Comunicati.net - Comunicati pubblicati - lacasadinuvole Comunicati.net - Comunicati pubblicati - lacasadinuvole Sat, 08 Aug 2020 23:28:43 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://zend.comunicati.net/utenti/2946/1 Delitto e Castigo Sat, 10 Apr 2010 00:14:37 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/teatro/108364.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/teatro/108364.html lacasadinuvole lacasadinuvole 13 – 25  aprile

EffeGiDi

DELITTO&CASTIGO                                                                                                                                                                                                                                                                                di Fëdor Dostoevskij

Adattamento Francesco Giuffrè e Riccardo Scarafoni

Regia Francesco Giuffrè

Con Livia Alcalde, Alfredo Angelici, Massimiliano Benvenuto, Massimiliano Mecca, Marta Nuti

Musiche Gianluca Attanasio

 

Delitto&Castigo è uno dei romanzi più influenti della letteratura russa, e non solo, di tutti i tempi. Dopo "Profumo" "Cuore di cane" e "Othellow", con "Delitto&Castigo" continuo il mio percorso registico con un altra storia che scandaglia l'animo umano fino alla sua più estrema profondità, nelle pieghe più segrete e intime dell'uomo. Raskolnikov, il protagonista del romanzo, è un uomo, "nudo" e vulnerabile,  che vuole lottare contro quello che pare il suo fallimentare destino credendosi un uomo forte, superiore, un uomo che può arrogarsi quel diritto non scritto per poter cambiare la sua vita e il percorso inevitabile della sua sorte. Raskolnikov pensa di poter trascendere il limite morale comune uccidendo una vecchia usuraia, rubandole i soldi, ed usandoli per aiutare se stesso e gli altri. E' dunque la storia di un fallimento, il castigo che segue al delitto, non è tanto il senso di colpa ma il comprendere che questo senso di colpa non è superabile, che lui, dunque, non è un uomo superiore agli altri. E' sostanzialmente il dramma di comprendere che egli è soltanto uno dei tanti uomini che passeranno su questo mondo senza poter lasciare traccia.

 

 

Contatti

teatroargot@libero.it

tel | fax 06.5898111

mobile | 392.9281031

Via Natale del Grande 27 – 00153 Roma (Trastevere)
 ]]>
Ritratto di Sartre da giovane Tue, 01 Dec 2009 22:44:06 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/teatro/99744.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/teatro/99744.html lacasadinuvole lacasadinuvole dal 2 al 20 Dicembre:

  Teatro Stanze Segrete

"Ritratto di Sartre da giovane" di Maricla Boggio. Con Ennio Coltorti, Gianna Paola Scaffidi e Glenda Canino. Costumi di Rita Forzano. Allestimento scenico e selezione musicale di Lucianella Cafagna. Montaggio ed editing sonoro: Gianluca Attanasio. Regia Ennio Coltorti


Sartre e Simone De Beuvoir, in compagnia della giovane e deliziosa Sylvie rivivono gli anni passati e le opere più famose del grande filosofo
UNA FILOSOFIA DRAMMATICA
Estratti dalla prefazione di Gianni Vattimo
Sartre ha scritto lui stesso per il teatro; e ora, forse ci rendiamo conto, non solo nei testi propriamente teatrali – da Le mani sporche, al Diavolo e il buon Dio, a Le mosche – ma anche negli scritti filosofici, nella sua intera opera di pensatore. Forse perché la sua filosofia è una filosofia “drammatica”? (…)
il pensiero di Sartre – qui presentato da Maricla Boggio attraverso i temi chiave e situazioni esemplari, in una tipizzazione che evita ogni tentazione riduttiva, semplificatoria, volgarizzante – mostra di possedere (…) particolare vitalità (…) quando è portato sulla scena (…)
se Sartre è stato l’ultimo (oltre che uno dei pochi) filosofo a potersi “mostrare” in teatro, questo riguarda solo lui come personalità specifica o ha un senso più vasto, che tocca la situazione della filosofia degli ultimi decenni?
Gli strutturalisti – Lèvi Strauss, Foucault, direbbero che il carattere “drammatico” del pensiero di Sartre è anche il suo insuperabile limite; è un pensiero ancora irrimediabilmente umanistico, centrato sulla assolutizzazione di quel fenomeno “uomo” della cui (…) effimerità siamo ormai divenuti consapevoli.
Ma oggi lo strutturalismo è “finito”; non ha più la posizione egemonica che aveva negli anni Settanta ; e la fine di questa egemonia (…) rivela forse un ritorno delle proccupazioni umanistiche che muovevano il Sartre dell’Essere e il nulla, della Ragione dialettica, il Sartre de La nausea, il Sartre teorico dell’engagement.
(…) con Sartre, con le sue analisi dell’esistenza librata tra l’essere e il nulla, i conti non sono ancora chiusi.

 

Via della Penintenza, 3 ( Trastevere )
tel. 06.6872690 / 3889246033
Botteghino: dalle 18,30 alle 21
consigliata prenotazione tel. Posti 40.
Bus 23 - 280 - 116. Tram 8
e-mail: info@stanzesegrete.it

 

 

]]>
Un lungo applauso Tue, 20 Oct 2009 05:11:19 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/teatro/94692.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/teatro/94692.html lacasadinuvole lacasadinuvole UN LUNGO APPLAUSO

scritto e diretto da Mauro Mandolini

con Alessandra Kre e Olga Pultrone

Musiche: Gianluca Attanasio

Foto: Christian Minucci

Luci e fonica: Alessandro Palmieri

Consulenza ai costumi: Maria Grazia Santonocito

Anna e Paola, due aspiranti attrici, si ritrovano insieme in uno studio radiofonico dal quale dovrebbero andare in onda, insieme a numerosi ospiti, con un programma sulle "Sorelle Belle", un famosissimo duo canoro "che spopolò negli anni del boom economico".
Ma nello studio oltre a loro due ci sono solo un computer parlante, qualche strano oggetto ed una scaletta che prevede servizi, interventi, interviste, contributi audio e musicali.
A tre minuti esatti dall'inizio della trasmissione lo studio è ancora vuoto, ma le due ragazze decidono che..."THE SHOW MUST GO ON"...


 TEATRO DUSE, VIA CREMA 8 (ZONA RE DI ROMA)

  DAL 20 al 25 OTTOBRE

 
INFO E PRENOTAZIONI: 06.7013522
 

]]>
Un'ora senza televisione Tue, 20 Oct 2009 05:04:48 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/teatro/94691.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/teatro/94691.html lacasadinuvole lacasadinuvole    Un'ora senza televisione

 

 

13 ottobre - 1 Novembre:

"Un ora senza televisione" di Jaime Salom. Con Ennio Coltorti e Patrizia Pellegrino. Scene Federica Righini. Musiche originali di Gianluca Attanasio. Regia di Gianluca Ramazzotti
Può arrivare un giorno in cui una moglie chiede al marito di spegnere per un`ora la TV per poter fare qualcosa che non si riesce più a fare sul serio: parlare. I nodi da sciogliere allora potrebbero rivelarsi essere molti; forse troppi...
il tema della coppia in crisi in modo serio, ma anche molto divertente.
Un meccanismo perfetto creato dalla penna di uno dei più prestigiosi ed importanti autori spagnoli contemporanei che attraverso il linguaggio quotidiano ci allerta su come siamo diventati: attenti solo ai condizionamenti esterni. Una Commedia attualissima specialmente nel nostro paese dove La Televisione è diventata parte integrante del nostro quotidiano. Molto rappresentata all’estero (tre stagioni a Madrid con più di 1000 repliche), a New York, Los Angeles, Messico, Parigi, ecc ... Un film in Slovacchia.
NOTE SULL’AUTORE
JAIME Salom è uno di quei drammaturghi che vengono definiti un "must" per la scena contemporanea spagnola. I suoi numerosi film, le sue iniziative imprenditoriali, i premi che ha ricevuto nel corso della sua carriera, lo mettono in un posto privilegiato nella storia del teatro spagnolo del XX secolo. La sua penna rende incisioni profonde nella società, apre scanalature nelle parti che meritano di essere guarite, e punti per cucire le ferite nel drenaggio intorno a noi. Tali operazioni sono svolte con le pinze dell `umorismo, l`ironia, l`eleganza.

]]>
Un'ora senza televisione Mon, 19 Oct 2009 23:09:59 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/world_music/94693.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/world_music/94693.html lacasadinuvole lacasadinuvole


]]>
Gianluca Attanasio in concerto Sun, 08 Apr 2007 03:00:00 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/world_music/37178.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/world_music/37178.html lacasadinuvole lacasadinuvole COMUNICATO STAMPA
 
Venerdi 20 aprile 2007
alle ore 21.00
 
prenotazione obbligatoria
 
L’Ambasciata slovacca a Roma
e
l’Istituto di cultura slovacca
(Via Colli della Farnesina, 144)
 
presentano
 
Gianluca Attanasio
 
 
in
 
“La casa di nuvole, luoghi immaginari ma possibili.
 Forse una favola”
 
performance di pianoforte solo e immagini
(per un laboratorio di emozioni)
 
Uno spettacolo dedicato al poeta slovacco Milan Rufus
 
  COMUNICATO STAMPA
 
 
L’Ambasciata slovacca a Roma ospiterà,  venerdì 20 aprile, alle ore 21.00,
in prima nazionale assoluta
il nuovo spettacolo del musicista e compositore
Gianluca Attanasio:
“La casa di nuvole, luoghi immaginari ma possibili. Forse una favola”.
Una performance di musica, parole e immagini in cui il pianoforte racconta le storie che vivono dentro ognuno di noi.
Un viaggio dove la vita si scopre, per poi nascondersi all’improvviso.
 
(Il concerto si situa al centro del  “ponte culturale” Italia-Slovacchia, ed Ascoli Piceno-Bratislava, caratterizzato dall’esposizione delle opere dei giovani artisti di Ascoli Piceno “All´ombra della luce”, collegata alla mostra di opere firmate da Daniel Brunovsky)
 
Gianluca Attanasio firma, oltre alle melodie, il testo da lui stesso recitato, il montaggio delle immagini (tratte dallo sterminato mondo del web, ma anche dai ricordi dei suoi innumerevoli viaggi) e la regia dello spettacolo.
Quello che viene proposto agli spettatori in sala è un audace esperimento emotivo per rintracciare all’interno del proprio io le sensazioni che fanno parte del nostro passato, proiettandole senza filtri nell’immediatezza di un presente che si muove come il fluire delle immagini.
Le video letture  della performance, dedicata allo scrittore slovacco Milan Rufus, di cui verranno recitate alcune poesie, saranno accompagnate da sottotitoli in lingua slovacca a cura  di Zdena Jasicova”.

“In ognuno di noi - spiega Gianluca Attanasio - vive una ‘piccola casa di nuvole’, un mondo ideale fatto di ricordi, di piccole storie, di vite vissute e mai del tutto dimenticate. La musica può aprirci le sue porte: una volta entrati, sarà come tornare bambini. Riscoprire suoni, odori e colori familiari, sarà quasi un gioco. Ho dedicato questo spettacolo al grande poeta slovacco Milan Rufus (attivo nella seconda metà del XX secolo) perché la sua dimensione intimistica mi ha emozionato, dandomi il coraggio di portare avanti questo progetto a cui avevo già lavorato in passato.. Per lui la poesia «è unione, alleanza con la verità e la bellezza, una potente alleanza che ci rende migliori». Scrive in una delle sue poesie: «Brilla nei miei occhi la lacrima altrui.  Brucia sulle mie labbra l'altrui ferita.  Volgendo lo sguardo all'aspro dolore del mondo, ho tristezza, ho una tristezza mortale».”

“La casa di nuvole, luoghi immaginari ma possibili. Forse una favola” è uno spettacolo multimediale, un racconto musicale e poetico affidato alle note di un pianoforte acustico, sospese in un tempo/memoria che in fondo appartiene ad ognuno di noi.
La performance che Gianluca Attanasio ci propone  si affida anche alle video proiezioni di immagini “comuni”: frammenti di vita quotidiana immortalate per sempre da un teleobiettivo che non ferisce. Il suo è un occhio discreto sulla realtà, contraddistinto da un amore commosso per ciò che inesorabilmente è destinato a passare. E la musica è attenta a cogliere anche le sfumature più impercettibili di quegli oggetti e di quegli sguardi, catturati per strada o su una spiaggia, che tramontano in un orizzonte d’arcobaleni.
“Attraverso la magia della musica - sottolinea Attanasio - vorrei risvegliare la speranza  racchiusa  in ognuno di noi. Dimenticando, per un attimo, di essere adulti, provando a  tornare bambini ancora una volta, in uno spazio immaginario che divide la realtà e la trasforma in sogno”
 I brani dello spettacolo - vere e proprie colonne sonore - presto faranno parte di un cd dal titolo “Passaggi”,  composto, suonato  e prodotto  dallo stesso artista.
 
 
Alla fine del concerto gli spettatori saranno invitati ad annotare su semplici fogli di carta l’emozione suscitata dalla performance. Lasciando così una “traccia” della loro casa di nuvole in un pentagramma di suggestioni che costruiranno la partitura per la seconda tappa di questo laboratorio melodico multimediale.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
GIANLUCA ATTANASIO studia dapprima musicologia e critica teatrale al DAMS di Bologna. Successivamente, si impegna in studi filosofici presso la Facoltà di Lettere e Filosofa del capoluogo emiliano. Giornalista, dal 1990 è inoltre iscritto alla SIAE ("Società Italiana degli Autori ed Editori"). Pianista e compositore moderno (si è perfezionato a Firenze presso il Laboratorio Musicale L.M.W.S. diretto da Walter Savelli) pubblica per la Time Music/Aliante alcuni Cd, collaborando con musicisti del calibro di Geoff Westley, Renato Serio, Roberto Guarino, Mike Applebaum, Francesco Musacco, Walter Savelli, Bob Rosati, Lello Panico, Enrico Solazzo, Daniele Scattina, Ettore Papadia. Negli ultimi anni ha condotto programmi radiofonici per alcune emittenti italiane, partecipando a trasmissioni radio-televisive della Rai (La notte dei misteri, Notturno Italiano, Uno mattina, Futura Rai-Tv,  Radiorai 2 ). Ha collaborato  con i quotidiani  "IL TEMPO" ,  "IL GIORNALE D'ITALIA",  "Il GIORNALE", e “L'Opinione delle Libertà", occupandosi di cultura e spettacoli. Da alcuni anni scrive inoltre musiche per il teatro e la danza. Nel maggio 2004 compone  per gli 84 anni di sua Santità Giovanni Paolo II  il brano  “Serenata dal cuore”, eseguito alla presenza del Pontefice  in Sala Nervi  dall’Orchestra Classica di Alessandria, diretta dal M. Renato Serio. Il brano è stato trasmesso in mondovisione da CTV e Rai International.  Tra i suoi ultimi lavori discografici ricordiamo il  cd  “Soul of the ocean”.
 
  
 
 
 
 
 
 
Ambasciata slovacca di Roma:  Via dei Colli della Farnesina, 144
00194 Roma
OBBLIGATORIA LA PRENOTAZIONE
Tel.: 063 6715220 (1)
Fax:  063 6715263
E-mail: is@roma.mfa.sk
Sito web dell’artista: www.gianlucaattanasio.it
 
UFFICIO STAMPA DELL’ARTISTA: Praxilla cell. 328.7690756
 

L'email della prossima generazione? Puoi averla con la nuova Yahoo! Mail]]>