Snai – Sei Nazioni, l’Italia parte in salita, quota 5,50 contro l’Irlanda

Galles favorito sull'Inghilterra con quota 1,55, la Francia può battere la Scozia - L'Inghilterra può vincere il torneo (quota 2,75), ma non sarà facile tenere dietro gli irlandesi (quota 2,85) MILANO - Con Galles - Inghilterra prende il via questa sera l'edizione 2015 del Sei Nazioni, il più importante di rugby torneo dell'emisfero settentrionale, e anche quest'anno c'è molta attesa per la nazionale italiana, che pur non potendo assolutamente ambire alle prime posizioni può almeno puntare a evitare il whitewash (ultimo posto in classifica con zero vittorie).

Persone Sergio Parisse, Wallace, Domenica
Luoghi Milan, Wales, France
Argomenti botany, physiology

06/feb/2015 12:45:47 Snai Spa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Galles favorito sull’Inghilterra con quota 1,55, la Francia può battere la Scozia – L’Inghilterra può vincere il torneo (quota 2,75), ma non sarà facile tenere dietro gli irlandesi (quota 2,85)

MILANO – Con Galles – Inghilterra prende il via questa sera l’edizione 2015 del Sei Nazioni, il più importante di rugby torneo dell’emisfero settentrionale, e anche quest’anno c’è molta attesa per la nazionale italiana, che pur non potendo assolutamente ambire alle prime posizioni può almeno puntare a evitare il whitewash (ultimo posto in classifica con zero vittorie).

   L’esordio non è tra i più semplici: allo stadio Olimpico di Roma deve affrontare l’Irlanda, vincitrice dell’edizione 2014 e seconda favorita del torneo, dopo l’Inghilterra. Il c.t. azzurro Brunel deve fare i conti con diverse assenze per infortunio, la formazione dovrebbe essere la stessa che ha giocato contro il Sudafrica nel novembre scorso, con gli innesti di Minto al posto di Favaro e Biagi per Geldenhys, rispettivamente in terza e seconda linea. Affondati per 46-7 lo scorso anno a Dublino, gli azzurri hanno un enorme desiderio di riscatto, e non nascondono il desiderio di replicare la vittoria di due anni fa. Le quote Snai non sono però di conforto: nella scommessa con handicap gli irlandesi “partono” da -10 con quota 1,85, mentre nell’1X2 classico la vittoria dell’Italia è offerta a 5,50, quella dell’Irlanda a 1,17. La chiave potrebbe essere la coppia mediana Goni – Haimona, che ha funzionato bene nella partita di novembre, e magari la voglia di festeggiare i record di Castrogiovanni, alla 54ma partita nel Sei Nazioni, e di Sergio Parisse, che tocca le 109 convocazioni in nazionale. Non va infine dimenticato che anche gli irlandesi devono fare i conti con diversi ko: gli infortuni tengono a casa pedine come McCarthy, Wallace e Sexton.

   Nelle altre due partite, il Galles può avere ragione dell’Inghilterra: tra fattore campo e la storica rivalità tra le due nazionali, i dragoni partono favoriti con quota 1,55 rispetto al 2,65 offerto per la vittoria inglese. Domenica pomeriggio, invece, la Francia (quota 1,20) non dovrebbe incontrare particolari ostacoli nell’imporsi sulla Scozia (5,00).

   Per quanto riguarda la vittoria del torneo, l’Inghilterra con 2,75 è leggermente favorita rispetto all’Irlanda (2,85). Terzo possibile incomodo il Galles a 4,50, seguono la Francia a 7,00, la Scozia a 40 e infine l’Italia a 300.

 

Milano, 6 febbraio 2015

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl