Comunicati.net - Comunicati pubblicati - AMICIdellaMUSICA MODENA Comunicati.net - Comunicati pubblicati - AMICIdellaMUSICA MODENA Mon, 03 Aug 2020 17:14:50 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://zend.comunicati.net/utenti/6155/1 AMICI della MUSICA di MODENA Comunicato stampa 4 novembre Sat, 03 Nov 2012 09:42:41 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/252687.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/252687.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA
Sllego comunicato stampa in oggetto.
 
Distinti saluti

Francesco L'Astorina
Direttivo Amici della Musica
]]>
stampa 14 ottobre Fri, 12 Oct 2012 23:13:29 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/249757.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/249757.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA
 
 

AdM Ensemble inaugura la rassegna “Domenica in Musica” del Centro Culturale Alberione

 

Domenica 14 ottobre alle ore 17 il Centro Culturale Alberione- Modena via 3 febbraio 1831- inaugura la stagione 2012-13 della rassegna “Domenica in Musica” diretta da Enza Iori. Ospite di riguardo l’AdM Ensemble, la nota formazione da camera degli Amici della Musica di Modena con Gabriele Betti ai flauti, Yoko Morimyo al violino, Luca Bacelli al violoncello, Francesco Bergamasco al pianoforte.

Il repertorio dell'AdM Ensemble è incentrato sugli ultimi cent'anni di musica "colta" e, infatti, il cuore del programma proposto al pubblico è il Novecento storico di Schönberg, Berg, Webern e Debussy. Si potranno però ascoltare anche due novità: Piccole melodie per la memoria (vol.2), una breve raccolta da For Children di Bartók, strumentati e rielaborati da Claudio Rastelli, e le Variazioni Brahms/Paganini trascritte da Francesco Bergamasco. Il programma è interamente composto di brani brevissimi collegati fra loro. Il concerto è presentato da Claudio Rastelli, direttore artistico dell’AdM Ensemble.

L’ingresso, 5 euro, è riservato ai soci, gratuito ai minori di 14 anni.

Per informazioni: segreteria@centro-alberione.it, Tel. 059 236853 

]]>
Com.stampa 21 giugno Tue, 19 Jun 2012 20:48:02 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/228788.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/228788.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA
 

Amici della Musica di Modena

FESTA DELLA MUSICA

21 giugno 2012 giovedi  ore 21.30

Modena �“ Chiostro Palazzo S. Margherita

In collaborazione con Biblioteca A. Delfini e Galleria Civica di Modena

Una serata di musica, letteratura e arte visiva per celebrare la Festa della Musica

 

Gli Amici della Musica di Modena colgono l'occasione per augurare a tutti una buona estate e un arrivederci a ottobre con la stagione AdM 2012-2013.

 

 

Note di viaggio: Franz Liszt in Italia

Un racconto-concerto  di Luca Scarlini e Emanuele Torquati

La generazione romantica ebbe la passione dell’autobiografia in musica, del ricostruire le suggestioni di un’ispirazione, in specie per quello che concerneva l’immancabile Grand Tour, in cui l’Italia diveniva meta di pellegrinaggio per artisti di tutto il mondo. Insieme al Berlioz di Childe Harold, Franz Liszt (1811-1886) , realizzò il maggiore tributo a questo immaginario, nelle sue  Années de Pèlerinage, personalissimo diario musicale.   Note di viaggio ripercorre con immagini, musiche e parole i momenti di maggiore fascino di questo vero e proprio “appuntamento di mezzanotte” della musica ottocentesca, che in filigrana è anche un personalissimo itinerario di viaggio.  Dalla appassionata lettura di Petrarca, ai capricci di Salvator Rosa, alle immagini di un matrimonio e alle memorie di canzonette udite per strada,  il racconto fa da contrappunto alle musiche, con la presentazione di una selezione dal Secondo volume delle Années fino agli esiti estremi dell'oscura Lugubre gondola, scritta a Venezia poche settimane prima della morte di Richard Wagner, e dell'avveniristico Nuages gris.

 

 

 

Programma:

- dagli Années de Pèlerinage - Deuxième Année:

Sposalizio - Il Penseroso - Canzonetta del Salvator Rosa - Sonetto del Petrarca 123

- La lugubre gondola

- Nuages Gris

 

 

 

 

 

 

Luca Scarlini, scrittore, drammaturgo, narratore in scena in varie lingue con artisti, danzatori e musicisti, insegna all’Accademia di Brera e in molte altre istituzioni e collabora con numerose istituzioni teatrali e musicali in Italia e all’estero. Tra i suoi libri: Equivoci e miraggi (Rizzoli), Lustrini per il regno dei cieli (Bollati Boringhieri), Corpi barocchi (Gaffi), Sacre sfilate (Guanda).  Ha da due anni una collaborazione continua con Emanuele Torquati, con cui elabora racconti musicali.

 

Emanuele Torquati, allievo di Giancarlo Cardini e Konstantin Bogino, ha  seguito masterclasses con Alexander Lonquich, Yvonne Loriod-Messiaen, Nicholas Hodges, Ian Pace.

Vincitore di premi in Italia e all´estero, suona regolarmente in Europa, Canada e America, nei principali centri musicali e per Festivals quali Columbia University Fall Series, NEC Boston, MITO Settembre Musica, Concerti del Quirinale, Estate Fiesolana, Festival Pontino, Klangspuren Schwaz, Heidelberger Fruehling, Acanthes Paris, The Banff Centre, Teatro San Martin Buenos Aires.

Il suo repertorio spazia da Bach (recente il debutto con la versione di Busoni delle Variazioni Goldberg) a Rihm. Da segnalare il suo lavoro a stretto contatto con i principali compositori contemporanei, tra cui Wolfgang Rihm, Kaija Saariaho, Beat Furrer, Jonathan Harvey, Brett Dean, Magnus Lindberg e con artisti quali Quartetto Prometeo, Valentina Coladonato, Isabel Charisius, Matthias Pintscher, Michael Gielen, Susanne Linke, Inon Barnatan, Sean Lee, Gil Morgenstern. Le sue esecuzioni sono state trasmesse da emittenti quali RAI, BBC Radio3, Deutschland Radiokultur, Radio France, Radio Svizzera, RTE Lyric ed Euroradio.

Di recente pubblicazione con Brilliant classics il doppio CD di rarita' schumanniane in duo col violoncellista Francesco Dillon, e l'integrale delle opere di Franz Liszt per questa formazione.

In campo didattico e’ stato invitato a tenere Masterclasses e Seminari d’interpretazione da istituzioni quali Boston University, Longy School, IULM, Scuola di Musica di Fiesole, Conservatori statali “F. Bonporti” di Trento e "B. Marcello" di Venezia. E’ curatore della stagione concertistica music@villaromana per l’omonima istituzione tedesca.

]]>
comunicato stampa 9 giugno Quartetto di Roma Fri, 08 Jun 2012 09:16:50 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/226409.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/226409.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA

COMUNICATO STAMPA DEL 9 giugno 2012.

 

Amici della Musica di Modena

A SPILAMBERTO “NOTE DI PASSAGGIO” CON IL QUARTETTO DI ROMA

 

Sono giorni molto tristi e difficili, ma crediamo che le occasioni di bellezza debbano continuare a essere proposte, con la speranza che servano a raccogliere le forze e lo spirito.

Sabato 9 giugno, alle ore 21.15 nella bella sala dello Spazio Eventi “L. Famigli” di Spilamberto, aria condizionata in luogo confortevole e sicuro, gli Amici della Musica di Modena presentano una di queste occasioni, il Quartetto di Roma con un  programma di musiche bellissime, tre capolavori assoluti, il Quartettsatz opus D703 in do minore di Schubert, il Quartetto in do minore op.51 n.1 di Brahms e, infine, il Quartetto in Do minore op. 110 n.8 di Šostakovič.

Il Quartetto di Roma, erede della prestigiosa tradizione quartettistica italiana, fin dalla sua fondazione nel 1995 ad opera di Marco Fiorini, già primo violino dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, e di Biancamaria Rapaccini, violino di fila della stessa orchestra, si è imposto come uno dei più validi gruppi del genere perfezionandosi ai corsi dell'Accademia Chigiana di Siena con Piero Farulli (Quartetto Italiano) e poi con Raphael Hillyer (Julliard Quartet) e Sadao Harada (Tokyo Quartet). L'ensemble, che dal 2003 si avvale del violista Davide Toso e della violoncellista Alessandra Montani, svolge un'intensa attività concertistica che lo ha fatto apprezzare in Italia, Spagna, Olanda, Norvegia, Turchia, Estremo Oriente e soprattutto in Germania, dove suona più volte l'anno riscuotendo sempre un grande successo di pubblico e lusinghieri giudizi della critica, concorde nell'apprezzarne la trasparenza tecnica e l'intensità espressiva. Ospite di prestigiose manifestazioni, ha registrato per la RAI, la Radio Nazionale Spagnola e la Bayerischer Rundfunk di Monaco. Nel 2010 ha celebrato i 15 anni di attività con due apprezzatissimi recitals alla Philarmonie di Berlino e al Palazzo Reale di Madrid sui quattro strumenti Stradivari di proprietà del Museo Reale.

Il concerto è realizzato in collaborazione con il Comune di Spilamberto e con il contributo finanziario della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e della Regione Emilia Romagna. Come per tutti i concerti della rassegna, l’ingresso è gratuito.

Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso della sala.

Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info

]]>
comunicato stampa 28 aprile Thu, 26 Apr 2012 23:48:02 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/217562.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/217562.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA

COMUNICATO STAMPA DEL 28 aprile 2012.

 

Amici della Musica di Modena

 

LE “QUATTRO STAGIONI” DI VIVALDI NELLA TRASCRIZIONE PER VIOLINO E ORGANO: LINA UINSKYTE violino FRANCESCO FILIDEI organo

 

Sabato a Spilamberto alle ore 21.15 nella Chiesa di S. Adriano, nell’ambito della rassegna Note di Passaggio degli Amici della Musica di Modena, saranno eseguite le “Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi, trascritte per violino e organo da Stefano Gervasoni e affidate a Lina Uinskyte, violino, e Francesco Filidei, organo.

Gervasoni tenta di “lanciare una sfida tra due solisti, acrobati e virtuosi sensibili del loro strumento. La parte del violino resta quasi interamente intatta, è lo sfidante all’organo che da solo deve fedelmente racchiudere l’intera partitura degli archi e del continuo in un gioco di colori, ritmi, contrasti armonici e contrappunti che amplificano i valori espressivi e dinamici della partitura”…“Non filologicamente, ma molto fedelmente “ridotta” all’organo, la scrittura vivaldiana si trasfigura e svela il suo proto-impressionismo, in una maniera così concentrata, miniaturizzata e potente da assumere caratteri espressionistici”.

Un concerto da non perdere, quindi, sia per il livello degli esecutori, sia per scoprire "come suonano" le Quattro Stagioni in questa trascrizione con alcuni "tocchi di contemporaneità".

Sarà interessante ascoltare anche il suono dell'organo di S. Adriano, tra i più antichi e preziosi della nostra provincia. Citato sulla Treccani e in altre importanti pubblicazioni dedicate agli antichi organi italiani, fu costruito da Francesco Traeri di Bologna (1721) con canne di Giovanni Cipri ( sec. XVI) e Giovanni Paolo Colonna

(sec. XVII). Restaurato nel 1991 da Paolo Tollari e inaugurato da Weinand Van Depol.

Francesco Filidei, compositore e organista, è regolarmente invitato nei maggiori festival internazionali e nelle sale da concerto più prestigiose del mondo; Lina Uinskyte, violinista lituana vincitrice di prestigiosi concorsi internazionali, debutta giovanissima come solista, attualmente affianca l’attività di concertista a quella di docente presso il Conservatorio di Como.

La stagione Note di Passaggio è sostenuta dai comuni aderenti al progetto, dalla Regione Emilia Romagna e dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di Modena

Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso della sala.

Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BREVE (RADIO)

 

Sabato a Spilamberto alle ore 21.15 nella Chiesa di S. Adriano, nell’ambito della rassegna Note di Passaggio degli Amici della Musica di Modena, saranno eseguite le “Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi trascritte per violino e organo da Stefano Gervasoni e affidate a Lina Uinskyte, violino, e Francesco Filidei, organo.

Un concerto da non perdere, quindi, sia per il livello degli esecutori, sia per scoprire "come suonano" le Quattro Stagioni in questa trascrizione con alcuni "tocchi di contemporaneità".

Amici della Musica di Modena: Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info
]]>
Comunicato stampa 25 aprile Mon, 23 Apr 2012 23:35:52 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/216867.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/216867.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA

COMUNICATO STAMPA DEL 25 aprile 2012.

 

Amici della Musica di Modena

Fondazione ex Campo Fossoli

                                                                                                                                                                                            In collaborazione con

Assessorato Politiche culturali e Progetto Memoria

Comitato per la Memoria del Comune di Carpi

 

CONCERTO PER LA LIBERAZIONE-CAMPO FOSSOLI

25 aprile 2012- ore 16

"67° Anniversario Festa della Liberazione" - "Mese della Memoria 2012"

 

Mercoledì 25 Aprile, nel giorno dell’anniversario della Liberazione d’Italia, gli Amici della Musica di Modena presentano il Concerto per la Liberazione. A partire dalle ore 16 al Campo Fossoli di Carpi con la forza di musica e parole si darà vita ad un viaggio nella Memoria per riaffermare il senso di quell’impresa straordinaria che fu la liberazione dal nazifascismo. Guide eccezionali, il mandolinista Avi Avital, il percussionista Murat Coskun e l'attore Enzo Salomone, che hanno elaborato una vera e propria drammaturgia in quattro "stazioni" (Italia; Gulag; Balcani e Israele/Palestina), in luoghi dove c'è stata, o c'è ancora, Resistenza. Tanta musica popolare, d’autore e improvvisata, di ogni epoca e luogo, e una trentina di testi poetici (Levi, Celan, Quasimodo, Fortini, Gatto, Pasolini, Montale, Brecht, Trilussa, Tvardovskij, Mandel’stam, Szymborska, Sarajlić, Zemljar,   Darwish, Shabtai, Müller, Beniamin) presentati da artisti di assoluto rilievo.

 

Avi Avital, il primo mandolinista a ricevere una nomination al Grammy nella categoria “miglior solista strumentale”, ha suonato in tutto il mondo, dalla Carnegie Hall al Lincoln Center di New York, dalla Sala Filarmonica di Berlino alla Sala Concerti della Città Proibita di Beijing e alla Wigmore Hall di Londra. Le sue esibizioni dal vivo sono state trasmesse da stazioni radio di tutto il mondo. Le sue pubblicazioni per le etichette Deutsche Grammophon, Sony Classical BMG e Naxos spaziano dal Klezmer al Barocco fino alla nuova musica classica.

 

Murat Coskun ha ottenuto nel 1998 il premio Südwestrundfunk World Music e nel 2004 il premio Zelt Musik Festival Freiburg. Tiene concerti e partecipa a festival in tutto il mondo sia come solista sia con musicisti internazionali come Giora Feidmann, la Freiburg Barock Orchestra, l’ensemble FisFüz. La sua formazione in etnomusicologia e i suoi studi orientali gli permettono di essere un intermediario tra il mondo musicale orientale e quello occidentale, spaziando dal jazz alla world music, dalla musica antica alla musica classica fino alle percussioni sperimentali.

 

Enzo Salomome lavora tra Teatro (Vitello, Martone, Servillo, Carpentieri, Cecchi, De Rosa), Cinema (Verdone, Martone, Capuano), Televisione (Un posto al Sole, Week-End, Amazing History), Radio e Pubblicità. Negli ultimi anni ha approfondito il rapporto fra musica e oralità, interpretando prime esecuzioni di importanti compositori italiani (Tempest di Claudio Lugo, Parthenope di Giorgio Battistini) e collaborando con prestigiosi musicisti come Uri Caine e Ensemble Dissonanzen.

 

 

L’iniziativa, realizzata col sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, della Regione Emilia Romagna e del Comune di Carpi è a ingresso libero e gratuito. Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso delle sedi dei concerti.

Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info

 

 

BREVE (RADIO)

 

Mercoledì 25 Aprile, nel giorno dell’anniversario della Liberazione d’Italia, gli Amici della Musica di Modena, nella rassegna Note di Passaggio, presentano il Concerto per la Liberazione. A partire dalle ore 16 al Campo Fossoli di Carpi con la forza di musica e parole si darà vita ad un viaggio nella Memoria per riaffermare il senso di quell’impresa straordinaria che fu la liberazione dal nazifascismo. Guide eccezionali, il mandolinista Avi Avital, il percussionista Murat Coskun e l'attore Enzo Salomone, che hanno elaborato una vera e propria drammaturgia in quattro "stazioni" (Italia; Gulag; Balcani e Israele/Palestina), in luoghi dove c'è stata, o c'è ancora, Resistenza. Tanta musica popolare, d’autore e improvvisata, di ogni epoca e luogo, e una trentina di testi poetici (Levi, Celan, Quasimodo, Fortini, Gatto, Pasolini, Montale, Brecht, Trilussa, Tvardovskij, Mandel’stam, Szymborska, Sarajlić, Zemljar, Darwish, Shabtai, Müller, Beniamin) presentati da artisti di assoluto rilievo.

Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info

]]>
comunicato stampa 1 Aprile Fri, 30 Mar 2012 21:37:13 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/212094.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/212094.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA

AMICIdellaMUSICAModena

COMUNE DI SAN CESARIO

Note di Passaggio �“ Concerti Sighicelli

1 aprile 2012 �“ ore 17:00 concerto / ore 19:00 visita guidata �“ Basilica

 

STEFANO SUCCI �“ violino  ULRICH HORN �“ violoncello  SARA OKAMOTO �“ pianoforte

 

Domenica 1 Aprile alle ore 17, nella splendida Basilica di San Cesario, gli Amici della Musica di Modena presentano l’atteso concerto del Trio Succi-Horn-Okamoto. Interpreti di rilievo internazionale e programma di grande repertorio garantiscono uno spettacolo di sicuro successo.

I Trii di Beethoven, Mendelssohn e Brahms si pongono sulla linea indicata da Haydn, il padre del trio “classico” (violino, violoncello e pianoforte). E’ Haydn, infatti, a individuare in questo organico strumentale le potenzialità timbriche e espressive sulle quali hanno investito quasi tutti i grandi compositori tedeschi dell’Ottocento. Beethoven, allievo di Haydn, compone infatti alcuni Trii giovanili, fra cui quello in Mi bemolle maggiore in programma. Anche il giovane Brahms compone il primo dei suoi Trii, l’op.8, in anni giovanili (21 anni), ma la versione proposta sarà, come d’abitudine, quella rivista da Brahms stesso in età matura; il trio fa parte a pieno titolo dei suoi capolavori cameristici. Il Trio di Mendelssohn, poi, è sicuramente una delle sue composizioni più belle e riuscite. Con i Trii di Mendelssohn e Brahms il pubblico ascolterà il meglio della scrittura romantica per questo organico strumentale.

Stefano Succi, diplomato a Pesaro, ha fatto parte del celebre Ensemble “I Solisti Veneti” diretti da Claudio Scimone esibendosi, anche come solista, nelle più rinomate sale da concerto di Europa, America ed Asia. Dal 1994 si è stabilito in Germania dove ha ricoperto il ruolo di Konzertmeister nella Neue Philharmonie Westfalen e nell’Orchestra della Radio del sud-ovest, con la quale ha registrato il Concerto in sol min. di Max Bruch per Mons Records. Dal 2005 Stefano Succi é “Stimmführer nell’Orchestra Sinfonica della Radio di Francoforte e fondatore, violino principale e direttore musicale dell’Ensemble Frankfurt Strings, l’orchestra d’archi della Radio di Francoforte. Stefano Succi suona su un violino Carlo Tononi costruito a Bologna nel 1715.

Ulrich Horn, dal 2001 violoncellista dell’orchestra della radio di Francoforte, ha studiato nella prestigiosa Universitá della Musica “Hans Eisler” e all’Accademia Karajan dei Filarmonici di Berlino. Ha fatto parte dell‘orchestra giovanile “Gustav Mahler” e gli sono stati conferiti in giovanissima etá numerosi premi in concorsi nazionali ed internazionali, tra cui il 1°premio al concorso per giovani talenti di Rostock e il 1°premio al Johann Sebastian Bach di Lipsia. Si è esibito come solista sia in Europa che in Asia ed ha collaborato con varie orchestre sotto la guida di famosi direttori (Sir Rattle, Maazel, Järvi, Harding, Baremboin e Abbado). Ha suonato la parte solistica del Don Quixote di Richard Strauss sotto la direzione di Zubin Metha e ha ricoperto il ruolo di 1°violoncello nell’orchestra dell’opera di stato bavarese e nell’orchestra sinfonica di Sydney. Suona su un Giovanni Gagliano costruito a Napoli nel 1800.

Sara Okamoto ha studiato alla Michigan State University, al New England Conservatory e alla Yale University; attualmente sta redigendo la sua tesi di laurea sulla musica presso la City University del New York Graduate Center.  Sara ha al suo attivo numerose esibizioni solistiche e di musica da camera, in rinomate sale da concerto. Entusiasta sostenitrice della musica contemporanea, si é prodotta al “Look and Listen Festival” di New York presentando le opere di numerosi compositori emergenti. Recentemente è stata impegnata nel festival estivo “On the Shannon” a Limerick in Irlanda, in trio con il violinista Stefano Succi ed il violoncellista Ulrich Horn, alla Radio di Francoforte e in una serie di concerti al Portikus Galerie di Francoforte, insieme all’artista Adrian Williams e al compositore Theodor Koelher.

Il concerto è realizzato in collaborazione con il Comune di San Cesario e con il contributo finanziario della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e della Regione Emilia Romagna. Come per tutti i concerti della rassegna, l’ingresso è gratuito. Dopo il concerto è prevista una visita guidata alla Basilica.

Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso delle sedi del concerti.

Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info

 

BREVE (RADIO)

 

Domenica 1 Aprile alle ore 17, nella splendida Basilica di San Cesario, gli Amici della Musica di Modena presentano l’atteso concerto del Trio Succi-Horn-Okamoto. Interpreti di rilievo internazionale e programma di grande repertorio (Trio Nr.11 in Mi b magg. di Beethoven, Trio in Re min.Op.49 di Mendelssohn, Trio Nr.1 Op.8 in Si magg. di Brahms) garantiscono uno spettacolo di sicuro successo.

Il concerto, realizzato in collaborazione con il Comune di San Cesario e con il contributo finanziario della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e della Regione Emilia Romagna è ad ingresso libero.

 

 

IL PROGRAMMA

 

L. van Beethoven       Trio Nr.11 in Mi b magg. WoO 38 per pianoforte,violino e violoncello (1791)

Allegro moderato

Scherzo-Allegro non troppo

Rondó-Allegretto

 

F. Mendelssohn Bartholdy  Trio in Re min.Op.49 per violino,violoncello e pianoforte (1839)

Molto allegro agitato

Andante con moto tranquillo

Scherzo-Leggero e vivace

Finale-Allegro assai appassionato

 

J. Brahms  Trio Nr.1 Op.8 in Si magg. (1854-1891)

Allegro con brio

Scherzo-Allegro molto

Adagio

Allegro

]]>
Comunicato Stampa 31 Marzo Spilamberto Thu, 29 Mar 2012 23:33:34 +0200 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/211825.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/211825.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA
 

AMICI DELLA MUSICA DI MODENA

COMUNE Di SPILAMBERTO

NOTE DI PASSAGGIO-ARABESQUE

Sabato 31 marzo ore 21.15   Spazio Eventi “L. Famigli”

 

CLAUDIO RASTELLI + ENSEMBLE ADM per Le Scuole

CONCERTO PER RAGAZZI E FAMIGLIE

 

Sabato 31 marzo allo Spazio Eventi “L. Famigli” di Spilamberto gli Amici della Musica di Modena propongono il Concerto per Ragazzi e Famiglie. Sul palco, oltre al compositore Claudio Rastelli, ci saranno nove musicisti tra i 19 e i 25 anni e la classe V A della scuola “Verdi” dell’Istituto Comprensivo “Pacinotti” di San Cesario che, dopo il lavoro svolto con il regista Giulio Costa nei laboratori sull'opera lirica del progetto AdM per le Scuole, metterà in scena alcune parti dell'Orfeo ed Euridice di Gluck. Esecuzioni dal vivo di brani da Bach a Grieg, improvvisazioni, coinvolgimento del pubblico, sono alcuni degli “ingredienti” di questo appuntamento ricco di sorprese.

“Tutt’altro che un saggio scolastico �“ sottolinea Claudio Rastelli �“ si tratta infatti di un concerto pieno di musica e di vita, in particolare quella dei giovani musicisti e dei futuri musicisti o ascoltatori. Credo che oggi non esista categoria più "nominata" di quella dei giovani, forse è bene anche andare a vedere chi sono. Quindi invito il pubblico a venire al concerto per divertirsi e per scoprire le potenzialità e la vivacità di questi giovani e giovanissimi.”

Il progetto AdM per le scuole, ideato e condotto da Claudio Rastelli, propone da anni lezioni-concerto e laboratori per le scuole. Nell'edizione 2010-11 circa 2500 bambini della scuola primaria e secondaria di I grado hanno partecipato alle attività proposte. All’interno di questo progetto è nato da un anno l’Ensemble AdM per le Scuole, una formazione dinamica di giovani musicisti diplomati in diversi conservatori italiani, studenti del Biennio di Alta Formazione e dei corsi ordinari dell'Istituto Superiore di Studi Musicali "O.Vecchi - A. Tonelli" di Modena e Carpi, alcuni dei quali già avviati alla carriera concertistica e vincitori di concorsi e borse di studio. In questo concerto saranno presenti Vittoria Giacobazzi �“ soprano, Mario Notaristefano �“ flauto, Sara Ferrari �“ oboe, Cosimo Linoci �“ clarinetto, Kamil Pellegrino �“ fagotto, Stefano Spezzani �“ corno, Paolo Fantino �“ violino, Mario Nobile �“ Violoncello, Alessandro Rinaldi �“ pianoforte.

L’iniziativa, realizzata col sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, della Regione Emilia Romagna e del Comune di Spilamberto è a ingresso libero. Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso delle sedi dei concerti.

Per informazioni contattare il 3296336877 o scrivere a mail@amicidellamusica.info

 

 

BREVE (RADIO)

 

AMICI DELLA MUSICA DI MODENA

NOTE DI PASSAGGIO-ARABESQUE

Sabato 31 marzo ore 21.15   Spazio Eventi “L. Famigli”

CONCERTO PER RAGAZZI E FAMIGLIE

Claudio Rastelli + ENSEMBLE ADM per Le Scuole

Sabato 31 marzo allo Spazio Eventi “L. Famigli” di Spilamberto gli Amici della Musica di Modena propongono il Concerto per Ragazzi e Famiglie. Sul palco, oltre al compositore Claudio Rastelli, ci saranno i nove musicisti dell’Ensemble AdM per le Scuole, tutti tra i 19 e i 25 anni, e la classe V A della scuola “Verdi” dell’Istituto Comprensivo “Pacinotti” di San Cesario. Esecuzioni dal vivo di brani da Bach a Grieg, improvvisazioni, coinvolgimento del pubblico, sono alcuni degli “ingredienti” di questo appuntamento coinvolgente e ricco di sorprese. Come per tutti i concerti di Note di Passaggio l’ingresso è libero.

Per informazioni contattare il 3296336877 o scrivere a mail@amicidellamusica.info

 

]]>
Comunicato stampa 26 marzo Sat, 24 Mar 2012 19:52:16 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/210688.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/210688.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA

AMICI DELLA MUSICA DI MODENA

in collaborazione con FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA

Il Cammino della “Nuova Musica”

Direzione artistica Claudio Rastelli

Ciclo di lezioni con crediti formativi

Lunedì 26 marzo ore 15.30

Modena, Aula Magna, via Università n.4

Lezione conclusiva: La Musica Contemporanea.

CLAUDIO RASTELLI �“ relatore

 

Lunedi 26 marzo alle 15.30 si terrà l’ultimo appuntamento de Il cammino della “Nuova Musica”, il ciclo di lezioni, lezioni-concerto e concerti proposti dagli Amici della Musica di Modena in collaborazione con la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Dedicato agli studenti universitari e al pubblico dei concerti, il ciclo, incentrato sulla trasformazione dei linguaggi nelle musiche degli ultimi cento anni, ha ospitato quest’anno artisti come Il Quartetto Prometeo e i pianisti Alfonso Alberti e Fabrizio Ottaviucci.

Il compositore Claudio Rastelli, con l’ausilio di audiovisivi, terrà la conferenza conclusiva sulla “musica contemporanea”. Per un soddisfacente godimento della conversazione non è richiesta alcuna competenza tecnico-musicale da parte degli ascoltatori. L’ingresso è libero.

Il ciclo è parte dei Concerti d’Inverno organizzati dagli Amici della Musica di Modena con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio, della Regione Emilia Romagna e del Comune di Modena.

Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso delle sedi degli incontri.

Per informazioni contattare il 3296336877 o scrivere a mail@amicidellamusica.info

 

 

 

 

BREVE (RADIO)

 

Lunedì 26 marzo ore 15.30

Modena, Aula Magna, via Università n.4

Lezione conclusiva: La Musica Contemporanea.

CLAUDIO RASTELLI �“ relatore

 

Lunedi 26 marzo alle 15.30 si terrà l’ultimo appuntamento de Il cammino della “Nuova Musica”, il ciclo di lezioni, lezioni-concerto e concerti proposti dagli Amici della Musica di Modena, in collaborazione con la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università e diretto agli studenti universitari ed al pubblico dei concerti. Il compositore Claudio Rastelli, con l’ausilio di audiovisivi, terrà la conferenza conclusiva sulla musica contemporanea.

Per un soddisfacente godimento della conversazione non è richiesta alcuna competenza tecnico-musicale da parte degli ascoltatori. L’ingresso è libero.

Per informazioni contattare il 3296336877 o scrivere a mail@amicidellamusica.info

]]>
Comunicato Stampa 25 Marzo Fri, 23 Mar 2012 22:00:49 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/210614.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/210614.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA

AMICI DELLA MUSICA DI MODENA

NOTE DI PASSAGGIO

Domenica 25 marzo ore 17   Nonantola- Teatro M. Troisi

 

CONCERTO PER RAGAZZI E FAMIGLIE

Claudio Rastelli + ENSEMBLE ADM per Le Scuole

Domenica 25 marzo al Teatro Troisi di Nonantola, ore 17, gli Amici della Musica di Modena propongono il Concerto per Ragazzi e Famiglie. Sul palco, oltre al compositore Claudio Rastelli, ci saranno nove musicisti tra i 19 e i 25 anni e la classe IV C dell'Istituto Comprensivo "F.lli Cervi" di Nonantola che, dopo il lavoro svolto con il regista Giulio Costa nei laboratori sull'opera lirica del progetto AdM per le Scuole, metterà in scena alcune parti dell'Orfeo ed Euridice di Gluck. Esecuzioni dal vivo di brani da Bach a Grieg, improvvisazioni, coinvolgimento del pubblico, sono alcuni degli “ingredienti” di questo appuntamento ricco di sorprese.

“Tutt’altro che un saggio scolastico �“ sottolinea Claudio Rastelli �“ si tratta infatti di un concerto pieno di musica e di vita, in particolare quella dei giovani musicisti e dei futuri musicisti o ascoltatori. Credo che oggi non esista categoria più "nominata" di quella dei giovani, forse è bene anche andare a vedere chi sono. Quindi invito il pubblico a venire al concerto per divertirsi e per scoprire le potenzialità e la vivacità di questi giovani e giovanissimi.”

Il progetto AdM per le scuole, ideato e condotto da Claudio Rastelli, propone da anni lezioni-concerto e laboratori per le scuole. Nell'edizione 2010-11 circa 2500 bambini della scuola primaria e secondaria di I grado hanno partecipato alle attività proposte. All’interno di questo progetto è nato da un anno l’Ensemble AdM per le Scuole, una formazione dinamica di giovani musicisti diplomati in diversi conservatori italiani, studenti del Biennio di Alta Formazione e dei corsi ordinari dell'Istituto Superiore di Studi Musicali "O.Vecchi - A. Tonelli" di Modena e Carpi, alcuni dei quali già avviati alla carriera concertistica e vincitori di concorsi e borse di studio. In questo concerto saranno presenti Vittoria Giacobazzi �“ soprano, Mario Notaristefano �“ flauto, Sara Ferrari �“ oboe, Cosimo Linoci �“ clarinetto, Kamil Pellegrino �“ fagotto, Stefano Spezzani �“ corno, Eugenia Lentini �“ violino, Mario Nobile �“ Violoncello, Alessandro Rinaldi �“ pianoforte.

L’iniziativa, realizzata col sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, della Regione Emilia Romagna e del Comune di Nonantola è a ingresso libero. Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso delle sedi dei concerti.

Per informazioni contattare il 3296336877 o scrivere a mail@amicidellamusica.info

 

 

 

 

 

 

BREVE (RADIO)

 

AMICI DELLA MUSICA DI MODENA

NOTE DI PASSAGGIO

CONCERTO PER RAGAZZI E FAMIGLIE

Claudio Rastelli + ENSEMBLE ADM per Le Scuole

Domenica 25 marzo al Teatro Troisi di Nonantola alle ore 17, gli Amici della Musica di Modena propongono il Concerto per Ragazzi e Famiglie. Sul palco, oltre al compositore Claudio Rastelli, ci saranno i nove musicisti dell’Ensemble AdM per le Scuole, tutti tra i 19 e i 25 anni, e la classe IV C dell'Istituto Comprensivo "F.lli Cervi" di Nonantola. Esecuzioni dal vivo di brani da Bach a Grieg, improvvisazioni, coinvolgimento del pubblico, sono alcuni degli “ingredienti” di questo appuntamento coinvolgente e ricco di sorprese. Come per tutti i concerti di Note di Passaggio l’ingresso è libero.

Per informazioni contattare il 3296336877 o scrivere a mail@amicidellamusica.info
]]>
comunicato stampa 20 Marzo Sun, 18 Mar 2012 23:00:53 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/209349.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/209349.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA

AMICI DELLA MUSICA DI MODENA

in collaborazione con FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA

Il Cammino della “Nuova Musica”

Direzione artistica Claudio Rastelli

Ciclo di lezioni con crediti formativi

 

20 marzo 2012 Martedì - ore 18 / 21:15  

Modena �“ Teatro delle Passioni

Concerti d’Inverno �“ Il cammino della “Nuova Musica” 4° appuntamento.

Lezione - concerto ore 18 / Concerto ore 21:15

“Il Quartetto d’archi: strumento musicale e terreno di sperimentazione”

QUARTETTO PROMETEO

Giulio Rovighi - violino, Aldo Campagnari - violino, Massimo Piva - viola, Francesco Dillon - violoncello

Musiche di Leóš Janáĉek e Steve Reich

 

Ancora una volta il pubblico degli AdM e gli studenti di Lettere e Filosofia, per i quali il ciclo di lezioni e concerti “Il Cammino della Nuova Musica” è stato promosso, avranno una grande occasione di approfondire le loro competenze di “ascoltatori”. Martedì 20 Marzo il celebre Quartetto Prometeo sará ospite degli Amici della Musica di Modena con una lezione-concerto pomeridiana (alle 18) e un concerto serale (alle 21.15). Entrambi gli appuntamenti si terranno al Teatro delle Passioni di Modena.

Il quartetto d’archi è l’unico organico strumentale a interessare costantemente le “avanguardie”, da Haydn ai nostri giorni. La lezione-concerto, proposta in modo interattivo e con esempi musicali dal vivo, segue il cammino delle innovazioni tecniche e timbriche della scrittura per quartetto dal ‘700 al 2000, collegandole con i rispettivi ambiti culturali nei quali si presentano: dal Quartetto in sol mag. K 387 di Mozart alla Serenata Italiana di Wolf, dal Quartetto n.1 di Zemlinsky per arrivare ai quartetti contemporanei di Scodanibbio; oltre naturalmente ai due capolavori cui il concerto della serata è dedicato, il Quartetto n. 2 “Lettere intime” (1928) di Leóš Janáček e Different Trains (per quartetto e nastro) (1988) di Steve Reich.

La brillante carriera internazionale ha portato il Quartetto Prometeo nelle più prestigiose sale e festival internazionali fra cui il Concertgebouw di Amsterdam, Musikverein, Wigmore Hall, … nonché a tournée in Sud America, Olanda. In Italia il Quartetto Prometeo è ospite delle più prestigiose stagioni concertistiche fra cui l’ Accademia di Santa Cecilia di Roma, la Società del Quartetto di Milano, la Settimana Musicale Senese …

Sempre attento alle espressioni musicali del nostro tempo, il Quartetto Prometeo da sempre affianca il repertorio tradizionale a quello contemporaneo. Particolarmente intensa la collaborazione con Salvatore Sciarrino che ha dedicato al Prometeo gli Esercizi di tre stili e il nuovo Quartetto n. 8 per archi commissionato dalla Società del Quartetto di Milano, Aldeburgh Festival, Ultima Festival di Oslo e dal MaerzMusik Festival di Berlino. Dopo aver eseguito la prima esecuzione italiana di Târ, prosegue la collaborazione con Ivan Fedele di cui il Prometeo interpreterà il nuovo quartetto per archi e voce commissionato dall’Accademia Filarmonica Romana.

Come per tutti gli incontri della rassegna l’ingresso è libero e gratuito fino all’esaurimento dei posti.

L’iniziativa è realizzata col sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, della Regione Emilia Romagna e del Comune di Modena. Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso della sala.

 

Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info

 

 

]]>
comunicato 12-13 Sat, 10 Mar 2012 23:49:27 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/207800.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/207800.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA

AMICI DELLA MUSICA DI MODENA

in collaborazione con FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA

Il Cammino della “Nuova Musica”

Direzione artistica Claudio Rastelli

Ciclo di lezioni con crediti formativi

12 marzo 2012 lunedì - ore 18 / 21:15  

Modena �“ Teatro delle Passioni

Concerti d’Inverno �“ Il cammino della “Nuova Musica”  2° appuntamento

Lezione-concerto ore 18 / Concerto ore 21:15

“Nazioni culture musiche”

ALFONSO ALBERTI �“ pianoforte

Musiche di Pesson, Pintscher, Fedele, Sugiyama, Birtwistle, Neuwirth, Ligeti

 

Si sa, i luoghi geografici non sono qualcosa di chiuso culturalmente, e procedere per etichette significa semplificare le cose: ci sono stati musicisti francesi più spagnoli degli spagnoli, tedeschi nient'affatto tedeschi e via discorrendo. E' però stimolante affiancare in un programma musiche nate in luoghi diversi (anche in un contesto limitato, per esempio l'Europa) e capire quanto le differenze sulla mappa possano portare a differenze stilistiche.

Col presente programma si mette perciò il dito sul planisfero per sette volte, passando dalla Francia di Gérard Pesson alla Germania di Matthias Pintscher e all'Austria di Olga Neuwirth, toccando anche Inghilterra, Italia e Ungheria (rispettivamente con Harrison Birtwistle, Ivan Fedele e György Ligeti). Il lontano Giappone si fa invece rappresentare dalla prima esecuzione di un lavoro del compositore e direttore d'orchestra Yoichi Sugiyama, Intermezzo VII.

In alcuni casi sarà possibile rintracciare nel brano proposto alcune caratteristiche ideali e "mitiche" di un'identità nazionale: è il caso, per esempio, dell'approccio leggero e ironico di Pesson, francese quant'altri mai; o di Birtwistle, che con le sue figure musicali vivide e caratteristiche sembra la conseguenza naturale di un Novecento inglese arrivato "in ritardo", senza Neue Musik di mezzo.

In altri, invece, verrà in primo piano l'ibridazione dei linguaggi e delle culture: il tedesco Pintscher si ispira a una poesia di Rimbaud e manifesta un'attenzione per il suono tutta francese; l'ungherese (o meglio transilvano: durante la Seconda guerra mondiale quella regione fu di tutti e di nessuno) naturalizzato austriaco Ligeti si lascia sedurre niente meno che dall'Africa centrale e dalle sue sequenze ritmiche senza fine.

 

Alfonso Alberti svolge un’intensa attività di pianista in Europa e negli Stati Uniti. Nato nel 1976, ha esordito nella Sala Verdi del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano a diciassette anni eseguendo il Quarto concerto di Rachmaninov con l’Orchestra della RAI. Ha pubblicato cd per case discografiche come Col legno e Stradivarius. Degno di nota è il suo impegno per la divulgazione e la promozione della musica del secolo appena trascorso, con un repertorio che spazia dalle avanguardie storiche fino ai compositori più giovani.

Dal 2005, Alfonso Alberti è socio della Società Italiana di Musicologia.

 

 

 

 

PROGRAMMA

 

Gérard Pesson (1958-viv.)                Trois pièces pour piano (2008)                                              

                                                           La lumière n’a pas de bras pour nous porter (1994)   

                                                           Da Musica ficta:

                                                           - Poisson dort (anniversaire de Debussy)       

                                                           - Ecole du pire                                                            

                                                           - Trop d’étoiles (à la manière d’Olivier Messiaen)      

                                                           - Le poète Takuboku en train                                      

 

Matthias Pintscher (1971-viv.)        Monumento I (in memoria di Arthur Rimbaud) (1992)         

 

Ivan Fedele (1953-viv.)                    Dalle Études australes (2002-2003):                         

                                                                       - n. 1, Tierra del fuego

 

                                                           -------------------

 

Yoichi Sugiyama (1969-viv.)            Intermezzo VII Intermezzo VII "after Alfonso Alberti's Ligeti Etudes" (2011, p. e. assoluta)                            

 

Harrison Birtwistle (1934-viv.)        Dagli Harrison’s Clocks:                                           

      -       n. 3       

Olga Neuwirth (1968-viv.)              Marsyas (2004)                                                                      

György Ligeti   (1923-2006)              Dal secondo libro degli Studi:

-       n. 13 L’escalier du diable (1993

 

 

13 marzo 2012 martedì - ore 21:15

Modena �“ Teatro delle Passioni

Concerti d’Inverno �“ Il cammino della “Nuova Musica”  3° appuntamento

Introduzione e concerto ore 21:15

“African Piano”

 FABRIZIO OTTAVIUCCI �“ pianoforte

Musiche di Euba, El-Dabh, Abdel-Rahim, Onyeji, Okoye, Uzoigwe, Blake, Nketia , Vindu, Volans.

 

Quante persone sanno che in Nigeria esiste una tradizione pianistica fin dai primi decenni del Novecento? Questo concerto ha un “suono complessivo” sorprendente: combina Novecento storico europeo e linguaggio contemporaneo con le radici etniche africane, rendendo evidente come le influenze riescano a circolare e ad essere raccolte a qualsiasi latitudine.

Fabrizio Ottaviucci, brillantemente diplomato in Pianoforte presso il Conservatorio di Pesaro, ha studiato Composizione e Musica Elettronica. Ha tenuto centinaia di concerti nelle maggiori città italiane e straniere, tournée in Spagna, Austria, Inghilterra, Messico, Stati Uniti, Canada. Di grande interesse e rilievo la sua attività nella musica contemporanea con partner prestigiosi come Rohan De Saram, Stefano Scodanibbio, Mike Svoboda, Mario Caroli, Manuel Zurria, Francesco Dillon, Aldo Campagnari, Tara Bouman, Daniele Roccato, Markus Stockhausen, con il quale collabora intensamente dal 1986 anche nei repertori tradizionali.

E’ stato più volte invitato a prestigiosi festival come il Festival Pontino, Traiettorie Parma, Milano Musica, Accademia di Santa Cecilia, Fondazione Scelsi, Nuova Consonanza Roma, Rassegna Nuova Musica Macerata, Aterforum Ferrara, Ravenna Festival,  Festival Cervantino Messico, Angelica Bologna, Musica d’hoy Madrid, Acusmatiq Ancona, Ruhrtriennale,etc

Ha studiato l’opera pianistica di Giacinto Scelsi con l’autore; ha eseguito prime assolute

di Stefano Scodanibbio, Ivan Vandor, Gilberto Cappelli, Alberto Caprioli, Tonino Tesei, Fernando Mencherini, Fabrizio De Rossi Re.

Ha collaborato con Terry Riley partecipando ad esecuzioni dirette dal compositore e realizzando una versione inedita, pubblicata da Stradivarius, dei due Keyboard Studies e di Tread on the Trail (prima versione per pianoforte dell’opera).

Ha inciso opere di Scelsi, Cage, Ustvolskaja, Riley per la Stradivarius e per la Wergo.

E’ stato più volte invitato in trasmissioni a lui dedicate trasmesse da Rai Radio Tre.   

Diversi suoi concerti di sono stati registrati e trasmessi da  Radio e Televisioni nazionali italiane, tedesche e messicane.

 

PROGRAMMA

Nkeiru Okoye    (Nigeria  1972)                                        Dusk                                                                             

Halim El-Dabh  (Egitto   1921)                              Nim Nawakht

                                                     Basseet                                                                       

                                                                                                     Soufiane

Akin Euba             (Nigeria    1935)                                     Scenes for traditional life n.1                             

                                                                                                     Igbà Kinni

Gamal Abdel-Rahim  (Egitto   1924-1988)                    Variazions on an Egyptian Folksong

Bangambula Vindu   (Congo   1953)                               Lullaby                                                                         

J.H.Kwabena Nketia  (Ghana   1921)                             Volta Fantasy                                                           

Christian Onyeji (Nigeria   1967)                                      Ufie III                                                                         

Joshua  Uzoigwe (Nigeria  1946-2005)                          Ukum                                                                          

Michae Blake  (Sudafrica   1945)                        Why to put in the salt

Kevin Volans (Sudafrica 1949)                           Rhythmic etudes n.1                     

]]>
Comunicato stampa Sat, 03 Mar 2012 22:30:25 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/206336.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/206336.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA

AMICI DELLA MUSICA DI MODENA

in collaborazione con FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA

Il Cammino della “Nuova Musica”

Direzione artistica Claudio Rastelli

 

Ciclo di lezioni e concerti con crediti formativi

Come nelle passate edizioni, all’interno dei Concerti d’Inverno è presente il ciclo Il cammino della “Nuova Musica”, con lezioni, lezioni-concerto e concerti in collaborazione con la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Dedicato agli studenti universitari e al pubblico dei concerti AdM, il ciclo ospita artisti di chiara fama ed è incentrato sulla trasformazione dei linguaggi nelle musiche degli ultimi cento anni. Oltre alle due conferenze di Claudio Rastelli in apertura e in chiusura del ciclo, i tre concerti serali, le lezioni-concerto pomeridiane di questa edizione, tutti al Teatro delle Passioni, vedono come primo ospite Alfonso Alberti, pianista, con un programma che mette a confronto sette autori di diverse nazionalità e sette modi diversi di pensare la musica. E’ poi la volta di Fabrizio Ottaviucci, pianista, anch'egli abituato a percorrere strade musicali poco frequentate. Il titolo del suo concerto, “African piano”, svela un sorprendente repertorio pianistico africano del XX e XXI secolo, che combina Novecento storico europeo e linguaggio contemporaneo con le radici etniche dei compositori. Ultimo della serie è il concerto del Quartetto Prometeo, ormai una presenza assidua nelle stagioni AdM. Il loro concerto è dedicato a due capolavori che hanno in comune la ricerca sulla “musica del parlato”: il Quartetto Lettere intime di Leóš Janáček e Different Trains di Steve Reich. L’iniziativa, realizzata col sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, della Regione Emilia Romagna e del Comune di Modena è a ingresso libero.

Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso delle sedi dei concerti. Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info

 

Contenuto: 5 giornate con due lezioni, tre lezioni-concerto, tre concerti

 

Requisiti: per frequentare il ciclo Il Cammino della “Nuova Musica” non è richiesta alcuna competenza tecnico-musicale

 

Programma:

5 marzo 2012 lunedì - ore 15:30

Modena �“ Facoltà di Lettere e Filosofia-Via Università 4

Il cammino della “Nuova Musica” 1

Lezione introduttiva al Novecento Musicale

Relatore: Claudio Rastelli

 

Primo appuntamento del ciclo dedicato alla musica moderna e contemporanea: cinque giornate tra lezioni, lezioni- concerto e concerti. Condotta con l’ausilio di audiovisivi e tastiera elettronica, questa lezione introduce ai linguaggi musicali del Novecento, in particolare affronta la crisi del linguaggio musicale tradizionale e l’apertura a nuovi materiali e “soluzioni”.

 

12 marzo 2012 lunedì - ore 18 / 21:15

Modena �“ Teatro delle Passioni

Concerti d’Inverno �“ Il cammino della “Nuova Musica” 2

Lezione-concerto ore 18 / Concerto ore 21:15

"Musica, cultura e nazionalità "

ALFONSO ALBERTI �“ pianoforte

Musiche di Pesson, Pintscher, Fedele, Sugiyama, Birtwistle, Neuwirth, Ligeti

 

Diverse culture e diverse aree geografiche a confronto. Un programma raffinato, lodevolmente didattico e ben accessibile al pubblico.

 

13 marzo 2012 martedì - ore 21:15

Modena �“ Teatro delle Passioni

Concerti d’Inverno �“ Il cammino della “Nuova Musica” 3

Introduzione e concerto ore 21:15

“African Piano”

 FABRIZIO OTTAVIUCCI �“ pianoforte

Musiche di Euba, El-Dabh, Abdel-Rahim, Onyeji, Okoye, Uzoigwe, Blake, Nketia , Vindu, Volans

 

Quante persone sanno che in Nigeria esiste una tradizione pianistica fin dai primi decenni del Novecento? Questo concerto ha un “suono complessivo” sorprendente: combina Novecento storico europeo e linguaggio contemporaneo con le radici etniche africane, rendendo evidente come le influenze riescano a circolare e ad essere raccolte a qualsiasi latitudine.

 

20 marzo 2012 martedì - ore 18 / 21:15

Modena �“ Teatro delle Passioni

Concerti d’Inverno �“ Il cammino della “Nuova Musica” 4

Lezione-concerto ore 18 / Concerto ore 21:15

“Il Quartetto d’archi: strumento musicale e terreno di sperimentazione”

QUARTETTO PROMETEO

Musiche di Janáček, Reich

 

Il quartetto d’archi è l’unico organico strumentale a interessare costantemente le “avanguardie” da Haydn ai nostri giorni. La lezione-concerto, con esempi musicali dal ‘700 al 2000, segue il cammino delle innovazioni tecniche e timbriche della scrittura per quartetto, collegandole con i rispettivi ambiti culturali nei quali si presentano. Il concerto è invece dedicato a due capolavori che hanno in comune la ricerca sulla “musica del parlato”: il Quartetto Lettere intime di Leóš Janáček e Different Trains di Steve Reich.

 

26 marzo 2012 lunedì - ore 15:30

Modena �“ Facoltà di Lettere e Filosofia Via Università 4

Il cammino della “Nuova Musica” 5

La “musica contemporanea”

Relatore: Claudio Rastelli

La lezione, condotta con l’ausilio di audiovisivi e tastiera elettronica, riprende i temi affrontati nel primo incontro e porta il campo d’indagine fino ai nostri giorni.

 

I protagonisti:

Claudio Rastelli: compositore, pianista, didatta, direttore artistico degli Amici della Musica di Modena. Dal 1991 ad oggi le sue musiche (da camera, per orchestra, per il teatro) sono state eseguite in numerosi paesi europei, Stati Uniti e Giappone. Progetta e partecipa a numerose attività di divulgazione e di approfondimento per istituzioni musicali, università e scuole, tenendo incontri sulla storia e sull’ascolto della musica e lezioni-concerto.

 

Alfonso Alberti svolge un’intensa attività di pianista in Europa e negli Stati Uniti. Nato nel 1976, ha esordito nella Sala Verdi del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano a diciassette anni eseguendo il Quarto concerto di Rachmaninov con l’Orchestra della RAI. Ha pubblicato cd per case discografiche come Col legno e Stradivarius. Degno di nota è il suo impegno per la divulgazione e la promozione della musica del secolo appena trascorso, con un repertorio che spazia dalle avanguardie storiche fino ai compositori più giovani.

Dal 2005, Alfonso Alberti è socio della Società Italiana di Musicologia.

 

Fabrizio Ottaviucci ha tenuto centinaia di concerti nelle maggiori città italiane e straniere, tournée in Spagna, Austria, Inghilterra, Messico, Stati Uniti, Canada. Di particolare rilievo la sua attività nella musica contemporanea: ha collaborato con prestigiosi partner quali Rohan De Saram, Terry Riley, Stefano Scodanibbio, Mike Svoboda, Francesco Dillon, Tara Bouman, Markus Stockhausen...Ha recentemente registrato il Concerto per pianoforte e orchestra di John Cage per la casa discografica Wergo.Diversi suoi concerti sono stati registrati e trasmessi da Rai Radio 3.

 

Quartetto Prometeo: ha suonato in molte fra le più più prestigiose sale del mondo (Concertgebouw di Amsterdam, Musikverein di Vienna, Wigmore Hall, Aldeburgh Festival, Prague Spring Festival, Wexford Festival, Orlando Festival, Festival Die Lange Nacht der Elektronischen Klange 2000 di Berlino, Waterfront Hall di Belfast per la BBC, Grand Théâtre di Bordeaux, Fondation Royaumont...), ha effettuato regolarmente registrazioni per ARD, Saarländischer Rundfunk e  Bayerische Rundfunk tedesche, BBC inglese e irlandese, Radio France, ORF austriaca e per Rai RadioTre.

]]>
Comunicato stampa 4 marzo Fri, 02 Mar 2012 22:37:10 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/206205.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/206205.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA
 

AMICI DELLA MUSICA DI MODENA

 

Questa musica non la capisco!

 

Seconda lezione-concerto con audiovisivi e pianoforte a cura di Claudio Rastelli e la partecipazione di Francesco Bergamasco

 

Domenica 4 marzo al Teatro Troisi di Nonantola alle ore 17, per la rassegna Passioni per la Musica, si svolgerà il secondo dei due incontri dedicati a “spiegare la musica”. Sotto indagine la musica “colta” del Novecento e contemporanea.

Claudio Rastelli, con audiovisivi ed esempi musicali dal vivo, accompagnerà gli ascoltatori “dentro” la musica in un clima di dialogo fra artisti e ascoltatori; Francesco Bergamasco al pianoforte eseguirà alcuni brani rappresentativi degli argomenti, delle poetiche e delle tecniche affrontate.

Chiediamo al curatore delle lezioni-concerto, Claudio Rastelli, pianista, compositore e direttore artistico degli AdM di spiegarci se la grande affluenza e soddisfazione del pubblico alla prima lezione, dove le musiche di Beethoven e Schubert permettevano una facile previsione di interesse, potrà ripetersi con musiche poco note, poco presenti nella programmazione concertistica e ritenute difficili.

 “Il successo di Passioni per la Musica, questo è il titolo del ciclo annuale di questi incontri, nasce dalla curiosità e dalla fiducia che il pubblico degli AdM ha sempre dimostrato verso le occasioni di conoscenza che sono di volta in volta proposte. Curiosità e fiducia sono indispensabili per viaggiare attraverso i più disparati territori d’ascolto: quelli che crediamo di “capire”, e quelli che crediamo di “non capire. Il campionario di frasi degli ascoltatori in difficoltà è in fondo riconducibile sempre allo stesso concetto: non capire certa musica. La “colpa”, naturalmente, va divisa tra musica e ascoltatore: la prima, fin dall’inizio del XX secolo tende a non concedere più i riferimenti “sensati” del passato; il secondo cede alla frustrazione o alla diffidenza verso la novità.”

Un dialogo difficile. “Ne siamo consapevoli e su questo concentriamo molti sforzi. Lunedì prossimo, 5 Marzo, inauguriamo il terzo ciclo de Il Cammino della Nuova Musica, in collaborazione con la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Modena. Mirato agli studenti della Facoltà, ma aperto tutto il pubblico interessato, il ciclo di lezioni, lezioni-concerto e concerti, ospita artisti di chiara fama ed è incentrato sulla trasformazione dei linguaggi nelle musiche degli ultimi cento anni per comprendere la musica contemporanea nel contesto culturale del novecento.”

La Lezione-concerto di oggi, realizzata col sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, della Regione Emilia Romagna e del Comune di Nonantola è a ingresso libero.

Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso delle sedi dei concerti. Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info

]]>
Comunicato Stampa 26 Febb. Rastelli-Bergamasco Fri, 24 Feb 2012 09:14:16 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/204264.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/204264.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA
 

comunicato del 26 Febbraio 2012

 

AMICI DELLA MUSICA DI MODENA  

 

Musica, linguaggio, suono

Passioni per la Musica: Due lezioni-concerto con audiovisivi e pianoforte a cura di Claudio Rastelli con la partecipazione di Francesco Bergamasco

 

Dopo il successo dei recenti incontri “Professione Musicista” presso il circolo Mr. Muzik Off di Modena, dove il violinista Stefano Succi ed il pianista Alfonso Alberti hanno affascinato il pubblico con la illustrazione delle loro personali esperienze musicali, gli Amici della Musica di Modena presentano Domenica 26 Febbraio al Teatro Troisi di Nonantola alle ore 17, sempre nella rassegna Passioni per la Musica, il primo di due incontri dedicati a “spiegare la musica”.

Claudio Rastelli, con audiovisivi ed esempi musicali dal vivo, accompagnerà gli ascoltatori “dentro” la musica in un clima di dialogo fra artisti e ascoltatori; Francesco Bergamasco al pianoforte eseguirà alcuni brani rappresentativi degli argomenti, delle poetiche e delle tecniche affrontate.

Chiediamo al curatore delle lezioni-concerto, Claudio Rastelli, pianista, compositore e direttore artistico degli AdM di illustrarci aspetti salienti delle due lezioni.  

“Il successo di Passioni per la Musica nasce dalla curiosità e dalla fiducia che il pubblico degli AdM ha sempre dimostrato verso le occasioni di conoscenza che vengono di volta in volta proposte. Musica, linguaggio e suono possono essere utili parole-chiave per viaggiare attraverso i più disparati territori d’ascolto: quelli che crediamo di “capire”, e quelli che crediamo di “non capire”.  

Beethoven e Schubert, i compositori sotto indagine nel primo incontro, hanno certamente operato in territori che a noi ora appaiono famigliari e di cui conosciamo, almeno in parte, panorami e percorsi.  

“Dopo il successo delle lezioni sulle sinfonie beethoveniane della scorsa stagione, ripartiamo da Beethoven e allarghiamo il campo d'indagine a Schubert. La loro musica esprime una gamma incredibilmente ampia dei sentimenti e degli atteggiamenti umani. Sarà interessante entrare nell’officina di questi due compositori e provare a indagare la tecnica, i meccanismi e le strategie emotive più congeniali a due personalità così diverse”.

La seconda lezione-concerto, in calendario il 4 Marzo, presenta come sottotitolo “questa musica non la capisco”e verterà sulla musica colta del Novecento e contemporanea.

“Il campionario di frasi degli ascoltatori in difficoltà è in fondo riconducibile sempre allo stesso concetto: non capire certa musica. La “colpa”, naturalmente, va divisa tra musica e ascoltatore: la prima, fin dall’inizio del XX secolo tende a non concedere più i riferimenti “sensati” del passato; il secondo cede alla frustrazione o alla diffidenza verso la novità.”

 Un dialogo difficile. Vale sicuramente la pena parlarne!

La Lezione-concerto, realizzata col sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, della Regione Emilia Romagna e del Comune di Nonantola è a ingresso libero.

Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso delle sedi dei concerti. Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info

 

 

 

 

BREVE (RADIO)

 

Domenica 26 Febbraio al Teatro Troisi di Nonantola alle ore 17, gli Amici della Musica di Modena presentano, nella rassegna Passioni per la Musica, la prima di due Lezioni-concerto dedicate a “spiegare la musica”. Beethoven e Schubert, gli autori sotto indagine. Il secondo incontro, “questa musica non la capisco”, in calendario per il 4 Marzo, verterà sulla musica colta del Novecento e contemporanea.

Claudio Rastelli, pianista, compositore, docente, con audiovisivi ed esempi musicali dal vivo, accompagnerà gli ascoltatori “dentro” la musica; il pianista Francesco Bergamasco eseguirà alcuni brani rappresentativi degli argomenti, poetiche e tecniche affrontate.

Il concerto, realizzato col sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, della Regione Emilia Romagna e del Comune di Nonantola è a ingresso libero.

Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info

 

]]>
Comunicato stampa 19 Febbraio Fri, 17 Feb 2012 14:38:32 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/203014.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/203014.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA
 

COMUNICATO STAMPA DEL 19 Febbraio 2012.

 

Amici della Musica di Modena

DUE CONCERTI D’INVERNO ALLE PASSIONI

 

Domenica 19 Febbraio alle ore 11 e alle ore 17.30, al Teatro delle Passioni di Modena, doppio Concerto D’Inverno. Il primo, alle ore 11, è un concerto dei giovanissimi musicisti dell’Icarus Junior, un Ensemble di ragazzi che da anni studiano e suonano insieme “musica contemporanea”, ma che presentano in questa occasione solo musiche dal Medioevo al Barocco, trascritte però da importanti compositori italiani contemporanei. Il secondo, al pomeriggio, è un concerto in cui due prestigiosi e originali pianisti, Andrea Corazziari e Antoine Didry-Demarle, su due pianoforti, uno "normale", l'altro "preparato" alternano brani di John Cage e di Domenico Scarlatti, un "dialogo fra opposti" capace di riservare piacevoli sorprese.

Icarus Junior è il progetto giovani legato all’Icarus Ensemble di Reggio Emilia. Formato da giovanissimi di età compresa fra i 9 e i 14 anni con il supporto di ragazzi con esperienze musicali già collaudate, esordisce nella primavera 2007, all’interno dell’Officina delle Arti di Reggio Emilia, e si arricchisce poi rapidamente di importanti esperienze nazionali ed internazionali. Icarus Junior gode del patrocinio dei Teatri di Reggio Emilia (Icarus ne è l’ensemble in residenza), della Regione Emilia Romagna, della Provincia e del Comune di Reggio Emilia, del Progetto Sonora del Ministero degli Affari Esteri. La versatilità dell’Ensemble è dimostrata dalla varietà delle proposte che vanno da Mozart alla multimedialità di alcuni tra i migliori compositori contemporanei che hanno creato appositamente per lui, dalla rivisitazione di un classico del rock progressivo ormai storicizzato ai nuovi progetti che riguardano la musica percussiva (con tangenze con la musica etnica) e alla sacralità nel medioevo. Ecco quindi, nel concerto di domenica prossima, musiche di Perotinus, Machaut, Ockeghem, Desprez, Palestrina, Gesualdo, Schutz, Bach, trascritte da Guarnieri, Viel, Colasanti, Antignani, Nenna, Chessa, Bo.

Anche il duo MÉTAMORPHOSES, fondato nel 2007 a Parigi dai pianisti Andrea Corazziari e Antoine Didry-Demarle, privilegia i progetti di dialogo tra il repertorio “classico” e “contemporaneo”: un modo di concepire l’arte come un’entità a-temporale, creando ponti tra epoche e corrispondenze di diverso stile e proponendo al pubblico modi diversi di vedere, ascoltare, sentire e comprendere i percorsi musicali attraverso un forte legame tra suono e gestualità. Il duo è così “4 mani”, “due pianoforti” ma anche “dialogo di due pianisti”. Il duo ha accordato un grande interesse alla musica statunitense (Cage, Reich, Crumb, Adams) in parallelo con la produzione europea (Ligeti, Sollima, Razzi, etc.).

Il progetto Cage-Scarlatti, oggetto del concerto di domenica è un dialogo tra le "Sonatas & Interludes" di Cage e le Sonate di Scarlatti per far risuonare le affinità attraverso il contrasto: un vero caleidoscopio sonoro, creato dalle idee e dal talento di due pianisti di livello internazionale. Il concerto è stato eseguito con successo a Ginevra (Victoria Hall), Parigi, Imola e per “La Via Lattea 8” nella Svizzera Italiana.

Come per tutti i concerti della rassegna, l’ingresso è libero e gratuito fino all’esaurimento dei posti (120).

Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso della sala.

Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info

 

 

BREVE (RADIO)

 

Domenica 19 Febbraio alle ore 11 e alle ore 17.30, al Teatro delle Passioni di Modena, doppio Concerto D’Inverno. Il primo, alle ore 11, è un concerto dei giovanissimi musicisti dell’Icarus Junior, un Ensemble di ragazzi che da anni studiano e suonano insieme “musica contemporanea”, ma che presentano in questa occasione solo musiche dal Medioevo al Barocco, trascritte però da importanti compositori italiani contemporanei. Il secondo, al pomeriggio, è un concerto in cui due prestigiosi e originali pianisti, Andrea Corazziari e Antoine Didry-Demarle, su due pianoforti, uno "normale", l'altro "preparato" alternano brani di John Cage e di Domenico Scarlatti, un "dialogo fra opposti" capace di riservare piacevoli sorprese.

Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info

 

 

 

 

 

PROGRAMMI

 

ORE 11

 

Adriano Guarnieri (1947) Organum (da Sederunt Principes di Perotinus)

Massimiliano Viel (1964) Virtus sapientae (da Hildegard Von Bingen)

Icarus Kyrie (dalla Messa di Notre Dame di Machaut)

Silvia Colasanti (1975) Del tempo che verrà la nostalgia. Omaggio a Josquin Desprez.

Luca Antignani (1976) Contrafactum (melodia anonima, appartenente alla tradizione Sefardi', databile intorno al 1500)

Gaetano Nenna (1974) Sicut Ovis dai Responsori per il Sabato Santo (Tenebrae Responsoria) di Gesualdo da Venosa

Luciano Chessa (1971) Le sette Parole senza parole (da Heinrich Schutz )

Sonia Bo (1960) Cantate (da Johann Sebastian Bach)

 

 

 

ORE 17:30

CAGE/SCARLATTI

L’armonia degli opposti

Dialogo per pianoforte e pianoforte preparato

John Cage Domenico Scarlatti

 

Sonatas and Interludes for prepared piano(1946-48)

Sonate per tastiera (1738-1757)

 

 

]]>
Comunicato stampa Jan Hugo a Carpi Sun, 12 Feb 2012 22:51:35 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/201223.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/201223.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA
COMUNICATO STAMPA DEL 14 Febbraio 2012.
 
Amici della Musica di Modena
SAN VALENTINO A CARPI : AL PIANOFORTE JAN HUGO
 
Martedì 14 Febbraio alle ore 21.15 alla Sala delle Vedute ( Palazzo dei Musei-Castello dei Pico) nell’ambito della rassegna Note di Passaggio degli Amici della Musica di Modena, con il patrocinio della Città di Carpi e con il contributo della Regione Emilia Romagna e della Fondazione della Cassa di Risparmio di Modena, si terrà il Concerto di San Valentino.
Al pianoforte, strumento privilegiato dal romanticismo musicale, il giovane Jan Hugo propone brani di Bach, Mozart, Beethoven, Schumann e Liszt in un programma in cui musiche e biografie si intrecciano sul tema dell’amore, tra capolavori della letteratura pianistica e interessanti e divertenti contestualizzazioni. Ecco quindi di Bach la Toccata in sol minore BWV915, di Schumann Novelletta Op.21 n°8, di Mozart la Sonata in Re maggiore K576, di Liszt Harmonies du Soir ed infine, “opera di ineguagliabile espressione e trascendenza, trionfo dell’ordine sul caos, dell’ottimismo sull’angoscia”,  la Sonata n°32 in do minore, Op.111 di Beethoven. E poi, ci auguriamo, tanti romantici “bis”!
Jan Hugo, nato in Sud Africa nel 1991 dove inizia gli studi musicali, invitato nel 2004 a studiare in Italia all’Istituto Superiore di Studi Musicali Vecchi-Tonelli, ottiene la Laurea di primo livello, con lode e menzione d’onore, nel 2010. Dal 2006 frequenta l’Accademia Pianistica Internazionale di Imola dove attualmente si perfeziona sotto la guida di Boris Petrushansky. Vincitore di diversi premi, ha tenuto concerti in Italia e Sud Africa.
Come per tutti i concerti della rassegna, l’ingresso è libero e gratuito fino all’esaurimento dei posti (99).
Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso della sala.
Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info
 
 
BREVE (RADIO)
 
Martedì 14 Febbraio alle ore 21.15 alla Sala delle Vedute ( Palazzo dei Musei-Castello dei Pico) nell’ambito della rassegna Note di Passaggio degli Amici della Musica di Modena, con il patrocinio della Città di Carpi e con il contributo della Regione Emilia Romagna e della Fondazione della Cassa di Risparmio di Modena, si terrà il Concerto di San Valentino.
Al pianoforte, il giovane Jan Hugo propone un programma in cui musiche e biografie si intrecciano sul tema dell’amore, tra capolavori della letteratura pianistica e interessanti e divertenti contestualizzazioni. Ecco quindi di Bach la Toccata in sol minore BWV915, di Schumann Novelletta Op.21 n°8, di Mozart la Sonata in Re maggiore K576, di Liszt Harmonies du Soir ed infine la Sonata n°32 in do minore, Op.111 di Beethoven.
Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info

]]>
Comunicato stampa Jan Hugo a Carpi Sun, 12 Feb 2012 18:58:31 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/201206.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/201206.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA
COMUNICATO STAMPA DEL 14 Febbraio 2012.
 
Amici della Musica di Modena
SAN VALENTINO A CARPI : AL PIANOFORTE JAN HUGO
 
Martedì 14 Febbraio alle ore 21.15 alla Sala delle Vedute ( Palazzo dei Musei-Castello dei Pico) nell’ambito della rassegna Note di Passaggio degli Amici della Musica di Modena, con il patrocinio della Città di Carpi e con il contributo della Regione Emilia Romagna e della Fondazione della Cassa di Risparmio di Modena, si terrà il Concerto di San Valentino.
Al pianoforte, strumento privilegiato dal romanticismo musicale, il giovane Jan Hugo propone brani di Bach, Mozart, Beethoven, Schumann e Liszt in un programma in cui musiche e biografie si intrecciano sul tema dell’amore, tra capolavori della letteratura pianistica e interessanti e divertenti contestualizzazioni. Ecco quindi di Bach la Toccata in sol minore BWV915, di Schumann Novelletta Op.21 n°8, di Mozart la Sonata in Re maggiore K576, di Liszt Harmonies du Soir ed infine, “opera di ineguagliabile espressione e trascendenza, trionfo dell’ordine sul caos, dell’ottimismo sull’angoscia”,  la Sonata n°32 in do minore, Op.111 di Beethoven. E poi, ci auguriamo, tanti romantici “bis”!
Jan Hugo, nato in Sud Africa nel 1991 dove inizia gli studi musicali, invitato nel 2004 a studiare in Italia all’Istituto Superiore di Studi Musicali Vecchi-Tonelli, ottiene la Laurea di primo livello, con lode e menzione d’onore, nel 2010. Dal 2006 frequenta l’Accademia Pianistica Internazionale di Imola dove attualmente si perfeziona sotto la guida di Boris Petrushansky. Vincitore di diversi premi, ha tenuto concerti in Italia e Sud Africa.
Come per tutti i concerti della rassegna, l’ingresso è libero e gratuito fino all’esaurimento dei posti (99).
Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso della sala.
Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info
 
 
BREVE (RADIO)
 
Martedì 14 Febbraio alle ore 21.15 alla Sala delle Vedute ( Palazzo dei Musei-Castello dei Pico) nell’ambito della rassegna Note di Passaggio degli Amici della Musica di Modena, con il patrocinio della Città di Carpi e con il contributo della Regione Emilia Romagna e della Fondazione della Cassa di Risparmio di Modena, si terrà il Concerto di San Valentino.
Al pianoforte, il giovane Jan Hugo propone un programma in cui musiche e biografie si intrecciano sul tema dell’amore, tra capolavori della letteratura pianistica e interessanti e divertenti contestualizzazioni. Ecco quindi di Bach la Toccata in sol minore BWV915, di Schumann Novelletta Op.21 n°8, di Mozart la Sonata in Re maggiore K576, di Liszt Harmonies du Soir ed infine la Sonata n°32 in do minore, Op.111 di Beethoven.
Segreteria: tel 3296336877- mail@amicidellamusica.info www.amicidellamusica.info

]]>
rinviato concerto AdM 12 febbraio Thu, 09 Feb 2012 21:35:42 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/200857.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/200857.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA
Cari Amici,

il Comune di Spilamberto, su consiglio della Protezione Civile, ha deciso di rinviare il concerto di domenica 12 febbraio (Quartetto di Roma). Il concerto sarà recuperato in data da destinarsi.
Il prossimo concerto AdM sarà martedi 14 febbraio a Carpi (Concerto di S. Valentino, ore 21.15 Sala delle Vedute, Jan Hugo, pianoforte, musiche di Bach, Mozart, Beethoven, Schumann).
A martedi!

Claudio Rastelli
direzione artistica
Amici della Musica di Modena

]]>
Rinviato AdM 5 febbraio Sat, 04 Feb 2012 10:31:02 +0100 http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/199687.html http://zend.comunicati.net/comunicati/arte/musica/classica/199687.html AMICIdellaMUSICA MODENA AMICIdellaMUSICA MODENA
A causa delle condizioni meteo di questi giorni il concerto di domenica 5 febbraio (Basilica di San Cesario) è stato rinviato a data da destinarsi.
La difficoltà negli spostamenti e la temperatura prevista in Basilica nei prossimi giorni ha portato l'Amministrazione di San Cesario e il Direttivo AdM a prendere questa decisione.
Arrivederci al prossimo concerto (Spilamberto, 12 febbraio, Quartetto di Roma).

Claudio Rastelli
direzione artistica
Amici della Musica di Modena

]]>