Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Ecologia e Ambiente Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Ecologia e Ambiente Wed, 14 Nov 2018 07:50:15 +0100 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/1 Ruminant Feeds Market Global Industry 2018 Share, Growth, Size, Trends, Supply, Demand, Development Analysis and Forecast 2025 Tue, 13 Nov 2018 12:17:03 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/502644.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/502644.html Dynamic Market Research Report Dynamic Market Research Report Global Ruminant Feeds Market 2018 research report contains a professional analysis of the current state of the global Ruminant Feeds Industry and the factors that will shape its progression in the future. The Ruminant Feeds Industry report also examines marked growth trends and technological developments that will come to the fore in the said Ruminant Feeds Market in the coming years.

Sample Copy of this Report-   https://www.orianresearch.com/request-sample/680808

This report breaks down and figures the apparatus Ruminant Feeds Market at the world and limited level. The report furthermore incorporates an inside and out worth chain investigation that gives a far reaching read of the world Ruminant Feeds Market. Watchman's Five Forces Model has been encased to help see the focused scene inside the market. The investigation comprises of market allure examination, whereby complete clients are benchmarked upheld their market measure, the rate of development, and world engaging quality.

Inquire more or share questions if any before the purchase on this @  https://www.orianresearch.com/enquiry-before-buying/680808

The TOP PLAYERS Analysis: -

  • Cargill
  • Archer Daniels Midland
  • DBN Group
  • DSM NV
  • Chia Tai Group
  • Borui Group
  • COFCO
  • Agrifirm Group
  • Aveve Group

The developing assortment of setbacks because of disappointment is one among the auxiliaries causes arrangement the advancement of the world Ruminant Feeds Market. This investigation tosses extra light-weight on the aggressive scene of the World Ruminant Feeds Market and over the world along the edge of item portfolio, organization profiles, money related outline, business techniques, SWOT examination, and offers a comprehension into the latest developments of the organizations that are tinted inside the examination. The report can encourage recognize the necessities of customers, find disadvantage regions an opportunity to initiate higher and advance inside the basic authority method of any association. It will ensure the accomplishment of your advancing exertion, permits to watch the client's resistance engaging them to be one phase ahead and constrain misfortunes.

Order a copy of Global Ruminant Feeds Market Report 2018 @ https://www.orianresearch.com/checkout/680808

With tables and figures breaking down overall Ruminant Feeds Market, this exploration gives important measurements on premise of statistical surveying and is a profitable wellspring of direction and heading for organizations and people intrigued by the market. This report introduces a 360-degree rundown of the focused circumstance of the World Ruminant Feeds Market.

The study objectives of this report are:

  • To analyze and study the global Protein Fractionation capacity, production, value, consumption, status (2013-2017) and forecast (2018-2025);
  • Focuses on the key Protein Fractionation manufacturers, to study the capacity, production, value, market share and development plans in future.
  • Focuses on the global key manufacturers, to define, describe and analyze the market competition landscape, SWOT analysis.
  • To define, describe and forecast the market by type, application and region.
  • To analyze the global and key regions market potential and advantage, opportunity and challenge, restraints and risks.
  • To identify significant trends and factors driving or inhibiting the market growth.
  • To analyze the opportunities in the market for stakeholders by identifying the high growth segments.
  • To strategically analyze each submarket with respect to individual growth trend and their contribution to the market
  • To analyze competitive developments such as expansions, agreements, new product launches, and acquisitions in the market
  • To strategically profile the key players and comprehensively analyze their growth strategies.


Key Points from TOC:

Global Ruminant Feeds Market Research Report 2018

1 Ruminant Feeds Market Overview

2 Global Ruminant Feeds Market Competition by Manufacturers

3 Global Ruminant Feeds Capacity, Production, Revenue (Value) by Region (2013-2018)

4 Global Ruminant Feeds Supply (Production), Consumption, Export, Import by Region (2013-2018)

5 Global Ruminant Feeds Production, Revenue (Value), Price Trend by Type

6 Global Ruminant Feeds Market Analysis by Application

7 Global Ruminant Feeds Manufacturers Profiles/Analysis

8 Ruminant Feeds Manufacturing Cost Analysis

9 Industrial Chain, Sourcing Strategy and Downstream Buyers

10 Marketing Strategy Analysis, Distributors/Traders

11 Market Effect Factors Analysis

12 Global Ruminant Feeds Market Forecast (2018-2025)

13 Research Findings and Conclusion

14 Appendix

Methodology

Analyst Introduction

Data Source

About Us:

Orian Research is one of the most comprehensive collections of market intelligence reports on the World Wide Web. Our reports repository boasts of over 500000+ industry and country research reports from over 100 top publishers. We continuously update our repository so as to provide our clients easy access to the world's most complete and current database of expert insights on global industries, companies, and products. We also specialize in custom research in situations where our syndicate research offerings do not meet the specific requirements of our esteemed clients.

Contact Us:                                           

Ruwin Mendez

Vice President – Global Sales & Partner Relations

Orian Research Consultants

US:  +1 (415) 830-3727| UK: +44 020 8144-71-27

Email: info@orianresearch.com    

Website: www.orianresearch.com   

 

Follow Us on LinkedIn: https://www.linkedin.com/company-beta/13281002

]]>
Starting a clothing business? Follow our 9-step plan Tue, 13 Nov 2018 08:32:57 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/502393.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/502393.html komma komma Having a list often helps, so here are our top nine bases to cover. Depending on your budget, goals, and early designs you’ll need to add to this list or keep it simple, but bookmark it as your starting point.

Bring these nine steps to life with our guide to starting a clothing business below.

1. Decide on your niche

Starting a clothing business is a very personal journey. You’re probably a creative person, with something different to offer in a fast-moving industry. It’s likely that you’ve spotted a gap in the market, or have a unique design in mind for a specific customer group.

Whatever your inspiration for starting up, it’s important to define your niche from the out-set. Are you planning to build a fanbase for one specific item, like the world-famous Fred Perry shirt? Or it could be a particular style that you have in mind for your clothing line – for example the pared back, design-focused children’s products sold by lifestyle brand Scandiborn, or menswear that nods to your own unique heritage?

It could also be a clothing business that’s born out of a particular need or ethos, from cruelty-free clothing to premature baby accessories.

Know your niche, and bear it in mind. Even if you branch out and introduce lots of other designs as time goes by, your original idea gives you heritage, a guiding principle, and a reason to be remembered.

2. Build your budget (or business plan)

If this is really just a shoestring idea, and you’re testing your designs on a small scale, you might not need a full-on business plan to get started. Watch out though, if your idea takes off you’ll want to scale pretty quickly, so it makes sense to keep even a rough plan in the background.

Bear in mind, the fashion industry is notoriously difficult to predict. Plans will need to be flexible and there are no guarantees, so you’ll need to be up for the challenge.

Creating a budget …

For the first few months at least, it pays to keep things simple. Starting with one design which you love, know how to manufacture (or buy) and have had great feedback on may be much easier than launching with a lengthy product catalogue.

It helps to have a fixed figure in mind, and decide how you’re going to spend your funding, along with what you want to achieve. Try to allow room for flexibility – you may not know the price of specific materials yet, for example, or manufacturing costs – but having that original budget in mind will help you make the decisions that drive your first sales.

Your budget will also depend on whether you plan to design and make the clothes yourself (or with a manufacturer), or buy clothes from designers at best wholesale websites price. Either way, start small. Invest in smaller designers and/or basic equipment to start off with and as demand grows, you can review your key outgoings.

… and/or a clothing line business plan

If you need a business plan – perhaps to secure funding or other support – start off by nailing the basics. You’ll need to give an overview of your business, including an executive summary, and a clear outline of how your clothing line is going to start, grow and prepare to scale.

You’ll also need to include the analysis you’ve done, to understand your target market and any competitors. Remember, this does need to be data-oriented, concrete and preferably something you’ve done with external sources. It can’t just be your personal view of what’s wrong with the current market options (although there’s a place for this too!)

Your plan should also outline who’s involved in your business and what they do, whether it’s just you, or you’re working with anyone else. You’ll need to leave room for the product(s), of course, and talk about any plans you have for branding, sales and marketing, as well as operations.

Finally, whoever’s reading your plan will be most concerned with one thing, and that’s the money. You’ll need to finish off with a solid section clearly outlining your business’ current financial position (even if this is very initial), priorities for growth, and how their investment will help things to fly.

3. Organise your business

Even if you’re not writing a full-on business plan, the same principles apply when organising your startup. You may be planning just to buy a sewing machine and get straight to work, but even this is a time and resource commitment.

If you’re investing effort and have goals for the future, put down in writing how your business will take shape, including plans and ideas for:

Your location(s). Are you working from your bedroom but aiming to move into a small studio? Remember, certain rules apply for online businesses, or market stall traders.

How it works. Is it going to be you selling pieces on a stall for now? Or are you going to be an online retailer? Could Facebook Marketplace be a good place to start? If so, check out our guide on how to sell on Facebook Marketplace before you get started. Maybe you’re even planning to open a bricks and mortar shop. Whatever option you go for, most businesses will need to get set up with HMRC for tax purposes, and factor in time to sort out any licenses or permits (especially if you’re planning to trade on the street or at a market) and research the rules you must follow before selling clothes online, buying from or selling abroad, or storing personal details from your customers, fanbase or even your suppliers.

Who’s running things? Even if it’s just you managing the business, are there any other key people involved who you’re going to rely on? For example, a designer, accountant, people to help you with setting up a stall, storage etc?

Your product catalogue. This might just be one hero product, or you could have a long list of items. Be aware of your product list and think about how you plan to manufacture, stock and store pieces, along with particular packaging needs.

Sales and marketing. We’ll cover this in more detail below, but it’s a good idea to think through your marketing plans and how you’re going to create some buzz around your clothes and designs.

Insurance. You might just be planning to sell items online, straight from your sewing machine, but if you’re investing time and funds, it’s worth protecting your small business from the outset, ideally with a tailored business insurance policy which includes things like online retailer insurance and product liability insurance, too.

Funding. You’ll need some idea of what money you already have, to get your business up and running, and where you can look for additional support. From Start Up Loans from the government to crowdfunding, our small business finance guide is a great place to start.

4. Create your designs

For any clothing business, one of the most exciting stages is product development. Even if you only have a design concept for one product in these early days, start getting it on paper or screen, as a sketch. Once you’re ready, turn rough ideas into nailed down digital sketches. Programmes like Illustrator can do a lot of the hard work for you.

Sketches done, you’ll need to think about your ‘tech pack’, which is the essential information you’ll give to your manufacturer. It’ll need to include your product’s details and technical specifications, from design and measurements to materials and any extra accessories or features.

From there, you’ll need to get started on pattern making and grading, ahead of sourcing your manufacturer.

5. Create your brand

As a fashion or clothing pro, you’re likely to be creative. And this will stand you in good stead for developing a brand for your startup clothing company.

6. Start manufacturing

Go back to your design work and get everything together. It’s time to take your product to the manufacturers. This is the point where you’ll be sourcing the person (or team) that’s going to take your designs and make them a reality.

Of course, if you’re intending to make everything yourself for now, or with your own hand-picked team, you can skip this step! This also applies if you’re simply looking to buy ready-made products wholesale from china, and sell them on.

To start your search for the right manufacturer, ask around amongst any contacts you have and get a feel for your priorities. Is it an artisan, craftmanship you’re looking to source, or a commercial company with an emphasis on speed and dependability? The manufacturing is a crucial part of any clothing business, no matter the size, so spend time finding, speaking to and vetting a good list of potentials.

Once you’ve decided, it’s time to have a sample made. Get your chosen manufacturer to run a small batch of your designs and maybe test them against those from another manufacturer. Factor in time to discuss adjustments and improvements, before you pull the trigger on a full product run.

Along with your own aims and reasons for starting a clothing company, think about your potential customer. Who are you looking to sell to? Are they likely to prefer a certain look and feel? Are you designing for people who care a lot about the overall experience of buying from your brand (from website or shop floor to label, packaging and email newsletter), or is there a risk of alienating people with fancy packaging or a millenial look and feel?

Whatever you decide, base your brand on your instincts and a bit of research. As far as your budget allows, factor in cash for packaging and your customer communications, and above all, try to be consistent. It’s no good using beautiful packaging one month and a battered jiffy bag the next.

7. Test your product

Looking to use up those sample run designs? Taking them to market can be a great way to test your product without committing to the full product run. Market trading spaces, school fairs and online platforms like Facebook Marketplace can be great places to start, taking notes and asking your customers all the time for their feedback on the product, and anything else they’re looking for.

You’ll find that the test stage never quite ends, as you’ll forever be adding new products to your line, and working out what sells and what’s less popular.

Feedback is an important form of business currency and a way to fast-track your growth, so take it on board and refine your fantastic products.

8. Take it to market

You’ve tested out your product, it’s selling and you’re ready to order your first full product run. It’s time to get serious about selling your product, and you’ll have a few decisions to make before boxing up that first garment.

Take the time to consider how you’ll:

Price your products

Market your brand

Create an online clothing store, if this is your plan

Organise any deals or promotions

Package up your products

Ship your products (if working on an order basis)

Deal with any returns or customer issues

Plan ahead with your manufacturer for new seasons and busy periods

This may all be in your business plan, but it’s a good idea to refine the details before you go into full-scale production.

9. Scale up

You’ve done it. Your clothing company is launched, you’ve made your first sales and you’re ironing out the creases. Scaling may well be on your mind as an ambitious business owner, with plans for new products or bigger orders.

Take some time to reflect on how your business is going, before committing to any big next steps. In fact, it pays to keep things small and simple for your first couple of seasons, getting to know the reality of production and fulfilment before taking on the next challenge. Your business plan may reflect your growth timeline, but again, be flexible.

Your first job may well be to hire your first employee, to help you with all of the above, giving you some much-needed breathing room to take stock of the clothing business you’ve created.

]]>
Foreste, cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile: a Ecomondo 2018 insieme per un futuro più green Wed, 07 Nov 2018 12:51:05 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/501624.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/501624.html FSC Italia FSC Italia Alla kermesse riminese tornano protagoniste le foreste di oggi e domani grazie alle iniziative di valorizzazione della risorsa forestale, dei servizi ecologici e di politiche di filiera sostenibile raccontate da FSC® Italia, Tetra Pak®, AzzeroCO2 ed Etifor s.r.l.

4 partner, numerose storie, un unico obiettivo: salvaguardare il patrimonio forestale per combattere i cambiamenti climatici, garantire filiere di approvvigionamento sostenibili e un futuro più verde alle generazioni a venire. In questo senso più che uno stand, lo Spazio 068 del Padiglione B1 di Ecomondo, la fiera della green e circular economy che si tiene in questi giorni a Rimini, diventa uno spazio comune dove verranno presentate storie, attività e casi studio di ONG, aziende, ESCo e start-up attive nella salvaguardia e nella gestione responsabile del patrimonio verde, nazionale e mondiale.

“Le foreste sono sistemi molto complessi e ricoprono un ruolo fondamentale nella nostra vita” spiega Diego Florian, Direttore di FSC Italia “Stabilizzano il suolo e il clima, regolano i flussi d'acqua. Sono importanti fonti di cibo, energia e reddito. Ma a volte purtroppo ce ne dimentichiamo, o le gestiamo senza pensare al domani”.

Foreste e cambiamenti climatici
Nonostante il rallentamento registrato negli ultimi anni, deforestazione e degrado delle aree forestali continuano a distruggere interi ecosistemi (7 milioni di ettari all’anno nei Paesi tropicali nel decennio 2000-2010), contribuendo in maniera preoccupante alle emissioni di gas serra e diminuendo la capacità delle foreste di mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici. Secondo l’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) dell’ONU quindi, in futuro avremo sempre più bisogno di foreste per stabilizzare l’aumento previsto delle temperature globali.

Oltre a fornirci carta, legno, aria e acqua pulite, le foreste catturano infatti enormi quantità di CO2: secondo studi condotti dalla FAO, foreste e sottobosco assorbono in totale più di un trilione di tonnellate di carbonio - il doppio di quello che si trova in atmosfera. Evitare che questo carbonio immagazzinato venga rilasciato è fondamentale per mantenere e preservare il nostro Pianeta.

Filiera, tutela, valorizzazione del patrimonio forestale: alcuni casi pratici
Alcune soluzioni a questa urgenza arrivano a Ecomondo 2018 attraverso i casi pratici di realtà come FSC Italia, Tetra Pak®, AzzeroCO2 ed Etifor: racconti che restituiscono, pezzo dopo pezzo, un puzzle estremamente ricco e complesso, fatto di politiche di gestione responsabile del patrimonio verde, servizi ecologici e strategie per un futuro più verde. A cominciare da Tetra Pak®, che nel 2017 ha immesso sul mercato globale 92 miliardi di confezioni con etichetta FSC ed è stato riconosciuto per il secondo anno consecutivo come leader del settore nel programma per le foreste CDP (Carbon Disclosure Project). “Essendo le nostre confezioni costituite prevalentemente da carta, abbiamo l’obiettivo di approvvigionarci di carta proveniente solo da foreste gestite in modo responsabile” sottolinea Michele Mastrobuono, Environment Director di Tetra Pak® Italia “Chiediamo inoltre ai nostri fornitori di essere conformi al nostro Codice di Condotta per i fornitori, documento che illustra le nostre aspettative basate sui 10 principi dell’UN Global Compact”.



“Dopo l’esperienza 2017, torniamo a Ecomondo con tre partner fortemente impegnati nella costruzione di un futuro sostenibile, il cui minimo comune denominatore è la tutela delle foreste e la conservazione e l’uso responsabile delle risorse" conferma Sandro Scollato, Amministratore Delegato di AzzeroCO2, Energy Service Company (ESCo) nata nel 2004 per volontà di Legambiente e Kyoto Club, che quest’anno ha lanciato la campagna Mosaico Verde: un’ambiziosa operazione che coinvolge Comuni, Enti Parco e aziende il cui obiettivo è piantare in Italia 300.000 nuovi alberi e tutelare 30.000 ha di boschi esistenti.

La terza testimonianza arriva da Etifor, spin-off dell’Università di Padova che offre consulenza a enti e aziende, nazionali e internazionali, per aiutarli a valorizzare i servizi e i prodotti della natura attraverso la scienza applicata, l’innovazione e la buona governance: “Le foreste danno un contributo vitale al Pianeta fornendo aria e acqua pulite e combattendo i cambiamenti climatici. Come Etifor mostreremo ai visitatori di Ecomondo la forza di un binomio vincente: innovazione e scienza al servizio della natura” è il commento di Lucio Brotto, Business Development Director di Etifor s.r.l.

Gestione forestale responsabile e certificazione
A fare da fil rouge (o per meglio dire, vert) di queste esperienze, la garanzia di pratiche di gestione responsabile attraverso certificazioni di parte terza come quella del Forest Stewardship Council® (FSC®), che garantisce che le aree interessate vengano monitorate e valutate in maniera indipendente, in conformità con standard e principi internazionali di sostenibilità socio-economica-ambientale.

“Gestione forestale responsabile, lotta ai cambiamenti climatici, filiere virtuose, valorizzazione dei servizi ecologici: abbiamo deciso di partire dal presente, raccontando le best practice in ambito forestale e della filiera collegata, per costruire assieme il futuro di alberi e foreste, facendo del nostro stand a Ecomondo 2018 uno spazio comune di incontro” conclude Florian “La gestione forestale responsabile è infatti una pratica positiva che si persegue grazie all’apporto di tutti, nell’interesse di tutti”.

]]>
Foreste, cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile: a Ecomondo 2018 insieme per un futuro più green Wed, 07 Nov 2018 12:50:23 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/501622.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/501622.html FSC Italia FSC Italia Alla kermesse riminese tornano protagoniste le foreste di oggi e domani grazie alle iniziative di valorizzazione della risorsa forestale, dei servizi ecologici e di politiche di filiera sostenibile raccontate da FSC® Italia, Tetra Pak®, AzzeroCO2 ed Etifor s.r.l.

4 partner, numerose storie, un unico obiettivo: salvaguardare il patrimonio forestale per combattere i cambiamenti climatici, garantire filiere di approvvigionamento sostenibili e un futuro più verde alle generazioni a venire. In questo senso più che uno stand, lo Spazio 068 del Padiglione B1 di Ecomondo, la fiera della green e circular economy che si tiene in questi giorni a Rimini, diventa uno spazio comune dove verranno presentate storie, attività e casi studio di ONG, aziende, ESCo e start-up attive nella salvaguardia e nella gestione responsabile del patrimonio verde, nazionale e mondiale.

“Le foreste sono sistemi molto complessi e ricoprono un ruolo fondamentale nella nostra vita” spiega Diego Florian, Direttore di FSC Italia “Stabilizzano il suolo e il clima, regolano i flussi d'acqua. Sono importanti fonti di cibo, energia e reddito. Ma a volte purtroppo ce ne dimentichiamo, o le gestiamo senza pensare al domani”.

Foreste e cambiamenti climatici
Nonostante il rallentamento registrato negli ultimi anni, deforestazione e degrado delle aree forestali continuano a distruggere interi ecosistemi (7 milioni di ettari all’anno nei Paesi tropicali nel decennio 2000-2010), contribuendo in maniera preoccupante alle emissioni di gas serra e diminuendo la capacità delle foreste di mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici. Secondo l’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) dell’ONU quindi, in futuro avremo sempre più bisogno di foreste per stabilizzare l’aumento previsto delle temperature globali.

Oltre a fornirci carta, legno, aria e acqua pulite, le foreste catturano infatti enormi quantità di CO2: secondo studi condotti dalla FAO, foreste e sottobosco assorbono in totale più di un trilione di tonnellate di carbonio - il doppio di quello che si trova in atmosfera. Evitare che questo carbonio immagazzinato venga rilasciato è fondamentale per mantenere e preservare il nostro Pianeta.

Filiera, tutela, valorizzazione del patrimonio forestale: alcuni casi pratici
Alcune soluzioni a questa urgenza arrivano a Ecomondo 2018 attraverso i casi pratici di realtà come FSC Italia, Tetra Pak®, AzzeroCO2 ed Etifor: racconti che restituiscono, pezzo dopo pezzo, un puzzle estremamente ricco e complesso, fatto di politiche di gestione responsabile del patrimonio verde, servizi ecologici e strategie per un futuro più verde. A cominciare da Tetra Pak®, che nel 2017 ha immesso sul mercato globale 92 miliardi di confezioni con etichetta FSC ed è stato riconosciuto per il secondo anno consecutivo come leader del settore nel programma per le foreste CDP (Carbon Disclosure Project). “Essendo le nostre confezioni costituite prevalentemente da carta, abbiamo l’obiettivo di approvvigionarci di carta proveniente solo da foreste gestite in modo responsabile” sottolinea Michele Mastrobuono, Environment Director di Tetra Pak® Italia “Chiediamo inoltre ai nostri fornitori di essere conformi al nostro Codice di Condotta per i fornitori, documento che illustra le nostre aspettative basate sui 10 principi dell’UN Global Compact”.



“Dopo l’esperienza 2017, torniamo a Ecomondo con tre partner fortemente impegnati nella costruzione di un futuro sostenibile, il cui minimo comune denominatore è la tutela delle foreste e la conservazione e l’uso responsabile delle risorse" conferma Sandro Scollato, Amministratore Delegato di AzzeroCO2, Energy Service Company (ESCo) nata nel 2004 per volontà di Legambiente e Kyoto Club, che quest’anno ha lanciato la campagna Mosaico Verde: un’ambiziosa operazione che coinvolge Comuni, Enti Parco e aziende il cui obiettivo è piantare in Italia 300.000 nuovi alberi e tutelare 30.000 ha di boschi esistenti.

La terza testimonianza arriva da Etifor, spin-off dell’Università di Padova che offre consulenza a enti e aziende, nazionali e internazionali, per aiutarli a valorizzare i servizi e i prodotti della natura attraverso la scienza applicata, l’innovazione e la buona governance: “Le foreste danno un contributo vitale al Pianeta fornendo aria e acqua pulite e combattendo i cambiamenti climatici. Come Etifor mostreremo ai visitatori di Ecomondo la forza di un binomio vincente: innovazione e scienza al servizio della natura” è il commento di Lucio Brotto, Business Development Director di Etifor s.r.l.

Gestione forestale responsabile e certificazione
A fare da fil rouge (o per meglio dire, vert) di queste esperienze, la garanzia di pratiche di gestione responsabile attraverso certificazioni di parte terza come quella del Forest Stewardship Council® (FSC®), che garantisce che le aree interessate vengano monitorate e valutate in maniera indipendente, in conformità con standard e principi internazionali di sostenibilità socio-economica-ambientale.

“Gestione forestale responsabile, lotta ai cambiamenti climatici, filiere virtuose, valorizzazione dei servizi ecologici: abbiamo deciso di partire dal presente, raccontando le best practice in ambito forestale e della filiera collegata, per costruire assieme il futuro di alberi e foreste, facendo del nostro stand a Ecomondo 2018 uno spazio comune di incontro” conclude Florian “La gestione forestale responsabile è infatti una pratica positiva che si persegue grazie all’apporto di tutti, nell’interesse di tutti”.

]]>
Foreste, cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile: a Ecomondo 2018 insieme per un futuro più green Wed, 07 Nov 2018 12:46:55 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/501620.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/501620.html FSC Italia FSC Italia Alla kermesse riminese tornano protagoniste le foreste di oggi e domani grazie alle iniziative di valorizzazione della risorsa forestale, dei servizi ecologici e di politiche di filiera sostenibile raccontate da FSC® Italia, Tetra Pak®, AzzeroCO2 ed Etifor s.r.l.

4 partner, numerose storie, un unico obiettivo: salvaguardare il patrimonio forestale per combattere i cambiamenti climatici, garantire filiere di approvvigionamento sostenibili e un futuro più verde alle generazioni a venire. In questo senso più che uno stand, lo Spazio 068 del Padiglione B1 di Ecomondo, la fiera della green e circular economy che si tiene in questi giorni a Rimini, diventa uno spazio comune dove verranno presentate storie, attività e casi studio di ONG, aziende, ESCo e start-up attive nella salvaguardia e nella gestione responsabile del patrimonio verde, nazionale e mondiale.

“Le foreste sono sistemi molto complessi e ricoprono un ruolo fondamentale nella nostra vita” spiega Diego Florian, Direttore di FSC Italia “Stabilizzano il suolo e il clima, regolano i flussi d'acqua. Sono importanti fonti di cibo, energia e reddito. Ma a volte purtroppo ce ne dimentichiamo, o le gestiamo senza pensare al domani”.

Foreste e cambiamenti climatici
Nonostante il rallentamento registrato negli ultimi anni, deforestazione e degrado delle aree forestali continuano a distruggere interi ecosistemi (7 milioni di ettari all’anno nei Paesi tropicali nel decennio 2000-2010), contribuendo in maniera preoccupante alle emissioni di gas serra e diminuendo la capacità delle foreste di mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici. Secondo l’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) dell’ONU quindi, in futuro avremo sempre più bisogno di foreste per stabilizzare l’aumento previsto delle temperature globali.

Oltre a fornirci carta, legno, aria e acqua pulite, le foreste catturano infatti enormi quantità di CO2: secondo studi condotti dalla FAO, foreste e sottobosco assorbono in totale più di un trilione di tonnellate di carbonio - il doppio di quello che si trova in atmosfera. Evitare che questo carbonio immagazzinato venga rilasciato è fondamentale per mantenere e preservare il nostro Pianeta.

Filiera, tutela, valorizzazione del patrimonio forestale: alcuni casi pratici
Alcune soluzioni a questa urgenza arrivano a Ecomondo 2018 attraverso i casi pratici di realtà come FSC Italia, Tetra Pak®, AzzeroCO2 ed Etifor: racconti che restituiscono, pezzo dopo pezzo, un puzzle estremamente ricco e complesso, fatto di politiche di gestione responsabile del patrimonio verde, servizi ecologici e strategie per un futuro più verde. A cominciare da Tetra Pak®, che nel 2017 ha immesso sul mercato globale 92 miliardi di confezioni con etichetta FSC ed è stato riconosciuto per il secondo anno consecutivo come leader del settore nel programma per le foreste CDP (Carbon Disclosure Project). “Essendo le nostre confezioni costituite prevalentemente da carta, abbiamo l’obiettivo di approvvigionarci di carta proveniente solo da foreste gestite in modo responsabile” sottolinea Michele Mastrobuono, Environment Director di Tetra Pak® Italia “Chiediamo inoltre ai nostri fornitori di essere conformi al nostro Codice di Condotta per i fornitori, documento che illustra le nostre aspettative basate sui 10 principi dell’UN Global Compact”.



“Dopo l’esperienza 2017, torniamo a Ecomondo con tre partner fortemente impegnati nella costruzione di un futuro sostenibile, il cui minimo comune denominatore è la tutela delle foreste e la conservazione e l’uso responsabile delle risorse" conferma Sandro Scollato, Amministratore Delegato di AzzeroCO2, Energy Service Company (ESCo) nata nel 2004 per volontà di Legambiente e Kyoto Club, che quest’anno ha lanciato la campagna Mosaico Verde: un’ambiziosa operazione che coinvolge Comuni, Enti Parco e aziende il cui obiettivo è piantare in Italia 300.000 nuovi alberi e tutelare 30.000 ha di boschi esistenti.

La terza testimonianza arriva da Etifor, spin-off dell’Università di Padova che offre consulenza a enti e aziende, nazionali e internazionali, per aiutarli a valorizzare i servizi e i prodotti della natura attraverso la scienza applicata, l’innovazione e la buona governance: “Le foreste danno un contributo vitale al Pianeta fornendo aria e acqua pulite e combattendo i cambiamenti climatici. Come Etifor mostreremo ai visitatori di Ecomondo la forza di un binomio vincente: innovazione e scienza al servizio della natura” è il commento di Lucio Brotto, Business Development Director di Etifor s.r.l.

Gestione forestale responsabile e certificazione
A fare da fil rouge (o per meglio dire, vert) di queste esperienze, la garanzia di pratiche di gestione responsabile attraverso certificazioni di parte terza come quella del Forest Stewardship Council® (FSC®), che garantisce che le aree interessate vengano monitorate e valutate in maniera indipendente, in conformità con standard e principi internazionali di sostenibilità socio-economica-ambientale.

“Gestione forestale responsabile, lotta ai cambiamenti climatici, filiere virtuose, valorizzazione dei servizi ecologici: abbiamo deciso di partire dal presente, raccontando le best practice in ambito forestale e della filiera collegata, per costruire assieme il futuro di alberi e foreste, facendo del nostro stand a Ecomondo 2018 uno spazio comune di incontro” conclude Florian “La gestione forestale responsabile è infatti una pratica positiva che si persegue grazie all’apporto di tutti, nell’interesse di tutti”.

]]>
Foreste, cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile: a Ecomondo 2018 insieme per un futuro più green Wed, 07 Nov 2018 12:46:22 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/501619.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/501619.html FSC Italia FSC Italia Alla kermesse riminese tornano protagoniste le foreste di oggi e domani grazie alle iniziative di valorizzazione della risorsa forestale, dei servizi ecologici e di politiche di filiera sostenibile raccontate da FSC® Italia, Tetra Pak®, AzzeroCO2 ed Etifor s.r.l.

4 partner, numerose storie, un unico obiettivo: salvaguardare il patrimonio forestale per combattere i cambiamenti climatici, garantire filiere di approvvigionamento sostenibili e un futuro più verde alle generazioni a venire. In questo senso più che uno stand, lo Spazio 068 del Padiglione B1 di Ecomondo, la fiera della green e circular economy che si tiene in questi giorni a Rimini, diventa uno spazio comune dove verranno presentate storie, attività e casi studio di ONG, aziende, ESCo e start-up attive nella salvaguardia e nella gestione responsabile del patrimonio verde, nazionale e mondiale.

“Le foreste sono sistemi molto complessi e ricoprono un ruolo fondamentale nella nostra vita” spiega Diego Florian, Direttore di FSC Italia “Stabilizzano il suolo e il clima, regolano i flussi d'acqua. Sono importanti fonti di cibo, energia e reddito. Ma a volte purtroppo ce ne dimentichiamo, o le gestiamo senza pensare al domani”.

Foreste e cambiamenti climatici
Nonostante il rallentamento registrato negli ultimi anni, deforestazione e degrado delle aree forestali continuano a distruggere interi ecosistemi (7 milioni di ettari all’anno nei Paesi tropicali nel decennio 2000-2010), contribuendo in maniera preoccupante alle emissioni di gas serra e diminuendo la capacità delle foreste di mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici. Secondo l’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) dell’ONU quindi, in futuro avremo sempre più bisogno di foreste per stabilizzare l’aumento previsto delle temperature globali.

Oltre a fornirci carta, legno, aria e acqua pulite, le foreste catturano infatti enormi quantità di CO2: secondo studi condotti dalla FAO, foreste e sottobosco assorbono in totale più di un trilione di tonnellate di carbonio - il doppio di quello che si trova in atmosfera. Evitare che questo carbonio immagazzinato venga rilasciato è fondamentale per mantenere e preservare il nostro Pianeta.

Filiera, tutela, valorizzazione del patrimonio forestale: alcuni casi pratici
Alcune soluzioni a questa urgenza arrivano a Ecomondo 2018 attraverso i casi pratici di realtà come FSC Italia, Tetra Pak®, AzzeroCO2 ed Etifor: racconti che restituiscono, pezzo dopo pezzo, un puzzle estremamente ricco e complesso, fatto di politiche di gestione responsabile del patrimonio verde, servizi ecologici e strategie per un futuro più verde. A cominciare da Tetra Pak®, che nel 2017 ha immesso sul mercato globale 92 miliardi di confezioni con etichetta FSC ed è stato riconosciuto per il secondo anno consecutivo come leader del settore nel programma per le foreste CDP (Carbon Disclosure Project). “Essendo le nostre confezioni costituite prevalentemente da carta, abbiamo l’obiettivo di approvvigionarci di carta proveniente solo da foreste gestite in modo responsabile” sottolinea Michele Mastrobuono, Environment Director di Tetra Pak® Italia “Chiediamo inoltre ai nostri fornitori di essere conformi al nostro Codice di Condotta per i fornitori, documento che illustra le nostre aspettative basate sui 10 principi dell’UN Global Compact”.



“Dopo l’esperienza 2017, torniamo a Ecomondo con tre partner fortemente impegnati nella costruzione di un futuro sostenibile, il cui minimo comune denominatore è la tutela delle foreste e la conservazione e l’uso responsabile delle risorse" conferma Sandro Scollato, Amministratore Delegato di AzzeroCO2, Energy Service Company (ESCo) nata nel 2004 per volontà di Legambiente e Kyoto Club, che quest’anno ha lanciato la campagna Mosaico Verde: un’ambiziosa operazione che coinvolge Comuni, Enti Parco e aziende il cui obiettivo è piantare in Italia 300.000 nuovi alberi e tutelare 30.000 ha di boschi esistenti.

La terza testimonianza arriva da Etifor, spin-off dell’Università di Padova che offre consulenza a enti e aziende, nazionali e internazionali, per aiutarli a valorizzare i servizi e i prodotti della natura attraverso la scienza applicata, l’innovazione e la buona governance: “Le foreste danno un contributo vitale al Pianeta fornendo aria e acqua pulite e combattendo i cambiamenti climatici. Come Etifor mostreremo ai visitatori di Ecomondo la forza di un binomio vincente: innovazione e scienza al servizio della natura” è il commento di Lucio Brotto, Business Development Director di Etifor s.r.l.

Gestione forestale responsabile e certificazione
A fare da fil rouge (o per meglio dire, vert) di queste esperienze, la garanzia di pratiche di gestione responsabile attraverso certificazioni di parte terza come quella del Forest Stewardship Council® (FSC®), che garantisce che le aree interessate vengano monitorate e valutate in maniera indipendente, in conformità con standard e principi internazionali di sostenibilità socio-economica-ambientale.

“Gestione forestale responsabile, lotta ai cambiamenti climatici, filiere virtuose, valorizzazione dei servizi ecologici: abbiamo deciso di partire dal presente, raccontando le best practice in ambito forestale e della filiera collegata, per costruire assieme il futuro di alberi e foreste, facendo del nostro stand a Ecomondo 2018 uno spazio comune di incontro” conclude Florian “La gestione forestale responsabile è infatti una pratica positiva che si persegue grazie all’apporto di tutti, nell’interesse di tutti”.

]]>
Global Lipidomics Services Market was Valued at US$ 38.2 Mn in 2017 Owing to Increase in the Need for Accurate Disease Diagnosis Fri, 02 Nov 2018 10:44:48 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/501028.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/501028.html Rahul Rahul  Precision Business Insights (PBI) in its report titled "The Global Lipidomics Services Market was valued around US $ 38.2 Mn in 2017 and growing at a significant CAGR over eight years forecast period 2018-2025 

"Global Lipidomics Services Market: Market Estimation, Dynamics, Regional Share, Trends, Competitor Analysis 2017 and Forecast 2018-2025" assesses the market performance over eight years forecast period over 2018-2025. The report analyzes the market value forecasts and provides the market revenue growth over the forecast period.


The global lipidomics services market was valued at US$ 38.2 Mn in 2017 and growing at a significant CAGR over the forecast period owing to increase in need for accurate disease diagnosis, growth in demand for personalized medicine, and technological advancements in field of lipidomics. Additionally, wide range of applications of lipidomics, increase in the prevalence of target diseases such as cancers, and increase in scope of clinical trials and toxicological studies are expected to boost lipidomics services market. However, stringent regulatory guidelines, unavailability of advanced instruments, and lack of technology adoption are hinder the growth of global lipidomics services market over forecast years.

A sample of this report is available upon request @ 
www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/lipidomi...ulp-h4n2eZVGqb32xpPc

Global lipidomics services market segmented on the basis of service type, sample type, sample source, end user, and region

lipidomics separation services accounted for higher revenue share

Based on service type, global lipidomics services market segmented into lipid separation services and lipid identification services. Lipid separation services market accounted for larger revenue share in 2017 and projected to dominate over the forecast period owing to technological advancements in the lipid separation. However, lipid identification services segment projected exhibit lucrative growth, which is mainly attributed to rise in demand for lipid identification in academic and research institutes and biopharmaceutical companies to develop the newer drugs.

North America leads the Global Lipidomics Services market

PBI’s global lipidomics services market report analyses the market in different regions such as North America, Europe, Asia Pacific, and RoW. According to regional analysis, North America accounted for larger revenue share in 2017 and the same trend is projected to follow over 2018-2025 owing to Sophisticated analytical technologies coupled rise in funding for the R&D activities from public and private sectors are boosting the market . Europe lipidomics services market projected to exhibit significant growth owing high inclination towards advanced and precise diagnostic methods coupled with increased awareness programs especially for ‘Omics’ technology are expected to enhance the market.

Technological advancements and strategic alliances are the key strategies adopted by market players

Global lipidomics services market further reveals that the key players increasingly adopting strategies such as development of technologically advanced identification & separation tools, long term alliance to improve market revenue share, and gaining significant geographic presence across the region. For instance, in June2015, SCIEX and Metabolon, Inc. entered multi-year collaboration agreement and launched‘ The Lipidyzer Platform ’to identify, quantify over thousand lipid molecular species, which enables diagnosis of diseases such as diabetes, cardiovascular, and neurodegenerative disorders.

Ask Analyst for Full Information about this report@
www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/lipidomi...ulp-4H8Z4LpNMLEuOnnx

Key player’s profiles in the report are OWL Metabolomics (Spain), Metabolon, Inc. (U.S.), AS Vitas (Norway), School of Medicine (wayne State University), Virginia Commonwealth University (U.S.), Lipinutragen Srl (Italy), The Metabolomics Innovation Centre (TMIC) (Canada), and Lipotype GmbH (Germany)

Detailed Segmentation

By Service Type
o Lipid Separation Services
o Lipid Identification Services

By Sample Type
o Blood Sample
o Tissue Sample
o Others

By Sample Source
o Animal
o Human
o Plant

By End User
o Healthcare Industry
o Food Processing Industry
o Cosmetic Industry
o Academic & Research Institutes
o Others

Geography
or North America
• US
• Canada
or Europe
• Germany
• France
• UK
• Italy
• Spain
• Russia
• Poland
• Rest of Europe
or Asia-Pacific
• Japan
• China
• India
• Australia & New Zealand
• Rest of Asia-Pacific
o Rest of World
• Brazil
• South Africa
• Saudi Arabia
• Others

Get access to full summary @
www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/lipidomi ...

Precision Business Insights is one of the leading market research and business consulting firms. We adopt and implement research methods to achieve better results. We help our clients by providing actionable insights and strategies to make better decisions. We provide consulting, syndicated and customized market research services based on our client needs.

Contact to Precision Business Insights,

Kemp House,
152 - 160 City Road,
London EC1V 2NX

Email:  sales@precisionbusinessinsights.com
Toll Free (US): + 1-866-598-1553

Website @ www.precisionbusinessinsights.com

]]>
Global Lipidomics Services Market was Valued at US$ 38.2 Mn in 2017 Owing to Increase in the Need for Accurate Disease Diagnosis Fri, 02 Nov 2018 10:44:42 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/501027.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/501027.html Rahul Rahul  Precision Business Insights (PBI) in its report titled "The Global Lipidomics Services Market was valued around US $ 38.2 Mn in 2017 and growing at a significant CAGR over eight years forecast period 2018-2025 

"Global Lipidomics Services Market: Market Estimation, Dynamics, Regional Share, Trends, Competitor Analysis 2017 and Forecast 2018-2025" assesses the market performance over eight years forecast period over 2018-2025. The report analyzes the market value forecasts and provides the market revenue growth over the forecast period.


The global lipidomics services market was valued at US$ 38.2 Mn in 2017 and growing at a significant CAGR over the forecast period owing to increase in need for accurate disease diagnosis, growth in demand for personalized medicine, and technological advancements in field of lipidomics. Additionally, wide range of applications of lipidomics, increase in the prevalence of target diseases such as cancers, and increase in scope of clinical trials and toxicological studies are expected to boost lipidomics services market. However, stringent regulatory guidelines, unavailability of advanced instruments, and lack of technology adoption are hinder the growth of global lipidomics services market over forecast years.

A sample of this report is available upon request @ 
www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/lipidomi...ulp-h4n2eZVGqb32xpPc

Global lipidomics services market segmented on the basis of service type, sample type, sample source, end user, and region

lipidomics separation services accounted for higher revenue share

Based on service type, global lipidomics services market segmented into lipid separation services and lipid identification services. Lipid separation services market accounted for larger revenue share in 2017 and projected to dominate over the forecast period owing to technological advancements in the lipid separation. However, lipid identification services segment projected exhibit lucrative growth, which is mainly attributed to rise in demand for lipid identification in academic and research institutes and biopharmaceutical companies to develop the newer drugs.

North America leads the Global Lipidomics Services market

PBI’s global lipidomics services market report analyses the market in different regions such as North America, Europe, Asia Pacific, and RoW. According to regional analysis, North America accounted for larger revenue share in 2017 and the same trend is projected to follow over 2018-2025 owing to Sophisticated analytical technologies coupled rise in funding for the R&D activities from public and private sectors are boosting the market . Europe lipidomics services market projected to exhibit significant growth owing high inclination towards advanced and precise diagnostic methods coupled with increased awareness programs especially for ‘Omics’ technology are expected to enhance the market.

Technological advancements and strategic alliances are the key strategies adopted by market players

Global lipidomics services market further reveals that the key players increasingly adopting strategies such as development of technologically advanced identification & separation tools, long term alliance to improve market revenue share, and gaining significant geographic presence across the region. For instance, in June2015, SCIEX and Metabolon, Inc. entered multi-year collaboration agreement and launched‘ The Lipidyzer Platform ’to identify, quantify over thousand lipid molecular species, which enables diagnosis of diseases such as diabetes, cardiovascular, and neurodegenerative disorders.

Ask Analyst for Full Information about this report@
www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/lipidomi...ulp-4H8Z4LpNMLEuOnnx

Key player’s profiles in the report are OWL Metabolomics (Spain), Metabolon, Inc. (U.S.), AS Vitas (Norway), School of Medicine (wayne State University), Virginia Commonwealth University (U.S.), Lipinutragen Srl (Italy), The Metabolomics Innovation Centre (TMIC) (Canada), and Lipotype GmbH (Germany)

Detailed Segmentation

By Service Type
o Lipid Separation Services
o Lipid Identification Services

By Sample Type
o Blood Sample
o Tissue Sample
o Others

By Sample Source
o Animal
o Human
o Plant

By End User
o Healthcare Industry
o Food Processing Industry
o Cosmetic Industry
o Academic & Research Institutes
o Others

Geography
or North America
• US
• Canada
or Europe
• Germany
• France
• UK
• Italy
• Spain
• Russia
• Poland
• Rest of Europe
or Asia-Pacific
• Japan
• China
• India
• Australia & New Zealand
• Rest of Asia-Pacific
o Rest of World
• Brazil
• South Africa
• Saudi Arabia
• Others

Get access to full summary @
www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/lipidomi ...

Precision Business Insights is one of the leading market research and business consulting firms. We adopt and implement research methods to achieve better results. We help our clients by providing actionable insights and strategies to make better decisions. We provide consulting, syndicated and customized market research services based on our client needs.

Contact to Precision Business Insights,

Kemp House,
152 - 160 City Road,
London EC1V 2NX

Email:  sales@precisionbusinessinsights.com
Toll Free (US): + 1-866-598-1553

Website @ www.precisionbusinessinsights.com

]]>
Global Lipidomics Services Market was Valued at US$ 38.2 Mn in 2017 Owing to Increase in the Need for Accurate Disease Diagnosis Fri, 02 Nov 2018 10:38:29 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/501026.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/501026.html Rahul Rahul  Precision Business Insights (PBI) in its report titled "The Global Lipidomics Services Market was valued around US $ 38.2 Mn in 2017 and growing at a significant CAGR over eight years forecast period 2018-2025 

"Global Lipidomics Services Market: Market Estimation, Dynamics, Regional Share, Trends, Competitor Analysis 2017 and Forecast 2018-2025" assesses the market performance over eight years forecast period over 2018-2025. The report analyzes the market value forecasts and provides the market revenue growth over the forecast period.


The global lipidomics services market was valued at US$ 38.2 Mn in 2017 and growing at a significant CAGR over the forecast period owing to increase in need for accurate disease diagnosis, growth in demand for personalized medicine, and technological advancements in field of lipidomics. Additionally, wide range of applications of lipidomics, increase in the prevalence of target diseases such as cancers, and increase in scope of clinical trials and toxicological studies are expected to boost lipidomics services market. However, stringent regulatory guidelines, unavailability of advanced instruments, and lack of technology adoption are hinder the growth of global lipidomics services market over forecast years.

A sample of this report is available upon request @ 
www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/lipidomi...ulp-h4n2eZVGqb32xpPc

Global lipidomics services market segmented on the basis of service type, sample type, sample source, end user, and region

lipidomics separation services accounted for higher revenue share

Based on service type, global lipidomics services market segmented into lipid separation services and lipid identification services. Lipid separation services market accounted for larger revenue share in 2017 and projected to dominate over the forecast period owing to technological advancements in the lipid separation. However, lipid identification services segment projected exhibit lucrative growth, which is mainly attributed to rise in demand for lipid identification in academic and research institutes and biopharmaceutical companies to develop the newer drugs.

North America leads the Global Lipidomics Services market

PBI’s global lipidomics services market report analyses the market in different regions such as North America, Europe, Asia Pacific, and RoW. According to regional analysis, North America accounted for larger revenue share in 2017 and the same trend is projected to follow over 2018-2025 owing to Sophisticated analytical technologies coupled rise in funding for the R&D activities from public and private sectors are boosting the market . Europe lipidomics services market projected to exhibit significant growth owing high inclination towards advanced and precise diagnostic methods coupled with increased awareness programs especially for ‘Omics’ technology are expected to enhance the market.

Technological advancements and strategic alliances are the key strategies adopted by market players

Global lipidomics services market further reveals that the key players increasingly adopting strategies such as development of technologically advanced identification & separation tools, long term alliance to improve market revenue share, and gaining significant geographic presence across the region. For instance, in June2015, SCIEX and Metabolon, Inc. entered multi-year collaboration agreement and launched‘ The Lipidyzer Platform ’to identify, quantify over thousand lipid molecular species, which enables diagnosis of diseases such as diabetes, cardiovascular, and neurodegenerative disorders.

Ask Analyst for Full Information about this report@
www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/lipidomi...ulp-4H8Z4LpNMLEuOnnx

Key player’s profiles in the report are OWL Metabolomics (Spain), Metabolon, Inc. (U.S.), AS Vitas (Norway), School of Medicine (wayne State University), Virginia Commonwealth University (U.S.), Lipinutragen Srl (Italy), The Metabolomics Innovation Centre (TMIC) (Canada), and Lipotype GmbH (Germany)

Detailed Segmentation

By Service Type
o Lipid Separation Services
o Lipid Identification Services

By Sample Type
o Blood Sample
o Tissue Sample
o Others

By Sample Source
o Animal
o Human
o Plant

By End User
o Healthcare Industry
o Food Processing Industry
o Cosmetic Industry
o Academic & Research Institutes
o Others

Geography
or North America
• US
• Canada
or Europe
• Germany
• France
• UK
• Italy
• Spain
• Russia
• Poland
• Rest of Europe
or Asia-Pacific
• Japan
• China
• India
• Australia & New Zealand
• Rest of Asia-Pacific
o Rest of World
• Brazil
• South Africa
• Saudi Arabia
• Others

Get access to full summary @
www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/lipidomi ...

Precision Business Insights is one of the leading market research and business consulting firms. We adopt and implement research methods to achieve better results. We help our clients by providing actionable insights and strategies to make better decisions. We provide consulting, syndicated and customized market research services based on our client needs.

Contact to Precision Business Insights,

Kemp House,
152 - 160 City Road,
London EC1V 2NX

Email:  sales@precisionbusinessinsights.com
Toll Free (US): + 1-866-598-1553

Website @ www.precisionbusinessinsights.com

]]>
Zirconium Silicate Industry -Global Market Size, Types, Demand, Suppliers, Applications, and 2025 Forecast Research Report Fri, 26 Oct 2018 15:48:35 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/499181.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/499181.html Archana Nayak Archana Nayak Zirconium Silicate Market including size, forecast, trend, share, growth, overview, key players, technologies, market drivers, challenges, standardization, regulatory landscape, opportunities, future roadmap, value chain, ecosystem player profiles and strategies forecast to 2025.

For Sample Copy of this Report @ https://www.orianresearch.com/request-sample/667016

Zirconium Silicate Industry Report 2018 is a professional and in-depth study on the current state of the Zirconium Silicate industry. The report provides a basic overview of the market status and forecast of the global major regions, with introduction of vendors, regions, product types and end industries.

Top Key Players analyzed in Global Zirconium Silicate Market are -

  • Bitossi Industries
  • Mario Pilato Blat
  • Endeka Ceramics
  • Reade
  • Nitto Granryo Kogyo
  • HakusuiTech
  • Torrecid Group
  • Astron Zircon

Development policies and plans are discussed as well as manufacturing processes and cost structures are also analyzed. This report also states import/export consumption, supply and demand Figures, cost, price, revenue and gross margins.

Global Zirconium Silicate Industry 2018 Market Research Report is spread across 108 pages and provides exclusive vital statistics, data, information, trends and competitive landscape details in this niche sector.

Order Copy of this Report 2018 @ https://www.orianresearch.com/checkout/667016

Market Segment By Application –

  • Ceramics
  • Wear-resistant Materials
  • Others

The main contents of the report including: Zirconium Silicate Market

Section 1: Product definition, type and application, Global market overview;

Section 2: Global Market competition by company;

Section 3: Global sales revenue, volume and price by type;

Section 4: Global sales revenue, volume and price by application;

Section 5: United States export and import;

Section 6: Company information, business overview, sales data and product specifications;

Section 7: Industry chain and raw materials;

Section 8: SWOT and Porter's Five Forces;

Section 9: Conclusion.

Inquire more about this report @ https://www.orianresearch.com/enquiry-before-buying/667016 .

Major Points from Table of Contents –

1 Market Overview

2 Global and Regional Markets by Company

3 Global and Regional Markets by Type

4 Global and Regional Markets by Application

5 Regional Trades

6 Key Manufacturers                          

7 Industries Upstream

Continue .............

List of Tables and Figures ... ..

About Us

Orian Research is one of the most comprehensive collections of market intelligence reports on the World Wide Web. Our Repository Reports of Over 500,000+ industry and country research reports from over 100 top publishers. We continuously update our repository so as to provide our clients with access to the world's most complete and current database of expert insights on global industries, companies, and products. We also specialize in custom research in situations where our syndicated research offerings do not meet the specific requirements of our esteemed clients.

Contact Us:

Ruwin Mendez                            

Vice President - Global Sales & Partner Relations

Orian Research Consultants

US: +1 (415) 830-3727 | UK: +44 020 8144-71-27

Email: info@orianresearch.com

Website: www.orianresearch.com/ 

Follow Us on LinkedIn: https://www.linkedin.com/company-beta/13281002/

 

]]>
Ammonium Sulphate Market: Drivers, Revenue, Application Industry Demand Analysis by 2027. Tue, 23 Oct 2018 13:24:54 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/498152.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/498152.html orianresearch orianresearch The Global Ammonium Sulphate Market was valued at USD XX million in 2017, and is expected to grow at a CAGR of XX% by 2025. The market is segmented into Product Type, Application, end user and Region. The market is basically driven by the increasing demand for nitrogen fertilizers. 

Ammonium sulfate contains nitrogenous elements as well as sulfur which aids in protein synthesis in plants. The product is widely used for usage in alkaline soils having low pH, owing to its high sulfur content. It finds extensive applications in flooded soils used to produce rice.

For Sample Copy of this Report Visit @ https://www.orianresearch.com/request-sample/662991 .

By application, the demand for fertilizers segment is growing rapidly and the growth can be attributed to farmers are highly benefitted from ammonium sulphate as it helps to increase the crops growth and protects the crops from getting damaged. Also, in the bakery and confectionary industry, across the globe, owing to changing food preferences, rising disposable income and growing demand for convenience is in turn expected to aid the chemical demand over the forecast period.

North America accounted for the largest market share in 2017 and is expected to grow considerably during the projected period, owing to changing application preferences of agrochemicals.

Some of the key players operating in this market VWR International, HELM AG, Ambatovy, OCI Nitrogen, Tsukishima Kikai, MilliporeSigma, and Others.

Key Benefits of the Report:

  • Global, Regional, Country, Product Type, Application Market Size and Forecast from 2014-2025
  • Detailed market dynamics, industry outlook with market specific PESTLE, Value Chain, Supply Chain, and SWOT Analysis to better understand the market and build strategies
  • Identification of key companies that can influence this market on a global and regional scale
  • Expert interviews and their insights on market shift, current and future outlook and factors impacting vendors short term and long term strategies
  • Detailed insights on emerging regions, Product Type, Application and competitive landscape with qualitative and quantitative information and facts

Inquire more or share questions if any before the purchase on this report @ https://www.orianresearch.com/enquiry-before-buying/662991

Target Audience:
* Ammonium Sulphate manufacturers
* Traders, Importer and Exporter
* Raw material suppliers and distributors
* Research and consulting firms
* Government and research organizations
* Associations and industry bodies

Research Methodology

The market is derived through extensive use of secondary, primary, in-house research followed by expert validation and third party perspective like analyst report of investment banks. The secondary research forms the base of our study where we conducted extensive data mining, referring to verified data sources such as white papers government and regulatory published materials, technical journals, trade magazines, and paid data sources.

For forecasting, regional demand & supply factor, investment, market dynamics including technical scenario, consumer behavior, and end use industry trends and dynamics , capacity production, spending were taken into consideration.

We have assigned weights to these parameters and quantified their market impacts using the weighted average analysis to derive the expected market growth rate.

The market estimates and forecasts have been verified through exhaustive primary research with the Key Industry Participants (KIPs) which typically include:

  • Original Equipment Manufacturer,
  • Component Supplier,
  • Distributors,
  • Government Body & Associations, and
  • Research Institute

Order a copy of Global Glycol Market Report 2018 @ https://www.orianresearch.com/checkout/662991

TABLE OF CONTENT  
1 Executive Summary

2 Methodology And Market Scope

3 Global Ammonium Sulphate Market — Industry Outlook

4 Global Ammonium Sulphate Market Product Type Outlook

5 Global Ammonium Sulphate Market Application Outlook

6 Global Ammonium Sulphate Market Regional Outlook

7 Competitive Landscape

End of the report

Disclaimer

About Us
Orian Research is one of the most comprehensive collections of market intelligence reports on the World Wide Web. Our reports repository boasts of over 500000+ industry and country research reports from over 100 top publishers. We continuously update our repository so as to provide our clients easy access to the world's most complete and current database of expert insights on global industries, companies, and products. We also specialize in custom research in situations where our syndicate research offerings do not meet the specific requirements of our esteemed clients.

Contact Us:        

Ruwin Mendez

Vice President – Global Sales & Partner Relations

Orian Research Consultants

US +1 (415) 830-3727| UK +44 020 8144-71-27

Email: info@orianresearch.com

Website: www.orianresearch.com/

Follow Us on LinkedIn: www.linkedin.com/company-beta/13281002/

]]>
Biobased Products Industry 2018 Global Market share, Size, Demand, Growth Trends, Insights and Forecast 2025 Fri, 28 Sep 2018 14:28:35 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/493887.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/493887.html Research News Research News Biobased Products Industry 2018 Global Market research report gives an in-depth analysis of the Biobased Products. Biobased Products Industry research report is a professional and in-depth study on market size, growth, share, trends, technology and as well as industry analysis.

Get Sample Copy of this Report -   https://www.orianresearch.com/request-sample/643898

Global Biobased Products Industry 2018 Market Research Report is spread across 119 pages and provides exclusive vital statistics, data, information, trends and competitive landscape in this sector.

Inquire more or share questions if any before the purchase on this report @ https://www.orianresearch.com/enquiry-before-buying/643898

Development policies and plans are discussed as well as manufacturing processes and cost structures are also analyzed. This report also states import/export consumption, supply and demand Figures, cost, price, revenue andgross margins. The report focuses on the global major leading Biobased Products players providing information such as company profiles, product pictureandspecification, capacity, production, price, cost, revenue and contact information. Upstream raw materials and equipment and downstream demand analysisisalso carried out. The Biobased Products development trends and marketing channels are analyzed.finally the feasibility of new investment projects are assessed and overall research offered.

Global Biobased Products Market competition by top Companies with revenue (value) and market share for each Key Players; the TOP PLAYERS including:-

·         Dow Chemical

·         DuPont

·         DSM

·         Cosun Biobased Products

·         Cargill

·         Ashland Inc.

·         Bio Base Europe Pilot Plant

·         ADM

·        

The report also focuses on global major leading industry players of Global Biobased Products market providing information such as company profiles, product picture andspecification, capacity, production, price, cost, revenue and contact information. Upstream raw materials and equipment and downstream demand analysisisalso carried out. TheGlobal Biobased Products Market development trends and marketing channels are analyzed. finally the feasibility of new investment projects are assessed and overall research offered.

With tables and figures helping analyze worldwide Global Biobased Products market, this research provides key statistics on the state of the industry and is a valuable source of guidance and direction for companies and individuals interested in the market.

The Biobased Products report focuses on the Biobased Products in Global market, especially in North America, Europe and Asia-Pacific, South America, Middle East andAfrica. This report categorizes the market based on manufacturers, regions, typeand application.

Market size by Product

·         Biogas

·         Fuel Ethanols

·         Biodiesels

·         Other

Market Size Split by Application

·         Automobile Industry

·         Electronic Equipment

·         Industrialized Experimental Device

·         Others

If you have any special requirements, please let us know and we will offer you the report as you want.

Order a copy of Global Biobased Products Market Report 2018 @    https://www.orianresearch.com/checkout/643898

Major Points from Table of Contents:

Global Biobased Products Market Size, Status and Forecast 2018-2025

1 Study Coverage (Biobased Products Product, Key Market Segments in This Study, Key Manufacturers Covered, Market by Type, Market by Application, Study Objectives)

2 Executive Summary(Global Biobased Products Market Size in term of Revenue, Production ,Biobased Products Growth Rate (CAGR) 2018-2025, Analysis of Competitive Landscape in terms of Market Concentration Ratio, Manufacturers, Key Trends for Biobased Products Markets & Products)

3 Market Size by Manufacturers

4 Biobased Products Production by Regions

5 Biobased Products Consumption by Regions

6 Market Size by Type

7 Market Size by Application

8 Manufacturers Profiles

9 Production Forecasts

10 Consumption Forecast

11 Value Chain and Sales Channels Analysis

12 Market Opportunities & Challenges, Risks and Influences Factors Analysis

13 Key Findings in the Global Biobased Products Study

14 Appendix

Figures Biobased Products Product Picture:

·         Table Biobased Products Market Segments

·         Table Key Manufacturers Biobased Products Covered

·         Table Global Biobased Products Market Size Growth Rate by Product 2018-2025 (K Units) & (Million US $)

·         Global Biobased Products Sales Sales Figures Share by Product 2013-2025

·         Figure Floor stand workstations Product Picture

·         Table Major Manufacturers of Floor stand workstations

·         Figures Wall mounted workstations Product Picture

·         Table Major Manufacturers of Wall mounted workstations

·         Table Global Biobased Products Market Size Growth Rate by End User 2018-2025 (K Units)

·         Figure application 1

·         Figure application 2

·         Figures Biobased Products Report Years Considered

·         Global Biobased Products Market Size 2013-2025 Figures (Million US $)

·         Global Biobased Products Sales Figures 2013-2025 (K Units)

·         Table Global Biobased Products Market Size by Regions 2013-2018 (K Units) & (Million US $)

·         Table Global Biobased Products Sales by Regions 2013-2018 (K Units)

·         Table Global Biobased Products Sales Market Share by Regions 2013-2018

·         Global Biobased Products Sales Market figures Share by Regions 2013-2018

·         Figures 2017 Global Biobased Products Sales Market Share by Regions

·         ...

About Us:

Orian Research is one of the most comprehensive collections of market intelligence reports on the World Wide Web. Our Repository Reports of Over 500,000+ industry and country research reports from over 100 top publishers. We continuously update our repository so as to provide our clients with access to the world's most complete and current database of expert insights on global industries, companies, and products. We also specialize in custom research in situations where our syndicated research offerings do not meet the specific requirements of our esteemed clients.

Contact Us:

Ruwin Mendez

Vice President - Global Sales & Partner Relations

Orian Research Consultants

US: +1 (832) 380-8827 | UK: +44 0161-818-8027

Email: info@orianresearch.com

Website: www.orianresearch.com/ 

 

Follow Us on LinkedIn: https://www.linkedin.com/company-beta/13281002/

]]>
COMUNICATO STAMPA - Il Consiglio di Stato dà ragione a RenOils Fri, 21 Sep 2018 18:37:42 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/492686.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/492686.html Ufficio Stampa Ufficio Stampa

 

go-400x178

 

IL CONSIGLIO DI STATO DÀ RAGIONE A RENOILS

 

Il Consiglio di Stato dà ragione a RenOils, confermando l’infondatezza del ricorso del Conoe e sollecitando il giudice di primo grado (il Tar Lazio) a fissare rapidamente l’udienza per la definitiva chiusura della vicenda, chiarendo che nel frattempo l’attività di RenOils ha diritto di proseguire senza alcuna limitazione. Il Consiglio di Stato, infatti, ritiene ormai consolidato il passaggio dal monopolio alla concorrenza, con ciò sancendo la fine dell’ormai ingiustificata posizione di dominio e delle connesse rendite di Conoe.

“Questa decisione - sottolinea il Presidente del Consorzio RenOils Ennio Fano - conferma la validità della strada intrapresa e premia gli sforzi e la visioni degli imprenditori che hanno voluto questo Consorzio”.

“Siamo soddisfatti, ovviamente - continua Fano - ma preferiamo concentrarci sulle attività proprie di un consorzio come il nostro, in primo luogo le azioni di analisi e monitoraggio che favoriscano il completo riciclo degli olii esausti, come da indicazione del Ministero dell’Ambiente.”

“Sempre confidando - conclude il Presidente - di poter superare questa fase e collaborare con tutti i soggetti coinvolti, compreso l’altro consorzio, per ottenere i migliori risultati possibili nell’interesse della tutela ambientale nel nostro Paese.

 

 

Ufficio stampa RenOils

Hill+Knowlton Strategies

Agnese D’Anella 06 97799716 �“ agnese.danella@hkstrategies.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

]]>
Grazie alle foreste di pianura certificate FSC® 
cresce la gestione sostenibile del territorio Wed, 19 Sep 2018 18:11:41 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/492366.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/492366.html FSC Italia FSC Italia Negli ultimi anni si sono moltiplicate nelle aree della Pianura Padana le iniziative di recupero e gestione, da parte di comuni e privati, delle foreste che secoli fa ricoprivano questi luoghi. Un evento alla kermesse padovana Flormart mette insieme le migliori pratiche di questo trend, che unisce gestione attiva delle aree e valorizzazione dei servizi legati al bosco.

Padova, 19/09/2018 - Biodiversità, funzioni ambientali e sociali; servizi quali aria e acqua pulita, legname, cibo e prevenzione del dissesto idrogeologico, soprattutto in aree fortemente antropizzate come quelle della Pianura Padana.

Molti secoli fa la Pianura Padana era ricoperta da fitti boschi di querce e carpini che garantivano cibo, legname alle comunità locali e riparo per la fauna. Con l’avvento dell’era moderna e, successivamente, dell’età industriale, queste aree verdi si sono progressivamente ridotte fino a diventare delle vere e proprie isole verdi lungo le rive del Po.

In tempi recenti, però questa tendenza si è invertita: le esperienze dell’Associazione Forestale di Pianura e del Parco Oglio Sud, che si raccontano nella conferenza “La gestione responsabile delle foreste di pianura” organizzata mercoledì 19 all’interno del ciclo di eventi di Flormart 2018 (Padova), rivelano un trend positivo nel recupero di queste aree per riportarle al centro di piani di gestione sostenibile del territorio e delle sue risorse.

Comuni e privati insieme per le foreste di pianura: i casi dell’Associazione Forestale di Pianura e del Parco Oglio Sud
L’Associazione Forestale di Pianura (AFP) aiuta i proprietari a gestire al meglio i propri terreni raggiungendo i più alti livelli di sostenibilità, anche grazie all'appartenenza al gruppo di certificazione Waldplus che unisce più di 50 aree, dalla Lombardia fino al Veneto, per un totale di circa 1.000 ettari di bosco (1.660 campi da calcio). Etifor, spin-off dell’Università di Padova e responsabile tecnico AFP, lavora da anni insieme a partner di fiducia come AzzeroCO2 ed FSC® Italia per coinvolgere enti pubblici e privati nei progetti di riqualificazione consapevoli che, solo unendo le forze, si può raggiungere a una gestione efficace delle risorse.

Fra i maggiori sostenitori che hanno reso possibile la creazione di nuovi polmoni verdi in aree urbane e ampliato boschi esistenti (entrati a far parte delle aree gestite da AFP e – successivamente – certificati FSC®) vi sono Alì S.p.A e E.ON: due aziende leader del loro settore da anni impegnate in progetti ambientali. Il vice presidente di Alì, Gianni Canella, presente alla conferenza stampa del 19 settembre, afferma "Siamo da sempre attenti alla tutela della natura perché crediamo che un ambiente più pulito sia alla base della sicurezza alimentare e della salute delle persone. Regalare nuovo verde al nostro territorio è un gesto concreto di sostenibilità per contribuire a preservare il più grande patrimonio nostro e dei nostri figli: la natura".

Tra gli aderenti ad AFP, il Parco Oglio Sud è un’area inserita in un territorio a forte vocazione agricola e zootecnica, in cui gli ultimi lembi di naturalità residua erano rappresentati da piccole zone umide e boschetti ripari. Il Parco ha qui ricostruito circa 50 ettari di nuovi boschi mettendo a dimora oltre 120 mila alberi e gestendo boschi esistenti su una superficie di ulteriori 43 ettari. Altre iniziative con privati ed enti hanno permesso di far crescere ulteriormente il patrimonio forestale di un territorio in cui i boschi erano sostanzialmente scomparsi o relegati a terreni estremamente marginali. “A nome dell’Amministrazione del Parco esprimo soddisfazione per il risultato raggiunto e ringrazio FSC® Italia ed AFP per la fattiva collaborazione” ha dichiarato Alessandro Bignotti, Presidente del Parco Oglio Sud. “La certificazione FSC® è un chiaro messaggio di come il Parco intenda promuovere sul territorio un’economia che affronti le sfide future rendendo compatibili la sostenibilità ambientale e la responsabilità sociale senza trascurare la competitività richiesta oggi dal mercato”.

Il ruolo della certificazione
Per garantire pratiche di gestione responsabile, sempre più gestori forestali si affidano alle certificazioni di parte terza. In particolare, quella del Forest Stewardship Council® (FSC®) è stata scelta da AFP, Parco Oglio Sud e da altri gestori per trasparenza, affidabilità e coinvolgimento di tutte le parti interessate (stakeholders), e perché riconosciuta da molte ONG tra cui WWF, Greenpeace e Legambiente.

Questa certificazione, specifica per le aree forestali, garantisce infatti che le aree interessate vengano monitorate e valutate in maniera indipendente, in conformità con standard e principi internazionali di sostenibilità socio-economica-ambientale della gestione forestale.

Ad oggi, in Italia, gli ettari certificati secondo lo schema FSC® sono 63.749, suddivisi in 17 proprietà singole oppure di gruppo, ossia comprendenti più realtà. Di questi, oltre 500 sono relativi a foreste di pianura, e registrano un tasso di crescita del 20% negli ultimi anni. “C’è un crescente bisogno di gestione attiva del territorio, ed è bello vedere come i boschi di pianura possano contribuire a questa necessità” conclude Diego Florian, Direttore di FSC® ItaliaLa recente certificazione ottenuta dai boschi planiziali veneti e lombardi è un riconoscimento di pratiche sostenibili a beneficio delle comunità locali interessate: un investimento per le generazioni presenti e future”.

]]>
The Economist Magazine subscription in India - www.bharatbook.com Mon, 30 Jul 2018 07:59:18 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/487575.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/487575.html jennifertan jennifertan

The Economist Magazine - The digital edition is handled by Bharat Book Bureau [3B] for the SAARC region. Our Newspaper and Magazines gives you access to wide range of global news and information. We have the best of the lot to offer you.

The Economist is a internationally reputed weekly magazine owned by the Economist Group. The Economist primary focus is world events, politics and business, but it also runs regular sections on science and technology.

What makes The Economist unique?

· Access China

· Smart guide to the forces that shape future

· Trusted filter on world affairs

· Advocacy for positive change

· Global perspective

· Quality content

· It is the combination of all five that represents true strength.

Benefits to subscribers of The Economist:

The Economist is the worldwide number one newsweekly with a global footprint in over 207 countries, and weekly readership of over 5.2 million*.It is therefore a must-read publication for all progressive thinkers

Related video: https://www.youtube.com/watch?v=TaOyvgP05Qw

Help your academic organisation to have the edge by:

Informing research work

Gaining and maintaining qualitative insights into global contexts and market dynamics. Main topics covered: World Politics, Business & Finance, Economics, Science & Technology and Culture

Providing a resource to students to equip them for the outside world

Investing in students, an additional academic benefit for them

Encouraging higher performance and results in exams

More Information : https://www.bharatbook.com/the-economist

About Bharat Book Bureau:

Bharat Book Bureau is the leading market research information provider for market research reports, company profiles, industry study, country reports, business reports, newsletters, Newspaper & Magazines and online databases. Bharat Book Bureau provides over a million reports from more than 400 publishers around the globe. We cover sectors starting from Aeronautics to Zoology.

Contact us :

Bharat Book Bureau

Tel: +91 22 27810772 / 27810773

Email: poonam@bharatbook.com

Website: www.bharatbook.com

Follow us on : Twitter, Facebook, LinkedIn, GooglePlus

]]>
Website Newsletter: Please Confirm Subscription Fri, 18 May 2018 15:32:35 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/479871.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/479871.html clairy inc clairy inc

Website Newsletter

Please Confirm Subscription

Yes, subscribe me to this list.

If you received this email by mistake, simply delete it. You won't be subscribed if you don't click the confirmation link above.

For questions about this list, please contact:
info@labfabrici.com

Email Marketing Powered by MailChimp
]]>
FSC® Italia, l'Earth Day è l'occasione per dare nuova linfa alle foreste Thu, 19 Apr 2018 09:45:28 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/476702.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/476702.html FSC Italia FSC Italia Valorizzazione della risorsa boschiva, riforestazione, compensazione delle emissioni di CO2, resilienza. Sono queste le parole d'ordine che il Forest Stewardship Council® Italia vuole promuovere in occasione della Giornata della Terra 2018. L’obiettivo? Gestione attiva dei boschi italiani e 300.000 nuovi alberi in Italia grazie al progetto Mosaico Verde.

Padova, 19/04/2018 - Le foreste come investimento per un futuro sostenibile. In occasione dell'Earth Day 2018 (22 aprile), FSC Italia conferma la necessità di utilizzo responsabile delle foreste attraverso azioni di valorizzazione della risorsa boschiva, riforestazione e compensazione. L'associazione, attiva in Italia fin dal 2001, si propone infatti come punto di riferimento nella legalità e nella sostenibilità della filiera legno-carta, in accordo con i più attuali standard di gestione responsabile della risorsa forestale.

L'obiettivo dell'Earth Day Network, lanciato nel 2010, è quello di piantare almeno 7,8 miliardi di alberi entro il 2020, anno in cui si festeggerà il 50° anniversario della nascita del movimento, tra i più importanti tra quelli impegnati nella protezione e conservazione dell'ambiente, e che ogni anno coinvolge decine di nazioni e milioni di persone in attività, progetti, eventi dedicati.

“Le foreste ricoprono un terzo del territorio italiano (11 milioni di ettari) e rappresentano la più grande infrastruttura verde del nostro Paese - e della Terra”, afferma Diego Florian, Direttore di FSC Italia. “Ci offrono legno, carta e altri prodotti, sono rifugio e fonte di sostentamento per 1.6 miliardi di persone e ospitano oltre l'80 per cento delle specie animali e vegetali. L'Earth Day è un evento fondamentale per unire cittadini, imprese e istituzioni e riconoscere ancora una volta l’importanza della risorsa forestale e della sua gestione responsabile per noi e per le generazioni future: è ciò che noi chiamiamo Forests For All Forever”.

Tra le azioni intraprese quest’anno da FSC Italia, il patrocinio del progetto Mosaico Verde (www.mosaicoverde.it), grande operazione di rimboschimento nazionale che vede strettamente coinvolti Enti Pubblici e aziende su un progetto condiviso di adattamento ai cambiamenti climatici. Ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente, la campagna ha l’ambizioso obiettivo di piantare almeno 300.000 nuovi alberi e promuovere la tutela e il recupero di 30.000 ettari di boschi abbandonati nei prossimi tre anni. Per raggiungere questo ambizioso obiettivo non è possibile prescindere dalla collaborazione pubblico-privato: per questo motivo le aziende che vorranno investire in progetti di Responsabilità Sociale d’Impresa potranno sostenere la realizzazione di nuove aree verdi o il recupero di boschi abbandonati in uno o più Comuni aderenti alla campagna. Gli Enti locali o gli enti parco faranno la loro parte, impegnandosi a redigere uno studio strategico per l'adattamento ai cambiamenti climatici, beneficiando della riqualificazione degli spazi verdi esistenti.

Boschi e foreste sono infatti molto più che alberi e legno: significano economia, sviluppo e servizi ecosistemici, ovvero i benefici che le persone ottengono dagli ecosistemi forestali stessi, come il sequestro e stoccaggio del carbonio, i servizi di regolazione di piene e siccità, di formazione del suolo e del ciclo dei nutrienti, culturali e ricreativi. Gestire attivamente un bosco secondo standard riconosciuti a livello internazionale, quali quelli del Forest Stewardship Council, contribuisce a dare maggiore valore a tutti questi fattori, favorendo impatti positivi a beneficio dell’ambiente, delle persone e del mercato. 

Foreste certificate e filiera FSC a livello nazionale
Sono 17 le proprietà o i gruppi di proprietari certificati secondo gli standard di Gestione Forestale FSC attualmente attivi in Italia, per un totale di 63.744 ettari. A livello regionale, la distribuzione delle superfici certificate si concentra prevalentemente al Nord (Lombardia, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia-Giulia le regioni con il maggior numero di Organizzazioni certificate) e al Centro (Toscana e Umbria).

Le aziende attive lungo la filiera (Catena di Custodia) sono invece oltre 2.200, il 6 per cento in più rispetto al 2016; questi numeri confermano FSC come principale schema di certificazione forestale per il settore legno-carta italiano, mantenendo il nostro Paese al 5° posto al mondo - dopo Cina (5.493), Stati Uniti (2.659), Regno Unito (2.348) e Germania (2.223) - e al 3° posto in Europa per numero di certificazioni della filiera.



####


Il Forest Stewardship Council® (FSC®). Creato nell’ottobre 1993, il Forest Stewardship Council (FSC) è un’organizzazione non governativa e no-profit che include tra i suoi 900 membri internazionali gruppi ambientalisti (Greenpeace, WWF e Legambiente) e sociali, comunità indigene, proprietari forestali, industrie che lavorano e commerciano il legno e la carta, gruppi della grande distribuzione organizzata, ricercatori e tecnici, che operano insieme allo scopo di promuovere in tutto il mondo una gestione responsabile delle foreste. L’ONG è governata da un organo decisionale sovrano, l’Assemblea Generale dei Soci, suddiviso in 3 Camere (Sociale, Ambientale ed Economica), con eguale potere di voto.


FSC Italia nasce nel 2001 come associazione no-profit, in armonia con gli obiettivi di FSC International. Anche in Italia il marchio FSC ha assunto un ruolo di primo piano nel mercato dei prodotti forestali quali legno, carta e prodotti non legnosi (come ad esempio il sughero), collocando il nostro Paese al quinto posto nella classifica internazionale di certificazioni FSC della Catena di Custodia (Chain of Custody, CoC). FSC si propone come punto di riferimento nella legalità e sostenibilità della filiera legno-carta, in accordo con i più attuali standard di gestione responsabile della risorsa forestale.


Il marchio FSC identifica i prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. La foresta di origine viene infatti controllata e valutata in maniera indipendente in conformità a questi standard (principi e criteri di buona gestione forestale), stabiliti ed approvati dal Forest Stewardship Council International  tramite la partecipazione e il consenso di tutte le parti interessate.

]]>
FSC® Italia, l'Earth Day è l'occasione per dare nuova linfa alle foreste Thu, 19 Apr 2018 09:45:20 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/476701.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/476701.html FSC Italia FSC Italia Valorizzazione della risorsa boschiva, riforestazione, compensazione delle emissioni di CO2, resilienza. Sono queste le parole d'ordine che il Forest Stewardship Council® Italia vuole promuovere in occasione della Giornata della Terra 2018. L’obiettivo? Gestione attiva dei boschi italiani e 300.000 nuovi alberi in Italia grazie al progetto Mosaico Verde.

Padova, 19/04/2018 - Le foreste come investimento per un futuro sostenibile. In occasione dell'Earth Day 2018 (22 aprile), FSC Italia conferma la necessità di utilizzo responsabile delle foreste attraverso azioni di valorizzazione della risorsa boschiva, riforestazione e compensazione. L'associazione, attiva in Italia fin dal 2001, si propone infatti come punto di riferimento nella legalità e nella sostenibilità della filiera legno-carta, in accordo con i più attuali standard di gestione responsabile della risorsa forestale.

L'obiettivo dell'Earth Day Network, lanciato nel 2010, è quello di piantare almeno 7,8 miliardi di alberi entro il 2020, anno in cui si festeggerà il 50° anniversario della nascita del movimento, tra i più importanti tra quelli impegnati nella protezione e conservazione dell'ambiente, e che ogni anno coinvolge decine di nazioni e milioni di persone in attività, progetti, eventi dedicati.

“Le foreste ricoprono un terzo del territorio italiano (11 milioni di ettari) e rappresentano la più grande infrastruttura verde del nostro Paese - e della Terra”, afferma Diego Florian, Direttore di FSC Italia. “Ci offrono legno, carta e altri prodotti, sono rifugio e fonte di sostentamento per 1.6 miliardi di persone e ospitano oltre l'80 per cento delle specie animali e vegetali. L'Earth Day è un evento fondamentale per unire cittadini, imprese e istituzioni e riconoscere ancora una volta l’importanza della risorsa forestale e della sua gestione responsabile per noi e per le generazioni future: è ciò che noi chiamiamo Forests For All Forever”.

Tra le azioni intraprese quest’anno da FSC Italia, il patrocinio del progetto Mosaico Verde (www.mosaicoverde.it), grande operazione di rimboschimento nazionale che vede strettamente coinvolti Enti Pubblici e aziende su un progetto condiviso di adattamento ai cambiamenti climatici. Ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente, la campagna ha l’ambizioso obiettivo di piantare almeno 300.000 nuovi alberi e promuovere la tutela e il recupero di 30.000 ettari di boschi abbandonati nei prossimi tre anni. Per raggiungere questo ambizioso obiettivo non è possibile prescindere dalla collaborazione pubblico-privato: per questo motivo le aziende che vorranno investire in progetti di Responsabilità Sociale d’Impresa potranno sostenere la realizzazione di nuove aree verdi o il recupero di boschi abbandonati in uno o più Comuni aderenti alla campagna. Gli Enti locali o gli enti parco faranno la loro parte, impegnandosi a redigere uno studio strategico per l'adattamento ai cambiamenti climatici, beneficiando della riqualificazione degli spazi verdi esistenti.

Boschi e foreste sono infatti molto più che alberi e legno: significano economia, sviluppo e servizi ecosistemici, ovvero i benefici che le persone ottengono dagli ecosistemi forestali stessi, come il sequestro e stoccaggio del carbonio, i servizi di regolazione di piene e siccità, di formazione del suolo e del ciclo dei nutrienti, culturali e ricreativi. Gestire attivamente un bosco secondo standard riconosciuti a livello internazionale, quali quelli del Forest Stewardship Council, contribuisce a dare maggiore valore a tutti questi fattori, favorendo impatti positivi a beneficio dell’ambiente, delle persone e del mercato. 

Foreste certificate e filiera FSC a livello nazionale
Sono 17 le proprietà o i gruppi di proprietari certificati secondo gli standard di Gestione Forestale FSC attualmente attivi in Italia, per un totale di 63.744 ettari. A livello regionale, la distribuzione delle superfici certificate si concentra prevalentemente al Nord (Lombardia, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia-Giulia le regioni con il maggior numero di Organizzazioni certificate) e al Centro (Toscana e Umbria).

Le aziende attive lungo la filiera (Catena di Custodia) sono invece oltre 2.200, il 6 per cento in più rispetto al 2016; questi numeri confermano FSC come principale schema di certificazione forestale per il settore legno-carta italiano, mantenendo il nostro Paese al 5° posto al mondo - dopo Cina (5.493), Stati Uniti (2.659), Regno Unito (2.348) e Germania (2.223) - e al 3° posto in Europa per numero di certificazioni della filiera.



####


Il Forest Stewardship Council® (FSC®). Creato nell’ottobre 1993, il Forest Stewardship Council (FSC) è un’organizzazione non governativa e no-profit che include tra i suoi 900 membri internazionali gruppi ambientalisti (Greenpeace, WWF e Legambiente) e sociali, comunità indigene, proprietari forestali, industrie che lavorano e commerciano il legno e la carta, gruppi della grande distribuzione organizzata, ricercatori e tecnici, che operano insieme allo scopo di promuovere in tutto il mondo una gestione responsabile delle foreste. L’ONG è governata da un organo decisionale sovrano, l’Assemblea Generale dei Soci, suddiviso in 3 Camere (Sociale, Ambientale ed Economica), con eguale potere di voto.


FSC Italia nasce nel 2001 come associazione no-profit, in armonia con gli obiettivi di FSC International. Anche in Italia il marchio FSC ha assunto un ruolo di primo piano nel mercato dei prodotti forestali quali legno, carta e prodotti non legnosi (come ad esempio il sughero), collocando il nostro Paese al quinto posto nella classifica internazionale di certificazioni FSC della Catena di Custodia (Chain of Custody, CoC). FSC si propone come punto di riferimento nella legalità e sostenibilità della filiera legno-carta, in accordo con i più attuali standard di gestione responsabile della risorsa forestale.


Il marchio FSC identifica i prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. La foresta di origine viene infatti controllata e valutata in maniera indipendente in conformità a questi standard (principi e criteri di buona gestione forestale), stabiliti ed approvati dal Forest Stewardship Council International  tramite la partecipazione e il consenso di tutte le parti interessate.

]]>
FSC® Italia, l'Earth Day è l'occasione per dare nuova linfa alle foreste Thu, 19 Apr 2018 09:44:36 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/476700.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/476700.html FSC Italia FSC Italia Valorizzazione della risorsa boschiva, riforestazione, compensazione delle emissioni di CO2, resilienza. Sono queste le parole d'ordine che il Forest Stewardship Council® Italia vuole promuovere in occasione della Giornata della Terra 2018. L’obiettivo? Gestione attiva dei boschi italiani e 300.000 nuovi alberi in Italia grazie al progetto Mosaico Verde.

Padova, 19/04/2018 - Le foreste come investimento per un futuro sostenibile. In occasione dell'Earth Day 2018 (22 aprile), FSC Italia conferma la necessità di utilizzo responsabile delle foreste attraverso azioni di valorizzazione della risorsa boschiva, riforestazione e compensazione. L'associazione, attiva in Italia fin dal 2001, si propone infatti come punto di riferimento nella legalità e nella sostenibilità della filiera legno-carta, in accordo con i più attuali standard di gestione responsabile della risorsa forestale.

L'obiettivo dell'Earth Day Network, lanciato nel 2010, è quello di piantare almeno 7,8 miliardi di alberi entro il 2020, anno in cui si festeggerà il 50° anniversario della nascita del movimento, tra i più importanti tra quelli impegnati nella protezione e conservazione dell'ambiente, e che ogni anno coinvolge decine di nazioni e milioni di persone in attività, progetti, eventi dedicati.

“Le foreste ricoprono un terzo del territorio italiano (11 milioni di ettari) e rappresentano la più grande infrastruttura verde del nostro Paese - e della Terra”, afferma Diego Florian, Direttore di FSC Italia. “Ci offrono legno, carta e altri prodotti, sono rifugio e fonte di sostentamento per 1.6 miliardi di persone e ospitano oltre l'80 per cento delle specie animali e vegetali. L'Earth Day è un evento fondamentale per unire cittadini, imprese e istituzioni e riconoscere ancora una volta l’importanza della risorsa forestale e della sua gestione responsabile per noi e per le generazioni future: è ciò che noi chiamiamo Forests For All Forever”.

Tra le azioni intraprese quest’anno da FSC Italia, il patrocinio del progetto Mosaico Verde (www.mosaicoverde.it), grande operazione di rimboschimento nazionale che vede strettamente coinvolti Enti Pubblici e aziende su un progetto condiviso di adattamento ai cambiamenti climatici. Ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente, la campagna ha l’ambizioso obiettivo di piantare almeno 300.000 nuovi alberi e promuovere la tutela e il recupero di 30.000 ettari di boschi abbandonati nei prossimi tre anni. Per raggiungere questo ambizioso obiettivo non è possibile prescindere dalla collaborazione pubblico-privato: per questo motivo le aziende che vorranno investire in progetti di Responsabilità Sociale d’Impresa potranno sostenere la realizzazione di nuove aree verdi o il recupero di boschi abbandonati in uno o più Comuni aderenti alla campagna. Gli Enti locali o gli enti parco faranno la loro parte, impegnandosi a redigere uno studio strategico per l'adattamento ai cambiamenti climatici, beneficiando della riqualificazione degli spazi verdi esistenti.

Boschi e foreste sono infatti molto più che alberi e legno: significano economia, sviluppo e servizi ecosistemici, ovvero i benefici che le persone ottengono dagli ecosistemi forestali stessi, come il sequestro e stoccaggio del carbonio, i servizi di regolazione di piene e siccità, di formazione del suolo e del ciclo dei nutrienti, culturali e ricreativi. Gestire attivamente un bosco secondo standard riconosciuti a livello internazionale, quali quelli del Forest Stewardship Council, contribuisce a dare maggiore valore a tutti questi fattori, favorendo impatti positivi a beneficio dell’ambiente, delle persone e del mercato. 

Foreste certificate e filiera FSC a livello nazionale
Sono 17 le proprietà o i gruppi di proprietari certificati secondo gli standard di Gestione Forestale FSC attualmente attivi in Italia, per un totale di 63.744 ettari. A livello regionale, la distribuzione delle superfici certificate si concentra prevalentemente al Nord (Lombardia, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia-Giulia le regioni con il maggior numero di Organizzazioni certificate) e al Centro (Toscana e Umbria).

Le aziende attive lungo la filiera (Catena di Custodia) sono invece oltre 2.200, il 6 per cento in più rispetto al 2016; questi numeri confermano FSC come principale schema di certificazione forestale per il settore legno-carta italiano, mantenendo il nostro Paese al 5° posto al mondo - dopo Cina (5.493), Stati Uniti (2.659), Regno Unito (2.348) e Germania (2.223) - e al 3° posto in Europa per numero di certificazioni della filiera.



####


Il Forest Stewardship Council® (FSC®). Creato nell’ottobre 1993, il Forest Stewardship Council (FSC) è un’organizzazione non governativa e no-profit che include tra i suoi 900 membri internazionali gruppi ambientalisti (Greenpeace, WWF e Legambiente) e sociali, comunità indigene, proprietari forestali, industrie che lavorano e commerciano il legno e la carta, gruppi della grande distribuzione organizzata, ricercatori e tecnici, che operano insieme allo scopo di promuovere in tutto il mondo una gestione responsabile delle foreste. L’ONG è governata da un organo decisionale sovrano, l’Assemblea Generale dei Soci, suddiviso in 3 Camere (Sociale, Ambientale ed Economica), con eguale potere di voto.


FSC Italia nasce nel 2001 come associazione no-profit, in armonia con gli obiettivi di FSC International. Anche in Italia il marchio FSC ha assunto un ruolo di primo piano nel mercato dei prodotti forestali quali legno, carta e prodotti non legnosi (come ad esempio il sughero), collocando il nostro Paese al quinto posto nella classifica internazionale di certificazioni FSC della Catena di Custodia (Chain of Custody, CoC). FSC si propone come punto di riferimento nella legalità e sostenibilità della filiera legno-carta, in accordo con i più attuali standard di gestione responsabile della risorsa forestale.


Il marchio FSC identifica i prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. La foresta di origine viene infatti controllata e valutata in maniera indipendente in conformità a questi standard (principi e criteri di buona gestione forestale), stabiliti ed approvati dal Forest Stewardship Council International  tramite la partecipazione e il consenso di tutte le parti interessate.

]]>
“Chi ha ucciso il fiume Sarno?” è il progetto vincitore di Facile.it per la Scuola Fri, 06 Apr 2018 10:20:34 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/475450.html http://zend.comunicati.net/comunicati/societa_civile/ecologia_e_ambiente/475450.html Facile.it Facile.it

È stato l’Istituto Comprensivo 2 Panzini di Castellammare di Stabia, con il progetto “Chi ha ucciso il fiume Sarno?”, a vincere la seconda edizione di Facile.it per la scuola, il concorso promosso dalla web company per premiare l’eccellenza nella scuola primaria pubblica italiana. 

L’istituto si è aggiudicato una donazione da 5.000 euro e 10 postazioni PC complete, dotazione che consentirà alla scuola di avere tutta la strumentazione necessaria per portare a compimento il progetto “Chi ha ucciso il fiume Sarno?” rivolto agli alunni delle classi IV e V, che diventeranno veri e propri investigatori chiamati a indagare sul disastro ambientale che ha inquinato il fiume campano. 

Grazie ai fondi, la scuola potrà allestire un vero e proprio laboratorio scientifico, dove i ragazzi, insieme agli esperti della Lega Navale e di Legambiente, analizzeranno alcuni campioni raccolti dalla foce del corso d’acqua. Un progetto multidisciplinare, che toccherà materie umanistiche, scientifiche e tecnologiche, pensato per sensibilizzare i giovani alle tematiche della sostenibilità ambientale, per riflettere sull’inquinamento e sull’importanza della tutela del territorio. 

Vista la qualità di molti dei progetti giunti alla fase finale della gara, Facile.it ha deciso di ampliare il numero di scuole premiate creando due menzioni d’onore e donando 1.000 euro ad altri due Istituti ritenuti particolarmente meritevoli. 

Al secondo posto si è classificato l’I.C. Senigallia Sud-Belardi con il progetto Ti Racconto Senigallia, che coinvolgerà i ragazzi della scuola primaria nella realizzazione di una guida turistica per bambini, fatta dai bambini: saranno gli alunni stessi a descrivere la città attraverso i loro occhi e le loro sensazioni. Terzo posto per l’I.C. di Ponte, comune in provincia di Benevento, che ha partecipato al bando con un progetto incentrato sui temi della legalità, dell’intercultura, dell’educazione civica e ambientale, argomenti che verranno trattati dagli alunni attraverso la drammatizzazione di fiabe e racconti storici. 

«Siamo estremamente soddisfatti della straordinaria partecipazione da parte degli istituti», ha dichiarato Mauro Giacobbe, Amministratore delegato di Facile.it «l’entusiasmo e la passione dietro ognuno dei progetti candidati sono la conferma di come la scuola primaria pubblica italiana abbia grandi energie, competenza e voglia di fare, valori però spesso limitati a causa delle poche risorse economiche a disposizione. Con il progetto Facile.it per la scuola abbiamo voluto dare il nostro piccolo contributo cercando di sostenere le migliori idee in gara, a beneficio degli alunni di oggi che saranno le eccellenze di domani.».

«Ringrazio per il premio assegnatoci che ci consente di realizzare un progetto educativo interessante e al contempo di arricchire le dotazioni scolastiche di strumentazioni innovative», ha commentato Donatella Ambrosio, Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo 2 Panzini. «I temi della salvaguardia e tutela dell’ambiente, accompagnati dalla presa di coscienza delle condizioni in cui versa il territorio, stimoleranno nei giovani alunni la formazione di validi principi, senso critico, capacità propositive e una maggiore consapevolezza su uno dei grandi problemi dell’umanità. Un progetto di educazione alla cittadinanza che insegna a prendersi cura dell’ambiente nello sviluppo della legalità e di un’etica responsabile per un futuro sostenibile.».

L’impegno di Facile.it a favore dei giovani talenti continua e, in occasione della consegna dei premi, la web company ha annunciato la terza edizione del bando di concorso Facile.it per la scuola (a.s 2018-2019), ancora una volta aperto a tutti gli istituti primari pubblici d’Italia che, tramite la pagina https://www.facile.it/scuola.html, potranno candidare i progetti per il prossimo anno.

]]>