Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Galleria Tondinelli Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Galleria Tondinelli Sun, 20 Sep 2020 08:10:44 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://zend.comunicati.net/utenti/2339/1 Galleria Tondinelli-Chiusura fine locazione Wed, 24 Jul 2013 11:34:21 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/288161.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/288161.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli 0 0 1 278 1586 Galleria Tondinelli 13 3 1861 14.0

Con sommo dispiace comunico la chiusura della galleria a mio nome sita in Roma in via Quattro Fontane 128/a per finita locazione. Pertanto mi trovo a dover fare una vendita promozionale vantaggiosa per chi acquista a prezzi interessanti delle opere e cataloghi in mio possesso.
Vi invito tutti a voler partecipare a questa vendita di opere e cataloghi che avrà inizio
il 25 luglio 2013.

Orari: lunedì-venerdì 10.30-12.00 e 16.30-19.00. Sabato 16.30-19.00
Io proseguirò la mia attività in altre location da definire e sarà mia premura avvisarvi in tempo per dove.

Nel frattempo la galleria proseguirà la sua attività attraverso il sito www.galleriatondinelli.it.

La vendita sarà possibile fino al 28 settembre 2013. Agosto aperto. Chiuso giovedì 15 agosto 2013.

Cordiali saluti

Floriana Tondinelli

3392314606

info@galleriatondinelli.it

 

 

With great regret I inform you the closing of my art gallery in my name located in Rome in


Via Quattro  Fontane 128 / A for end of lease. Therefore I find myself having to make a

 

promotional sale  advantageous for those who buy at attractive prices of the art works and catalogs

 

in my possession. I invite you all to participate in the sale of art works and catalogs which will begin July 25, 2013.


Hours: Monday to Friday 10:30 to 12:00 and 16:30 to 19:00. Saturday 16:30 to 7:00 p.m.

 

I will continue my work in other locations to be determined and it will be my duty to warn you in

 

time to where.

 

In the meantime, the gallery will continue its work through the web site www.galleriatondinelli.it.

The sale will be possible until 28 September 2013. August open. Closed thursday 15 august 2013.

 

Sincerely

Floriana Tondinelli

3392314606

info@galleriatondinelli.it

]]>
Comunicato stampa mostra Kari Elisabeth Haug-Sognando Edvard Munch Tue, 30 Apr 2013 17:50:29 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/276761.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/276761.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli COMUNICATO STAMPA

 

con il Patrocinio di

Ambasciata di Norvegia in Italia

 

Mostra personale di Kari Elisabeth Haug

 

Sognando Edvard Munch

 

a cura di

Floriana Tondinelli

 

 

Inaugurazione: venerdì 10 maggio ore 18.30 e fino alle 21.00

Sede: Galleria Tondinelli Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma-Tel: 06 4744300 www.galleriatondinelli.it  

Durata: 10 maggio-5 giugno 2013

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel. 06 4744300

Orario: lunedì-venerdì 10.00-12.30 e 16.00-19.00.

           

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 10 maggio al 5 giugno 2013 la mostra personale di

Kari Elisabeth Haug “Sognando Edvard Munch”, a cura di Floriana Tondinelli.

In occasione del 150 Anniversario dalla nascita di Edvard Munch, eventi e mostre si susseguiranno in tutto il mondo per celebrare il grande Maestro norvegese simbolo dell’esistenzialismo, tema e sentimento più che mai attuale nel momento storico che stiamo vivendo. L’artista norvegese Kari Elisabeth Haug vuole rendere omaggio al grande maestro con una serie di opere a lui ispirate. Varie esperienze artistiche con vivono nelle opere di Haug, l’amore per la pittura ma anche per la poesia e la musica, suonando l’artista il pianoforte. Nelle sue tele i suoni, i colori, le sensazioni si mischiano in un unico sentimento che è espressione, intuizione, percezione [] La dimensione immaginativa della pittura visionaria di Haug mitigata da un linguaggio personale in cui l'artista evidenzia esperienze autobiografiche e appartenenti al suo quotidiano con cenni e citazioni dell’artista più amato Edvard Munch compongono queste nuove tele in un atmosfera sospesa []

Figure che sono quasi fantasmi, ricordo di un tempo passato, ma anche ombre di un futuro che andrà in definirsi (Floriana Tondinelli).

 

Kari Elisabeth Haug ha esposto in numerose mostre personali e collettive in Norvegia, New York, Roma, Parigi, Venezia, Firenze, Istanbul, Las Vegas, Principato di Monaco.

]]>
AUGURI di BUONA PASQUA e Comunicato stampa Mostra Roses & Gardens Wed, 27 Mar 2013 18:33:17 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/271637.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/271637.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli Cari amici e colleghi nell'augurarvi una Serena e Santa Pasqua vi invio con piacere il comunicato stampa della prossima mostra

Un cordiale saluto

Floriana Tondinelli

 COMUNICATO STAMPA

 

con il Patrocinio di

Ambasciata di Danimarca, Ambasciata di Finlandia,

Ambasciata di Norvegia, Ambasciata di Svezia,

Museo Orto Botanico di Roma-Dipartimento di Biologia Ambientale, Università la Sapienza di Roma

 

Mostra collettiva

Roses & Gardens. Ancient symbols

I Edizione

 

Dedicata a papa Francesco, vescovo di Roma

 

idea e cura di Floriana Tondinelli 

presentazione del prof. Aldo G. Jatosti

 

Inaugurazione: martedì 9 aprile ore 18.30 e fino alle 21.00

Sede: Galleria Tondinelli Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel: 06 4744300 www.galleriatondinelli.it  Durata: 9 aprile-3 maggio 2013

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel. 06 4744300

Orario: lunedì-venerdì 10.00-12.30 e 16.00-19.00.

            Giovedì 25 aprile e Mercoledì 1 maggio 2013 la galleria sarà chiusa

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 9 aprile al 3 maggio p.v. “Roses & Gardens. Ancient symbols”, idea e cura di Floriana Tondinelli, presentazione del prof. Aldo G. Jatosti, con opere di Kristina Assarsson (Svezia), Lis Engel (Danimarca), Caroline Pipping (Finlandia) e Ingrid Solesvik (Norvegia). Amerei offrire ai visitatori una novità, un sogno che cullavo da tempo nel cuore: avvicinare sempre di più l’espressione artistica all’inesauribile aspirazione dell’uomo alla trascendenza. Perché la cosa abbia maggior impatto ho voluto che le Muse di questo sogno fossero quattro artiste provenienti dall’estremo Nord. Da sempre nella storia dell’arte e della cultura l’Italia è stata considerata il “giardino d’Europa” e non c’era artista dotato anche di modesti mezzi che non fosse pronto a rinunciare a tutto pur di venire in Italia a nutrirsi di paesaggi, di rovine, di sole, di mare, del Paese ove “il si suona” e dei fiori, massimamente le rose.

Ho riscontrato la piena adesione delle quattro pittrici come il pubblico potrà notare osservando le loro opere. Oltre la novità, tuttavia (e qui mi faccio ardita), ho pensato di pervenire ad un’equazione tra creazione artistica, che è mistero di bellezza, e pìetas, che è mistero di divinità. Ho coinvolto Aldo Jatosti il quale si è rivelato entusiasta. Quando la mostra chiuderà i battenti saremo già entrati nel mese di maggio: il mese delle rose, ma anche il mese di Maria. Auspicando che sia la prima di una serie, sogniamo di far coincidere la devozione alla Madre di Dio con la manualità competente ed amorosa di chi ad ogni primavera fa risbocciare i giardini con le rose. Ecco: far rivivere le cose più belle che la superficilità e il nichilismo del presente ci hanno fatto dimenticare. “Bisogna alimentare la vita spirituale- ha scritto Edith Stein -specialmente quando si deve dare molto agli altri” (Floriana Tondinelli).

A corredo saranno presentati in mostra due video realizzati dall’artista australiano Paul Candy dal titolo rispettivamente “Ascension” una metafora urbana di crescita umana e “The new gold Arcadia” esseri umani nella natura. 

]]>
MOSTRA Alba Tortorici-Cina.Appunti di viaggio Tue, 26 Feb 2013 17:17:33 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/267603.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/267603.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli

COMUNICATO STAMPA

 

con il Patrocinio di

Ufficio Culturale Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese in Italia

 

Mostra personale di Alba Tortorici

 

Cina. Appunti di viaggio

 

a cura di

Floriana Tondinelli

 

 

Inaugurazione: martedì 5 marzo ore 18.30 e fino alle 21.00

Sede: Galleria Tondinelli Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel: 06 4744300 www.galleriatondinelli.it  Durata: 5 marzo-5 aprile 2013

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel. 06 4744300

Orario: lunedì-venerdì 10.00-12.30 e 16.00-19.00. Lunedì 1 Aprile 2013 la galleria sarà chiusa

 

In occasione della Festa di Primavera, meglio conosciuta in Occidente come Capodanno Cinese, la Galleria Tondinelli presenta dal 5 marzo al 5 aprile 2013 la mostra personale di Alba Tortorici, Cina. Appunti di viaggio a cura di Floriana Tondinelli.

Alba Tortorici, pittrice la cui caratteristica è dipingere luoghi visitati durante i viaggi presenta al pubblico 21 opere che ripercorrono il suo viaggio in Cina, attraverso la rappresentazione di un simbolo di comunicazione e di arte importante come il teatro cinese. L’attrice cinese rappresentata da Alba Tortorici, con la sua maschera attraversa il paese dalla Muraglia Cinese alla città di Pechino, dalla tradizione del thè agli alberi in fiore. Di opera in opera ci racconta la sua visione della Cina. Il teatro vuole essere per l’artista un punto di unione tra Oriente e Occidente. Oriente perché fedele nella sua rappresentazione, Occidente perché visto con gli occhi un’artista italiana. Le origini del teatro cinese sono profonde, il teatro ha funzione educativa e ricreativa. Ha lo scopo principale di divertire e diffondere la cultura fra il popolo che era sempre stato escluso dalle principali forme culturali. A corte, il teatro ha lo scopo di intrattenere l’Imperatore. Dagli anni ’80 in poi il teatro cinese risente molto dell’influenza del teatro occidentale.

La prima opera a giungere in occidente fu “L’orfano della famiglia Zhao”, rappresentato per la prima volta a Parigi nel 1755. Bertolt Brecht s’ispirerà su una serie di opere teatrali cinese per la stesura del suo “Cerchio di Gesso del Caucaso”.

]]>
MOSTRA SHIMA SADRA-Galleria Tondinelli-Roma Mon, 07 Jan 2013 12:18:51 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/261353.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/261353.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli COMUNICATO STAMPA

 

Mostra personale di Shima Sadra

 

Inni dall’anima

 

a cura di

Floriana Tondinelli

 

 

Inaugurazione: giovedì 10 gennaio 2013 ore 18.30-21.00

Sede: Galleria Tondinelli Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel: 06 4744300 www.galleriatondinelli.it  Durata: 10-31 gennaio 2013

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel. 06 4744300

Orario: lunedì-venerdì 10.00-12.30 e 16.00-19.00.

 

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 10 al 31 gennaio 2013 la mostra personale di Shima Sadra “Inni dall’anima”, a cura di Floriana Tondinelli.

La ricerca pittorica dell’artista Shima Sadra segue un linguaggio informale, partendo da un’ispirazione legata alla natura e al singolo elemento naturale sia esso un albero, un uccello, il cosmo.

Una rielaborazione della struttura figurativa di un paesaggio per arrivare a tele astratte con linee, cerchi, composizioni informali. Le forme, i colori, creano un linguaggio autonomo, una loro forza espressiva al di là della struttura figurativa dell’impianto pittorico. L’artista compie un percorso che la porta verso l’astrazione partendo però dal mondo naturale che la circonda, che la incuriosisce, una rielaborazione della natura, una sublimazione delle emozioni che solo la natura può dare. Memorie dell’anima che nel processo creativo trovano nuove immagini da rappresentare, nuove visioni. I Simorgh gli uccelli rappresentati sulle tele seguono un percorso antico legato alla mitologia persiana, e trovano nelle opere di Shima Sadra una nuova vita, un nuovo slancio, dal passato attraversano il presente guardando al futuro.

Shima Sadra vuole rappresentare la sua terra di origine l’Iran con uno sguardo nuovo, vivace, colorato, memorie che si sovrappongono creando diversi strati creativi con un fare tutto contemporaneo e attuale, in un costante divenire.

Un racconto che non si esaurisce nella singola opera, ma porta lo spettatore di tela in tela, di colore in colore. Un mantello pittorico che avvolge chi guarda le opere e l’impressione che si ha è quella di farne parte.

 

Shima Sadra è nata a Teheran (Iran) nel 1970. Si è laureata a Teheran nel 1996 come grafico e design.

Le sue opere sono state esposte in occasione di mostre nazionali ed internazionali.

]]>
MOSTRA BODY ANATOMY-Galleria Tondinelli Roma Tue, 13 Nov 2012 18:25:03 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/254210.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/254210.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli 0 0 1 650 3711 Galleria Tondinelli 30 8 4353 14.0 96 800x600

COMUNICATO STAMPA

 

Mostra

 

“BODY ANATOMY”

 

Carmen QUINTERO D.-LUNA · Lisbeth PETERSEN · Paolo SCROFANI · Ulla WOBST

 

a cura di Floriana Tondinelli

 

Inaugurazione: martedì 20 novembre 2012 ore 18.30-20.30

Sede: Galleria Tondinelli Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel: 06 4744300 www.galleriatondinelli.it  Durata: 20 novembre-18 dicembre 2012

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel 06 4744300

Orario: lunedì-venerdì 10.00-12.30 e 16.00-19.00

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 20 novembre al 18 dicembre 2012 la mostra BODY ANATOMY

con opere di Carmen Quintero D.-Luna, Lisbeth Petersen, Paolo Scrofani, Ulla Wobst, a cura di Floriana Tondinelli. Gli artisti di varie epoche da sempre s’interrogano sulla rappresentazione del corpo umano nell’arte, la mostra vuole evidenziare la ricerca di quattro artisti contemporanei che attraverso le loro opere esplorano vari aspetti del corpo umano, quello realistico, l’idealizzazione della figura, la sua espressione.

Carmen Quintero D.-Luna, come dice Luís A. Vázquez Estévez “Il corpo umano è talmente debole, talmente effimero, talmente variabile che avvertiamo la necessità di catturare la sua immagine nel momento della sua pienezza [….] Carmen Q.D. dalla Spagna, celebra le virtù del corpo in un atteggiamento di edonismo greco-romano, rinascimentale e contemporaneo. Mischia il sacro e il profano, che sono metamorfosi dello stesso, nel modo in cui mostra ironia della storia tirando frecciate d´oro. Fa che la modernità e l'antichità dialoghino con naturalezza. Il simbolismo di una celluloide di sogni si diffonde dal quadro: Bacco o Cristo, M.M. o B.B., Norma Jean, Giovanni Battista, Santo Graal, cupole e architetture pioniere, ammiccamenti al futuro (futurismo) e al passato.. Divertitevi con questo gioco pop al quale invita, come a un cocktail con glamour, la forza della sua opera.”

Lisbeth Petersen, è evidente nelle opere dell’artista danese una matrice espressiva nelle figure rappresentate, l’allungamento e la distorsione dei corpi in movimento, la sovrapposizione di varie parti della figura umana crea una composizione che ha molte sfaccettature e punti di osservazione. Queste deformazioni esprimono i sentimenti personali dell’artista, molto interessata alla mente umana, e al perché dei nostri comportamenti, così come il mistero della vita in generale. Cosa è meglio di un gesto per esprimere i nostri pensieri rispetto al momento che stiamo vivendo. La comunicazione gestuale ha un valore che va al di là delle parole, esprime il nostro subconscio e come ci poniamo rispetto alle situazioni della vita quotidiana. Il corpo è protagonista della composizione e del pensiero dell’artista.

Paolo Scrofani, La fedele riproduzione del corpo umano descrive i soggetti dipinti da Paolo Scrofani nel dettaglio delle loro rappresentazioni, lo stacco netto dei corpi stagliati sulla superficie di legno evidenzia le anatomie in tutta la loro bellezza e perfezione. Come dice Salvo Portuese [….] “ha ereditato dalle radici familiari la conoscenza e l'amore per il legno che si sono poi combinati, con la formazione accademica, in un modulo espressivo dal gusto intellettuale, enigmatico e surreale. Alle prime sperimentazioni giovanili con la materia lignea segue un percorso di ricerca espressiva nell'ambito della tecnica dell'intarsio che diviene per diversi anni il mezzo privilegiato della sua arte [….] la contaminazione dei materiali è la principale cifra stilistica che si consoliderà in questi ultimi anni”.

Ulla Wobst, come dice Luciano Lepri, “La pittrice tedesca Ulla Wobst, utilizza diverse tecniche artistiche con maestria dando allo spettatore momenti di grande suggestione: in ognuno dei suoi quadri trasmette un messaggio, con un accento drammatico, a volte ironico. Il margine d’interpretazione che ha lo spettatore è ampio, riesce a decifrare un segreto, una visione psichica, scenari di autenticità e originalità che creano un’atmosfera di sospensione.

Creatività e personalità unite in un'immagine, colori che sono unici nella loro miscela, creano emozione e metafore” [….] I volti e i corpi dipinti sono idealizzati, racchiudono contenuti e significati simbolici, in opere come Tempo sopseso, Musica della vita l’artista esprime la sublimazione della realtà quotidiana in forme ideali. 

]]>
ecco l'invito Wed, 10 Oct 2012 17:16:50 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/249330.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/249330.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli
]]>
MOSTRA DI ALBA TORTORICI- Racconti di Roma…e colori-Galleria Tondinelli Roma Wed, 10 Oct 2012 17:10:36 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/249327.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/249327.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli COMUNICATO STAMPA 

invito in allegato Vi aspetto!

 

Mostra personale di Alba Tortorici

 

Racconti di Roma…e colori

 

a cura di

Floriana Tondinelli

 

Inaugurazione: martedì 16 ottobre 2012 ore 18.30-20.30

Sede: Galleria Tondinelli Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel: 06 4744300 www.galleriatondinelli.it  Durata: 16 ottobre- 16 novembre 2012

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel. 06 4744300

Orario: lunedì-venerdì 10.00-12.30 e 16.00-19.00.

            Giovedì 1 e Venerdì 2 novembre 2012 la galleria sarà chiusa

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 16 ottobre al 16 novembre 2012 la mostra personale di Alba Tortorici, Racconti di Roma…e colori a cura di Floriana Tondinelli.

Roma bellissima e affascinante città che accoglie visitatori da tutto il mondo durante il corso dell’anno, è fonte d’ispirazione per la pittrice Alba Tortorici, originaria di Siracusa e romana d’adozione, che la dipinge e le dedica 20 opere ad acquarello e tecnica mista. Il percorso della mostra si snoda tra la Roma di ieri e di oggi, esaltandone la magnificenza e l’unicità. Roma si contraddistingue da tutte le altre capitali per la sua ricchezza artistica, archeologica e architettonica racchiusa nel cuore della città e in parte diffusa in tutto il territorio che la circonda: strade antiche, acquedotti, ville, ruderi…in un ambiente naturale che ne rafforza la suggestiva bellezza. Un monumento a cielo aperto. 

Roma è come un gigantesco scrigno di opere monumentali: il Foro Romano, il Colosseo, il Circo Massimo, passando per opere Medievali e Rinascimentali, fino al periodo Barocco e Neoclassico. Si aggiungono i patrimoni artistici dello Stato Città del Vaticano, dalla Basilica di San Pietro, la Basilica di San Giovanni in Laterano con i capolavori conservati presso i Musei Vaticani in particolare la Cappella Sistina capolavoro di Michelangelo ben rappresentati dall’artista siciliana.

Alba Tortorici ne ripercorre l’origine e l’attualità in un gioco di forme fedeli alla composizione e alla storia che la circonda, con colori vivaci e più che mai attuali. L’interesse per  la Città Eterna, ha due funzioni quello artistico e quello sociale nel  sensibilizzare l’osservatore nel rispetto per le opere Monumentali, per la loro bellezza e grandiosità che percorrendo secoli è giunta fino ai nostri giorni.

 

Alba Tortorici è Maestra d’Arte. Ha collaborato per circa dieci anni con “il giornale di Ostia” curando la pagina dedicata agli eventi d’arte. Artista eclettica è autrice del libro “Tè alla menta”, edito per i tipi di Pagine, Roma, 2003. Scrive la sceneggiatura teatrale di “Un sogno ad Algeri” con la regia di Carlo Cianfarini,  rappresentata al Teatro  Euclide di Roma nel 2006.

 

Tra le mostre più significative:

1989 La mia Africa, Galleria La Feluca di Derna Querèl, Roma

1990 La mia Cina, Centro Francese di Cultura, Sala Biblioteca, Roma

1992 Omaggio alla Russia, Consolato dell’Ambasciata delle Repubbliche Russe, Roma

1998 I miei viaggi, Libreria Croce, Roma

2008 I miei viaggi, Centro Studi Cives, Roma


]]>
MOSTRA MASTERS & ARTISTS OF TODAY- Galleria Tondinelli Roma Sat, 08 Sep 2012 18:04:12 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/242698.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/242698.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli COMUNICATO STAMPA

Mostra

“MASTERS & ARTISTS OF TODAY”

Homage to the Great International Artists

 

Heidi FOSLI · Kari Elisabeth HAUG · Lena MANDAL · MOIRYM · Regina NOAKES · Evi PHOTOPOULOS

 

a cura di Floriana Tondinelli

 

Inaugurazione: mercoledì 12 settembre 2012 ore 18.30-20.30

Sede: Galleria Tondinelli Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel: 06 4744300 www.galleriatondinelli.it  Durata: 12 settembre- 12 ottobre 2012

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel 06 4744300

Orario: lunedì-venerdì 10.00-12.30 e 16.00-19.00

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 12 settembre al 12 ottobre 2012 la mostra MASTERS & ARTISTS OF TODAY. Homage to the Great International Artists con opere di Heidi Fosli, Kari Elisabeth Haug, Lena Mandal, Moirym, Regina Noakes, Evi Photopoulos, a cura di Floriana Tondinelli.

La mostra si propone di sottolineare l'importanza dei Grandi Maestri della storia dell'arte, un segnale di continuità per arrivare agli artisti di oggi. Nulla si crea né si distrugge, tutto cambia, nell'arte come nella vita, gli artisti sono legati da un tema comune, la rappresentazione della grande opera d’arte. E 'importante preservare la nostra memoria storica, tuttavia, con segnali di continuità e di adesione al presente in cui viviamo. Ogni artista selezionato da paesi diversi s’ispira ad un autore che ritiene significativo, tra i Grandi Maestri: Eduard Munch, Vincent Van Gogh, Claude Monet, Niki de Saint Phalle, Frida Khalo. Eduard Munch fortemente rappresentato da due artiste norvegesi, esempio universale del periodo storico che stiamo vivendo ai giorni nostri. 

Heidi Fosli, I simboli usati dalla norvegese Heidi Fosli appartengono alla memoria storico-artistico, quella della lezione di Eduard Munch, massimo esponente dell'esistenzialismo, "l'Urlo" è una sua opera emblematica. Heidi Fosli s’ispira ad Eduard Munch operando una trasformazione, mettendo le persone, l'individuo in una condizione d’isolamento, ma con la speranza di un’evoluzione nell'integrazione e nei principi della democrazia per un mondo migliore dove l'uomo sia finalmente libero, dove le diseguaglianze siano colmate.

Kari Elisabeth Haug, pittrice norvegese ispiratasi anche lei per questa serie di opere al Maestro Eduard Munch. La dimensione immaginativa della pittura di Haug mitigata da un linguaggio personale in cui l'artista evidenzia esperienze autobiografiche e appartenenti al suo quotidiano con cenni e citazioni, dell’artista più amato Eduard Munch compongono queste nuove tele. Figure che sono quasi fantasmi, ricordo di un tempo passato, ma anche ombre di un futuro che andrà in definirsi e che prenderà forma.

Lena Mandal, artista danese che presenta opere in vetro ispirandosi a Niki de Saint Phalle, appartenente al movimento del Nouveau Réalisme. Le radici di Lena Mandal  sono nel West Jutland, dove gli uccelli volano in gruppo quando sono abbastanza numerosi. E’ forse una delle ragioni per cui gli uccelli sono presenti in molte opere. I volatili per l’artista esprimono bene le emozioni umane. L’unione di un’ispirazione alla natura, a quello di un’esperienza artistica da visionaria uniscono la ricerca dell’artista a quella di una delle più grandi artiste del ‘900.

Moirym, nelle sue opere d’ispirazione Vangoghiana viviamo l’energia del colore nella costruzione di una materia per certi versi tattile. E’ un magma di colori, sfumature, ricordi di bambina in un fondersi tra sogno e realtà. L’amore per la natura, per il paesaggio si fondono in un omaggio al più significativo rappresentate del Neoimpressionismo. Un’esaltazione della natura nelle sue forme più semplici, una danza ritmica, che tra una pennellata e l’altra dischiude uno scenario esaltato da una composizione equilibrata e armoniosa. Un paesaggio che è quello di Leopardi.

Regina Noakes, la scelta della pittrice Noakes è per Frida Khalo, artista messicana che più di ogni altra ci ha raccontato la relazione tra il quotidiano e l’universo femminile. Un racconto che prosegue nella ricerca dell’artista australiana nata a Singapore. Le sue donne anche donne-bambine rappresentate nelle opere sono il simbolo di una maternità, intesa come madre-natura che si appropria di ogni sfumatura del vivere quotidiano e la migliora. Di tela in tela si tesse una storia di donne, di amiche, di sorelle, di mondi, di notizie.

Evi Photopoulos, l’artista greca di cui presentiamo in mostra solo una parte della sua vasta produzione pittorica, quella che vede rappresentate opere a tema floreale d’ispirazione a Claude Monet, evidenzia una puntuale ricerca in armonia tra l’elemento floreale ed il paesaggio che lo racchiude. I fiori hanno sempre ispirato gli artisti di ogni epoca Claude Monet ne rappresentò ben 250 versioni nella raccolta “Ninfee”. Il tema floreale è dominante come i colori vivaci:  il blu, il rosso, il giallo si fondono in una nuvola di paesaggio che avvolge lo spettatore. E’ un tutt’uno i fiori e il paesaggio, in una stratificazione di sfumature, di pennellate, di materia. 


]]>
Mostra 10 anni di euro. E pluribus unum-Galleria Tondinelli Roma Tue, 08 May 2012 19:19:20 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/219950.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/219950.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli 0 0 1 714 4072 Galleria Tondinelli 33 9 4777 14.0 96 800x600

COMUNICATO STAMPA

 

Mostra

“10 ANNI DI EURO. E pluribus unum”

 

Giulio Galgani (ITALIA), Carina Fogde (SVEZIA)

Charlotte Amalie Holm Marseillas (DANIMARCA), Teresa PICORNELL (SPAGNA)

 

a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli

 

Inaugurazione: mercoledì 6 giugno 2012 ore 19.00-21.00

Sede: Galleria Tondinelli Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel: 06 4744300 www.galleriatondinelli.it  Durata: 6-28 giugno 2012

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel 06 4744300

Orario: lunedì-venerdì 10.00-12.30 e 16.00-19.00

 

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 6 al 28 giugno 2012 la mostra “10 anni di euro. E pluribus unum” con opere di Carina Fogde, Giulio Galgani, Charlotte Amalie Holm Marseillas, Teresa Picornell, a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli. “E pluribus unum” trarre unità dalla molteplicità. Il significato di questo motto è: l’Europa è un continente con tradizioni e lingue diverse, ma condivide anche un patrimonio di valori comuni da salvaguardare. Essa da impulso alla cooperazione tra i popoli d’Europa, promuovendo l’unità nel rispetto della diversità e garantendo che le decisioni vengano prese il più possibile a contatto con i cittadini. Questo è lo spirito dell’Europa e della mostra che presentiamo in galleria, attraverso l’interpretazione di 4 artisti provenienti da paesi diversi con un linguaggio comune: l’arte contemporanea.

L’arte contemporanea, vuole essere in questa mostra “un ponte” che attraversa l’Europa, così come nell’iconografia di banconote che usiamo quotidianamente.

Gli artisti scelti che rappresentano a loro volta i paesi di provenienza Italia, Spagna, Svezia e Danimarca, sono una sintesi di analogie e percorsi comuni nel segno della cultura e dell’arte. Sia l’Italia che la Spagna scelgono nella rappresentazione della moneta due letterati Dante Alighieri e Miguel De Cervantes e sono molto attivi nei vari paesi con gli Istituti Italiani di Cultura. La Svezia e la Danimarca promuovono lo sviluppo di giovani artisti contemporanei in particolare le donne, avendo una tradizione di emancipazione femminile risalente rispettivamente la Svezia al 1909 con suffragio universale concesso alle donne e la Danimarca nel 1919. Per L’Italia dovremo aspettare fino al 1946.

Giulio Galgani (Italia), l’artista italiano presenta una visione dell’Europa geografica con le geopitture, ed euro-dama. Attraverso una tecnica mista in cui le persone, i cittadini europei, sono rappresentati da piccoli uomini in bronzo, della stessa misura e dello stesso colore a simboleggiare l’integrazione e la cooperazione. Nelle opere euro-dama, i cittadini europei sono pedine in continuo movimento all’interno dell’Unione Europea. Galgani con le sue geopitture intende sottolineare l’articolo della carta europea che recita l’uguaglianza fra i popoli europei.

Carina Fogde (Svezia), rappresenta i colori della Svezia con un’interminabile distesa, che ricorda il tipico paesaggio svedese. Una rappresentazione intima, che emerge dall’accostamento di due colori tendenti ad armonizzarsi tra loro, il verde, il turchese, simbolo di armonia rispondente al concetto di Unione Europea. La presenza dell’artista svedese è un contributo agli scambi culturali tra i vari stati e ad una condivisione sempre maggiore tra paesi che hanno aderito alla Carta dei Diritti Fondamentali e per i quali la cultura e l’arte sono un segnale di continuità.

Charlotte Amalie Holm Marseillas (Danimarca), nella pittura dell’artista danese troviamo gruppi di persone, gli europei di oggi. L’unità dell’Europa e la diversità di ogni singolo convivono insieme nelle tele della Marseillas, in un alternarsi di figure statiche e dinamiche, i giovani e gli anziani, il clown, la suora…

L’Europa è lo spirito dello scambio, che non può convivere con la guerra…che prima o poi si impadronisce di ogni popolo…allora gli Stati lavoreranno come se si trovassero in un’eterna alleanza per questo (Manuel Kant, Per la Pace Perpetua). A questo spirito aderisce la Marseillas.  

Teresa Picornell (Spagna), l’indagine dell’artista spagnola riguarda il mondo femminile, le sue “mujeres” sono in mostra con gli abiti di tutti i giorni e abiti da lavoro. L’abito come simbolo di appartenenza, contenitore, realizzato con varie stratificazioni di colore e materie diverse, al posto della tela tradizionale. Il richiamo è all’articolo 23 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europa, che recita la parità tra uomini e donne assicurata in tutti i campi, compreso in materia di occupazione, di lavoro e di retribuzione. L’importanza della donna all’interno dell’Unione Europea è data anche da un origine al femminile legata al Mito d’Europa, che rappresenta la solidarietà e l’armonia.   


]]>
REPORT inaugurazione mostra Luigi Galligani ARTMONACO'12-GALLERIA TONDINELLI ROMA Thu, 12 Apr 2012 10:14:59 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/214331.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/214331.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli Luigi Galligani

Mediterraneo

ARTMONACO’12-GALLERIA TONDINELLI ROMA

Si è svolta giovedì 5 aprile 2012 l’inaugurazione della mostra personale di Luigi Galligani da titolo Mediterraneo a cura di Floriana Tondinelli, catalogo con testi di Antonio Paolucci e Giorgio Seveso.

Erano presenti all’inaugurazione nel sugestivo scenario dell’ARTMONACO’12 presso il Forum Grimaldi nel Principato di Monaco in Avenue Princesse Grace, e nei giorni successivi, S.E. l’Ambasciatore Antonio Morabito, Ambasciatore d’Italia nel Principato di Monaco e l’Ambasciatrice, il Prof. Leonardo Saviano, storico del Principato di Monaco, Conservateur-en-chef du Musée Matisse de Nice Madame Marie-Thérèse Pulvénis de Seligny, il Colonello Emmanuel Lebègue, aiutante di campo di S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco, la Baronessa Cècile de Massy, l’imprenditore Hubert Prèbay, la collezionista d’arte Céline De La Fuente, Bruno Choquet- Despicq-Co-Founder of The Prince of Rajpìpla, insieme ad un folto pubblico di visitatori. Gli ospiti hanno ammirato la recente produzione di opere di Luigi Galligani e si sono complimentati a lungo con l’artista. 

]]>
ARTMONACO'12 LUIGI GALLIGANI Mediterraneo-GALLERIA TONDINELLI ROMA Stand D7/D9 Mon, 02 Apr 2012 22:14:49 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/212546.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/212546.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli La Galleria Tondinelli presenta dal 5 all'8 aprile 2012 la mostra personale di Luigi Galligani Mediterraneo a cura di Floriana Tondinelli, catalogo con testi di Antonio Paolucci e Giorgio Seveso. 

[…] Egli appartiene a quella scuola di scultori italiani che hanno scelto la tradizione figurativa dei padri (gli Etruschi e l'Antelami, Niccolo dell'Arca e Desiderio da Settignano, Agostino di Duccio e Luca della Robbia, Donatello e Canova) assimilandola prima e poi usandola […] Ecco allora le sue Sirene, le sue Sibille, le sue Europe, le sue Dee discese dall'Olimpo, le sue femminee personificazioni delle Stagioni, ma anche le sue bagnanti e le sue "lune piene". Sono creature "ubique" perché stanno nella realtà e nei nostri sogni, nell'acqua e sulla terra, abitano luoghi di frontiera sospesi fra il presente e il futuro. Sono creature "ambigue" perché non sapresti come definirle, portano con sé un amabile enigma. Sono in noi ed oltre di noi, sono molto antiche e allo stesso tempo molto moderne.
Luigi Galligani sa muoversi con mano leggera, con il virtuosismo di un prestigiatore. Conosce le insidie dell'Accademia, sa schivare le aride secche del Citazionismo. […] Padroneggia da maestro tutte le tecniche (il marmo e il bronzo, la terracotta e la ceramica) ma ha capito per tempo - per sua e per nostra fortuna - che la tecnica è ancella dell'Arte ma non è ancora l'Arte. Il fascino di Luigi Galligani, il punto di aggregazione che permette ai pensieri, alla cultura e alla tecnica di diventare stile e di sciogliersi nella quiete melodiosa dell'Arte, per me è da ricercarsi in una sorta di "leggerezza". Una "Levitas" sottotraccia guidata da cuore caldo e mente serena, muove le mani dello scultore quando crea le sue forme femminili tenere e sontuose. Il risultato per noi è il piacere di guardare e di accarezzare. Che è poi tutto quello che possiamo e dobbiamo chiedere a uno scultore (Antonio Paolucci).
----------------------------
Inaugurazione: 
giovedì 5 aprile 2012 ore 18.00-22.00
Sede: ARTMONACO'12 -Grimaldi Forum
Indirizzo:10, Avenue Princesse Grace-
MC98000 -Principato di Monaco 
Tel: +39 06 4744300 
www.galleriatondinelli.it
www.artemonaco.com  
Durata: 5-8 aprile 2012
Catalogo e mostra: a cura di Floriana Tondinelli, con testi di Antonio Paolucci e Giorgio Seveso
Organizzazione: Galleria Tondinelli-Roma
Tel +39 06 4744300- +39 3392314606
Orari: venerdì 6 aprile 13.00-21.00
sabato 7 aprile 12.00-20.00
domenica 8 aprile 12.00-19.00

---------------------- 

]]>
MOSTRA HEIDI FOSLI- Galleria Tondinelli Roma Mon, 19 Mar 2012 18:01:06 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/209558.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/209558.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli 0 0 1 448 2557 Galleria Tondinelli 21 5 3000 14.0

COMUNICATO STAMPA

con il Patrocinio di

Ambasciata di Norvegia

 

Mostra personale di Heidi Fosli

 

Bridges. Opere 2002-2012

 

a cura di

Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli

 

 

Inaugurazione: martedì 3 aprile 2012 ore 18.30-20.30

Sede: Galleria Tondinelli Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel: 06 4744300 www.galleriatondinelli.it  Durata: 3-24 aprile 2012

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel. 06 4744300

Orario: lunedì-venerdì 10.00-12.30 e 16.00-19.00. Lunedì 9 aprile 2012 la galleria sarà chiusa

 

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 3 al 24 aprile 2012 la mostra personale di Heidi Fosli, Bridges. Opere 2002-2012 a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli.

La caratteristica principale della ricerca di Heidi Fosli, artista operante ad Oslo in Norvegia, è l’unione della tradizione colorista alla rappresentazione del paesaggio ispirandosi al simbolismo di Edvard Munch.

Il tema della sua opera è composto da tre passaggi fondamentali. La prima analisi è di carattere emotivo a tratti drammatica. La composizione e l’uso del colore attraverso varie stratificazioni e sfumature è la base principale della sua tecnica, le composizioni figurative hanno nello stesso tempo una forte matrice surreale. Si fa ampio uso del simbolismo, e l'obiettivo con l'eterno e l'indefinibile è quello di tracciare un parallelo tra la società e l'individuo / gruppi di persone, che hanno un posto nella comunità in cui vivono.

La seconda dimensione diventa visibile nelle opere più recenti, dove si è principalmente occupata di questioni problematiche che ci troviamo ad affrontare nella società di oggi.

La "Room" simboleggia il più delle volte la società, ma può anche simboleggiare l'universo come nella terza dimensione, le domande principali che riguardano la nostra esistenza. L’ispirazione dell’artista è nei lunghi viaggi in tutto il mondo, ma anche dal contesto della vita quotidiana con le sue influenze politiche e i meccanismi all'interno della società in cui viviamo.

La lotta per la giustizia, l'uguaglianza tra le razze e i generi, la democrazia e la libertà di parola sono temi fondamentali per Heidi Fosli.

 

Tra le ultime mostre:

2010

Separatutstillingen Human Society hos Galleriet i Frognerveien 44, Oslo

2011

Kunstnernes Påskeutstilling hos Hotel Wassilioff, Stavern

2011

Kollektivutstilling hos Galleri Tosmur og link til Galleri Tosmur, Stathelle

2011

Biennale di Chianciano, Museo d’Arte di Chianciano, Italia

 

International Art Exhibition Lights in the winter 2011

hos Old Jaffa Museum of Archaeology, Jaffa Tel Aviv Israel

 

]]>
MOSTRA LOVE-Galleria Tondinelli Roma Tue, 31 Jan 2012 17:53:06 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/199054.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/199054.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli 0 0 1 599 3418 Galleria Tondinelli 28 8 4009 14.0

COMUNICATO STAMPA

 

Mostra

 

“LOVE”

 

Anita FLEERACKERS · Katerina GEORGANTA · Kari Elisabeth HAUG · Anne Lise KAABY AAS

 

 

a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli

 

 

Inaugurazione: giovedì 9 febbraio 2012 ore 18.30-20.30

Sede: Galleria Tondinelli Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel: 06 4744300 www.galleriatondinelli.it  Durata: 9-29 febbraio 2012

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel 06 4744300

Orario: lunedì-venerdì 10.00-12.30 e 16.00-19.00

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 9 al 29 febbraio 2012 la mostra LOVE con opere di Anita Fleerackers, Katerina Georganta, Kari Elisabeth Haug, Anne Lise Kaaby Aas, a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli. La mostra vuole tracciare un percorso sul tema dell’amore attraverso alcune espressioni artistiche varie e rappresentative di una visione romantica, passionale, melanconica, platonica del discorso amoroso. La cultura italiana ed europea è intrisa del tema dell’amore e delle sue rappresentazioni sin dai tempi più antichi, l’arte moderna prosegue con diverse interpretazioni, mettendo il segno focale su opere che sono capolavori assoluti; tra gli autori più significativi del 900’ che interpretano l’amore, Chagall. Anche nell’arte contemporanea sono molti gli artisti che s’ispirano a questo tema, e lo rendono più che mai attuale nella ricerca dell’altra metà, nella conoscenza del corpo e della mente, nell’esaltazione dei sensi, nella contemplazione di un volto.

Anita Fleerackers, nata in Tielen, Belgio. Si diploma a l'Academie Royale de Beau's Arts d'Anvers in Belgio. La sua fonte d’ispirazione è la comunità in cui vive, le persone che conosce, vedere nel profondo del loro animo, come dice l’artista, la fa essere in equilibrio in questo mondo frenetico. Le ceramiche policrome che sono in mostra hanno come soggetto il Tango, ballo elegante e passionale che parla di sentimento, corteggiamenti, gelosia e possessività, una conversazione senza parole. Le sue opere sono state esposte a Firenze, Belgio, Inghilterra, Marsiglia, Parigi.

Katerina Georganta, nata ad Atene, Grecia. Studia pittura all’Athens Fine Arts e all’Ecole des Beaux Arts a Parigi. L’amore romantico è il tema principale della poetica di Katerina Georganta, l’incontro tra l’uomo e la donna, la composizione della scena a due, culmina nel bacio languido e appassionato. L’amore si esprime nella bellezza dei corpi, nella stesura del colore acceso e vibrante. L’artista è considerata una delle più interessanti nel panorama contemporaneo greco, le sue mostre dal 1976 si sono susseguite in tutto il mondo. Le opere sono in diverse collezioni a Cipro, Parigi, Londra, California, Miami, Chicago, Francoforte.

Kari Elisabeth Haug, nata a Oslo, Norvegia. La pittura è la sua forma di espressione più importante ma anche il pianoforte e la poesia sono fonte d’ispirazione. Il carattere informale delle sue opere si manifesta con l’uso sapiente del colore. Una forza espressiva magmatica che avvolge in un vortice i sentimenti dell’essere umano, la bellezza della natura. L’artista è spettatrice del manifestarsi dei sentimenti umani la metafora del ponte, dell’illusione, assistiamo alla sublimazione dell’amore. Diverse sono le esposizioni internazionali a cui l’artista ha partecipato: Oslo, Parigi, Salisburgo, Las Vegas.

Anne Lise Kaaby Aas, nata a Porsanger, Norvegia. Ha lavorato e vissuto negli Stati Uniti, ora vive e lavora a Dubai. Studia pittura alla North Light Artschool a Houston. Anne Lise Kaaby Aas è attratta dalla realtà che la circonda, scene di vita quotidiana sono i suoi temi preferiti, ma anche la natura, i sentimenti, la spiritualità. Le opere dedicate al tema dell’amore hanno un carattere meditativo, contemplativo, in alcuni tratti melanconico, c’è la bellezza dell’incontro e la nostalgia del ricordo in un altalenarsi di emozioni. Le sue opere si trovano in diverse collezioni pubbliche e private in Danimarca, Norvegia, Stati Uniti, Italia.


]]>
Clipart Stagione 2012 su Rete Oro a partire da marzo Thu, 05 Jan 2012 11:47:32 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/194906.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/194906.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli
COMUNICATO STAMPA

 

ClipART

Un programma televisivo che parla di Arte e di Artisti

Stagione 2012

ideato da

Daniela Tersigni e Floriana Tondinelli

condotto da

Floriana Tondinelli

Ogni mercoledì alle ore 21.00 su Rete Oro-canale 18

mercoledì ore 21.00 su SKY-canale 926

giovedì ore 21.00 su Rete Oro-canale 210

Replica venerdì ore 22.45 su Rete Oro-canale 18

Streaming in contemporanea su sito web www.reteoro.tv

 

a partire da marzo 2012

 

Rete Oro, in collaborazione con la Galleria Tondinelli di Roma, da il via alla seconda stagione di ClipART, il programma televisivo settimanale che parla di Arte e di Artisti a partire dal prossimo mese di marzo su Rete Oro.

L’esigenza di proseguire con un programma televisivo sull’arte nasce dalla volontà di essere presenti nella cultura artistica del nostro territorio ponendo in particolar modo l’attenzione sulle realtà che esulano dai circuiti Istituzionali. Pensiamo come negli anni l’argomento “Arte” e la presenza di Artisti delle arti figurative sia andata poco per volta scemando dal palinsesto televisivo, fino a creare un vuoto che è colmato da pochissime realtà, che vanno in onda per la maggior parte in orari notturni inoltrati e che non bastano a soddisfare le esigenze del pubblico.

In questo panorama è importante essere presenti sul territorio con un programma che possa essere una vetrina sull’arte e su il lavoro degli artisti, in un modo fresco, giovane e con un appuntamento settimanale. Ogni mercoledì saranno ospiti in galleria 2 artisti che ci racconteranno la loro storia, il loro percorso e esporranno le opere al pubblico.

Daniela Tersigni affida la conduzione della trasmissione a Floriana Tondinelli, titolare dell’omonima galleria di Via Quattro Fontane, ed esperta d’arte che condurrà la rubrica settimanalmente nelle sede della Galleria Tondinelli.

 

Sono aperte le selezioni

 

RETE ORO                                                              GALLERIA TONDINELLI

Via Accademia degli Agiati, 53                                Via Quattro Fontane, 128/a

00147 Roma                                                            00184 Roma

Tel 06 5964971                                                       Tel 06 4744300

Fax 06 5408313                                                      Fax 06 47826269

www.reteoro.tv                                                      www.galleriatondinelli.it

 

Per info: Tel. 06 4744300

http://www.facebook.com/group.php?gid=317337390059

]]>
Galleria Tondinelli Augura Buone Feste Tue, 20 Dec 2011 18:04:45 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/193348.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/193348.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli                                                                            Galleria Tondinelli Augura Buone Feste

]]>
Mostra sull'11 settembre 2001-4 paesi Norvegia, Spagna, Perù, Belgio-Galleria Tondinelli Sat, 10 Sep 2011 08:09:28 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/178225.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/178225.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli

prossima mostra

COMUNICATO STAMPA

Con il Patrocinio di

Ambasciata del Perù in Italia                                                                                         Ambasciata della Norvegia in Italia

Ambasciata del Belgio in Italia                                                                                             Ambasciata di Spagna in Italia

 

Mostra

“FRAMMENTI DI LUCE DOPO L’11 SETTEMBRE 2001-10 ANNI”

 

Maria Pia BARBERI (PERU’), Kristin Johanne BERG (NORVEGIA),

Thomas MAES (BELGIO), Teresa PICORNELL (SPAGNA)

 

in occasione della Giornata del Contemporaneo promossa dalla AMACI, L’Associazione Nazionale dei Musei di Arte Contemporanea d’Italia

 

a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli

 

Inaugurazione: giovedì 15 settembre 2011 ore 19.00-21.00

Sede: Galleria Tondinelli Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel: 06 4744300 www.galleriatondinelli.it  Durata: 15 settembre-8 ottobre 2011

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel 06 4744300

Orario: lunedì-venerdì 10.00-12.30 e 16.00-19.00 · sabato 8 ottobre 2011 apertura straordinaria per la Giornata del Contemporaneo promossa dalla AMACI .

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 15 settembre al 8 ottobre 2011 la mostra FRAMMENTI DI LUCE DOPO L’11 SETTEMBRE 2001-10 ANNI con opere di Maria Pia Barberi, Kristin Johanne Berg, Thomas Maes, Teresa Picornell, a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli. La giornata dell’11 settembre 2001 ha scosso tutti, non solo gli Stati Uniti, l’arte è anche un momento di riflessione, è questo il messaggio che gli artisti vogliono esprimere in occasione di questa mostra, gli artisti internazionali scelti dai paesi di cui sopra sono una rappresentanza del fatto che quell’avvenimento ha sconvolto gli animi e le persone di tutto il mondo.

La galleria aveva presentato già nel 2002 una mostra in omaggio alle vittime dell’11 settembre 2001, e in occasione della ricorrenza dei 10 anni è ancora sentito il ricordo di quel terribile momento, così come la speranza che eventi così gravi possano non ripetersi.

Maria Pia Barberi (Perù), nata in Perù, quando aveva solo cinque anni la sua famiglia si trasferì in Spagna dove ha vissuto per più di dieci anni. La sua ricca esperienza di viaggio ha avuto un grande effetto sulla sua formazione artistica. Tornata in Perù resta notevolmente impressionata dall’arte precolombiana. L’artista vuole unire nella sua opera, la tradizione europea e peruviana. I temi delle sue opere variano, ma hanno tutte una base comune l’aspetto emotivo, il rappresentare l’anima o l’essenza di tutti gli esseri umani che lottano e cercano la luce.

Kristin Johanne Berg (Norvegia), l’artista norvegese presenta nei lavori esposti in galleria una ricerca fatta di dettagli e sovrapposizioni di colori, rendendo una superficie multiforme. Lo slancio espressivo racconta il paesaggio norvegese, così come le atmosfere pallide e rarefatte. E’ un’aria sommersa quella rappresentata dall’artista dove il tempo si ferma e avvolge tutto ciò che incontra. Una bellezza inquieta è quella che ben rappresenta l’artista, dove le luci sono soffuse e ogni accento di colore definisce i contorni. 

Thomas Maes (Belgio), nella pittura dell’artista belga il tema preferito è quello del sogno, del dialogo tra uomo e ambiente. I colori sono sui toni pastello con sfumature delicate, le forme sono pure e ben delineate,

l’atmosfera è sospesa in bilico tra passato, presente e futuro. Siamo in un’altra dimensione quella di un mondo parallelo, che vive sospeso in uno spazio che ha le sue regole, i suoi profumi, le sue luci. A noi è concesso di accedere, solo di immaginare, l’artista ci conduce verso il mistero dell’esistenza, così da mettere in discussione il contingente del mondo reale, le sue illusioni-disillusioni. 

Teresa Picornell (Spagna), le opere di Teresa Picornell operante a Palma di Majorca, vogliono comunicarci un racconto, un ponte tra passato e presente. L’artista che espone per la quinta volta in Italia sperimenta in questo ultimo ciclo di lavori un nuovo supporto, con nuove soluzioni cromatiche. Ogni lavoro è un racconto di un vissuto interiore, che l’artista esprime attraverso stratificazioni di colori e con una ricerca formale legata a espressioni multiformi. In questo nuovo ciclo la pittura si sovrappone creando una dimensione più ampia. 



]]>
Mostra sull'11 settembre 2001-4 paesi Norvegia, Spagna, Perù, Belgio-Galleria Tondinelli Mon, 25 Jul 2011 11:07:36 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/172758.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/172758.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli

prossima mostra

COMUNICATO STAMPA

Con il Patrocinio di

Ambasciata del Perù in Italia                                                                                         Ambasciata della Norvegia in Italia

Ambasciata del Belgio in Italia                                                                                             Ambasciata di Spagna in Italia

 

Mostra

“FRAMMENTI DI LUCE DOPO L’11 SETTEMBRE 2001-10 ANNI”

 

Maria Pia BARBERI (PERU’), Kristin Johanne BERG (NORVEGIA),

Thomas MAES (BELGIO), Teresa PICORNELL (SPAGNA)

 

in occasione della Giornata del Contemporaneo promossa dalla AMACI, L’Associazione Nazionale dei Musei di Arte Contemporanea d’Italia

 

a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli

 

Inaugurazione: giovedì 15 settembre 2011 ore 19.00-21.00

Sede: Galleria Tondinelli Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel: 06 4744300 www.galleriatondinelli.it  Durata: 15 settembre-8 ottobre 2011

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel 06 4744300

Orario: lunedì-venerdì 10.00-12.30 e 16.00-19.00 · sabato 8 ottobre 2011 apertura straordinaria per la Giornata del Contemporaneo promossa dalla AMACI .

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 15 settembre al 8 ottobre 2011 la mostra FRAMMENTI DI LUCE DOPO L’11 SETTEMBRE 2001-10 ANNI con opere di Maria Pia Barberi, Kristin Johanne Berg, Thomas Maes, Teresa Picornell, a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli. La giornata dell’11 settembre 2001 ha scosso tutti, non solo gli Stati Uniti, l’arte è anche un momento di riflessione, è questo il messaggio che gli artisti vogliono esprimere in occasione di questa mostra, gli artisti internazionali scelti dai paesi di cui sopra sono una rappresentanza del fatto che quell’avvenimento ha sconvolto gli animi e le persone di tutto il mondo.

La galleria aveva presentato già nel 2002 una mostra in omaggio alle vittime dell’11 settembre 2001, e in occasione della ricorrenza dei 10 anni è ancora sentito il ricordo di quel terribile momento, così come la speranza che eventi così gravi possano non ripetersi.

Maria Pia Barberi (Perù), nata in Perù, quando aveva solo cinque anni la sua famiglia si trasferì in Spagna dove ha vissuto per più di dieci anni. La sua ricca esperienza di viaggio ha avuto un grande effetto sulla sua formazione artistica. Tornata in Perù resta notevolmente impressionata dall’arte precolombiana. L’artista vuole unire nella sua opera, la tradizione europea e peruviana. I temi delle sue opere variano, ma hanno tutte una base comune l’aspetto emotivo, il rappresentare l’anima o l’essenza di tutti gli esseri umani che lottano e cercano la luce.

Kristin Johanne Berg (Norvegia), l’artista norvegese presenta nei lavori esposti in galleria una ricerca fatta di dettagli e sovrapposizioni di colori, rendendo una superficie multiforme. Lo slancio espressivo racconta il paesaggio norvegese, così come le atmosfere pallide e rarefatte. E’ un’aria sommersa quella rappresentata dall’artista dove il tempo si ferma e avvolge tutto ciò che incontra. Una bellezza inquieta è quella che ben rappresenta l’artista, dove le luci sono soffuse e ogni accento di colore definisce i contorni. 

Thomas Maes (Belgio), nella pittura dell’artista belga il tema preferito è quello del sogno, del dialogo tra uomo e ambiente. I colori sono sui toni pastello con sfumature delicate, le forme sono pure e ben delineate,

l’atmosfera è sospesa in bilico tra passato, presente e futuro. Siamo in un’altra dimensione quella di un mondo parallelo, che vive sospeso in uno spazio che ha le sue regole, i suoi profumi, le sue luci. A noi è concesso di accedere, solo di immaginare, l’artista ci conduce verso il mistero dell’esistenza, così da mettere in discussione il contingente del mondo reale, le sue illusioni-disillusioni. 

Teresa Picornell (Spagna), le opere di Teresa Picornell operante a Palma di Majorca, vogliono comunicarci un racconto, un ponte tra passato e presente. L’artista che espone per la quinta volta in Italia sperimenta in questo ultimo ciclo di lavori un nuovo supporto, con nuove soluzioni cromatiche. Ogni lavoro è un racconto di un vissuto interiore, che l’artista esprime attraverso stratificazioni di colori e con una ricerca formale legata a espressioni multiformi. In questo nuovo ciclo la pittura si sovrappone creando una dimensione più ampia. 



]]>
MOSTRA FEDERICO FELLINI. DISEGNI Wed, 01 Jun 2011 18:25:45 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/146718.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/146718.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli

COMUNICATO STAMPA

 

FEDERICO FELLINI. DISEGNI

 

Omaggio al grande cineasta italiano

 

Opere della collezione M. Antonello Geleng

 

a cura di

Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli

 

Inaugurazione: giovedì 20 gennaio 2011 ore 18.30-21.00

Sede: Galleria Tondinelli- Complesso Monumentale di San Carlino

alle Quattro Fontane - Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel. 0039 064744300 www.galleriatondinelli.it  E-mail: info@galleriatondinelli.it

Durata: 20 gennaio-20 febbraio 2011

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel. 0039 064744300

Orario: dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00.

Sabato su appuntamento

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 20 gennaio giorno di nascita di Federico Fellini al 20 febbraio 2011 la mostra Federico Fellini. Disegni Omaggio al grande cineasta italiano a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli.

In mostra saranno presenti 30 disegni di Federico Fellini, rari e preziosi, che appartengono alla collezione di M. Antonello Geleng che insieme a Rinaldo e Giuliano ha lavorato a lungo per lui e che facevano parte dell’universo affettivo del Maestro.

« [….] Federico Fellini aveva incominciato a disegnare e a fare schizzi, caricature e vignette sin dall’adolescenza. Racconterà in seguito Fellini: “Sin da piccolo ero affascinato dalla figura del pittore e ci fu un momento negli anni dell’adolescenza in cui pensavo seriamente che avrei fatto anch’io il pittore. I disegnatori, i caricaturisti, i pittori, anche quelli che dipingevano le Madonne sui marciapiedi, mi incantavano. “Sarà questo il mio mestiere”, mi dicevo. Non pensavo che mi sarei dedicato al cinema, che avrei fatto l’attore, lo sceneggiatore, il regista. [….]

Cinema e pittura

[….] Fellini pensava che quello del cinema è un linguaggio specifico, autonomo, indipendente, che non somiglia a nessun altro linguaggio, ne al teatro, ne alla letteratura, ne alla musica, meno che alla pittura. Soleva dire: “Il cinema è un’arte che non ha nulla a che fare con le altre arti. Ma è imparentato geneticamente con la pittura, perché l’uno e l’altra non possono esistere senza la luce. L’immagine è luce. Il cuore di ogni cosa, sia per il cinema che per la pittura, è la luce. Nel cinema la luce viene prima del soggetto, della storia, dei personaggi, è la luce che esprime quello che un cineasta vuole dire. Nella pittura la luce viene prima del tema, della tavolozza, dei colori, è la luce che esprime quello che un pittore vuole rappresentare. Qualche critico ha detto che io sono un regista “pittorico”, ma non poteva farmi un elogio più grande [….]”.

Fellini forse ignorava che Gore Vidal, lo scrittore americano esperto anche di cinema, lo considerava un eccezionale artista-pittore, arrivando al punto di definire la sua cinematografia una straordinaria pinacoteca [….] » (Costanzo Costantini). 


]]>
MOSTRA CARLO D'ORTA GALLERIA TONDINELLI-ROMA Thu, 28 Apr 2011 19:39:22 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/159657.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/159657.html Galleria Tondinelli Galleria Tondinelli

COMUNICATO STAMPA

La mostra fa parte di un progetto espositivo italo-tedesco patrocinato da

 

Direzione generale per la Promozione culturale del Ministero degli Affari Esteri

Galleria Tondinelli

Rome University of Fine Arts RUFA     Achitektenkammer Baden-Württemberg

 

Mostra personale di CARLO D’ORTA

Ritmi Architettonici

 

a cura di Floriana Tondinelli

 

Sarà presente all’inaugurazione della mostra

Min. Vincenza Lomonaco, Direttore Centrale per la Promozione Culturale del Ministero degli Affari Esteri

 

Inaugurazione: lunedì 9 maggio 2011 ore 18.30-20.30

Sede: Galleria Tondinelli

Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel: 0039-06- 4744300 Web site: www.galleriatondinelli.it  

E-mail: info@galleriatondinelli.it Durata: 9-30 maggio 2011

Catalogo: a cura di Floriana Tondinelli, presentazione di Francesco Maria Greco, introduzione di Wolfgang Riehle, testi di Valerio Dehò e Floriana Tondinelli edito per i tipi di artigraficheBoccia spa

Organizzazione e comunicazione eventi d’arte: Istituti Italiani di Cultura in Germania e Galleria Tondinelli di Roma infoline: 0039 06 4744300

 

La Galleria Tondinelli di Roma presenta dal 9 al 30 maggio 2011, dopo l’esposizione presso l’Istituto Italiano di Cultura di Monaco di Baviera e presso Achitektenkammer Baden-Württemberg di Stoccarda, la mostra personale di Carlo D’Orta Ritmi Architettonici a cura di Floriana Tondinelli.

La mostra presenta gli ultimi lavori di Carlo D’Orta, a partire da immagini reali, realizzati, in formati medi e grandi, fotografie appartenenti ai cicli Berlino, Vibrazioni, Mediterraneo, Venezia.

«Il paesaggio metropolitano nel ciclo Vibrazioni crea atmosfere uniche, in bilico tra l’onirico e il metafisico, raggiungendo traguardi di elevata qualità estetica e acume poetico. L’elemento fondamentale che crea visioni suggestive è il cristallo, sono le vetrine dei negozi, che con i giochi di luce trasformano una materia funzionale e la sublimano a scenario artistico e vibrante. Nel ciclo Mediterraneo Carlo D’Orta sublima attraverso i suoi riflessi luoghi antichi, luoghi dell’immaginario collettivo, vissuti perché appartenenti alla nostra cultura» (Floriana Tondinelli).

«Quello che accade nelle fotografie della serie Vibrazioni di Carlo D’Orta è che i legami tra realtà e finzione, tra vero e artificiale, vengono in un certo senso ribaltati e strettamente interconnessi nello stesso tempo. Viene fuori l’essenza della fotografia, quel suo essere in perenne sospensione tra l’apparenza e il reale, o quello che pensiamo sia tale. L’occasione di una serie d’ immagini, di altissima qualità fotografica ed estetica, relativa a una serie di facciate di edifici contemporanei , è per l’artista un motivo per riflettere, e farci riflettere, su quello che è la fotografia, sulla sua capacità di analizzare e raccontare nello stesso tempo che resta straordinaria. In sottofondo vi è il dato diaristico, il viaggio, diventa una sorta di skecth book in cui si condensano le idee, ma l’epidermide resta fortemente astratta e pittorica» (Valerio Dehò).

 

Il progetto espositivo italo-tedesco proseguirà a:

Francoforte sul Meno, Colonia e Berlino.

]]>