Ripartiamo dai Diritti Umani per far rinascere la società

28/gen/2019 22:52:26 CHIESA DI SCIENTOLOGY CAGLIARI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

 
  Probabilmente non sono tantissimi coloro i quali potrebbero dichiararsi soddisfatti dell'attuale condizione in cui versa la società in quanto a giustizia e diritti risettati per tutti. Miliardi di persone distribuite in tutti i continenti vivono in condizioni che definirle difficili sarrebbe un eufemismo; in centinaia di milioni vivono in condizioni al di sotto della soglia di povertà. Mai come nel XX° e XXI° secolo, abbiamo avuto un numero così alto di esseri umani ridotti nelle condizioni di schiavi, così li definisce un rapporto delle Nazioni Unite, circa 30 milioni. Una vergogna per che si definisce "civile". Ma qualcosa si può fare a riguardo: ripartire dai valori contenuti nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani proclamata dalle Nazioni Unite nel 1948, all'indomani delle guerra più crudele e sanguinosa della storia dell'umanità. I 30 diritti inalienabili possono essere la base di partenza per una rinascita sociale, in cui tutti possano godere degli stessi diritti e doveri. Non servono altre leggi o trattati tra stati, sarebbe sufficiente che il buon senso prevalesse sugli interessi economici e che ognuno di noi faccia la sua parte nella sua vita quotidiana e un nuovo mondo nascerebbe come d'incanto. Il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard, il fondatore della religione di Scientology, invitava i suoi seguaci ad impegnarsi affinchè "i Diritti Umani siano resi una realtà e non un sogno idealistico". Seguendo i consigli del loro fondatore i volontari della Chiesa di Scientology e di Uniiti per i Diritti Umani, nella serata di lunedì 28 gennaio hanno distribuito decine di libretti "Che cosa sono i iritti Umani?" nelle case e ai passanti del quartiere popolare di San Michele a Cagliari.

Info www.unitiperidirittiumani.it

 

h5 { margin-top: 0.21cm; margin-bottom: 0.11cm; background: transparent none repeat scroll 0% 0%; page-break-after: avoid; }h5.western { font-family: "Liberation Serif", serif; font-size: 10pt; font-weight: bold; }h5.cjk { font-family: "Noto Serif CJK SC"; font-size: 10pt; font-weight: bold; }h5.ctl { font-family: "Lohit Devanagari"; font-size: 10pt; font-weight: bold; }h1 { margin-bottom: 0.21cm; background: transparent none repeat scroll 0% 0%; page-break-after: avoid; }h1.western { font-family: "Liberation Serif", serif; font-size: 24pt; font-weight: bold; }h1.cjk { font-family: "Noto Serif CJK SC"; font-size: 24pt; font-weight: bold; }h1.ctl { font-family: "Lohit Devanagari"; font-size: 24pt; font-weight: bold; }p { margin-bottom: 0.25cm; line-height: 115%; background: transparent none repeat scroll 0% 0%; }a:visited { color: rgb(128, 0, 0); text-decoration: underline; }a:link { color: rgb(0, 0, 128); text-decoration: underline; }

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl