Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Manifestazioni Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Manifestazioni Wed, 16 Jan 2019 07:13:42 +0100 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/1 Un Weekend Strabiologico 2019 Tue, 15 Jan 2019 15:34:30 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/515914.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/515914.html Veneto a Tavola Veneto a Tavola La XIX° edizione del WEEKEND STRABIOLOGICO avrà come tema “LE PASTE ARTIGIANALI D’ITALIA” e si terrà, come di consueto, nel parco di Villa Loredan, a Stra, nella Riviera del Brenta, dal 25 al 28 Aprile 2019.

La manifestazione è promossa dal Comune di Stra e organizzata da Veneto a Tavola, con il patrocinio della Regione Veneto e della Città Metropolitana di Venezia.

Nel corso del lungo weekend, oltre al ricco mercatino che propone una rassegna di prodotti biologici, tipici e tradizionali, salutistici e di artigianato naturale, si susseguiranno incontri culturali e gastronomici, spettacoli, laboratori aperti a bambini e adulti.

Il tema centrale di questa nuova edizione sarà sviluppato attraverso una mostra di paste artigianali di ogni regione italiana, incontri con esperti e produttori, lezioni guidate presso “LA CASA DELLA PASTA” per imparare i segreti delle paste fatte in casa in casa, degustazioni e presentazioni curate da Veneto a Tavola e dalla Condotta Slow Food della Riviera del Brenta, in collaborazione con aziende artigiane del settore.

Giovedì 25 aprile tra gli eventi il consueto “Battesimo della Sella” con la presenza di pony e la tradizionale distribuzione gratuita di Risi e Bisi, piatto tradizionale veneziano consumato dai Dogi in occasione della festività di S. Marco, patrono di Venezia.

Domenica 28 aprile i folletti dell’associazione La Tana dei tarli” saranno presenti per l’intera giornata con i giochi tradizionali in legno per bambini e ...adulti.

Si troveranno come sempre le eccellenze gastronomiche del territorio veneziano: le “castraure” dell’isola di S. Erasmo e gli asparagi di Giare, come prodotti stagionali, oltre al raro miele di barena e al riso di Torre di Fine.

Tra le varie attività per il visitatore ricordiamo inoltre l’escursione guidata “D’ogni erba un piatto”, alla scoperta di erbe spontanee, il “Corso per Cercatori d'Erbe”, lo scambio di semi di antiche varietà con l’Associazione Civiltà Contadina, i percorsi turistici “In trenino attraverso le Ville“ e “In burcio sul Naviglio”. Uno “Spazio Benessere” nel parco della villa permetterà infine di conoscere e provare varie discipline olistiche, promosse dalle numerose associazioni presenti.

Per i più golosi e i buongustai saranno presenti spazi gastronomici con prodotti biologici, piatti tradizionali veneti con la pasta protagonista, preparati dalla Condotta Slow Food della Riviera del Brenta, insieme ad alcune proposte di street food con cucina vegana e vegetariana, che allieteranno il palato del pubblico durante l’intero weekend.

La mostra mercato ospiterà oltre 60 espositori con prodotti alimentari biologici, tipici e tradizionali, articoli salutistici, erboristici e di artigianato naturale.

 

INFO: Veneto a Tavola – www.venetoatavola.it - info@venetoatavola.it tel 335.6033639

Comune di Stra – www.comune.stra.ve.it

Facebook Veneto a Tavola

]]>
A research report on agricultural machinery market comprising of market’s current and future trends Wed, 09 Jan 2019 13:28:17 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/514510.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/514510.html Rajesh Rajesh The global agricultural machinery market is valued at $XX million in 2017, and is expected to reach $XX million by 2025, growing at a CAGR of XX% from 2018 to 2025.

Changing aspects of global agricultural machinery market

The global agricultural machinery market is booming due to factors such as-

·       Need for additional quantities of food

·       This leading to demand for automation in agricultural workforce

·       Promising government policies and technological advancements in agricultural equipment

However, dearth of skilled professionals and expensive machineries can hamper the growth of agricultural machinery market.

 

A sample of this report is available upon request @

https://www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/agricultural-machinery-market/#ulp-4H8Z4LpNMLEuOnnx

 

Regional analysis:

Asia Pacific dominates the global market share of agricultural machinery market, owing to large population who are dependent on agricultural economy, government initiatives and increasing per capita income to increase the agricultural production.

North America is showing significant growth followed by Europe owing to new technological advancements and demand for agricultural equipment and machineries.

Market summary:

Regional, international and local players all are equally competitive in the global agricultural machinery market. Mergers, acquisitions, collaborations and partnerships are some strategies adopted by the market players to strengthen their market position. With further investments and new technological adoption are attracting potential market players. In addition to this, policies, funds and competitive landscape details are boosting the growth of agricultural machinery market.

 

To view TOC of this report is available upon request @

https://www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/agricultural-machinery-market/#ulp-c654SbFYO64MsOhu

 

Some of the key players in the global agricultural machinery market include:

·        CLAAS (Germany)

·        Deere & Company (U.S.)

·        CNH Industrial (UK)

·        Bernard Krone Holding SE & Co. KG (Germany)

·        Agrostroj Pelhrimov A.S. (Czech Republic)

·        AGCO (U.S)

·        Mahindra Group (India)

·        Valmont Industries Incorporated (U.S.)

·        China National Machinery Industry Corporation (China)

·        Concern Tractor Plants (Russia)

 

Need more information about this report @

https://www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/agricultural-machinery-market/#ulp-14mlyhjMGhVjZqa3

 

The global agricultural Machinery market is divided into following categories-

By category

·        Hand Tools

·        Power Tools

By type of machinery

·        Tractors

·        Cultivation Machinery

·        Ploughing Machinery

·        Manure Spreaders

·        Irrigation Systems

·        Sorters

·        Harvesting Machinery

·        Others

By application

·        Cultivation

·        Planting

·        Fertilizing and Pest control

·        Irrigation

·        Harvesting

·        Hay Making

·        Others

By crop type

·        Forage Crops

·        Grains and Cereals

·        Vegetable and Fruits

·        Others

By geographical regions

·       North America

·       Latin America

·       Europe

·       Asia-Pacific

·       The Middle East &Africa

 

Get access to full summary @

https://www.precisionbusinessinsights.com/market-reports/agricultural-machinery-market/

 

About Precision Business Insights

Precision Business Insights is one of the leading market research and business consulting firm, which follow a holistic approach to solve needs of the clients. We adopt and implement proven research methodologies to achieve better results. We help our clients by providing actionable insights and strategies to make better decisions. We provide consulting, syndicated and customised market research services based on our client needs.

Contact to Precision Business Insights,

Kemp House,

152 – 160 City Road,

London EC1V 2NX

Contact Person: Rajesh Babu

Role: Marketing Lead

Email: sales@precisionbusinessinsights.com

Toll Free (US):+1-866-598-1553

Website @https://www.precisionbusinessinsights.com

]]>
In chiusura il bando di concorso per la settima edizione di Detour, Festival del Cinema di Viaggio Wed, 02 Jan 2019 14:43:44 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513615.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513615.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Dal 22 al 31 marzo 2019 si svolgerà a Padova la settima edizione di Detour. Festival del Cinema di Viaggio. Online il bando per partecipare alla sezione competitiva del Festival. Regolamento ed entry form sul sito www.detourfilmfestival.com. Scadenza iscrizioni: domenica 6 gennaio 2019.

Dal 22 al 31 marzo 2019 prende il via a Padova e Abano Terme ilDetour. Festival del Cinema di Viaggio, il primo e unico festival di respiro internazionale dedicato al tema del viaggio. Nato nel 2012 e giunto oggi alla sua settima edizione, il Festival si propone di indagare il tema del viaggio in tutte le sue sfaccettature, attraverso proiezioni, laboratori, incontri ed eventi speciali.

Il bando di concorso per partecipare alla sezione competitiva del Festival è disponibile sul sito ufficiale, www.detourfilmfestival.com. Sono ammessi lungometraggi di finzione e documentari, italiani e stranieri, realizzati dopo il 31 dicembre 2016, non distribuiti in sala in Italia e legati al tema del viaggio in tutte le sue molteplici accezioni. Il termine ultimo per l’iscrizione è domenica 6 gennaio 2019.

La direzione artistica del Detour Film Festival si pone l’obiettivo di presentare al pubblico una selezione di film varia e ricercata, ricca di anteprime ma anche di opere che hanno partecipato ai più importanti festival di cinema internazionali come Cannes, Berlino e Venezia.

Una Giuria qualificata assegnerà il Premio al Miglior Film alla migliore opera in Concorso e un Premio Speciale al film che meglio avrà interpretato l’idea del viaggio. Inoltre, durante il Festival gli spettatori saranno invitati a votare i film e ad assegnare così un Premio del Pubblico.

Detour. Festival del Cinema di Viaggio è diretto dal regista Marco Segato, presieduto dal produttore cinematografico Francesco Bonsembiante, organizzato e curato da Cinerama. Il progetto è realizzato con il sostegno di: Comune di Padova, Comune di Abano Terme, Fondazione Cariparo, Banca Intesa e con il patrocinio della Regione Veneto e Università degli Studi di Padova

Per informazioni:
www.detourfilmfestival.com
info@detourfilmfestival.com

]]>
Riccione: Oltre 100 Coraggiosi per il Primo Bagno del Capodanno 2019 Wed, 02 Jan 2019 12:41:10 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/512841.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/512841.html WEBTVSTUDIOS WEBTVSTUDIOS Come da tradizione l’appuntamento di inizio anno a Riccione è sulla spiaggia di piazzale Roma per il primo tuffo del 2019, un’occasione che anche in quesa edizione ha richiamato sulla spiaggia libera di piazzale Roma migliaia di spettatori e curiosi Video

 

Sono stati oltre cento i coraggiosi che si sono tuffati in Adriatico questa mattina, persone di ogni età e provenienti da tutte le parti d’Italia.

Più di 50 gli harleysti di Riccione Chapter, arrivati in piazzale Roma rigorosamente in sella ai loro bolidi, ma con accappatoio rosso e maxi-gonfiabili di ogni tipo.

A dare il via alla corsa verso il mare il sindaco Renata Tosi.

Tra i tanti che hanno sfidato il freddo e le onde anche diversi consiglieri comunali e l’assessore al turismo Stefano Caldari.

Anche Rudy Zerbi, in questi giorni a Riccione per il Capodanno di DEEJAY On Ice, non si è voluto perdere l’evento che ad ogni anno raccoglie sempre più temerari e goliardia.

L’organizzazione come sempre è curata dalla Cooperativa Bagnini in collaborazione con il Comune, la Protezione Civile, la Croce Rossa e la Capitaneria di porto che garantiranno la sicurezza in mare.

Come ogni anno le offerte raccolte sono destinate all’acquisto di strumentazione per i reparti di Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza dell’Ospedale Ceccarini di Riccione.

Foto: Daniele Casalboni

Video credits: Comune di Riccione

Canale di Informazione Web Tv Studios 
https://www.facebook.com/webtvstudios
http://www.webtvstudios.it

News, Sport, Spettacolo, Teatro, Sfilate di Moda

Un’immagine illustra … Il Video ti emoziona!

]]>
E sempre un buon momento per prenderci cura della nostra bella città, perché non dal 1 dell’anno? Mon, 31 Dec 2018 20:12:35 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513616.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513616.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Ogni pretesto è buono per i Volontari per il quartiere RetakePadova.

Questo è il primo incontro ufficiale del nuovo gruppo RetakePadova composto da cittadini Volontari che dedicano la loro passione per la loro città intraprendendo azioni, interventi attivi sulle aree che “chiedono” aiuto. Grande fermento e collaborazione per far crescere l’estetica nella nostra bella Padova. C’è una gran voglia di fare, e fare in modo di ottenere “Il Bello più Bello”; questo è l’intento. Nell’uscita del 1° gennaio si parte con un’intervento sull’area del Brenta a Pontevigodarzere, ore 11.00 tutti pronti al parcheggio vicino al ponte e al centro sportivo Pontevi Calcio.

I cittadini e mamme con i loro bambini avranno un ambiente migliore dove passeggiare e giocare. Nei prossimi giorni l’incaricato del gruppo per le comunicazioni porterà dei promemoria che affiggerà per invitare le persone a collaborare e tenere pulita l’area. Come citava il Filosofo L. Ron Hubbard, “Un’essere è di valore nella misura in cui aiuta gli altri”. Aiutiamo a piene mani

Si tante speranze…., più avanti terranno un altro intervento ma i volontari sono certi che la costanza serve di buon esempio. Tutto questo, sta raccogliendo sempre più consensi tra i passanti ed i volontari che si prestano a queste attività.

Un grazie particolare all’Aps-acegas per il supporto e la collaborazione sempre pronta e vivace.

Buon 2019 ai cittadini di Padova dal gruppo RetakePadova

]]>
Scopri una delle più importanti scoperte sulla mente umana: Dianetics – la forza del pensiero sul corpo Mon, 31 Dec 2018 20:10:03 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513618.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513618.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Perché’ l’aberrazione umana sembra avanzare senza sosta nonostante l’evolversi della società? Scoprilo da te!

Ai giorni nostri i giornali parlano di tanti problemi sociali, violenza in famiglia, femminicidi, bullismo e ragazzi con grosse difficoltà di adattamento, abuso di alcool, droga, ecc… . e tante sono le differenti risposte a disposizione. Una di queste risposte è Dianetics. Per poter dare la possibilità di comprendere le teorie di Dianetics e sperimentare personalmente queste metodologie, sono stati organizzati dei Seminari di Dianetics nelle maggiori città italiane, tra cui Padova. Sono infatti disponibili su prenotazione ogni fine settimana presso la Chiesa di Scientology in via Pontevigodarzere, 10 il seminario di Dianetics che si svolge nelle giornate di sabato e domenica.

“Droga, violenza, sesso, degrado morale, corruzione ecc.. sono solo alcune delle piaghe sociali che affliggono la società. Sembrano molto difficili da sradicare, nonostante l’immenso lavoro di educatori, amministrazioni, enti ed organizzazioni che ogni giorno sono impegnati ad aiutare l’uomo a risolvere i problemi che lo affliggono.” Sostiene Tiziana Bonazza, portavoce dell’iniziativa. “Tutto ciò a volte sembra disarmante.”

Diversi possono essere i sistemi di approccio nel fornire risposte che diano una realtà soggettiva alle persone riguardo ai comportamenti indesiderati. E molti di essi si sono dimostrati anche molto efficaci.

Come riportato nel testo stesso, “una metodologia che ha creato un movimento in oltre 100 nazioni in tutto il mondo…” è sorta nel 1950 quando L. Ron Hubbard pubblicò “Dianetics: la forza del pensiero sul corpo” che fornisce una certa comprensione sul soggetto, e come ne parlò l’autore stesso: “Man mano che andrete avanti, vostra sarà l’avventura di scoprire perché l’avete fatto ciò che avete fatto quando lo avete fatto, qual era la causa delle misteriose ed oscure paure che si verificavano in incubi infantili e dove risiedono i vostri momenti di piacere e di dolore”.

Al seminario di Dianetics Hubbard si potrà acquisire la padronanza della procedura di Dianetics, apprendere come funziona e scoprire di persona quali risultati si possono ottenere.

Per iscriversi al seminario contattare il numero 049/8756317. Per maggiori informazioni è anche possibile visitare il Centro Informativo per il pubblico della Chiesa di Scientology aperto tutti i giorni dalle 9.45 alle 22.00, sabato e domenica dalle 9.45 alle 18.00.

]]>
Apre a Lugano il nuovo ufficio di Trinity Corporate Services che si affianca alla storica sede di Dubai Mon, 31 Dec 2018 11:59:10 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513620.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513620.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Da gennaio 2019 sarà operativo un nuovo ufficio di Trinity Corporate Services in Svizzera, che offrirà un contatto diretto e semplificato con chi cerca informazioni per registrare la propria azienda a Dubai.

Trinity Corporate Services è specializzata, da oltre 40 anni, nella creazione e registrazione di imprese e aziende a Dubai e UAE, garantendo una consulenza professionale, adesso anche da Lugano, rivolta a imprenditorisocietà e start up che vogliano stabilirsi negli UAE.

Dubai e gli UAE sono una delle aree migliori per aprire la propria attività o registrare una filiale di una società già esistente.

Il Paese, uno dei più evoluti e accoglienti del middle east, ha da molto tempo attivato delle politiche economico–finanziarie e sociali che favoriscono l’ingresso di nuovi investitori internazionali sul proprio mercato e ha risvegliato un grande interesse in tutto il mondo.

Le agevolazioni sono molteplici:

  • nessuna imposta applicata sul profitto aziendale;
  • nessuna tassazione sul reddito delle persone fisiche;
  • nessuna tassazione sul pagamento di dividendi o interessi e royalties aziendali;
  • uno dei maggiori business hub con agevole accesso a Medio Oriente e Asia
  • nessuna barriera commerciale nei paesi del GCC grazie a una custom duty del 5%, al primo ingresso delle merci;
  • iva al 5 % applicata solo alle transazioni interne.

In più, Dubai è una smart city, multietnica e con un altissimo livello di sicurezza per chi ci vive e assicura uno stile di vita multiculturale e vivace.

Altro fondamentale punto di forza è la possibilità di ottenere il Visto di Residenza di 2/3 anni, quando si registra una nuova società negli EAU: un grande incentivo per chi voglia iniziare la propria attività a Dubai. Infatti, si ha il diritto di richiedere una residenza che varia dai 2 ai 3 anni, a seconda dell’emirato/free trade zone, quando si apre una nuova Società negli UAE e i costi di registrazione sono estremamente attrattivi e partono da meno di 10,000 USD.

Per venire incontro alle esigenze dei propri clienti internazionali, Trinity Corporate Services ha aperto una nuova sede a Lugano, nella elegante cornice di Palazzo Gargantini.

Sarà una ramificazione della sede storica di Dubai e offrirà una consulenza diretta per fornire un’assistenza immediata a chi desideri informazioni approfondite sull’internazionalizzazione, senza recarsi direttamente a Dubai, in prima istanza.

Sarà addirittura possibile, per alcune tipologie di attività, completare direttamente a Lugano il processo di registrazione della propria azienda negli UAE.

Questo nuovo servizio offre una grande facilitazione ai molti clienti che ultimamente si affacciano sul mercato degli UAE dall’Europa o dall’occidente in genere.

È un servizio di alta qualità e competenza, vicino alla propria area di residenza, che fa risparmiare tempo e spostamenti durante la raccolta iniziale di informazioni e, in fase esplorativa, per ricevere tutte le indicazioni e i dati utili a prendere una decisione seria e oculata.

Trinity Corporate Services

Press Office
321 Group – Patrizia Landini
Fonte: www.trinitycorporateservices.com

]]>
ModaMilitare: Il punto di riferimento per i veri appassionati Sun, 30 Dec 2018 19:22:17 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513622.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513622.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Sono sempre di più coloro che vanno alla ricerca di prodotti dedicati allo stile militare, dall’abbigliamento agli accessori, questi possono essere utilizzati non solo da chi svolge una vita lavorativa nel campo, ma si rivelano molto utili anche per chi pratica sport outdoor o si dedica alla pesca e alla caccia. Per riuscire a venire incontro alle esigenze degli utenti che sono alla ricerca di questi accessori e capi d’abbigliamento è nato l’e-commerce modamilitare.it.
Modamilitare.it è un e-commerce che comprende cataloghi ampi dedicati appunto all’abbigliamento e a tutti gli accessori utilizzati in campo militare. L’obbiettivo principale di questo portale è essere un punto di riferimento per tutti gli utenti che vogliono trovare tutto il necessario in poco tempo, e soprattutto desiderano ottenere i prodotti desiderati direttamente a casa propria.

Le categorie trattate da Modamilitare.it
Come accennato, il portale di Moda Militare offre dei cataloghi molto ampi e interessanti, ma vediamo nel dettaglio quali sono le categorie proposte a tutti gli appassionati del settore. Tra le principali categorie troviamo:
1-Abbigliamento militare: questo catalogo offre tutti gli indumenti sia per uomo sia per donna che vogliono seguire questo stile di abbigliamento. Si trovano pantaloni, tute, magliette, giubbotti, combact shirt, zaini ecc…
2-Equipaggiamento: in quest’ambito si ha la possibilità di trovare diversi prodotti di qualità dedicati alla vita militare, tra questi troverai anfibi, abbigliamento termico, elmetti, passamontagna, occhiali, maschere, accessori, torce, binocoli ecc…
3-Security: l’ambito della sicurezza è molto importante, infatti, in questa sezione si possono trovare gli spray antiaggressione al peperoncino, manganelli sfollagente e telescopici, manette, guanti, accessori e abbigliamento security.
4-Softair: nel campo del softair si trova tutto il necessario per svolgere quest’attività. Quindi gli appassionati del settore possono trovare fucili e pistole elettriche, batterie, caricabatterie, pallini softair ecc…
5-Coltelli: nell’ambito della vita militare o per le attività all’aria aperta sono necessari anche i coltelli, in questo catalogo si ha la possibilità di trovare coltelli da lancio, classici, multiuso e survivor.
6-Campeggio: per gli amanti del campeggio all’aria aperta si ha la possibilità di trovare nel catalogo di moda militare tutto il necessario dalle tende militari al sacco a pelo, borracce, stoviglie e accessori per il campeggio.
7-Varie: infine, in quest’ambito si ha la possibilità di visualizzare i cataloghi dedicati agli orologi militari, reti, teli mimetici, bandiere e vernici spray militari.

Come abbiamo visto le categorie trattate sono davvero moltissime e pensate appositamente per le esigenze degli utenti appassionati del settore.

Moda Militare: perché scegliere un e-commerce specifico?
Uno dei principali vantaggi di modamilitare.it è la possibilità di trovare tutti i prodotti inerenti al settore dalla A alla Z. Oltre alla completezza del catalogo, bisogna considerare che ogni accessorio, capo di abbigliamento o prodotto presente è stato scelto da appassionati del settore. Quindi gli utenti hanno la possibilità di trovare i brand migliori, quelli che hanno avuto più riconoscimenti, oltre che modelli e accessori all’ultima moda. Scegliendo un e-commerce specifico si avrà la certezza di acquistare prodotti di alta qualità e che presentano tutte le caratteristiche ricercate da chi ha una passione per il settore specifico e i suoi accessori. Data la serietà dell’e-commerce, oltre ad avere tutto il necessario in campo militare, questo offre anche un ottimo servizio clienti, il centro clienti infatti offre la possibilità di chiedere tutte le informazioni che si desiderano. Molto utile anche il servizio aiuto taglie, per comprendere come scegliere la taglia che più si adatta alla tua forma fisica.
Infine, tutti gli appassionati potranno trovare sul portale anche una sezione blog, con tutte le notizie e gli approfondimenti del settore e sui prodotti presenti nell’e-commerce. Ora che conosci al meglio le caratteristiche dell’e-commerce modamilitare.it, non ti resta che visitarlo!

]]>
Personal shopper ecommerce, il canale di comunicazione preferito dall’84% dei clienti Sat, 29 Dec 2018 12:02:49 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513623.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513623.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Il cliente deve avere delle risposte rapide: a volte basta solo mezz’ora di attesa per far sfumare la vendita. Ma come è possibile rispondere tutti i giorni, a tutte le ore, in tempo reale, a tutti i clienti? Facendosi aiutare da un chatbot ecommerce, un vero e proprio personal shopper virtuale.

Chatbot ecommerce il personal shopper virtuale che risponde in tempo reale ai clienti

Usciamo per andare a comprare qualcosa, entriamo in un negozio e ci aggiriamo tra la merce esposta sugli scaffali. E se avessimo bisogno di suggerimenti, consigli o maggiori informazioni sui prodotti da acquistare a chi chiederemmo? A una commessa, aspettando che finisca di aiutare il cliente entrato prima di noi.

Cosa succede, invece, se “entriamo” in negozio online, in caso di bisogno? A chi possiamo chiedere aiuto nella scelta dei prodotti o informazioni sulla spedizione? Esiste qualcuno in grado di risponderci immediatamente, anche se nel frattempo sta aiutando altri clienti?

La risposta è sì, esiste. È DigiBot, il bot per ecommerce dotato di Intelligenza Artificiale che risponde autonomamente alle domande dei clienti, invia offerte, vende prodotti e si fa pagare. Un vero e proprio personal shopper virtuale.

Nato da un’intuizione di Marketing Informatico, web agency che si occupa di marketing da 11 anni, DigiBot è un chatbot ecommerce che non solo si occupa della vendita diretta del prodotto ma ascolta le domande dei clienti, li consiglia e li aiuta nell’acquisto, raccoglie informazioni sulle preferenze e sui dati personali dell’acquirente. Tutti i giorni. A tutte le ore. In tempo reale.

Digibot di professione fa il personal shopper ecommerce ed è, per deformazione professionale, molto sociale. È in grado, infatti, di integrare un e-commerce con Facebook e Messenger.
E, dati alla mano, è anche questoil suo valore aggiunto: associare le piattaforme social al sito e-commerce. Infatti, ben 900 MILIONI di persone in tutto il mondo utilizzano la messaggistica di Facebook, 50 MILIONI sono le società che usano la chat di Facebook per motivi lavorativi e sono 60 MILIARDI i messaggi inviati tramite Messaggistica Facebook e similari.

Ma perché scegliere di installare un bot per ecommerce?
Ben 82% dei clienti vuole risposte rapide, il 74% vuole trovare facilmente informazioni quali indirizzo e orario di apertura e il 61% vuole un’area contatti intuitiva e responsive.
E come funziona Digibot, il personal shopper virtuale?
Il cliente pone un quesito sulla pagina Facebook o su Messenger, il chatbot ecommerce sceglie la migliore delle risposte da dare a partire da un dizionario di parole precedentemente settate, che gli permettono di capire la domanda e articolare una risposta pertinente. Il cliente riceve così una risposta intelligente in tempo reale. Utilizzare un bot per ecommerce rende possibile impostare, quindi, un’interazione automatica della messaggistica per un customer service efficace e always-on.

Inoltre, Digibot non va mai nel panico, non è permaloso, non si arrabbia mai e non dice parolacce. È un personal shopper per ecommerce calmo e accondiscendente. E se non riesce a rispondere non perde tempo: passa la conversazione al collega umano. Non stupisce quindi che i chatbot ecommerce sono il canale di comunicazione preferito dall’84% dei consumatori.

I bot ecommerce sono uno strumento promozionale e di marketing davvero all’avanguardia, capace di offrire alle aziende un nuovo servizio social oriented, che produce incassi e guadagni aggiuntivi risparmiando tempo e denaro, ma, soprattutto, accontentando il cliente.

Fonte: marketinginformatico.it

]]>
Intervista di Alessia Mocci a Silvano Negretto: quando la filosofia incontra l’editoria di qualità Fri, 28 Dec 2018 22:25:52 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513624.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513624.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT

Il ‘so di non sapere’ socratico ‒ come premessa alla ricerca di una direzione di marcia razionale e realistica per noi sia come singoli soggetti, sia come “razza umana” ‒ si conferma come il metodo più razionale, (io direi meglio: l´unico realisticamente possibile) per la soluzione dell´eterno problema del “senso” dell´identità in rapporto alle diversità […]” ‒ Silvano Negretto

La celebre citazione del filosofo Socrate giunta sino a noi resta la via da seguire se si vuole procedere verso una possibile pace interna ed esterna dell’essere umano e come giustamente sostiene Silvano Negretto: “per la soluzione dell’eterno problema del senso dell’identità in rapporto alle diversità”.

Silvano Negretto è la mente ‒ ed il braccio ‒ della casa editrice mantovana Negretto Editore. Da anni nel mercato editoriale online e fisico propone le scienze dell’uomo intese in ambito filosofico, antropologico, sociale, naturalistico, passando per la psichiatria, la pedagogia e la didattica.

Le pubblicazioni sono indirizzate ai lettori che si pongono domande sul proprio tempo in continua ricerca di informazioni e riflessioni critiche sull’esistenza, lettori che coltivano il dubbio e che sono pronti a scardinare pregiudizi e luoghi comuni.

Silvano, dalla cattedra di filosofia di un Liceo di Mantova, prosegue questo lungo dialogo iniziato con i suoi studenti trasmutandolo in materia con la pubblicazione di testi ed autori fortemente selezionati che rispettano l’interesse per la ricerca della verità, autenticità e coerenza. Perché chi produce libri ha il dovere di consolidare e soddisfare questi bisogni impellenti della società.

A.M.: Silvano, sono lieta di poterti finalmente intervistare. Vorrei iniziare chiedendoti quando e come è nata l’esigenza di creare una casa editrice che supporta le grandi tematiche sociali e la filosofia. Quali filosofi hai continuato ad ammirare ed a studiare dalla tua giovinezza sino ad ora?

Silvano Negretto: Devo dire che è la prima volta che mi metto in gioco personalmente, descrivendo anche la mia formazione filosofica e ideologica… ma lo faccio volentieri: è ora di chiarire quali siano le idee che stanno alla base delle nostre pubblicazioni che – dico subito ‒ sono poche quantitativamente ma tutte significative dal punto di vista della qualità. Gli anni della mia formazione universitaria sono stati decisivi: accanto ai grandi filosofi classici dell´età moderna e al marxismo, ho studiato con passione i filosofi della scienza (in quegli anni in particolare Popper e Hempel), e la filosofia esistenzialistica (ho amato molto Jean Paul Sartre). Poi, via via, ho fatto i conti seriamente con Nietzsche e Heidegger, oltre che con la psicoanalisi, ed infine con “Verità e Metodo” di Gadamer. Penso che l´ermeneutica possa rappresentare un metodo di confronto “universale” tra le diverse correnti che compongono la filosofia contemporanea e so che su questo punto suscito serie obiezioni anche da parte di cari amici: ma ben vengano! Credo infatti che il dialogo fatto di argomentazioni, che arricchisca tutti i “contendenti”, sia non solo l´essenza (da Socrate in poi) della filosofia occidentale, ma rappresenti oggi, per la nostra attuale società, il concetto chiave che dovrebbe ispirare governi nazionali e internazionali nella soluzione dei grandi  problemi che ci troviamo di fonte: dagli epocali movimenti dei popoli al confronto tra culture nel mondo globalizzato, al degrado del rapporto uomo-natura, e alla necessità di una seria educazione civica e ambientale.

A.M.: Perché è importante seguire il precetto di Socrate: “So di non sapere”?

Silvano Negretto: Il “so di non sapere” socratico ‒ come premessa alla ricerca di una direzione di marcia razionale e realistica per noi sia come singoli soggetti, sia come “razza umana” ‒ si conferma come il metodo più razionale, (io direi meglio: l´unico realisticamente possibile) per la soluzione dell´eterno problema del “senso” dell´identità in rapporto alle diversità, e dei conseguenti problemi che vanno dalle relazioni interculturali e sociali, fino alla necessità di una convivenza pacifica sempre più equa e inclusiva. E già il grande Eraclito, un secolo prima di Socrate, aveva così sentenziato “Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti”. 

A.M.: Si può affermare che in Italia il pensiero del filosofo francese François Zourabichvili sia pressoché sconosciuto. Perché hai deciso di scommettere su questa interessantissima voce?

Silvano Negretto: La scelta di dedicare all’opera di Zourabichvili quattro testi della nostra collana è stata sollecitata dalle valorose Direttrici (Rossella Fabbrichesi e Cristina Zaltieri) della fortunata collana “Il Corpo della Filosofia”. Infatti il pensiero di Zourabichvili è segnato fortemente dall´incontro con Gilles Deleuze. Questi ancora oggi è al centro di un dibattito sostanzialmente rivolto ad una forte reinterpretazione di grandi filosofi come Nietzsche e Spinoza, e delle classiche tematiche del rapporto tra mente e corpo, tra passioni e razionalità, tra una concezione metafisica tradizionale ed una pragmatica o empiristica della Verità. Il filosofo francese era considerato appunto l´erede di Deleuze prima della sua prematura scomparsa. A questo proposito, cito la presentazione di Cristina Zaltieri a “Il divenire della filosofia in F. Zourabichvili”: “Il suo pensiero non è liquidabile come un mero commento alla filosofia altrui, ma è il lavoro ardito e fruttuoso di un originale pensatore che ci offre una produzione concettuale ancor viva, (…) dissidente rispetto alla via maestra platonico-cartesiana, di grande tensione etica e politica”. Personalmente, sono impegnato, assieme agli autori del primo libro in lingua italiana su Zourabichvili, a divulgarne sempre più il pensiero filosofico, pedagogico e politico. E sono molto contento dei risultati che questa operazione culturale sta producendo e dei consensi che sta suscitando tra docenti studenti e anche semplicemente tra coloro che amano leggere saggi che non siano “usa e getta”.

A.M.: Ritieni che la filosofia sia legata alla psichiatria? Si deve analizzare il “Pensiero” amalgamando le due discipline oppure siamo agli antipodi?    

Silvano Negretto: Già negli anni ‘70 erano diffuse le posizioni di Franco Basaglia in Italia, che esprimeva quel nuovo modo di intendere la psichiatria inaugurato dalla filosofia fenomenologica-esistenziale di Husserl Heidegger Binswanger. Alla fine degli anni ‘70 il movimento per la chiusura dei manicomi era diventato inarrestabile, da Trieste a Bologna e a Mantova… Opponendosi all´impostazione positivistica, per la quale i sintomi della malattia mentale sono classificabili come dati “oggettivi”, la scuola fenomenologica scopriva che la psiche umana è quanto mai complessa e che il senso dei comportamenti non può essere disgiunto dai contesti famigliari e sociali nel quale il soggetto – sempre unico e non riducibile a nessuna rigida classificazione ‒ si trova a vivere. È importante ricordare qualche nome tra gli psichiatri raccolti nella Società Italiana per la Psicopatologia Fenomenologica e collaboratori della rivista “Comprendere”: Enzo Agresti, Andrea Carlo Ballerini, Arnaldo Ballerini, Eugenio BorgnaBruno Callieri, e soprattutto, per quanto ci riguarda, Ferruccio Giacanelli. Questi guidò la chiusura laboriosa e sofferta, che coinvolse l´opinione pubblica bolognese ed anche quella nazionale, dell´Ospedale psichiatrico Roncati. E qui sto prendendo in causa l´ultima opera di Cinzia Migani, che ho cercato a lungo e di cui ho conservato, per mia fortuna, l´attiva collaborazione con quattro opere di cui è curatrice e/o autrice e che rientrano nel catalogo di Negretto editore. Già l´intervista che la rivista Oubliette Magazine ha fatto a Cinzia – e alla quale rimando a fine intervista ‒ chiarisce molto bene il valore di “Memorie di trasformazione. Storie da manicomio” che ricostruisce le vicende dell´ex manicomio bolognese a partire dalla sua fondazione, fino alla chiusura (1980). Il libro, a detta di tutti molto serio e approfondito, soprattutto nella prima sezione presenta gli studi e le ricerche dell’autrice coadiuvata dal citato professor Ferruccio Giacanelli. Nei mesi scorsi qualche gruppo ideologico-politico annunciava di voler mettere in discussione la Legge 180 del 1978 (Legge Basaglia), ma io mi schiero, assieme a Cinzia ed assieme a centinaia di Amministrazioni e Associazioni e a migliaia di gruppi di volontariato e di intellettuali, per un rafforzamento delle iniziative che hanno dato in passato e dovranno ancora dare forza e spessore alle strutture alternative post-manicomiali.

A.M.: In Italia c’è una letterale invasione di poeti e di libri di poesia ma c’è anche un’invasione di lettori di poesia? Come possiamo interpretare questa “esigenza” dell’essere umano dello scrivere?

Silvano Negretto: Quanto all´abbondanza di poeti, voglio citare l´opinione di Angelo Lamberti, quando dice “Quello della poesia è un mondo frequentato da soggetti che formano, loro malgrado, un circolo chiuso...”  Anche se (umoristicamente quanto giustamente) Gesualdo Bufalino dice che: “Tutti al mondo sono poeti, persino i poeti.” La poesia è il luogo in cui i diversi livelli di esperienze culturali, pensieri e idee, razionali e consapevoli, diventano un tutt’uno con l’emozione e con l’aspirazione al Senso innato in ogni soggetto che sia aperto al Vero. Detto questo, credo che ogni singolo poeta oggi non possa essere facilmente collocabile in una determinata corrente poetica o letteraria: del resto ognuno, giustamente, rivendica un proprio percorso e uno stile originale.

Di Martina Manara, che spero continui a dedicarsi all´espressione poetica, ho ammirato (fu uno dei miei primi Autori) la colta (e matura per la sua giovane età) espressione autobiografica dei problemi (relazionali, emozionali, sentimentali) tipici di una adolescente che si avvale di colto e coraggioso sforzo di autoanalisi.

Di Claudio Borghi stimo ed evidenzio l´originalissima capacità di mettere in stretta relazione linguaggi e discipline comunemente considerati inaccostabili (dalla fisica alla filosofia alla poesia).

Di Nadia Alberici, della quale seguo il percorso umano e letterario da alcuni anni, ho rilevato ed incoraggiato l´equilibrata ricerca linguistica nell’esprimere emozioni intense quanto credibili ed autentiche.

Di Angelo Lamberti (una persona umanamente speciale, oltre che autore colto di teatro a partire dagli anni ‘70, da alcuni anni anche poeta) parlano già abbastanza i suoi trascorsi con Umberto Bellintani, Giampiero Neri, Mario Artiolli, Giorgio Bernardi Perini e soprattutto con Giorgio Berberi Squarotti. Questi, nella prefazione alla raccolta “Il pompiere salta cavallerescamente il kamikaze” chiarisce con splendido acume critico la coerenza e lo stile del percorso letterario di Angelo.

Aggiungo che il numero dei lettori di poesia può essere ampliato da iniziative di associazioni di poeti noti o meno noti, critici o docenti di letteratura in collaborazione anche con le scuole o con Amministrazioni municipali che abbiano a cuore la diffusione della cultura. Voglio citare (a titolo solo esemplificativo) l´operato della Casa della Poesia (Salerno), del Salotto Caracci (Milano) o del Gruppo dei Poeti di Mantova che ha raggiunto traguardi notevoli nella divulgazione di qualità del genere poetico, anche attraverso il Festival di Poesia Terra di Virgilio o la nuova rivista “Versante Ripido” Fanzine online per la diffusione della Poesia.

A.M.: Come editore quali sono le caratteristiche che ricerchi in un libro?

Silvano Negretto: Prima di tutto desidero conoscere l´Autore, la sua personalità, la sua cultura, il suo percorso di studio e le sue idee: mi interessano sia le competenze sia la passione o le motivazioni che lo spingono a proporre un’opera che pretenda di essere originale e unica. A seconda delle collane che da alcuni anni caratterizzano il mio catalogo, selettivo e perciò abbastanza snello, il testo può essere definito “accademico” (termine che per me ha un’accezione positiva) oppure accessibile a un pubblico più vasto, pur nel significato propriamente etnologico evidenziato da Giancorrado Barozzi, membro dell´Accademia Virgiliana per i suoi meriti di studioso della storia e della cultura popolare padana. In ogni caso, il testo deve avere un valore scientifico, o comunque utile al progresso della ricerca che ogni ambito o settore culturale deve esigere. In tal senso, sia le “Fiabe” raccontate da Berta Bassi sia lo studio dei concetti di altruismo e cooperazione definiti un secolo fa da uno studioso come Petr A. Kropotkin, costituiscono temi che alimentano la nostra memoria storica e per questo consolidano la nostra identità. Questa è tanto più autentica quanto più cerca e progressivamente riesce a ritrovare le radici storiche della propria comunità o della cultura di appartenenza.

A.M.: Da lettore valuti ci siano case editrici che negli ultimi dieci anni siano state attive nella pubblicazione di libri di interesse sociale?

Silvano Negretto: Dal 2008 in poi ho conosciuto direttamente o indirettamente varie piccole o grandi case editrici, anche per merito dei miei Direttori di Collana, in particolare Lidia Beduschi e Cinzia Migani che mi hanno aperto una finestra, prima per me poco conosciuta, sul grande e variegato mondo del volontariato Sociale, delle Amministrazioni della Sanità ed Associazioni che spesso producono pubblicazioni di interesse sociale. Tra i privati, è per me esemplare l´operato dell´editrice Eleuthera, nata nel 1986, che ‒ così dichiara nel sito ‒ “non si è mai considerata una casa editrice «normale», né tanto meno ha considerato il libro un prodotto il cui scopo è «incidere sul fatturato» (…) si è sempre considerata un progetto culturale libertario la cui ragion d’essere è stata quella di dare un contesto originale e coerente alle tante riflessioni che, in modo non univoco, si propongono di cambiare la realtà a partire da una critica del principio d’autorità”. Ho conosciuto direttamente molti originali piccoli editori, come Chersi Libri (Brescia) oltre ad editori indipendenti che producono moltissimo per il forte attivismo dei titolari, come Gilgamesh di Dario Bellini (di Asola). Hanno altresì una funzione positiva gli editori che si dedicano alla storia e cultura locale, e per Mantova vedo in questa fase molto attive le edizioni Tre Lune di Luciano Parenti, Il Cartiglio Mantovano di Monica Bianchi, Nicola Sometti, Universitas Studiorum di Edorado Scarpanti, il Rio (e mi scuso se ora dimentico qualcuno). Sul ruolo delle piccole case editrici nel mercato librario globale, rimando a fine intervista a due miei interventi pubblicati sulla Rivista “Socialnews” (cartacea e online), che esce mensilmente con interessanti numeri monografici tematici. Il confine tra piccola e media editoria è labile, ed anche le piccole case editrici sono molto diversificate. Nel mio caso, gli obiettivi basilari sono la creazione di una nicchia culturalmente originale e comunque riconoscibile, la selezione oculata di qualità in coerenza con i concetti chiave che animano le nostre Collane, e la compatibilità tra costi e benefici.

A.M.: Quali sono le novità editoriali del 2019? Puoi anticiparci qualcosa?

Silvano Negretto: A partire dal gennaio 2019, le uniche pubblicazioni sicure saranno il testo collettivo “Spinoza e la storia” e la nuova traduzione del romanzo “Utopia selvaggia” del brasiliano Darcy Ribeiro (risale al 1982 ma noi lo riteniamo molto vivo e attuale). Della prima, che si inserisce perfettamente nella collana “Il corpo della filosofia”, la curatrice Cristina Zaltieri scrive: “Così fino a tempi recenti ‒ e in parte ancor oggi ‒ la letteratura su Spinoza ha espunto dal suo pensiero qualsiasi possibilità di pensare tempo, durata e storia in una guisa che, alla lettura attenta dei testi, pare ora non rendere giustizia alla complessità della sua filosofia…”. Della seconda, Giancorrado Barozzi nella sua bellissima introduzione, parla di “romanzo utopico”: “Terzo dei quattro romanzi pubblicati in vita da Darcy Ribeiro, un poliedrico autore (per un 30% antropologo evoluzionista, per un altro 30% politico riformatore, per un 20% intellettuale cosmopolita e per il restante 20% boccaccesco affabulatore), Utopia selvagem fonde assieme, come in una tropicale sarabanda di Carnevale, elementi tra loro eterogenei, in apparenza inconciliabili…” – Per me, si tratta di un romanzo fantasioso, irridente, ed umoristicamente surreale. In questa fase in cui pubblicare diventa un’impresa delicata e problematica, confido anche nella citata Cinzia Migani, in Fabrizio Bertolino (docente di Pedagogia presso l’Università di Aosta) e in Alberto Scandola (docente di Storia e Critica del cinema all’Università di Verona): potrebbero – come prevedo ‒ suggerirmi progetti o proposte interessanti e di qualità. Aggiungo che tra i nostri programmi rientra il progetto di un potenziamento della nostra offerta in formato digitale. Ricordo anche che il kit Odori Suoni Colori (libro di 22 schede cartonate e profumate con simboli tattili, un alfabeto plurisensoriale dei colori, che è accompagnato da uno speciale sito internet una proposta didattica rivolta ad Istituti, Cooperative, Associazioni, Scuole e singoli privati che hanno a cuore e praticano l´inclusione dei disabili visivi e sensoriali) è ancora in vendita al prezzo di 16 euro. Il kit, ideato da Lidia Beduschi e realizzato con sito accessibile da Mario Varini con suoni di Isabella Tondi e testi letterariamente stimolanti della stessa Autrice, è un “ausilio” veramente originale: si fonda sulle ultime ricerche scientifiche di scuola americana e si avvale dei risultati credibili e sempre interessanti di molteplici sperimentazioni.

In chiusura colgo l´occasione per augurare Buon Natale e Buon Anno nuovo ai lettori e agli amici che mi seguono sui social o che rispondono positivamente alle mie proposte nelle newsletter o sui social.

A.M.: Salutaci con una citazione…

Silvano Negretto: Invece di riferirmi a grandi classici, stavolta voglio citare ancora uno dei miei Autori, che prende amichevolmente in giro il sottoscritto, con parole che comunque approvo (amo definirmi come “privato no profit”) e che possiamo ritenere conclusive di questa intervista:

Consiglio a trecentosessanta gradi la Casa Editrice Negretto, precisando però, (onde evitare malintesi), che il titolare (Silvano Negretto) non ha mai pubblicato (non ne sarebbe capace) da Imprenditore sensibile alle esigenze di un successo economico, ma soprattutto (sarebbe forse meglio dire unicamente) da Editore sensibile alle ragioni intellettuali ed ideologiche che può rintracciare e cogliere tra le parole scritte.” ‒ Angelo Lamberti

A.M.: Silvano ti ringrazio per questa proficua chiacchierata, mi unisco a te nell’augurare Buon Natale e ti saluto con la certezza che continueremo il lungo dialogo che da più di un anno ci unisce. Chiudo questa puntata con le parole di un autore della Negretto, Claudio Borghi, tratte da “L’anima sinfonica”: “[…] L’essere è un eterno pulsare tra movimento e quiete, principio e fine, nascita e morte./ Il centro emana luce nell’essere./ L’uomo se ne stupisce, illudendosi di trovare il senso nell’io./ L’io è alienato in una dimensione spaziale, abita il cerchio, è consapevole dell’una totalità del cosmo, coglie la fonte dell’armonia – in un volo smarrito.// La mente è ancorata alle immagini, alla materia, al mondo, nella visione immediata della coscienza./ Il mondo è un presente crearsi che si rinnova./ La vita è lo sviluppo della creazione, la sinfonia che risolve un’azione incompiuta.// […]”.

Written by Alessia Mocci

Info

Sito Negretto Editore
https://www.negrettoeditore.it/

Facebook Negretto Editore
https://www.facebook.com/negrettoeditoremantova/

Intervista Cinzia Migani – Memorie di Trasformazione
http://oubliettemagazine.com/2018/10/16/intervista-di-alessia-mocci-a-cinzia-migani-autrice-del-saggio-memorie-di-trasformazione-storie-da-manicomio/

Fiabe Berta Bassi
https://www.ibs.it/fiabe-da-leggere-da-ascoltare-libro-berta-bassi/e/9788895967202

Intervista Giancorrado Barozzi
http://oubliettemagazine.com/2018/04/16/intervista-di-alessia-mocci-a-giancorrado-barozzi-vi-presentiamo-altruismo-e-cooperazione-in-petr-a-kropotkin/

Sito Odori Suoni Colori
http://www.odorisuonicolori.it/

Social News ‒ Tra qualità e difficoltà finanziarie
http://www.socialnews.it/blog/2010/02/01/tra-qualita-e-difficolta-finanziarie/

Social News ‒ Terzo settore ed editoria di qualità
http://www.socialnews.it/blog/2013/01/28/terzo-settore-ed-editoria-di-qualita-quando-il-rapporto-funziona/

Fonte
http://oubliettemagazine.com/2018/12/21/intervista-di-alessia-mocci-a-silvano-negretto-quando-la-filosofia-incontra-leditoria-di-qualita/

]]>
5 situazioni in cui il fabbro ti salva la giornata Thu, 27 Dec 2018 09:28:05 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513625.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513625.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT

Che ci piaccia o no, accadono eventi indesiderati. Sfortunatamente, la maggior parte di noi non pensa nemmeno ad anticipare alcuni bisogni, come la necessità dei servizi di fabbro, finché non si presentano problemi.

Questo è il momento in cui si va in panico ma con una rapida ricerca di servizi di fabbro a Milano , Roma o altre città d’Italia (dipende dal posto in cui ti trovi) , un fabbro potrebbe risolvere il problema rapidamente, basterebbe cercare quindi su Google.

Elenco casi dell’intervento del fabbro a Milano

  • Chiuso fuori

Hai solo pochi minuti per andare al lavoro, quindi sei di fretta. Esci di casa e sbatti la porta come sai che ha un sistema di auto bloccaggio, ma quando arrivi in ​​macchina, ti accorgi che le chiavi della tua auto e della casa sono ora dentro casa , appoggiati sul tavolo della cucina. Sono sullo stesso portachiavi, ovviamente.

Non puoi andare al lavoro, senza le chiavi della macchina, e non puoi entrare in casa per prenderli. Questo è il momento in cui hai bisogno di un fabbro. Stai tranquillo, ci sono molte offerte sul mercato dei servizi di fabbro a Bologna , quindi troverai una soluzione al tuo problema. A proposito, questa è una delle richieste più comuni che i fabbri ricevono, quindi non sei l’unico. Sii più attento la prossima volta, però!

  • Serratura rotta

Diciamo che è la stessa mattina, ma questa volta non tieni bloccato. Tuttavia, c’è un problema. Non puoi lasciare la casa perché la serratura è rotta: la porta non si chiuderà!

Non c’è bisogno di farsi prendere dal panico o arrabbiarsi, gli stessi servizi di fabbro possono salvare la tua giornata a Bologna . 

  • Estrazione chiave

Se ti sei trovato nella situazione in cui hai rotto la chiave nella serratura, una cosa che dovresti evitare è iniziare a cercare di tirar via la chiave da solo. Forzando il blocco per estrarre la chiave, si rischia di danneggiare permanentemente la serratura.

Certamente non vuoi sostituirlo, poiché i costi saranno significativamente più alti. Questo è un altro esempio quando si richiede un fabbro. Un tale professionista è addestrato ed esperto nella gestione di tali situazioni.

  • Cambio serratura 

Un altro scenario, la stessa soluzione. Quando è necessario cambiare una o più serrature in casa, è necessario che l’installazione venga eseguita da un professionista. Se sei all’altezza, potresti farlo da solo, ma chiamare un fabbro potrebbe farti risparmiare tempo e denaro.

I rischi che eviterai in questo caso si riferiscono al danneggiamento della porta mediante perforazioni non necessari o posizionamento errato, cattive misurazioni, ecc.

  • Serratura forzata

Speriamo che tu non ti trovi in una situazione del genere.

Tuttavia, è necessario chiamare un tecnico fabbro professionista dopo lo sfortunato evento, solo per assicurarsi che vengano eseguite le riparazioni necessarie e che la proprietà sia immediatamente protetta.

Questi sono solo alcuni esempi.

Sii pronto per l’imprevisto, sempre. Anche se non hai mai avuto problemi di questo tipo, assicurati di avere un piano e salvare sul cellulare il numero del tuo fabbro di fiducia

]]>
Segnalazione fiera "Nozze d'Autore a Villa Borromeo 2019 - 7a edizione" Wed, 26 Dec 2018 20:14:31 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/511567.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/511567.html Sposimmagine Sposimmagine Buongiorno, vorremmo segnalare un evento fieristico per gli sposi in
provincia di Milano, la 7a edizione della fiera per gli sposi "Nozze
d'Autore a Villa Borromeo" organizzata da Sposimmagine, domenica 31
marzo 2019 presso Villa Borromeo di Cassano d'Adda (MI), nella speranza
che possa essere di interesse per le lettrici di comunicati.net.

Ringraziamo per l'attenzione, e porgiamo i nostri migliori auguri per un
fruttuoso 2019.

Cordialmente,

Livio e Sabrina Piantelli
Sposimmagine
www.sposimmagine.it


SITO PER PREREGISTRAZIONE SPOSI e per il calendario delle future fiere
Sposimmagine
http://www.sposimmagine.it/fiere

POSTER
http://sposimmagine.it/images/jevents/nozzedautore2019-650x910px.jpg
https://goo.gl/eWLxEM

VIDEO INVITO
https://youtu.be/6c14uFqonc0
https://www.youtube.com/watch?v=6c14uFqonc0

EVENTO FB
https://www.facebook.com/events/654122688317894/


COMUNICATO STAMPA
Fiera Nozze d'Autore a Villa Borromeo 2019, 31 marzo Cassano d'Adda (MI)

7a edizione della fiera sposi presso Villa Borromeo di Cassano d'Adda
(MI), ingresso gratuito

Domenica 31 marzo 2019 dalle 10.00 alle 18.30 Villa Borromeo di Cassano
d'Adda ospiterà la 7a edizione della fiera per gli sposi "Nozze
d'Autore", mostra dedicata al matrimonio organizzata da Sposimmagine che
richiama ogni anno le coppie di Milano, Bergamo, Brianza, Crema e
Franciacorta con offerte a tutto tondo per le coppie di sposi in cerca
di prodotti e servizi di qualità per organizzare un ricevimento di nozze
memorabile, nel segno del gusto e dell'eleganza 100% made in Italy.
Circa 50 gli espositori, selezionati tra rinomati artigiani locali,
giovani realtà aziendali e affermati professionisti del settore
matrimoni in Lombardia. In programma prove e consulenze gratuite di
trucco sposa e acconciatura da sposa, e speciali promozioni riservate ai
visitatori che si preregistreranno sul sito di Sposimmagine scaricando
l'invito-coupon digitale. Ingresso libero, presente servizio bar ristoro
e ampio parcheggio gratuito.

--
Sposimmagine
Organizzazione Eventi
Via delle Robinie 4/a, 24040 Arzago d'Adda
tel. 340.0877757 - P.I. 03203500164
www.sposimmagine.it

]]>
Specialisti Magento: per usare Magento al meglio hai bisogno di un team Mon, 24 Dec 2018 14:43:12 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513626.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513626.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Gli specialisti Magento, così come i siti in Magento, non sono tutti uguali. Ma a cosa deve dare importanza un cliente quando si trova a dover scegliere un’agenzia Magento? Sicuramente che abbia le giuste competenze, molta esperienza e personale adeguato, ma non solo…

L’esperienza spinge a fare attenzione perché le agenzie Magento non sono tutti uguali. Anzi, ogni agenzia Magento è diversa dalle altre.

L’articolo vuole essere un supporto “gratuito” a chi, per la prima volta, si sta chiedendo come scegliere il nuovo fornitore, dove sceglierlo e quali caratteristiche fondamentali devono avere gli specialisti Magento che lo seguiranno.

1) SPECIALISTI MAGENTO con CERTIFICAZIONE
Innanzitutto non tutti i magentisti sono specialisti Magento certificati. Ciò significa che fra i vari consulenti ci sono quelli certificati che conoscono approfonditamente la materia, quelli che la conoscono abbastanza, quelli che la imparano grazie al progetto che affidate loro.

Le certificazioni valgono per il singolo programmatore. Infatti, gli specialisti Magento che si occupano della programmazione sono diversi da quelli che fanno il SEO o da quelli che si occupano della parte applicativa (tipo i plugin e le funzionalità), del design, del web marketing. Così come, gli specialisti Magentoche ricoprono il ruolo di store manager è difficile che siano anche sistemisti.

Insomma, per usare Magento al meglio hai bisogno di un team.

2) MAGENTO ENTERPRISE oppure MAGENTO COMMUNITY
Esistono due Magento. Uno si chiama Enterprise ed è usato dalle grandi aziende, l’altro si chiama Community ed è solitamente usato dalle piccole e medie imprese.

Magento Community è la versione più utilizzata in Italia.

Chi usa Enterprise ha un Magento “più stabile” con qualche plugin in più già installato e con il supporto USA.

Per gli italiani, per i nostri volumi e per il nostro modo di approcciare il mercato, nel 90% del casi Magento Community va benissimo, fermo restando che le eccezioni ci sono sempre.

3) COMMUNITY: MAGENTO 1.9.x oppure MAGENTO 2
La Community in questo momento ha due versioni in uso: la 1.9.x e la 2.
L’ultima ha ancora qualche bug e va bene solo in alcuni casi. In altri invece potrebbe fare impazzire gli sviluppatori. Pertanto, prima di scegliere, consapevoli che ogni progetto è un caso a sé, è meglio chiedere ad un’agenzia Magento che abbia esperienza sia sulla 1.9 che sulla 2: non è sempre oro quello che luccica!

4) MIGRAZIONE DA MAGENTO 1 a MAGENTO 2
La migrazione da un Magento all’altro richiede un lavoro non indifferente in quanto la versione 2 presenta caratteristiche diverse rispetto alla 1.9. Pertanto è necessario pensare alla migrazione come un vero e proprio progetto a sé stante.

Fai la migrazione solo se necessario, ogni agenzia Magento con esperienza saprà consigliarti la soluzione più indicata per te.

5) MIGRARE MAGENTO DA ENTERPRISE A COMMUNITY
Esatto, hai capito bene: nelle agenzie Magento capita di vivere ogni situazione, anche quella di seguire clienti partiti con Magento Enterprise che poi vogliono migrare alla Community.

Ma perché ciò avviene? Perché chi ha dimensionato il progetto ha fatto male i conti. Un’Enterprise, infatti, va installata solo se c’è un motivo. E il fatto che tu, azienda cliente, sia una grande azienda non è il presupposto migliore per scegliere questa versione piuttosto che la Community.

6) CONSULENTI MAGENTO
Gli specialisti Magento possono essere di vario tipo.

Chi scrive, ad esempio, conosce molto bene la parte web marketing di Magento, la parte SEO e SEM ma magari è meno ferrato nella programmazione di Magento. Quindi, il singolo specialista Magento in realtà non copre tutte problematiche relative allo sviluppo di Magento, in quanto è un progetto il cui sviluppo passa attraverso varie professionalità.

7) INTEGRAZIONE MAGENTO ERP
È normale integrare il proprio e-commerce con il proprio gestionale o ERP. Ci sono cose che Magento non fa. Per esempio, non gestisce il magazzino, non fa la contabilità, non gestisce i fornitori.

Magento è un e-commerce ed è la vostra vetrina online dotata di cassa e carrello. Tutto qui: l’intelligenza del sistema generalmente sta nell’ERP, Magento gestisce le vendite.

8) INTEGRAZIONE MAGENTO SAP / AS 400
Sap è uno degli ERP più usati in Italia e nel mondo all’interno di aziende multinazionali o strutturate. Fondamentale è scegliere un’agenzia Magento che sappia integrare al meglio i due programmi.

9) CARATTERISTICHE AGENZIA MAGENTO
In sintesi verifica che la tua agenzia Magento abbia in casa le giuste competenze, molta esperienza e il personale adeguato che possa essere da supporto in tutte le fasi della vita del tuo Magento: dalla progettazione al Go Live, alla manutenzione evolutiva al debugging. Inoltre, assicurati che sia in grado di fondere competenze marketing e tecniche, che sappia gestire la parte SEO, l’advertising sui motori di ricerca o sui Social Network.

Magento cambia continuamente: hai bisogno di un consulente che ti risponda in modo veloce, efficiente, adeguato. Hai bisogno di specialisti Magento che siano sempre preparati e in grado di evolvere prima di te e con te.

Una delle agenzie Magento con certificazione che ha fatto, per esempio, dell’’integrazione SAP Magento uno dei propri cavalli di battaglia è Marketing Informatico, web agency presente a Milano, Bologna e Rimini.

Il management di Marketing Informatico,infatti, arriva proprio dal mondo SAP. Inoltre, il team della web agency è in grado d’integrare Magento con AS 400 e con altri gestionali italiani, fornisce App per Magento al fine di potenziare le vendite da mobile, è in grado di integrare Magento con WordPress e con piattaforme e market place come Amazon o Ebay. Ma non solo, l’esperienza maturata nel campo, anche attraverso progetti per clienti Enterprise, permette a Marketing Informatico di fornire alle aziende clienti consulenti, formazione e supporto per gestire al meglio Magento.

Sogni anche tu di far volare il tuo Magento? Con il giusto team di specialisti certificati puoi!

Fontemarketinginformatico.it

]]>
Il Presepe Vivente di Parco Nocera Mon, 24 Dec 2018 12:10:04 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/511197.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/511197.html Comitato Organizzatore di Parco Nocera Comitato Organizzatore di Parco Nocera Carissimi di Comunicati.net 
mi avete da poco pubblicato un comunicato relativo al Presepe Vivente di Parco Nocera a Cerami. 

Non essendo riuscito ad includere una foto della manifestazione, vi rinvio in allegato il comunicato includendo anche una foto, se potete aggiungerla a quanto già inviato.

Grazie e cordiali saluti,
Giovanni Castellana per il Comitato Organizzatore del Presepe.

Cerami 24/12/2018
]]>
Il Presepe Vivente di Parco Nocera a Cerami Mon, 24 Dec 2018 11:53:45 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/511190.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/511190.html Comitato Organizzatore di Parco Nocera Comitato Organizzatore di Parco Nocera COMUNICATO STAMPA

 

A CERAMI IL PRESEPE VIVENTE

 

Nella suggestiva cornice di Parco Nocera, a Cerami, sotto il Gigante che Dorme sulla Montagna, nei prossimi giorni, è possibile visitare un Presepe Vivente.

La Capanna che accoglie il Bambino Gesù, la Madonna, San Giuseppe e altri personaggi tipici, è ospitata in un antico palmento. Da lì, attraverso una parte del Parco, inizia un percorso emozionale fuori dal tempo,  animato da personaggi agresti e da animali del luogo che ricreano le atmosfere del passato, oggi del tutto estranee alle nuove generazioni.

L’intento degli organizzatori è quello di proporre la riscoperta delle Tradizioni e la valorizzazione della Civiltà Contadina, di cui sarà possibile ammirare vari oggetti in esposizione.

La manifestazione è patrocinata dall’Amministrazione Comunale di Cerami.

Il 5 Gennaio, alle 18, sarà anche possibile assistere all’arrivo dei Re Magi a cavallo.

Il Presepe Vivente di Parco Nocera è visitabile il 26 e il 30 Dicembre e il 5 Gennaio, dalle ore 18 sino alle 21.

L’ingresso è libero e gratuito e gli ospiti alla fine della loro visita riceveranno un gradito omaggio.

 

 

Il Comitato Organizzatore del Presepe Vivente di Parco Nocera

 

Email:    esprit7@live.it 

Infotel: 347 0351409

]]>
La ” Web Tv Studios ” Vi Augura Buone Feste Mon, 24 Dec 2018 11:21:25 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/511174.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/511174.html WEBTVSTUDIOS WEBTVSTUDIOS “Auguri di Buon Natale”, “grazie, anche a te e famiglia”. No, quest’anno niente frasi del genere. Speriamo di ricevere degli auguri originali dagli amici più intimi e dai parenti. Video Spoot 

E, allo stesso modo, cerchiamo di inviare parole non banali, che esprimano l’affetto che nutriamo per la persona a cui ci rivolgiamo. A volte, però, la fantasia proprio non si trova e così ci rassegnamo a inoltrare un classico, standard, triste messaggino a tutta la rubrica. Come se fosse un obbligo inviare due parole di auguri alle persone a noi più care. Quest’anno però basta. E se la fantasia (giustamente anche lei)  chiede un po’ di riposo per le feste, ecco qualche consiglio utile per le migliori frasi di auguri di Natale per il 2018. Ideali da inviare via Whatsapp, Facebook o Sms.

 La verità è che a causa del lavoro e degli impegni vari non abbiamo molto tempo a disposizione per vederci e stare un po’ insieme. Per questo amo il Natale. Perché potrò passare un po’ di tempo con te, senza pensare a nulla. Questo è il regalo per me più grande. Buon Natale

– I pranzi, le cene, i parenti. Molte volte preferiremmo evitare tutto ciò e dedicarci a quello che realmente vorremmo fare, più che essere obbligati dalle tradizioni di famiglia. Ma in fondo il bello del Natale sta anche in questo. Sarebbero molto poche le volte in cui ritrovarsi tutti e stare un po’ insieme. Per questo amo il Natale. Buone feste

Con l’augurio che il Santo Natale vi porti, fra i doni sotto l’albero, infinita serenità. Buon Natale

Canale di Informazione Web Tv Studios https://www.facebook.com/webtvstudioshttp://www.webtvstudios.ithttp://www.romavideoeventi.it/

News, Sport, Spettacolo, Teatro, Sfilate di Moda

Un’immagine illustra … Il Video ti emoziona!

CLICCA QUI per lasciare una recensione su Facebook Web Tv Studios

]]>
Padova solidale per il Natale delle famiglie bisognose Sun, 23 Dec 2018 17:41:25 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513628.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/513628.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT Padova, in questi giorni, come per tradizione la città si veste di Natale ed avvolge i cittadini in un’atmosfera piena di calore, simpatia e spirito di fratellanza.  Luminarie, banchetti, mercati e diverse iniziative di volontariato si trovano in ogni angolo della città. In questi giorni, nel centro cittadino sono presenti anche i volontari dell’associazione La via della felicità con un’iniziativa benefica rivolta alle persone meno fortunate della nostra città.

L’iniziativa che continua da oltre 20 anni, ha lo scopo di far sentire, anche le persone che stanno attraversando momenti di difficoltà, meno sole e ancora partecipi alla vita della comunità, nonostante l’attuale stile di vita e lo stress della vita quotidiana.

Questo tipo di iniziativa evidenzia l’importanza dei valori sociali e familiari, che sono parte della nostra tradizione, come la famiglia stessa rappresenta la tradizione e saggezza della nostra società. 

Sabato 22 Dicembre, come ogni anno, c’è stata l’attesissima festa ospitata dalla Chiesa di Scientology di Padova, per festeggiare il Natale con la consegna dei regali raccolti dai volontari dell’Associazione La Via della Felicità e donati dai cittadini come simbolo di fratellanza e di rispetto, per coloro che vivono al nostro fianco con delle difficoltà economiche da superare.

La via della felicità diventa molto più luminosa seguendo questo precetto tratto nella guida al buona senso ”La Via della Felicità”  scritta dall’umanitario L. Ron Hubbard che cita: ”Cerca di trattare gli altri come vorresti che gli altri trattassero te”.  

Per maggiori informazioni scrivici a padova.laviadellafelicita@gmail.com o visita il sito www.laviadellafelicita.org .

Doni raccolti dai volontari dell’associazione La Via della Felicità ]]>
Intervista di Alessia Mocci ad Ennio Cavalli e Bonifacio Vincenzi per l’uscita di Secolo Donna 2018 Fri, 21 Dec 2018 19:00:14 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/512487.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/512487.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT

“[…] In sogno un giorno l’ho ricordata. Mi mostrava confini./ “È la nostra antichità”, diceva mia madre, “l’arma che manca./ La bellezza del mondo, la bellezza di altri”./ Voce del primo giorno:/ “Vedi, là, da parte a parte il mare raduna le terre./ Non temere questa discesa dalla potenza alle mie braccia”./ Era dietro di me? E non le chiesi come mi chiamavo?/ Niente dubbi sul mio nome, non ancora./ Ero ciò che sarei stata, un futuro che manca all’eternità.// […]” ‒ “Libro I” ‒ Paola Malavasi

La bellezza del mondo narrata in versi, la bellezza dell’antichità giunta in sogno, il non chiedere il proprio nome tanto era lo stupore per la visione del creato. Paola Malavasi aveva appena quarant’anni quando è scomparsa improvvisamente il 18 settembre 2005 a Venezia.

Lo scrittore Bonifacio Vincenzi e la casa editrice Macabor Editore hanno voluto dedicare alla sua memoria l’edizione del 2018 de “Secolo Donna – Almanacco di poesia italiana al femminile” recentemente divulgato nelle librerie fisiche ed online. La monografia su Paola Malavasi prende avvio con l’introduzione del poeta, giornalista e compagno della vita Ennio Cavalli, seguono gli interventi di Maria Cristina Mannocchi, Maria Grazia Calandrone, Emilia Sirangelo, Valentina Calista, Antonella Anedda, Derek Walcott, Gabriella Sica, Adam Zagajewski e prosegue con una selezione di poesie dell’autrice.

L’almanacco dedica uno spazio a Nadia Campana, scomparsa nel 1985, con la pubblicazione di due inediti conservati nell’archivio personale di Milo De Angelis; presente il ricordo della poetessa calabrese scomparsa nel 2003 Ermelinda Oliva.

Nella Piccola Antologia poetica conosciamo più da vicino poetesse di valore come Maddalena Bergamin, Paola Loreto, Alessandra Paganardi (Nord Italia); Laura Corraducci, Lella De Marchi, Giorgia Spurio (Centro Italia); Elena Bartone, Marisa Papa Ruggiero, Ornella Spagnulo (Sud Italia); Daìta Martinez, Marina Minet, Teresa Zuccaro (Italia insulare). E delle giovanissime nate a partire dagli anni 90 Mariapia L. Crisafulli, Damiana De Gennaro, Chiara Alessandra Piscitelli.

Per la poesia al femminile del resto del mondo si presentano ai lettori italiani poesie di Ana María del Re (Venezuela), Sylvie Fabre G. (Francia), Alla Gorbunova (Russia) con le traduzioni di Marcela Filippi Plaza, Gabriella Serrone e Paolo Galvagni.

Presentare in poche righe una pubblicazione così variegata è pressoché impossibile, “Secolo Donna 2018” è una selezione raffinata di poetesse che sono riuscite ‒ e riescono ‒ ad ascoltare il canto interiore, voce narrante e coro si amalgamano armoniosamente nella tessitura per donarci ciò che hanno visto: un frammento della luce. 

A.M.: Salve Bonifacio mi congratulo per la nuova pubblicazione “Secolo Donna 2018”, un almanacco della poesia italiana al femminile. Come nasce l’idea di questo almanacco?

Bonifacio Vincenzi: Era da qualche anno che ci pensavo e come succede spesso ho dovuto affrontare e risolvere alcune perplessità che, in qualche modo, mi frenavano. C’era proprio bisogno di un Almanacco di poesia al femminile in Italia? Era una domanda a cui non sapevo rispondere. O meglio, quello che più temevo, è che mi si accusasse di voler fare della poesia al femminile una sorta di genere, e non era assolutamente il mio intento. Secolo Donna nasce dalla consapevolezza che questo secolo dimostrerà ampiamente il valore delle donne non solo nella poesia ma in tutti i campi. È il loro secolo. La loro grande occasione per ripagarsi di tutti i torti subiti nei secoli passati.

A.M.: L’edizione del 2018 è dedicata alla poetessa, insegnante e giornalista Paola Malavasi ma ritroviamo all’interno anche altre poetesse italiane e straniere. La selezione percorre la via della conclusione della trattativa con l’ombra?

Bonifacio Vincenzi: Trattativa con l’ombra è in realtà è il titolo di una raccolta di poesie di Ennio Cavalli. Un canzoniere d’amore dedicato a Paola, una ribellione costante alla sua assenza. Passano gli anni e questa lunga trattativa non riesce a risolversi. E questo ci fa pensare alla straordinaria persona che è stata Paola. Ma Paola Malavasi è anche una grande poeta. E come scrivo nell’introduzione al volume è giunto il momento di chiudere questa lunga trattativa con l’ombra, iniziare un nuovo rapporto, vivo, intenso, importante e trovarlo nella magica dimensione della sua poesia. L’unica vita possibile per Paola ora è lì nel lieve brivido che danno i suoi versi ad ogni carezza dello sguardo.

A.M.: Ennio la ringrazio per il tempo che ha voluto dedicare all’intervista soprattutto in questi giorni frenetici successivi alla pubblicazione de “Secolo Donna 2018”. L’introduzione, “La perfetta sconosciuta”, è dedicata all’assenza vista ora come Euridice ora come pagine mai scritte o semplicemente come ciò che resta. Ma se ciò che non c’è è ciò che resta, in quale spazio potremo collocare la presenza? E dunque quale spazio dare alla vita ed alla necessità del presente?

Ennio Cavalli: Il mito di Orfeo e Euridice mi ha colpito al punto da rielabolarlo, in pieno attrito con l’oggi, nel poema dal titolo “Orfeo e il Signor Tod” (La Vita Felice 2018). Queste pagine sono il seguito delle poesie per Paola riunite in “Trattativa con l’ombra” (Aragno 2013) e rappresentano un tentativo di uscire dal vortice e oggettivare il tema della perdita, sottraendo dal costrutto, in modo elementare, la fantasia dell’impossibile. Mi chiedo, tra l’altro, cosa sarebbe successo se Euridice fosse tornata in vita, accanto a Orfeo. Sarebbero stati indenni oppure no da litigi, incomprensioni, gelosie, tipiche di un rapporto di coppia borghese? Comunque l’alibi di Orfeo sta nella sua capacità di sognare. Poesia o non poesia, Orfeo si spinge fino alla superficie calpestabile dell’Ade e avvia un patteggiamento seduttivo per la restituzione dell’ostaggio. Tutto questo può avvenire solo in sogno o nel teatro della propria anima. Ma a riportarci coi piedi per terra, ecco il Signor Tod in persona, l’impresario di tutta la baracca. “Der Tod”, in tedesco, significa “Morte”, parola di genere maschile. Per assurdo, il fallimento di Orfeo, la perdita definitiva di Euridice, comporta il ritorno alla vita dello stesso Orfeo, costretto a ridimensionare l’impossibile e a fare i conti con ciò che resta. Orfeo e Euridice, clamorosi amanti, potrebbero ora incarnare due anziani con l’Alzheimer, un bambino col suo cane, una coppia gay, Achille riflesso in Patroclo, Gilgameš sopraffatto da se stesso, una migrante col figlio in braccio, un idraulico finito fuori strada col furgone, un drogato in crisi di astinenza, il muro contro muro di fanatismi religiosi. Quei due potrebbero essere diventati o avere accolto in sé qualcosa di diverso, di lontano (ma non di estraneo), coprendosi le spalle per continuare a indovinarsi. Ogni creatura è un riassunto di metamorfosi. Da lì veniamo: gocce di sudore e di rugiada che l’Eterno si scrolla di dosso. Non a caso la testa mozzata di Orfeo solcherà il fiume continuando a cantare. Niente inceppa il corso delle cose. Mito o non mito, il passato taciturno spennella l’universo con il suo fulgore. E il futuro mostra quanti denti ha ancora in bocca, quanti grilli inesausti per la testa.

A.M.:Stanotte ho sognato un’altra Isola./ Una catena di canali a specchio con case,/ capanne sotto le capanne e stalle e buchi sotto le colline./ […]” Paola era solita sognare isole? Qual era il vostro rapporto con l’onirico?

Ennio Cavalli: Chi non sogna isole? L’universo è imprendibile anche con le tenaglie dell’inconscio. Ricordo lunghe passeggiate fatte assieme a Paola, per meta il nostro stesso dialogo. Nel fare jogging, parlavamo di Dio e di cosa ci sarebbe andato di mangiare la sera.

A.M.:Da quando il vento ha smesso di fischiare/ In una stanza sulla strada, lavoro a case di parole./ Non so se le parole hanno già un’ombra./ Ma salgono dal colle battuto dal vento/ che non ha ancora un nome/ e che da oggi vorrei chiamare “colle del canto”.” Essere poeti è possedere innata la sensibilità di ascoltare il canto?

Ennio Cavalli: Essere poeti significa “avere orecchio” per un sacco di cose: umanità, storia, natura, coscienza del proprio tempo e poi i grandi interrogativi che ci fanno uomini (impastati, cioè, di humus). Il poeta non ha formule nascoste o segrete per interpretare tutto ciò. Ha bisogno di esperienza, paragoni, compassione, allegria, infine capacità e perizia per cucire bordi e asimmetrie con l’ago e il filo di una visione originale.

A.M.: “[…] Ferma sulla spiaggia ho visto un giorno le ossa duplicarsi/ e i denti, i muscoli, la carne gonfiata di inconsapevole sapienza./ Le mie braccia erano prati di frumento e subito dopo solitudine./ Ero nella storia comune e sono stata terra, volto, petali/ sparsi in conteggi futili.// […]” Che cos’è l’inconsapevole sapienza?

Ennio Cavalli: Forse è il brivido che ti prende quando hai l’impressione di riconoscere in te una goccia di universo e nel tuo pensiero il respiro del divenire. Perfino la fisicità ha barlumi di assoluto, penso che Paola volesse dire questo.

A.M.: Fra tutte le poetesse citate nell’almanacco ha notato qualche verso che le ha destato interesse?

Ennio Cavalli: Ho appena ricevuto il libro e mi fermo alla prima delle poetesse presenti nell’antologia, Nadia Campana. Mi colpisce la “nudità” felliniana di questi versi: “I mangiatori di fuoco ballano verdi/ sulle colline e si incarnano dalla bocca/ che getta scintille staccano capogiri/ e ricordi come stelle“. Ecco, la vera poesia dovrebbe riuscire a “staccare capogiri” dalla testa di chi la legge.

A.M.: Sono in programma presentazioni de “Secolo Donna 2018” per la chiusura dell’anno oppure saranno rinviate al 2019?

Bonifacio Vincenzi: La serie di presentazioni, come consuetudine, partirà all’inizio del 2019. Mi piacerebbe iniziare da Bracciano, in provincia di Roma con una prima presentazione al Liceo Ignazio Vian, dove Paola ha insegnato. Subito dopo le feste contatterò la dirigente e spero di ottenere delle risposte positive. Poi cercheremo di andare in più posti possibili. L’anno scorso le richieste sono state tante ed era, obiettivamente, impossibile rispondere a tutte. Il criterio di scelta che usiamo è quello dell’entusiasmo. Se notiamo grande entusiasmo e grande amore verso la poesia da parte di chi organizza noi faremo di tutto per fissare una data ed esserci.

A.M.: Mi piacerebbe chiudere con una citazione…

Bonifacio Vincenzi: L’azione è la più ampia porta del riscatto. Essa soltanto può dare risposta alle domande del cuore. ‒ Nikos Kazantzakis

Ennio Cavalli: Per tornare all'”inconsapevole sapienza” dei versi di Paola Malavasi, mi piacerebbe citare, a conclusione, la magnifica matrice di Walt Whitman: “Mi accorgo di incorporare gneiss, carbone, muschio dalla lunga fibra, frutti, grano, radici commestibili. E sono tutto stuccato con quadrupedi e uccelli“. Un grande panegirico sulla Natura in poche righe. Qui si saldano mondo minerale, vegetale, animale e quinta dimensione. Qui c’è lo zampino di quel gran provolone del dio Pan. Occhio a Foglie d’erba. A volte sono cavi d’acciaio.

A.M.: Bonifacio ed Ennio vi ringrazio nuovamente per la disponibilità e vi saluto con le parole del poeta, pittore ed aforista libanese Khalil Gibran: “Il maestro se egli davvero è saggio non vi invita ad entrare nella casa della sua sapienza, ma vi guida sulla soglia della vostra mente.”

Written by Alessia Mocci

Info Sito
Macabor Editore
http://www.macaboreditore.it

Acquista Secolo Donna 2018
https://www.macaboreditore.it/home/index.php/libri/hikashop-menu-for-categories-listing/product/61-secolo-donna-2018-paola-malavasi-e-la-sua-casa-di-parole

Fonte
http://oubliettemagazine.com/2018/12/18/intervista-di-alessia-mocci-ad-ennio-cavalli-e-bonifacio-vincenzi-per-luscita-di-secolo-donna-2018/

]]>
Vino online, Enoteca d’Autore ha un nuovo e-commerce Fri, 21 Dec 2018 12:29:05 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/512488.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/512488.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT L’enoteca online si rifà nell’aspetto e nei contenuti: il nuovo negozio di vini, birre, liquori, distillati è disponibile sul web, sempre in linea con la missione dell’azienda.

Enotecadautore.it si rinnova: il sito dell’enoteca online ha un nuovo aspetto. Veste grafica coerente all’identità dell’azienda, design pensato per tutti i dispositivi, catalogo sempre più ricco e, soprattutto, esclusivo.

Su www.enotecadautore.it la vendita di vino online, liquori, birre artigianali, distillati e bontà tradizionali si orienta a un’offerta che risponde ai desideri di palati sopraffini, amanti della qualità assoluta. L’enoteca la propone con etichette che esprimono l’eccellenza nel settore sia a livello nazionale che internazionale. Grandi nomi si leggono nella categoria produttori, come Antinori, Ornellaia, Roberto Voerzio, Corbon, accanto a quelli meno famigerati ma altrettanto esclusivi per la loro capacità di saper valorizzare le risorse locali e imbottigliarne l’essenza.

Lo scopo è quello di proporre icone di stile e territorialità che raccontino la cultura del vino, online.

“ Enotecadautore.it è il canale che abbiamo scelto – si legge nel sito e-commerce – per narrare le storie imprenditoriali di produttori che, con le loro creazioni, ci permettono di soddisfare la curiosità edonistica dei consumatori.”

A dirlo sono i due fautori, professionisti del settore, ma prima di tutto amici, uniti dalla comune passione per l’arte enologica. A dare la spinta al loro progetto è la bella Sicilia, terra d’origine dei due che, con uno scenario ricco di esperienze e potenzialità, alimenta la volontà di condividere risorse esclusive con chi sa e desidera apprezzarne il valore. Con l’e-commerce questo obiettivo non ha confini territoriali: la vendita vino online su www.enotecadautore.it si rivolge al pubblico italiano e internazionale

Il vino online, dunque, diviene esperienza che rende protagonisti della degustazione proprio gli utenti. Schede tecniche complete, con consigli su abbinamenti, modalità di conservazione e di servizio, ma anche curiosità e dettagli; notizie sui produttori, sulla loro storia e sul loro perché; infine, ma non ultimo per importanza, il blog. Quest’ultimo, con nuovi interventi ogni mese, supporta il progetto con approfondimenti sulle cantine, sulle singole bottiglie o sui prodotti artigianali e con deliziose idee per rendere più gustose le occasioni conviviali in cui la tavola è protagonista.

Il nuovo Enotecadautore.it è a portata di clic.

]]>
6 passaggi per pulire i filtri del condizionatore Thu, 20 Dec 2018 16:48:34 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/512489.html http://zend.comunicati.net/comunicati/turismo/manifestazioni/512489.html BIZCOMIT.IT BIZCOMIT.IT

Vivendo in città con un sacco di inquinamento e e chi usa principalmente l’aria condizionata per rinfrescare e riscaldare la casa, è importante mantenere puliti i filtri. Questa pulizia del condizionatore non solo migliorerà la qualità dell’aria della tua casa, ma aiuterà anche a migliorare l’efficienza del tuo climatizzatore e a mantenerlo in buona forma più a lungo.

Pianificare la pulizia periodica è essenziale per garantire una casa più sana in quanto i filtri accumulano non solo sporco, ma anche agenti patogeni e allergeni.

Poiché la maggior parte di noi ha delle domestiche che aiutano a casa, una buona pulizia è raccomandata almeno due volte al mese e dovrebbe comportare qualcosa di più della semplice gestione dei filtri sott’acqua. Questi sono i passi per mantenere una casa in buona salute.

Passaggio 1: aprire il condizionatore d’aria e rimuovere i filtri

Spegnere il condizionatore principale e rimuovere i filtri. Controlla attentamente la loro posizione in modo da poterli reinstallare facilmente. Se noti eventuali strappi, è meglio sostituire i filtri .

Passo 2 – Aspirare o batterli delicatamente all’esterno

Sbarazzati di tutto lo sporco accumulato e della sporcizia.

Passaggio 3: Lavare e disinfettare i filtri

Riempi un secchio con acqua e aceto (per uccidere i batteri nocivi e gli allergeni che potrebbero essersi accumulati nel filtro), puoi trovare bottiglie economiche nei supermercati. I filtri dovrebbero essere in grado di immergersi totalmente quando vengono posti all’interno.

Passaggio 4: immergere

Se non si sono puliti i filtri di recente, lasciarli per circa 4 ore per ottenere una corretta sanificazione o immergere per 1 ora se si puliscono regolarmente. In questa volta, la tua CA dovrebbe rimanere spenta.

Passaggio 5: scaricare (senza risciacquo) e asciugare

Rimuovere i filtri dalla soluzione detergente e lasciare defluire la miscela. Non risciacquare i filtri poiché ciò annullerebbe gli effetti del processo di sanitizzazione. Di solito li lascio dentro il bagno o sotto il sole sul balcone.

Passaggio 6 – Rimetti i filtri dentro il condizionatore

Rimetti i filtri nel condizionatore e goditi l’aria più pulita.

Se invece sei un po pigro e desideri che venga fatta la pulizia ed eventuali riparazioni da una ditta di assistenza condizionatori potrai trovare su Google diverse ditte che effettuano il servizio economico , una di queste è www.assistenza-condizionatori.com

]]>