica elettronica) e al più concreto art. 10 (Sportello Unico delle Attività Produttive).”.Cosa però culturalmente inciderà su tutto il personale della Pubblica Amministrazione è quanto previsto dall'art. 6 occorre utilizzare la posta elettronica certificata, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68, per ogni scambio di documenti e informazioni con i soggetti interessati che ne fanno richiesta e che hanno preventivamente dichiarato il proprio indirizzo di posta elettronica certificata e che diviene premessa gestionale dell'art.22 che recita: “ gli atti formati con strumenti informatici, i dati e i documenti informatici delle pubbliche amministrazioni costituiscono informazione primaria ed originale da cui è possibile effettuare, su diversi tipi di supporto, riproduzioni e copie per gli usi consentiti dalla legge “.

 

Il Comunicatore Italiano
Comunicazione & Telecomunicazione
-----------------------------------------------------------
info@ilcomunicatoreitaliano.com

 
AVVISO DI RISERVATEZZA:
 
Il testo e gli eventuali documenti trasmessi contengono informazioni riservate al destinatario indicato. La seguente e-mail è confidenziale e la sua riservatezza è tutelata legalmente dalla legge 675/96 e D.L. 30/06/2003 n. 196. La lettura,copia o altro uso non autorizzato o qualsiasi altra azione derivante dalla conoscenza di queste informazioni sono rigorosamente vietate. Qualora abbiate ricevuto questo documento per errore siete cortesemente pregati di darne immediata comunicazione al mittente e di provvedere alla sua distruzione.
 
CAUTION & INFORMATION:
 
This documet contanis confidential information intended for the adressee only. Any unauthorized copyng, disclosure or distributions of this document and of its attachments is strictly forbidden.
 
www.ilcomunicatoreitaliano..com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl