ADICONSUM TOSCANA: La crisi delle imprese e dei servizi non la paghino i cittadini

Allegati

15/mag/2020 12:12:17 MRComunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

LA CRISI DELLE IMPRESE E DEI SERVIZI NON LA PAGHINO I CITTADINI

La Fase 2 è cominciata lo scorso 4 maggio, con la speranza che la graduale ripresa delle attività produttive possa rimettere in moto l’economia del Paese.

Resta però l’incognita su come rimediare alle gravi perdite di questi due mesi di lockdown totale, che nelle proiezioni del FMI si traducono in una contrazione del PIL nazionale nella misura del 9%.

I provvedimenti governativi susseguitisi nelle scorse settimane vanno in una direzione condivisibile, quanto meno nei principi, ma tra cavilli normativi, prese di posizione egoistiche e ritardi burocratici, c’è il rischio che a farne le spese siano i Consumatori e gli Utenti, già fortemente provati dalle ripercussioni che l’emergenza sanitaria ha avuto sul loro lavoro.

In tema di servizi pubblici, non sono ancora certe le sorti degli abbonamenti del trasporto pubblico locale acquistati e non usufruiti per il mese di marzo 2020. Nel c. d. “Decreto Rilancio” dovrebbero essere previste forme di rimborso.

La Regione Toscana, dal canto suo, sta studiando meccanismi di proroga della validità di tali titoli, ma le modalità di attuazione non sono state definite.

La discussione è aperta e Adiconsum, insieme con le altre AA.CC. facenti parte del Comitato Regionale Consumatori e Utenti, confrontandosi con i responsabili regionali del settore, ha più volte sollecitato le Istituzioni a prendere delle decisioni chiare e definitive, anche per consentire di rispondere in maniera concreta alle numerose sollecitazioni provenienti dai Cittadini.

Rimane, tuttavia, il nodo di numerosi altri servizi alla persona, acquistati e non usufruiti dai Consumatori all’inizio del blocco totale.

E quindi, se per gli asili nido pubblici, ad esempio, i Comuni toscani hanno sin da subito sospeso i pagamenti delle rette, per quelli privati le famiglie sono costrette a rimettersi a quanto previsto nei contratti per eventuali rimborsi.

Altra nota dolente sono le piscine, le palestre, i centri benessere. L’impossibilità sopravvenuta delle prestazioni acquistate o, comunque, l’eccessiva onerosità sopravvenuta delle stesse, fondano certamente il diritto dei Consumatori di richiedere la risoluzione degli abbonamenti sottoscritti e la restituzione dei corrispettivi versati.

Ma, in tutti i casi menzionati, la tutela dei Consumatori deve necessariamente “confrontarsi”, e non “scontrarsi”, con quella del diritto al lavoro, oltre che con l’esigenza di liquidità delle imprese. E solo le Istituzioni possono garantire, con un loro tempestivo intervento, tale contemperamento di interessi.

Del resto, il dialogo costruttivo tra le Associazioni dei Consumatori, le Associazioni di categoria degli Imprenditori e le Istituzioni, ha già dispiegato i propri effetti positivi per quanto riguarda, ad esempio, la materia dei titoli di viaggio, di soggiorno e i pacchetti turistici, con l’introduzione nel d. l. “Cura Italia”, in sede di conversione in legge, dell’art. 88-bis, che ha affiancato, all’emissione dei voucher, inizialmente previsti come unica forma di ristoro per i Consumatori, il diritto al rimborso del corrispettivo versato.

Adiconsum Toscana ha predisposto un vademecum pratico giuridico a disposizione dei cittadini, per la gestione dei reclami in materia di servizi alla persona in abbonamento non usufruiti a causa dell'emergenza Covid-19.

L'Associazione, dunque, continuerà ad impegnarsi, in tutte le sedi, e con ogni mezzo a propria disposizione, affinché la voce dei Consumatori e degli Utenti sia ascoltata da Istituzioni e imprese e questa crisi, dura e inattesa, non la paghino i Cittadini.

Adiconsum Toscana



Con preghiera di diffusione.
--

Ufficio Stampa Adiconsum Toscana
Antonella Tursi
Via Carlo del Prete, 135 - 50127 Firenze
tel. 055.3269042/4379684
t.m. 320 1740246

*** Attenzione ****
Il testo e gli eventuali documenti trasmessi contengono informazioni riservate al destinatario indicato. La seguente e-mail è confidenziale e la sua riservatezza è tutelata dal Regolamento UE n.2016/679 (Protezione dei dati personali). La lettura, copia o altro uso non autorizzato o qualsiasi altra azione derivante dalla conoscenza di queste informazioni sono rigorosamente vietate. Qualora abbiate ricevuto questo documento per errore siete cortesemente pregati di darne immediata comunicazione al mittente e di provvedere, immediatamente, alla sua distruzione. Rispetta l'ambiente, se non ti è necessario non stampare questa mail.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl