Le varietà più utilizzate di cannabis terapeutica

05/ott/2018 22:37:23 marketing-seo.it Contatta l'autore

Sempre più Stati, compresa l'Italia, hanno optato per la legalizzazione della cannabis. Ovviamente ogni nazione ha posto i propri limiti legali e oggi andremo a vedere assieme quali sono le varietà di piante più utilizzate per fini terapeutici.

Semi di cannabis Euphoria CBD

Particolarmente apprezzata da chi desidera una varietà di cannabis che non porti sonnolenza, Euphoria si presenta con un profumo dolce e fruttato. Composto per l'80% di indica e il 20% di sativa, è in grado di favorire una sensazione di euforia, anziché di sonnolenza. Conosciuta per essere in grado di fornire sollievo ed essere utilizzata da chi vuole combattere l'ansia, la pianta di Euphoria può essere coltivata al chiuso e raggiunge un metro di altezza. Per quanto riguarda la produzione, invece, da ogni pianta è possibile ricavare 400-450 grammi di cannabis. I contenuti di CBD, ovvero l'ingrediente attivo della marijuana, sono altissimi e raggiungono addirittura il 7%. Un dato davvero interessante, soprattutto se si pensa che in genere una pianta è in grado di registrare una percentuale sopra il 4%. Proprio per questo motivo, in presenza di persone che non hanno mai usato la marijuana per scopi terapeutici, si consiglia un uso moderato.

Semi di cannabis Dance World CBD

Ritenuto uno dei miglior semi di cannabis in circolazione, la varietà Dance World CBD è usata da chi desidera avere una sensazione edificante. Cresce come pianta indica ed è in grado di raggiungere i 90 cm di altezza. Con un alto tasso di CBD, questa varietà è in grado di offrire un grande input a livello motivazionale, oltre che una sensazione gradevole mentre si fuma. Il risultato finale, infatti, è un aroma fruttato e speziato.

Semi di cannabis femminizzati

I semi di cannabis femminizzati sono concepiti per produrre solo piante femmina. In genere un seme di cannabis può svilupparsi sotto forma di pianta maschio oppure femmina. Grazie al processo di “femminizzazione” si obbligano le piante femmine a ottenere il polline maschile necessario per la produzione di semi.

 Una pianta con due cromosomi X diventa femmina il 99,99% delle volte, mentre i normali semi di cannabis con un cromosoma X e un cromosoma Y hanno in genere la tendenza a produrre un maggior numero di individui maschili rispetto a quelli femminili.

 Semi di cannabis Painkiller XL CBD

Tra le piante con il più alto livello di THC e CBD, sfiorando addirittura il 9%, questa varietà presenta una percentuale pari al 25% di indica e il 75 % di sativa. Un equilibrio ottimale, che sembra essere in grado di offrire sollievo a molti dolori e una sensazione di euforia mentale rilassante. Per quanto riguarda il periodo di fioritura di questa pianta è di ben 8 settimane e ogni pianta produce tra i 500 e i 550 grammi di erba.

 A questo punto abbiamo scoperto alcune delle varietà di cannabis più utilizzate. Ovviamente non si tratta delle uniche e in circolazione ve ne sono di tutti i tipi. Senz'ombra di dubbio quelle citate sono quelle più conosciute e utilizzate, ma soprattutto sembrano essere davvero in grado di assolvere in modo ottimale al loro compito terapeutico.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl